2 C
Rome
venerdì 2 Dicembre 2022
2 C
Rome
venerdì 2 Dicembre 2022
FILLEA CGIL: una storia lunga 136 anni, vai alla landing page
Homecronache socialiRoma, 12mila firme per internalizzare gli operatori Oepa

Roma, 12mila firme per internalizzare gli operatori Oepa

Le lotte dei 3mila Operatori Educativi (Oepa), che assistono i bambini nel sostegno scolastico, e dei lavoratori Farmacap, Multiservizi, Zetema e Ama

Hanno raggiunto piazza del Campidoglio per chiedere alla sindaca di Roma Virginia Raggi la proroga, fino al termine dell’anno scolastico in corso, quindi fino a giugno 2020, del contratto dei lavoratori del servizio Global di Multiservizi. Si tratta degli operatori impiegati dalla società partecipata al 51 per cento da Ama nella pulizia dei nidi, nella sorveglianza e pulizia delle scuole materne, nel trasporto scolastico e nella refezione scolastica, e che rischiano il licenziamento collettivo. L’azienda ha convocato le organizzazioni sindacali per informarle della procedura di mobilità. Il presidio, alla vigilia dello sciopero delle partecipate, indetto dai sindacati di base ha riguardato i circa 3 mila operatori Oepa, ex Aec, ovvero coloro che forniscono assistenza ai bambini che hanno bisogno di sostegno nelle scuole, e che da mesi chiedono al Campidoglio la calendarizzazione di una proposta di delibera di iniziativa popolare che normerebbe il settore e che è stata protocolla presso gli uffici capitolini corredata da 12mila firme. Alla protesta hanno poi aderito anche i lavoratori di Multiservizi, quelli di Zetema e di Ama, nonchè quelli di Farmacap. Per quanto riguarda Multiservizi «oltre alla proroga chiediamo l’erogazione degli stipendi pieni e la tredicesima a Natale», ha spiegato Serenetta Monti, sindacalista dell’Usi, in riferimento ai problemi di questi mesi con l’erogazione dei compensi. Monti ha spiegato di essere «qui per contraddire quello che dice Raggi, cioè che i servizi saranno garantiti e i lavoratori tutelati. Il Consiglio di Stato ha bloccato la possibilità di affidamento diretto e a febbraio si pronuncerà sulla possibilità per Multiservizi di partecipare alla gara a doppio oggetto. Questo significa che se si licenziano i lavoratori dal 31 dicembre in poi si ferma tutto». Sul fronte degli operatori ex Aec, invece, «abbiamo chiesto un incontro con il gabinetto del sindaco perché il tempo passa – ha aggiunto la sindacalista -. A dicembre scade il termine e la delibera da noi proposta ancora non è stata calendarizzata».

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Cina, sfidando il Pcc al canto dell’Internazionale

Cresce la rabbia contro il lockdown in Cina. Slogan contro il Pcc e Xi Jinping. La prima volta dal 1989 [François Bougon]

I cani non potranno fucilare le stelle

Cosa direbbero i Cervi di questa Italia segnata ancora dalla  disuguaglianza? Resoconto poetico di un convegno [Chiara Nencioni]

Stradario aggiornato di tutti i fasci

In un portale, mappatura e ricontestualizzazione di strade e edifici del Ventennio. La memoria di un passato che non passa [Chiara Nencioni]

Chi sono i foreign fighters nella guerra russo-ucraina

Come arrivano i volontari stranieri dell'estrema destra per combattere in Ucraina. Un nuovo rapporto di Antifascist Europe

Piacenza capitale dei vignaioli indipendenti

Da sabato 26 a lunedì 28 novembre a Piacenza Expo tornano i vignaioli indipendenti: 850 produttori presentano i loro vini migliori.