martedì 29 Settembre 2020

«Il sostegno per Sanders è travolgente, vincerà le primarie»

«Il sostegno per Sanders è travolgente, vincerà le primarie»

Maria Svart, dirigente nazionale dei Socialisti democratici americani: «Qui si incubano nuove idee e nuove modalità di organizzazione»

di Mathieu Magnaudeix/Mediapart

Maria Svart è direttrice nazionale del Democratic Socialists of America (DSA), la più grande struttura politica a sinistra del Partito Democratico, dal 2011. “E’ un’organizzazione, non un partito”, ha detto.

La DSA sostiene i candidati alle elezioni, ma è anche nota per i suoi legami con i sindacati, il suo attivismo a favore dell’assistenza sanitaria universale, i migranti senza documenti, contro le carceri private e la repressione dei migranti. I suoi attivisti sono molto coinvolti in campagne locali, per esempio contro la gentrificazione.

Come “grande tenda” che riunisce socialdemocratici, anarchici, comunisti, attivisti, la DSA ospita attivisti molto coinvolti nel lavoro elettorale e altri che lo rifiutano. Vicino a Bernie Sanders, che sostiene per le primarie democratiche, la DSA ha decuplicato i suoi membri dall’elezione di Donald Trump.

Abbiamo incontrato Maria Svart a New York presso la sede centrale dell’organizzazione a Wall Street. “C’è un sacco di spazio per gli uffici in questo quartiere! La gente spesso scherza sul fatto di trovarsi qui. Ma ai tempi di Occupy Wall Street, era molto conveniente…”. Lo Zuccotti Park, il centro nevralgico del movimento nel 2011, è a due passi.

Tre anni fa, la DSA contava 6.000 membri. Dove siete oggi?

Abbiamo 55mila membri, 150 gruppi locali, 50 in fase di formazione, 75 organizzazioni universitarie. Avevamo solo circa 30 gruppi quando Trump è stato eletto. Anche questi gruppi sono diventati più attivi. È piccolo rispetto alla popolazione americana [330 milioni di persone], ma per un’organizzazione socialista negli Stati Uniti è senza precedenti negli ultimi decenni.

Perché la DSA è cresciuta così tanto?

Gran parte della nostra crescita è stata organica. La notte dell’elezione di Donald Trump, la pagina “Unisciti a noi” del nostro sito web è esplosa. Abbiamo avuto un afflusso di membri alla Marcia delle donne [una grande manifestazione il giorno dopo l’inaugurazione di Trump], alle mobilitazioni all’aeroporto contro la messa al bando dei musulmani, e intorno all’elezione di Alessandria Ocasio-Cortez.

Non siamo l’unica organizzazione ad aver sperimentato questo afflusso di nuovi membri, il contesto politico ha giocato un ruolo importante. Il “socialismo democratico” è ora considerato una valida alternativa.

Persone di diversa estrazione politica si sono unite a voi. Persone molto di sinistra, ex “liberali” democratici che hanno visto fallire il loro partito, membri molto giovani… Perché la DSA è stata il ricettacolo del loro impegno?

Dopo quarant’anni di neoliberismo e di austerità, la campagna di Bernie Sanders ha sensibilizzato milioni di americani all’idea di un’alternativa al capitalismo, estremamente egemonica negli Stati Uniti. Quando Hillary Clinton perse, molti spiegarono che aveva vinto il voto popolare, che i repubblicani avevano cancellato molti elettori dalle liste, e così via.

Tutto questo è vero, ma lo è anche il fatto che il Partito Democratico ha “incasinato” queste elezioni! In questo momento populista, non hanno fatto nulla per far sì che la gente voglia votare. Non possiamo dipendere da loro. Offriamo un’alternativa. Siamo impegnati nelle elezioni, ma come organizzazione attivista finanziata dai membri, indipendente dai grandi donatori. Molte delle persone che si sono unite a noi sono stanche della politica elettorale. Questo crea una tensione interessante, che può causare conflitti interni, persino esplosioni! La DSA è una sorta di caos creativo, incubando nuove idee e nuovi modi di organizzare.

Il più noto dei vostri membri è la rappresentante Alexandria Ocasio-Cortez, ormai molto conosciuta negli Stati Uniti e non solo, che la DSA di New York ha sostenuto nelle sue primarie contro il democratico in carica Joe Crowley, il “barone” del Queens. Cosa ha portato alla politica americana?

AOC è un ponte tra la sinistra e il movimento progressista. Capisce la sinistra, è una specie di intellettuale organico che non ha iniziato leggendo Marx, ma attinge le sue conoscenze dalla sua esperienza personale di giovane ispanica proveniente dalla classe operaia. Parla una lingua che molti capiscono. La sua campagna è stata un modello: ha costruito una base locale, ispirando molte persone. È un modello che stiamo cercando di sviluppare, cercando di concentrarci sugli elettori dimenticati.

Come lei, il nostro obiettivo è quello di costruire una base elettorale di base, popolare e multirazziale. Usando narrazioni radicali ma accessibili, senza i soliti luoghi comuni o la vuota retorica. In questo momento ci stiamo mobilitando per Bernie Sanders e parliamo prima delle questioni concrete, poi del candidato. Se vincerà queste elezioni, avrà bisogno di una base solida per affrontare il capitale. La costruzione del potere del popolo non si ferma dopo un’elezione…

È rimasto sorpresa di vedere Ocasio Cortez sostenere Sanders alle primarie democratiche?

No. Viene da un movimento. Lei capisce il potere. Sa che la teoria del potere di Elizabeth Warren non riguarda tanto la forza di un movimento. Warren pensa che il potere sia avere delle buone politiche e metterle in pratica. Ma il mondo non funziona così (ride)! Potete avere le migliori politiche, saranno annientate dal capitale se non avete una base di supporto attivo che vi aiuti a costruire un equilibrio di potere.

“Il vero nemico è il neoliberismo”

La DSA ha scelto di sostenere Bernie Sanders alle primarie democratiche. Quale delle sue proposte ti sembra la più ambiziosa?

L’idea di Sanders che i lavoratori possano possedere una parte della cassetta degli attrezzi è completamente nuova. Il solo fatto di proporlo cambia il paradigma: significa parlare dei lavoratori come di una classe. Penso anche che sia fantastico che Sanders parli di proteggere il diritto di sciopero quando si ricomincia a lavorare.

In passato, Sanders era favorevole alla nazionalizzazione delle banche, parte del settore. Questa non è più la sua posizione oggi, anche se vuole municipalizzare la produzione di energia elettrica laddove possibile.

I nostri gruppi locali si battono per la nazionalizzazione dell’energia. Ed è importante riconoscere che gli incendi in California [alcuni dei più mortali dei quali sono stati causati dal deterioramento degli impianti elettrici del fornitore privato PG&E] o le recenti interruzioni di corrente nei quartieri poveri di New York City ci danno ragione. Alcuni gruppi propongono di nazionalizzare le banche o di creare banche pubbliche, creando una sanità totalmente socializzata. Non tutto ciò di cui un essere umano ha bisogno dovrebbe essere messo sul mercato.

Nella notte della vittoria di Trump, un altro fenomeno politico degno di nota sono state le vittorie locali di diversi candidati sostenuti dalla DSA. Qual è lo stato dell’organizzazione elettorale?

Abbiamo più di cento funzionari eletti e attualmente sosteniamo circa 50 candidati in tutto il Paese. Otto anni fa, alcuni candidati hanno restituito i nostri assegni di sostegno perché non volevano essere associati a noi. Questo è cambiato. Anche nei luoghi conservatori, stiamo ancora facendo campagna. Abbiamo persone elette negli stati e in molti consigli comunali. E abbiamo due donne al Congresso.

Qual è il bilancio di questi funzionari eletti?

In Colorado, la nostra consigliera comunale Candi CdeBaca, eletta a giugno, ha ottenuto dalla città di Denver la fine di un contratto da 10 milioni di dollari con le prigioni private. Ora abbiamo sei funzionari eletti nel Consiglio comunale di Chicago, che stanno facendo un ottimo lavoro e hanno sostenuto lo sciopero degli insegnanti appena conclusosi, il più lungo degli ultimi decenni, insistendo sui bisogni primari degli studenti, come l’alloggio e il cibo. I nostri funzionari eletti si stanno concentrando su politiche che contrastano l’egemonia del discorso neoliberale.

Eletta come altri socialisti al Senato di New York nel 2018, Julia Salazar ci ha detto durante la sua campagna elettorale che l’immaginazione politica negli Stati Uniti sta crescendo.

Negli Stati Uniti si dice che non ci sono alternative. Così abbiamo davanti a noi un orizzonte molto aperto, a patto che a volte vinciamo, in modo che la gente possa credere che sia possibile… Grazie a Sanders, queste idee stanno influenzando la cultura popolare. Un sacco di organizzazioni in questo paese nominano i problemi senza offrire soluzioni. Oppure non dimostrano la natura sistemica dei problemi.

Nelle nostre campagne e azioni, chiamiamo capitalismo il problema e il socialismo democratico la soluzione. Non cerchiamo di dire a tutti cosa pensare, ma aiutiamo i nostri membri e i nostri movimenti a sviluppare la loro analisi e la loro prospettiva ideologica del mondo.

Per esempio?

Abbiamo diverse priorità nazionali: il “New Deal” verde [un massiccio piano di investimenti pubblici per raggiungere la neutralità del carbonio, sostenuto dalla WCA, la lobby delle grandi aziende del carbone, ndr], il sostegno alla campagna di Bernie Sanders, il lavoro per le elezioni locali per far eleggere i nostri candidati, l’assicurazione sanitaria universale finanziata dallo Stato [Medicare for all] e la solidarietà tra i lavoratori. Siamo molto attivi sull’eco-socialismo, con la certezza che dobbiamo riprendere il controllo del clima o moriremo tutti.

Siamo molto attivi sull’eco-socialismo, con la certezza che dobbiamo riprendere il controllo del clima o moriremo tutti.

Senza le classi lavoratrici non vinceremo questa battaglia. Nella maggior parte degli Stati del mondo, la classe dirigente ci sta mettendo l’uno contro l’altro. Abbiamo invitato gli automobilisti a parlare alle nostre riunioni intorno alle proteste per il clima. Il vero nemico è il neoliberalismo, l’individualismo e le soluzioni tecnocratiche alla crisi climatica. Senza costruire il potere collettivo, non vinceremo contro l’industria dei combustibili fossili. Siamo chiari: per conquistare questo potere è necessaria la nostra capacità di fermare la produzione. I giovani lo hanno capito.

“Il supporto per Sanders è travolgente.”

Qual è la sua definizione di socialismo democratico? A giugno, Sanders ha dato la sua versione: “Il diritto a una salute di qualità, a tutta l’istruzione necessaria per garantire il successo di tutti, il diritto a un buon lavoro con uno stipendio da vivere, il diritto a un alloggio a prezzi accessibili, a una pensione sicura, il diritto a un ambiente pulito”. La vostra?

Uno, la gente dovrebbe possedere i propri strumenti di produzione. Due, i bisogni umani fondamentali non dovrebbero dipendere dai loro mezzi finanziari. Questi due obiettivi richiedono una completa ristrutturazione della nostra organizzazione economica, una trasformazione totale della società. Ciò che propone Bernie Sanders non si spinge fino alle nostre proposte. Ma siamo onesti, i concetti che articola, il modo in cui lo fa, ha un impatto maggiore. Quando dice che nessuno deve soffrire la fame in questo Paese, che tutti devono essere curati nel Paese più ricco del mondo, parla con parole che la gente capisce. Quello che lui e AOC dicono è buon senso, ed è estremamente popolare… molto più che se andassi in televisione e proponessi l’abolizione della proprietà privata o il sequestro dei mezzi di produzione!

Da più di un secolo la parola “socialismo” è un anatema negli Stati Uniti, sinonimo di “comunista” o addirittura “antiamericano”. Questo è il modo in cui Donald Trump e i repubblicani lo usano. State invertendo questa parentesi storica di quasi un secolo?

In Virginia, il nostro candidato Lee Carter è stato eletto alla legislatura nel 2017, è stato appena rieletto. I suoi avversari avevano inviato e-mail con il suo ritratto in compagnia di Stalin e Mao: questo non gli ha impedito di vincere. La “paura del rosso” ha perso parte del suo potere perché le condizioni di vita della gente sono peggiorate. Vogliono combattere. Trump, a modo suo, lo ha capito, giocando sulle paure e sulle emozioni primarie.

Naturalmente, quando Trump attacca il socialismo, mobilita chi non vuole cambiare nulla e attacca la solidarietà. È una sorta di parola in codice per il suo progetto politico, che in realtà è fascismo. In realtà, chi ha paura del socialismo sono i baby boomers, non i giovani che sanno che il capitalismo è orribile. Per loro, la cosiddetta promessa del sogno americano è totalmente vuota. Con loro, denunciare il socialismo non funzionerà.

Tuttavia, molti democratici denunciano i progetti ritenuti troppo di sinistra da Elizabeth Warren e Bernie Sanders. Hillary Clinton vorrebbe che tornassimo a prima di Trump, quando la politica era “noiosa”. L’ex sindaco di New York, il miliardario Michael Bloomberg, sta valutando la possibilità di tornare alle primarie democratiche perché ritiene che si vada alla deriva troppo a sinistra e non sarà in grado di nominare un candidato in grado di conquistare Trump.

I neoliberali democratici vogliono solo parlare di Trump. Si rifiutano di ammettere, stavo per dire la loro complicità, ma la parola non è abbastanza forte… Si rifiutano di ammettere come hanno contribuito a creare le condizioni politiche per l’adesione di Trump.

Bernie Sanders vincerà le primarie?

Certo che sì. I sondaggi sono già molto buoni e non abbiamo ancora iniziato la fase attiva della campagna. Non misurano affatto ciò che accade nella base. Il sostegno è travolgente.

Sono sempre sorpreso quando lavoro negli Stati Uniti per gli inesistenti contatti tra la sinistra americana e la sinistra francese. Avete dei contatti?

No… Purtroppo penso che sia abbastanza spesso così. Tutti sono molto occupati con quello che succede a casa. Così è la destra, anche se Steve Bannon [ex consigliere e responsabile della campagna elettorale dell’ex Trump, un ideologo di estrema destra] supera i confini e cerca di unire la destra attorno a narrazioni comuni. La sinistra non è brava in questo. Eppure, abbiamo bisogno di un più forte internazionalismo di sinistra per fermare la destra e salvare il pianeta.

Alexandra Ocasio Cortez, AOC

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.