21.8 C
Rome
lunedì 15 Aprile 2024
21.8 C
Rome
lunedì 15 Aprile 2024
HomemondiImpeachment per Trump, più boomerang che bingo

Impeachment per Trump, più boomerang che bingo

Al via al Senato il processo d’Impeachment per Trump, più boomerang che bingo per i Democratici

Non c’è due senza tre, dice il proverbio. L’adagio casca a cecio per il processo d’impeachment a Trump iniziato oggi al Senato. È la terza volta che un presidente degli Stati Uniti viene messo sotto accusa al Congresso per gravi reati che prevedono, in alcuni casi, l’allontanamento dalla carica. La prima volta toccò a Andrew Johnson, nel 1868. Succeduto all’assassinato Lincoln quale vicepresidente, il più sudista dei congressmen Usa nordisti scampò dall’accusa di tradimento per un solo voto. La seconda volta fu quella di Clinton, nel 1998, sotto botta per i suoi rapporti (orali) con Monica Lewinsky. Anche il bel Bill se la cavò senza gran danno, anche se i seggi racimolati dai Democratici alla Camera furono una miseria rispetto a quelli attesi e l’allora portavoce dei Democratici, Newt Gingrich, ci rimise il suo.

Sarà per questo che l’attuale speaker democratica, Nancy Pelosi, ha fatto le umane e divine cose per non chiedere lo stato d’accusa per Trump. Prima di Clinton il repubblicano Nixon preferì dimettersi quando l’esito dello scandalo Watergate apparve scontato, evitando così l’impeachment. È dall’inizio del mandato di Trump che i Democratici tentano di rovesciare il piatto servito dalle urne. Finora, nessuno dei quattro tentativi d’impeachment di Donald, tra cui il Russiagate, è andato a buon fine. Stavolta alla Camera hanno avuto i numeri per la messa in stato d’accusa, per la controversa telefonata del presidente al suo omologo di Kiev, con il blocco della fornitura d’armi in cambio di qualche scheletro nell’armadio del balbuziente Joe Biden, il vice Obama capintesta dei Democratici alle prossime primarie.

Ma, più dei precedenti, l’affaire ucraino corre il rischio di rivelarsi un boomerang anziché un bingo, perché non c’è alcuna possibilità che i due terzi d’un Senato in mano repubblicana votino contro il suo presidente. Anzi dalla parte avversa, tra le file dell’Asinello, qualcuno scalcia e si defila. Un buco nell’acqua annunciato ma tant’è. Trump è il terzo presidente Usa a subire lo stato d’accusa e rischiare un processo per tradimento, il primo non massone nel Gop repubblicano. Un primato. Ma passerà indenne dalle forche caudine democratiche, al termine d’un processo che si prefigura lampo, con sole 24 ore per i testi d’accusa e di difesa, e comunque finirà ai primi di febbraio. In tempo per il discorso all’Unione d’un presidente più forte che pria. Per questo alcuni, nelle fiere democratiche, s’allenano ai tirassegno sulla sagoma al presidente. Un Oswald disposto a sparacchiargli si può sempre trovare.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Il Carro del principe, un viaggio durato 27 secoli

Inaugurata nel museo di Fara Sabina la sala del carro di Eretum. Dalla Sabina alla Danimarca e ritorno

Fotografare per immaginare

Marchionni e Scattolini, itinerari del reportage poetico al museo Ghergo di Montefano

Il malgusto ai tempi del consumo

Food porn, oltre la satira del cibo spazzatura: Andrea Martella torna in scena con Hangar Duchamp

Perché Israele uccide i giornalisti

Intervista a Haggaï Matar, direttore dei media israelo-palestinesi autori di un'inchiesta shock sull'uso dell'intelligenza artificiale per uccidere civili a Gaza Rachida El Azzouzi]

Il marchese del Grillo in salsa mediorientale

Eccidio di cooperanti a Gaza e bombe su Damasco, Netanyahu cerca di allargare il conflitto fidando nello strabismo degli alleati