lunedì 17 Febbraio 2020

Bernie e il movimento di massa, l’incubo di chi governa il mondo

Bernie e il movimento di massa, l’incubo di chi governa il mondo

Quando Bernie Sanders e il suo movimento di massa diventano “l’incubo peggiore” di chi governa il mondo…

di Yorgos Mitralias

Il moderato Pete Buttigieg ha vinto di stretta misura su Bernie Sanders le primarie democratiche in Iowa, secondo i risultati rivisti pubblicati domenica dal partito, quasi una settimana dopo una complessa elezione che si è trasformata in un fiasco. 
I caucus dell’Iowa hanno assegnato 14 delegati a Buttigieg, 12 a Sanders, 8 a Elizabeth Warren, 6 a Joe Biden e 1 a Amy Klobuchar. Questi delegati nomineranno il rivale del presidente Donald Trump alla convention democratica di luglio per le presidenziali di novembre.
I risultati della votazione, che ha dato il via alle primarie democratiche, sono stati immediatamente contestati da Sanders.
“Chiederemo un riconteggio al partito democratico dell’Iowa” dei voti in alcuni distretti controversi, ha detto alla CNN Faiz Shakir, il responsabile della campagna del senatore del Vermont. Le primarie dell’Iowa “sono state gestito in modo incompetente”, ha protestato. Si sono trasformate in un fiasco, con errori nei risultati ufficiali pubblicati solo giovedì, costringendo il partito dell’Iowa a condurre verifiche.

 

Ora che anche i più scettici e increduli sembrano cominciare a capire che Bernie Sanders è un candidato molto serio alla presidenza degli Stati Uniti, è giunto il momento di esaminare più da vicino ciò che rende la sua candidatura unica, storica e rivoluzionaria, nel vero senso della parola. Insomma, su cosa fanno i suoi avversari da tutte le parti, da Trump all’establishment democratico e ai grandi capitalisti che governano il mondo, così impaurito da questo Bernie che si impenna e fa di tutto per “neutralizzarlo”?

Allora, di cosa hanno paura tutte queste persone? La risposta non è troppo difficile: non hanno paura del programma di Bernie Sanders, ma dell’enorme movimento popolare che Bernie Sanders ha lanciato nel novembre 2018 e che è ancora in fase di costruzione! Un movimento popolare che non ha precedenti nella storia degli Stati Uniti né per le sue dimensioni né per il suo radicalismo e la determinazione dei suoi giovani attivisti a combattere contro questo sistema e i suoi rappresentanti politici! Come ha detto recentemente Noam Chomsky: “Ancora più minaccioso delle proposte di Sanders di perseguire politiche di tipo New Deal, credo che egli ispiri un movimento popolare risolutamente impegnato nell’azione politica e nell’attivismo diretto per cambiare l’ordine sociale – un movimento di persone, soprattutto giovani, che non hanno ancora interiorizzato le norme della democrazia liberale”: persone che sono “estranei ignoranti e indesiderati” che dovrebbero essere “spettatori, non partecipanti attivi”, a cui è permesso di spingere una leva ogni quattro anni ma che poi tornano ai loro schermi televisivi e ai videogiochi mentre le “persone responsabili” si occupano delle cose serie”. (1)

E va detto che la ragione profonda della paura o addirittura del terrore ispirata da questi milioni di giovani attivisti dall’alto è che stanno trasformando le cosiddette idee “pericolose” in una forza materiale, e così facendo, imponendo un nuovo equilibrio di potere sia a livello sociale che politico! Ciò ha diverse conseguenze, tra cui quella di assicurare la continuità del movimento popolare di massa e di rendere meno efficaci, se non inoperative, le politiche di repressione e la propaganda delle autorità. Perché? Perché basta un solo proiettile per eliminare una persona – come Bernie Sanders, per esempio – quando diventa troppo pericoloso, ma ce ne vuole molto di più per sconfiggere ed eliminare un movimento popolare di massa radicale che vuole “cambiare la vita e il mondo”…

Naturalmente, lungi da noi sottovalutare l’importanza (capitale) del programma di Bernie Sanders, perché è questo programma – oltre al suo esempio personale – che ha ispirato e mobilitato questi milioni di giovani e anziani. Le proposte, le posizioni e le richieste contenute in questo programma coprono infatti tutti i settori dell’attività umana, proponendo risposte e soluzioni ai gravi problemi esistenziali che la società e l’umanità nordamericana si trovano ad affrontare, colmando il divario tra la soddisfazione dei bisogni immediati della stragrande maggioranza della popolazione e la visione di un mondo radicalmente diverso.

Quindi, è un programma “rivoluzionario” o un insieme di richieste e misure “borghesi” che farebbero di Bernie Sanders un politico quasi “come gli altri”? A prima vista, nessuna delle misure e delle politiche di punta del programma di Bernie Sanders, come “assicurazione sanitaria per tutti”, “istruzione gratuita per tutti” o anche l’abolizione delle carceri private e la cancellazione totale del debito degli studenti, può essere definita “rivoluzionaria”. Infatti, molti di essi sono – giustamente – presentati dallo stesso Bernie come ispirati al precedente storico del New Deal rooseveltiano, a cui dichiara apertamente di ispirarsi. Ma cosa c’era di “rivoluzionario” nel motto dei bolscevichi “Pane, pace e terra” che ha infiammato la popolazione russa e le ha permesso di essere sufficientemente motivata a fare una rivoluzione come quella dell’ottobre 1917? Insomma, ciò che rende rivoluzionaria una domanda non sono tanto le sue qualità intrinseche, quanto piuttosto le dinamiche sociali e politiche che essa libera e sviluppa in un determinato contesto e momento storico. Ed è chiaro che il programma di richieste di transizione di Bernie Sanders sta sviluppando una dinamica così sovversiva…(2)

Prove? Ma sono offerte dalle reazioni degli uni e degli altri. Vale a dire, quelli dal basso e quelli dall’alto che lo interpretano, ogni campo a modo suo e secondo i propri interessi, come un chiaro incitamento alla rivolta contro il sistema e le sue principali forze economiche e politiche. Per chi viene dal basso (lavoratori, minoranze, donne, indigeni, migranti e vittime di ogni tipo di oppressione), questo programma è già diventato una fonte di ispirazione, un’arma da combattimento e anche una bandiera che viene brandita forte e chiara. E come tale ha già dato prova di sé con un successo senza precedenti. Ma, per gli altri, cioè per quelli di cui sopra (Trump, l’establishment democratico, i grandi media e soprattutto i grandi interessi capitalistici) è semplicemente la peggiore minaccia esistenziale o meglio “il peggiore incubo” come Bernie stesso ama ripetere pubblicamente.

Poi succede quello che doveva succedere: quelli ai vertici dichiarano una guerra spietata contro Bernie e il movimento popolare che lo sostiene. È logico e non potrebbe essere altrimenti, finché Bernie e i suoi amici, giovani deputati e senatori Alexandria Ocasio-Cortez, Ilhan Omar, Rashida Tlaib e Pramila Jayapal in testa, oseranno attaccare per nome e pubblicamente i nemici (capitalisti) di cui promettono la fine imminente. E questa guerra è – già – spietata: tutti i colpi sono permessi giorno dopo giorno (3), finché Bernie non sarà definitivamente “neutralizzato” e il suo movimento non sarà sconfitto. Tutti i colpi, anche i più estremi e i più ripugnanti e barbari, perché la posta in gioco di questo confronto di classe con la morte è più che enorme e di dimensioni storiche …

Note

1. Intervista a C.J. Polychroniou: https://truthout.org/articles/noam-chomsky-sanders-threatens-the-establishment-by-inspiring-popular-movements/

Questa intervista a Noam Chomsky, così come migliaia di testi, video e immagini di prima mano dagli Stati Uniti su quanto sta accadendo in alto e soprattutto in basso nella società nordamericana, sono pubblicati ora dopo ora su Facebook “Europeans for Bernie’s Mass Movement” che abbiamo lanciato 3,5 anni e che raccomandiamo vivamente ai lettori di sinistra: https://www.facebook.com/EuropeansForBerniesMassMovement/.

2. E’ a dir poco deplorevole che la sinistra europea non riesca a capire che quanto è accaduto negli Stati Uniti negli ultimi 4 anni è di importanza storica per la sinistra e per il movimento operaio mondiale, e quindi anche per se stessi. Eppure avrebbero tutto da guadagnare a creare legami e sviluppare movimenti di solidarietà attiva con il movimento di massa radicale nordamericano, ora che si trova all’epicentro di un gigantesco confronto di classe con un esito molto incerto. E tutto questo a prescindere dal loro tanto trascurato dovere internazionalista…

3. Una delle ultime manifestazioni di questa guerra quotidiana contro Bernie è stata la pubblicazione dei risultati dell’emblematica scuola elementare dell’Iowa con un ritardo di oltre 72 ore! Questo ha permesso al giovane puledro dell’establishment e del grande capitale Pete Buttigieg di atterrare come vincitore trionfante e a Joe Biden di evitare di pagare il prezzo del suo umiliante risultato, mentre a Bernie è stato impedito di approfittare della sua vittoria, avendo vinto il voto popolare in modo molto chiaro. Il fatto che la società Shadow responsabile di questo scandalo abbia lavorato per Hillary Clinton nel 2016, e che attualmente sia impiegata e pagata dalle campagne di J. Biden e P. Buttigieg è ovviamente una pura coincidenza…

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.