giovedì 22 Ottobre 2020

Covid-19, ambasciatore porta xenofobia

Covid-19, ambasciatore porta xenofobia

L’ambasciatore italiano a Dublino dichiara alla tv irlandese che l’epidemia in Lombardia sarebbe tutta colpa dei cinesi che vivono in Italia. Ma non è vero

di Robert Fisk 

Cosa succede in Italia? Non è difficile rintracciare il coronavirus lungo le rotte dei pellegrini musulmani in Iran, ma sembra molto più difficile spiegare la straordinaria diffusione del virus in Lombardia e in altre 14 province italiane. Perché le autorità di quel paese hanno messo in quarantena 16 milioni di cittadini e allo stesso tempo non riescono a spiegare perché la parte più ricca del loro paese abbia generato così tanti casi di coronavirus in tutto il mondo? In tutta Europa, i recenti visitatori dell’Italia sono tornati come portatori, infettati e potenzialmente contagiosi per i loro familiari e amici, oltre che per gli estranei nel loro paese. C’è qualcosa che non sappiamo dell’Italia?
Prima di tutto, un’importante divagazione. Al momento in cui scriviamo, 7.375 persone sono risultate positive e 366 sono morte in quella nazione. Ma sono solo 20 in più dei morti di due aerei Boeing 737 Max che si sono schiantati in Indonesia e in Etiopia, per quanto terribili e tragici siano stati questi disastri. E, come tutti sappiamo, ogni anno muoiono fino a 626.000 persone per il gelo. Come ripete in continuazione Alex Thomson sul britannico Channel Four: prospettiva, prospettiva, prospettiva. Dopo tutto, quando una settimana fa un esperto ha parlato su quello stesso canale del coronavirus e della Seconda Guerra Mondiale nella stessa frase, mi sono posto alcune semplici domande. Sì, ci sono ora più di 100.000 casi in tutto il mondo, di cui quasi 4.000 sono morti. Ma il numero totale di morti nella seconda guerra mondiale non era vicino ai 70 milioni? L’Unione Sovietica non ha forse perso 20 milioni di anime nella guerra contro Hitler?
Ma ora torniamo in Italia, perché è un centro coronavirus in Europa? I miei viaggi nelle ultime settimane hanno incluso il Libano, la Turchia e l’Irlanda, quindi l’Italia non è stata sul mio radar giornalistico. Infatti, avrei potuto lasciare in onda questa domanda sulla popolazione del nord Italia se non avessi sentito un commento dell’ambasciatore italiano a Dublino, Paolo Serpi, a RTE, l’emittente nazionale irlandese.
Serpi stava spiegando al pubblico del notiziario di Drivetime che non dovrebbe drammatizzare o diventare isterico riguardo al coronavirus. I membri dell’UE – la Repubblica d’Irlanda è nell’Unione Europea, naturalmente, e segnala solo 21 casi e nessun decesso – sono responsabili l’uno dell’altro. E’ una situazione grave, ma non vogliamo trasformarla in un dramma quando non lo è, ha detto l’uomo italiano in Irlanda. E diciamo tutti la stessa cosa.
Ma poi il signor Serpi ha fatto riferimento all’Italia settentrionale, e improvvisamente ha aggiunto: ha la più grande popolazione cinese in Italia per via dell’industria tessile. L’Italia è stato quindi il primo Paese europeo ad essere colpito su quella scala.
Ho sempre sospettato che noi giornalisti e poliziotti abbiamo molto in comune. Entrambi viviamo di stupidità umana. Così, quando ho letto quelle parole del signor Serpi, mi sono naturalmente chiesto cosa non ci sia stato detto dello scoppio del coronavirus in Italia. O se ciò che ci è stato detto è corretto. Perché i colleghi italiani riferiscono che nemmeno tra la più grande comunità cinese del nord Italia – a Prato, vicino a Firenze – c’è stato un solo caso di coronavirus. Ci sono circa 300.000 cinesi in Italia e 20.000 nella popolazione di Prato, cioè 190.000, cioè uno su dieci.
I cinesi possiedono quasi tutta l’industria tessile pratese e, molto prima dell’attuale pandemia, scrittori e giornalisti hanno esaminato cosa questo significhi per gli italiani locali. Semplice: l’industria dell’abbigliamento tradizionale della città è stata rilevata da immigrati cinesi, che importano tessuti a basso costo da Wenzhou nella provincia dello Zhejiang – la patria della maggior parte dei pratesi cinesi – e producono camicie, pantaloni e giacche a basso prezzo, oltre ad abbigliamento di lusso per case di moda come Gucci e Prada. Le etichette portano la bella – e precisa – leggenda: il Made in Italy.
Quando il direttore del New Yorker DT Max ha visitato Prato nella primavera del 2018 – quasi due anni prima dell’epidemia di coronavirus – ha trovato 6.000 imprese registrate a nome di cittadini cinesi e un’infezione xenofoba tra i residenti italiani. Ha citato un senatore di destra, Patrizio La Pietra, a un giornale locale: la città ha dovuto affrontare l’illegalità economica cinese, la cui economia sommersa ha messo in ginocchio l’Italia, eliminando migliaia di posti di lavoro ed esponendo alla fame innumerevoli famiglie. I nativi accusano gli immigrati cinesi di portare a Prato criminalità, guerra di mafia e spazzatura. Un pellicciaio italiano, che ha detto a Max che suo marito è stato costretto a smettere di produrre borse dalla concorrenza cinese, ha detto degli immigrati: Copiano, imitano. Non fanno niente di originale.

Max ha segnalato che la città, tradizionalmente di sinistra, ora vota per i politici di destra. È vero, c’erano prove di mafie cinesi a Prato, che, curiosamente, operavano senza alcun legame con la varietà locale italiana. C’erano molte fabbriche di abbigliamento cinesi, ma anche fabbriche di abbigliamento cinesi ben gestite e moderne. Alcuni uomini e donne d’affari cinesi erano tra i più ricchi di Prato, e i loro figli frequentavano un’università d’elite a Milano. Ci sono rapporti amichevoli tra cinesi e italiani.
Andiamo, però, alle origini della popolazione cinese pratese. La stragrande maggioranza proviene da Wenzhou, nella provincia costiera dello Zhejiang, a 800 chilometri da Wuhan, l’epicentro dell’originaria epidemia di coronavirus. Tuttavia, le autorità cinesi hanno ora messo in quarantena 30 milioni di persone intorno a Wenzhou – alcune letteralmente rinchiuse nelle loro case, secondo un recente rapporto del Washington Post – dove la malattia respiratoria si è diffusa. Wenzhou ha il maggior numero di infezioni da coronavirus al di fuori della provincia di Hubei, la cui capitale è Wuhan, dove vivono anche più di 100 persone provenienti da Wenzhou. Quando è scoppiata l’epidemia, secondo il Post, 20.000 persone sono state messe in quarantena negli alberghi di Wenzhou. Alcuni visitatori di Wenzhou sono stati trattati duramente quando sono tornati alle loro case in altre parti della provincia dello Zhejiang. Sembra che la xenofobia, come il coronavirus, non conosca barriere.
Questo ci riporta ai cinesi di Wenzhou a Prato. Fino a poco tempo fa c’erano voli diretti regolari tra Wenzhou e Roma, e si potrebbe pensare che questa fosse una chiara forma di trasmissione del virus dalla Cina a una città situata a soli 35 chilometri da Firenze. Tuttavia, sembra che non sia così. Migliaia di cinesi pratesi, secondo i giornali locali, si sono volontariamente isolati nelle loro case per due settimane, senza alcuna prova che possano essere portatori del virus; considerano questo atto un dovere civico nei confronti dei loro vicini, sia cinesi che italiani. Le miserabili condizioni in cui molti di questi cinesi lavorano a Prato non hanno apparentemente portato a un’epidemia di coronavirus. Lo stesso vale per la Chinatown di Roma sul colle Esquilino, dove non sono stati segnalati casi.
Che cosa si può dedurre dai commenti del signor Serpi? La comunità cinese è davvero la spiegazione del perché l’Italia è il primo paese europeo ad essere colpito dal coronavirus su tale scala? Oppure i cinesi devono stare lontani dagli italiani nel caso in cui contraggano il contagio da coloro le cui famiglie vivono in Italia da centinaia di anni?

 

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.