mercoledì 8 Luglio 2020

Come si risolve un problema come la violenza di destra?

Come si risolve un problema come la violenza di destra?

Il mio aggressore può andare in prigione, ma cosa si otterrà? Dobbiamo cercare altrove una risposta alla crescente minaccia fascista

di Owen Jones/The Guardian

Come si risolve un problema come la violenza di destra? Questo è quello che pensavo venerdì scorso, mentre ero seduto in un’aula di tribunale nell’East London numero 3 e guardavo James Healy, il bullo quarantenne che mi ha aggredito lo scorso agosto.
Quella sera avevo festeggiato il mio compleanno in un pub e avevo lasciato il locale in compagnia di altre cinque persone. Il filmato della telecamera di sicurezza mostra come, mentre ci salutavamo felicemente, Healy ci è piombato addosso. Con le mani in tasca e senza preavviso mi ha dato un colpo di karate, mi ha buttato a terra e ha iniziato a darmi calci e pugni selvaggiamente. Un’azione che la corte ha chiamato “assalto impazzito”.
Ne è seguita una mischia, quando il nostro assalitore è stato raggiunto da due amici, che in seguito si sono dichiarati colpevoli. I miei compagni hanno aiutato a prevenire un incidente ben peggiore, tre di loro hanno preso colpi alla testa nella colluttazione.
Healy si era già dichiarato colpevole di rissa e aggressione; la sua difesa era che il suo attacco di rabbia era stato provocato da una pinta di birra rovesciata in precedenza. In realtà, lui o un suo amico, poco prima dell’aggressione, si era mascherato da mio ammiratore, controllando che non stesse per aggredire un altro sconosciuto che assomigliava a Macaulay Culkin. La casa di Healy era piena di cimeli dell’estrema destra: insegne di Combat18 (uno dei suoi obiettivi dichiarati è quello di “giustiziare tutti i froci”), i loghi del White Power e le teste morte naziste e una bandiera delle SS adornata con il timbro dei cacciatori di teste del Chelsea, un famigerato gruppo di hooligan del calcio associato all’estrema destra.
In sua difesa, Healy ha sostenuto di essere un semplice collezionista. Ha detto che credeva che questi fossero oggetti che avevano una qualche connessione con il calcio. Ha anche affermato che un biglietto d’auguri inviato dai suoi amici per il suo compleanno, con accenni espliciti al terrorismo dei gruppi dell’Irlanda del Nord, era solo uno scherzo. Affermava anche che nessuno poteva considerarlo omofobico, poiché il suo avvocato era gay, e si rammaricava che la polizia fosse stata dalla mia parte fin dall’inizio.
Il coinquilino di Healy – un uomo con una lista di condanne violente – ha garantito sulla sua onestà. Avrebbe messo la mano sul fuoco che Healy non sarebbe mai andato a letto con la sua attraente ragazza. Le argomentazioni in sua difesa sono cadute a pezzi. Nella sentenza il giudice ha detto: “Sono sicuro che [Healy] ha un’ideologia che si associa ai valori dell’estrema destra” e che dietro l’attacco si celano la sua omofobia e la sua antipatia per le idee politiche di sinistra.
Il mese prossimo sapremo l’entità della condanna. Tuttavia, se verrà punito con una pena detentiva, cosa avremo ottenuto?In sua difesa, Healy ha sostenuto di essere un semplice collezionista. Ha detto che credeva che questi fossero oggetti che avevano una qualche connessione con il calcio. Ha anche affermato che un biglietto d’auguri inviato dai suoi amici per il suo compleanno, con accenni espliciti al terrorismo dei gruppi dell’Irlanda del Nord, era solo uno scherzo. Affermava anche che nessuno poteva considerarlo omofobico, poiché il suo avvocato era gay, e si rammaricava che la polizia fosse stata dalla mia parte fin dall’inizio.
Il compagno di stanza di Healy, un uomo dal passato violento, ha testimoniato la sua onestà. Affermava di aver messo la mano nel fuoco per lui al punto da sapere che Healy non avrebbe mai cercato di andare a letto con la sua attraente ragazza. Le argomentazioni in sua difesa sono cadute a pezzi. Nella sua sentenza, il giudice ha detto: “Sono sicuro che [Healy] ha un’ideologia che si associa ai valori dell’estrema destra” e che dietro l’attacco si celano la sua omofobia e la sua antipatia per le idee politiche di sinistra.
Il mese prossimo sapremo la sentenza. Tuttavia, se viene punito con una pena detentiva, cosa avremo ottenuto? Questa è una domanda importante. Sono un giornalista bianco con l’impatto che mi dà una piattaforma mediatica, quindi questo attacco da estrema destra è stato più seguito di altri. Questo attacco deve essere analizzato da un contesto più ampio. Sono diventato un bersaglio di attacco dall’estrema destra. Non solo per strada, ma anche su Internet.
Tuttavia, l’attacco è stato meno grave di molti di quelli subiti da altri che ricevono meno attenzione da parte dei media, come i membri di minoranze che sono vittime di attacchi d’odio, vengono attaccati o semplicemente uccisi. Negli ultimi sei anni i crimini d’odio sono più che raddoppiati. Il numero di simpatizzanti di estrema destra che sono stati costretti a partecipare al programma Prevent [un programma che cerca di prevenire la radicalizzazione prima che l’individuo sia una minaccia reale o abbia già commesso un crimine] è senza precedenti.
Secondo la polizia metropolitana, i radicali di destra sono la minaccia terroristica in più rapida crescita. Il nostro sistema penale rinchiude in modo sproporzionato i poveri con problemi mentali o condanne di uomini neri a pene che distruggono la vita per reati di droga non violenti. Quindi anche il fatto che un fascista omofobo finisca dietro le sbarre non sembra una tragedia. Tuttavia, la domanda è ancora una volta: cosa avremo ottenuto?

Il Ministero della Giustizia si vanta di avere molteplici programmi che aiutano a de-radicalizzare i detenuti di estrema destra. Questi programmi sono “fatti su misura per ogni individuo”, dice un portavoce. Tuttavia, come mi dice Chris Daw, un avvocato che ha scritto molto sulle questioni di giustizia penale: “Nel complesso, l’intero sistema carcerario è un completo fallimento quando si tratta di de-radicalizzazione”.
Daw dice che se gli estremisti passano mesi, anni o decenni in prigione, non si de-radicalizzano. In realtà, spesso è vero il contrario, e diventano più radicali di prima perché tendono ad associarsi a persone con punti di vista simili ai propri. A volte, quando escono di prigione, commettono una recidiva e commettono un crimine più terribile del precedente. È il caso di Usman Khan, il terrorista islamista che lo scorso novembre ha ucciso due persone durante una conferenza sui programmi di riabilitazione dei prigionieri. Ha trascorso otto anni dietro le sbarre e molto probabilmente durante tutto questo tempo ha partecipato solo per pochi giorni a programmi di de-radicalizzazione o a trattamenti. Invece, è probabile che per anni abbia interagito con altri detenuti con idee estremiste simili e abbia condiviso la sua filosofia di vita e le sue opinioni. Devo chiedere quanto segue: Se Healy viene condannato a una pena detentiva, come sarà quando uscirà di prigione?
E c’è un contesto politico più ampio che non può essere ignorato. David Renton, avvocato e autore specializzato in estremismo di destra, parla della memoria popolare antifascista della sinistra, della Lega Anti-Nazista e di Rock Against Racism negli anni Settanta. All’epoca, l’estrema destra poteva essere presentata come un piccolo gruppo di estremisti che poteva essere sconfitto e isolato dalla cittadinanza. Oggi, però, negli Stati Uniti, in Gran Bretagna e altrove, il confine tra il centro e l’estrema destra è crollato.
Sia Donald Trump che Boris Johnson sono trattati come icone dell’estrema destra contemporanea, a differenza dei loro predecessori repubblicani e conservatori. Il Primo Ministro britannico ha il sostegno dichiarato degli estremisti di estrema destra come Britain First e Tommy Robinson (nella foto, estremisti di estrema destra cantano canzoni di Tommy Robinson e dichiarano il loro amore per Boris Johnson a Londra nel dicembre 2019). Possiamo anche affermare senza errori che Paesi come l’Ungheria e il Brasile hanno governi di estrema destra.
Renton sottolinea che mentre il Fronte Nazionale negli anni Settanta reclutava attraverso liste di iscritti e abbonamenti a riviste, oggi Internet è diventato un’importante porta d’accesso alla radicalizzazione. Da parte loro, i media conservatori legittimano la visione di estrema destra, mentre cercano sistematicamente un capro espiatorio per le minoranze come i musulmani, gli immigrati, i rifugiati e i trans, demonizzandoli a sinistra e dipingendo i loro sostenitori come pericolosi traditori.
L’attuale contraccolpo contro la giustizia sociale e l’uguaglianza razziale non è altro che un tentativo di invertire i valori sociali progressisti, i guadagni duramente conquistati dalle minoranze e dalle donne, di reintrodurre norme conservatrici e disuguaglianze storiche.
Allora cosa dobbiamo fare con l’estrema destra violenta? Sembra sensato il suggerimento di Daw che gli estremisti non dovrebbero essere detenuti insieme; dovremmo invece, per esempio, introdurre interventi obbligatori e di alta qualità da parte di esperti e servizi psicologici. Eppure tutti questi sono drasticamente sottofinanziati. Renton sostiene che le divisioni della destra dovrebbero essere sfruttate: molti elettori conservatori non approvano l’estremismo di destra, e noi dobbiamo “ricreare la dinamica dello scardinamento del centro-destra e dell’estrema destra per creare maggioranze antifasciste”, dice.

Questo è un problema difficile da risolvere e d’altra parte non dobbiamo sottovalutare il fatto che il fascismo non si risolve per via giudiziaria. È probabile che il mio aggressore, James Healy, entri in prigione come un bullo di destra e ne esca senza averne cambiato neanche un briciolo. Infatti, forse dopo aver scontato la sua pena avrà solo riaffermato le sue convinzioni.
Viviamo in una società che presenta la sinistra come la principale pericolosa marmaglia, spesso a causa della scarsa educazione degli attivisti di sinistra in rete. E, in questo contesto, una minaccia crescente non riceve la necessaria attenzione. Il pericolo, naturalmente, è che senza la giusta strategia per de-radicalizzare l’estrema destra, altri che attraversano il loro cammino cadranno vittima di un attacco ben peggiore di quello che ho subito quel venerdì sera caldo di fronte a un pub di Islington.

*Columnist del Guardian che si definisce così: “Sono gay, socialista, antirazzista e antifascista”

 

 

 

 

 

 

 

owen jones, estrema destra, violenza fascista, violenza, radicalizzazione, antifascismo, boris johnson, trump

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.