Francia, la gauche è con chi sciopera ma ancora non basta

Francia, la gauche è con chi sciopera ma ancora non basta

Francia, l’introvabile sbocco politico a sinistra per i grevistes contro la “riforma” macronista delle pensioni

di Pauline Graulle/Mediapart

Gli oppositori della riforma si aspettano che la sinistra “partigiana” offra una via d’uscita dalla crisi attuale. Ma in un panorama politico frammentato e male incarnato è difficile immaginare l’alternativa.

Abdel, uno strumento musicale sulla schiena, indica la folla serpentina con un’onda del suo braccio: «Se cerchi la sinistra, è inutile andare alle feste. È lì, proprio sotto il tuo naso!». Questo giovedì 16 gennaio, “la gauche” avanza sotto il sole, boulevard du Montparnasse. Insegnanti, personale ospedaliero, avvocati in pensione, artisti, ferrovieri, ferrovieri e proletari, ex elettori di Mélenchon, Hamon, persino Macron, sindacalizzati o no… Tutti insieme, gioiosi e uniti, contro la riforma delle pensioni del governo.

Resta il fatto che in questa sesta settimana di manifestazioni, la mobilitazione sta segnando il passo. E nelle teste, gira in tondo: chi si occuperà della politica? Chi incarna l’opposizione a Macron? Come sfuggire a un brutto remake del 2017 ed evitare, nel 2022, di dover scegliere tra il liberalismo macronista e l’estrema destra? Se i manifestanti sono d’accordo sul fatto che la battaglia per le pensioni è un punto di svolta nel quinquennio, o anche nella storia politica contemporanea, difficilmente possono immaginare quali saranno le conseguenze del movimento sul campo politico…

«Fin dall’inizio del movimento, tutte queste domande sorgono spesso quando sei in AG (assemblea generale) con i tuoi amici», dice Guillaume, un giovane operaio delle fogne della città di Parigi. Per chi ha il cuore che batte all’estrema sinistra, la lotta in corso ha permesso di prendere coscienza «che siamo arrivati a un punto di rottura con il capitalismo». Ma per il momento non c’è molto all’orizzonte. «Nel mio settore siamo disillusi: vogliamo cambiare il sistema e, allo stesso tempo, abbiamo l’impressione che il dado sia stato tratto… Diciamo addirittura che lasceremo che la FN arrivi al Palazzo dell’Eliseo, in modo che tutti siano costretti a ribaltare il tavolo».

Non tutti nel corteo hanno già raggiunto la politica del tanto peggio. Anche se Muriel, 56 anni, intermittente dello spettacolo, ammette di non essere sicura di votare, una seconda volta, Macron in caso di un duello con Le Pen nel 2022. «Chi ha messo una scheda “Mélenchon” nelle urne il 23 aprile 2017 è ora “smarrito”. L’opzione Mélenchon sembra cotta – dice a malincuore. Vedo solo l’unità che potrebbe farci uscire di qui, ma nel profondo, non lo sento, è molto strano». Un’altra ragione del suo malumore è che i suoi due figli, trentenni, non votano. «Dicono che la politica è marcia. Anche io, che sono di sinistra e credo nella democrazia, comincio a pensare che nessuno mi rappresenti».

Un anno dopo la mobilitazione dei gilet gialli, la mobilitazione più lunga dal maggio del 68 potrebbe non trovare ancora una volta uno sbocco politico? «Non si può escludere questa possibilità. Abbiamo la sensazione che la sinistra sia scomparsa dal paesaggio – dice il politologo Rémi Lefebvre, docente di Scienze Politiche a Lille – come se non ci fosse un piano B, come se non ci fosse nessuno a pensare ad altro».

Mentre la Spagna ha appena insediato un governo di sinistra, su questo lato dei Pirenei nulla sembra preannunciare un tale scenario. Una specificità francese? «Il problema dell’alternativa al neoliberismo sta emergendo in tutto il mondo – dice Christophe Ventura, ricercatore dell’Istituto di Relazioni Internazionali e Strategiche, specializzato nello studio dei movimenti sociali – c’è sempre più radicalità nella contestazione. Ma, allo stesso tempo, la gente si trova sempre più spesso a confrontarsi con la politica istituzionale a livello globale. E inoltre, possono vedere che la sinistra non è in grado di proporre un progetto complessivo alternativo».

Contrariamente alla mobilitazione dei gilet gialli, la cui eterogeneità aveva un po’ spaventato i pretoriani politici, questa volta, però, tutta la sinistra radicale non ha lesinato sforzi per cercare di lasciare il segno nella mobilitazione.

Dal 5 dicembre, tutti i leader politici, dall’Npa, il Nuovo partito anticapitalista, al PS (socialista), dichiarano alle tv e al mattino alla radio dicendo tutte le cose cattive che pensano della pensione a punti. Jean-Luc Mélenchon e i suoi colleghi Insoumis all’Assemblea nazionale non possono più contare le volte che hanno dovuto alzarsi all’alba per andare ai picchetti. Quanto al capo dei comunisti, Fabien Roussel, è al lavoro per organizzare iniziative in tutta la Francia…

Anche il socialista Olivier Faure si abbandona a un certo radicalismo. Come se volesse dire che la quarantena post-Hollande è durata troppo a lungo, ecco che arriva il primo segretario del PS in tutte le manifestazioni. Una dopo l’altra, ha continuato a parlare di violenza della polizia o di questa riforma che andrà a beneficio delle grandi imprese. E anche citando Lenin su Twitter – “Quando c’è una volontà, c’è un modo”.

Fiacco, l’intensità mediatica non ha, a quanto pare, avuto l’effetto desiderato sui simpatizzanti che ora attraversano le strade di Parigi: «La sinistra ha impiegato molto tempo a posizionarsi, e francamente lo sentiamo troppo poco – dice Yannick, un autista della metropolitana – come possiamo renderla più udibile? Se si unisse e parlasse con una sola voce, e se proponesse altre opzioni, questo cambierebbe tutto», crede.

Ma da questo lato, le cose sembrano muoversi lentamente al momento. Mentre Jean-Luc Mélenchon può iniziare a considerare le coalizioni per le elezioni regionali del 2021, per il momento La France Insoumise sta congelando le prospettive di unità per motivi tattici.

Lo stesso vale per gli ambientalisti che pensano solo a distinguersi in vista delle elezioni comunali del prossimo marzo. Da qui questo complicato spazio-tempo: «Sarà necessario che le elezioni comunali siano passate per sbloccare l’unità – analizza il politologo Frédéric Sawicki, professore di scienze politiche alla Sorbona – vedremo poi che le alleanze fatte tra la sinistra e gli ecologisti daranno buoni risultati in alcune città, sarà un trampolino di lancio per il futuro».

Christophe Ventura è più pessimista: «Ci sono tali fratture interne all’interno della sinistra, e nelle parti stesse, che il processo di ricomposizione è molto lento. Quanto all’ecologia politica, pur ritenendola il crogiolo di qualcosa, non ha raggiunto la maturità necessaria per imporsi come alternativa».

Nel frattempo, l’intera questione è come la sinistra possa riuscire a galvanizzare il movimento sociale. Per Léa, 20 anni, infermiera psichiatrica a Sainte-Anne, «più che un’unione di partiti, la gente ha bisogno di una figura a cui aggrapparsi e non la si può trovare. Posizionata davanti alla Closerie des Lilas, la giovane donna spiega che rivoterà volentieri per Jean-Luc Mélenchon nel 2022. «Ma i miei colleghi non vogliono più sentirne parlare. Le perquisizioni lo hanno ucciso».

Il leader de La France Insoumise: nelle file dei riformatori anti-pensioni, è l’unico ad essere spontaneamente citato come la figura dell’avversario “progressista” di Macron. Ma un avversario logoro e danneggiato. Che ha perso in legittimità e che tra i manifestanti interrogati oggi sono in pochi a giudicare ancora presentabile.

«Ho incontrato Mathilde Panot, e le ho detto: ‘Non mettere Mélenchon nel 2022, o è morto! Ha sorriso, era un po’ imbarazzata», dice Audrey, insegnante di inglese a Neuilly-sur-Marne. Non è l’opinione di Yann, un insegnante di letteratura, che si avvicina a mettere il suo grano di sale: «Per default, non può che essere Mélenchon a incarnare il seguito politico. Anche se non è perfetto, è un intellettuale e il suo programma è davvero di sinistra».

In ogni caso, pensando alle elezioni presidenziali del 2022, Audrey e Yannick «si sentono male». L’insegnante ha votato Europe Écologie-Les Verts alle europee «rifiutandosi di votare Mélenchon», ma dice che oggi si morde le dita, «perché Yannick Jadot è troppo a destra». Ha detto che ci dovrebbe essere una coalizione, ma si spingerebbe fino al Partito Socialista? «Non lo so – risponde – in ogni caso, le forze di sinistra devono far emergere un nuovo candidato, un po’ come Macron che è sbucato dal nulla nel 2017». Trent’anni dopo la caduta del muro, tutti i punti di riferimento sono esplosi, la sinistra non riesce a pensare a un’alternativa. «Io, ho 40 anni, appartengo a una generazione con pochissima politica. Oggi, tutti pagano il prezzo di questa mancanza di politicizzazione», aggiunge Yannick.

Davanti alla stazione della metropolitana Port-Royal, due donne pensionate risolvono il problema senza crederci veramente. C’è Zela, un’ex direttrice finanziaria, che sta godendo di una buona pensione ma è venuta a dimostrare «per i giovani». E Simona, un ex dirigente di banca che era iscritta al Partito comunista. Tra i media che vogliono imporre un secondo turno Le Pen/Macron e la sinistra, da cui non si aspettano molto dopo «il tradimento di François Hollande», anche loro dicono di essere «disilluse». «Sì, questa è la parola giusta», dice Zela.

François Ruffin, Adrien Quatennens, «gli ecologisti di cui non ci fidiamo veramente»… Le due amiche, che si conoscono da sessant’anni, cancellano i nomi, passano in rassegna quelli che potrebbero portare speranza. Dietro gli occhiali, Zela vorrebbe che la politica si riducesse a programmi e che non ci fosse una campagna elettorale «perché è tutta una questione di comunicazione». Simona, da parte sua, ricorda l’agenda comune, già disprezzata da Mitterrand. La vera sinistra l’ha mai vista vittoriosa? «Nel maggio del ’68 – dice – i miei amici hanno detto ‘elezioni, stupida trappola’. All’epoca, questo mi infastidiva. Oggi ci penso».

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.