12.3 C
Rome
lunedì 25 Gennaio 2021
12.3 C
Rome
lunedì 25 Gennaio 2021
Home mondi Cile, ma perché la rivolta

Cile, ma perché la rivolta

Cile. Quando scoppia una rivolta di massa tutti sono costretti a chiedersi perché. Alcuni elementi possono spiegare l’insurrezione cilena

di Marco Bersani

DISUGUAGLIANZA

Secondo la Commissione economica per l’America Latina e i Caraibi (Cepal), il 50% della popolazione cilena possiede il 2,1% della ricchezza nazionale, mentre l’1% più ricco del Paese ne concentra su di sè il 26,5%.

Secondo la classifica della Banca mondiale basata sull’indice Palma – l’indicatore che misura il divario nei redditi tra il 10% più ricco e il 40% più povero della popolazione – il Cile è il secondo stato più diseguale al mondo, preceduto soltanto dal Qatar.

Secondo l’Ocse, il Cile è ultimo tra i paesi membri per l’impatto delle misure pubbliche (imposte, sussidi, detrazioni fiscali, incentivi etc) sulle disuguaglianze

ISTRUZIONE: privata – SANITA’: privata – PREVIDENZA: privata – ACQUA, ENERGIA ELETTRICA, TRASPORTI: privatI – WELFARE: privato

MULTINAZIONALIstraniere, private e dominanti nei settori industriali (energia, rame, legno, salmone); straniere, private e dominanti nella distribuzione e commercio

AFFOGATI NEI DEBITI: con un sistema totalmente privatizzato dai Chicago Boys liberisti arrivati al seguito dei carri armati di Pinochet, le persone per garantirsi diritti fondamentali come istruzione, salute e previdenza si indebitano. Le cifre sono allarmanti: secondo uno studio del 2016 circa 700mila studenti si sono indebitati col CAE (Credito con Aval del Estado), e contando altri programmi di finanziamento simili si sfonda il milione di giovani indebitati. Per un paese di 17,6 milioni di abitanti, di cui 2,8 milioni di età 20-29 anni è un dato pesantissimo. Negli ultimi 5 anni la cifra degli interessanti è triplicata. Del totale dei cileni che non riescono a far fronte ad un debito e risultano morosi (corrispondenti a 3,9 milioni) il 22% sono ragazzi di 18-29 anni.

Ora ho capito la rivolta, ma…

perchè bruciano il palazzo dell’Enel? La multinazionale Enel gestisce acqua e energia con progetti devastanti di dighe nei territori mapuche e in tutto il Sud e lucra da posizioni di monopolio sull’energia elettrica che rifornisce agli abitanti

perchè bruciano i supermercati? I supermercati presi d’assalto sono di Walmart, Smu e Cencosud, tre catene oligopolistiche, protagoniste di scandali su beni di prima necessità come pollo, fazzoletti, carta igienica e medicinali, per i quali si erano accordate per tenere i prezzi alti, con un sistema per controllare e rispettare questi accordi, usando dipendenti appositamente incaricati a ditte esterne contrattate allo scopo. Grazie all’assenza di qualsivoglia legge in difesa dei consumatori, se la sono cavata con una multa irrisoria a fronte di profitti miliardari

perchè si scontrano con la polizia e l’esercito? In Cile la costituzione è ancora quella di Pinochet e le forze dell’ordine hanno un ruolo strutturalmente repressivo (ne sanno qualcosa i mapuche, considerati dalla Costituzione pinochettista terroristi in quanto tali). Al punto che, dopo lo scoppio della rivolta, è stato subito dichiarato lo stato d’emergenza e sono tornati (prima volta dopo il ’73) i militari per le strade

perchè non votano la sinistra? L’hanno votata nel 2005 (governo Bachelet 2005-2009) e l’hanno votata nel 2013 (governo Bachelet 2013-2017). Servono altre spiegazioni?

un abbraccio y que viva Chile desperto!

 

ascolta anche lo speciale di radiosonar

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Marasma, il serial killer nei manicomi

Bambini e le donne segregate ingiustamente nei manicomi prima della legge 180. Un documentario e un seminario su Zoom

Regolamento di conti al Campidoglio: Raggi fa fuori il suo vice

Roma, la sindaca Raggi dimissiona Luca Bergamo, assessore alla Cultura. L'Arci: «Si sancisce il più tetro inverno della progettazione culturale»

NoTav, la protesta di Dana alle Vallette, 32 condanne al maxiprocesso

Dana Lauriola, portavoce No Tav in sciopero della fame a oltranza con altre due detenute per rivendicare i diritti negati nel carcere delle Vallette

Di cosa è davvero fatta la democrazia più grande del mondo

Usa, fascismo, cortine fumogene e alternative. I fatti del 6 gennaio a Washington funzionano come rivelatore [Daniel Tanuro] 

L’altra faccia della crescita cinese

Cina. 503 scioperi in sei mesi. I lavoratori non si compiacciono che vengano compressi i loro salari [Francisco Louçã]