venerdì 30 Ottobre 2020

Wikileaks, Chelsea Manning è libera

Wikileaks, Chelsea Manning è libera

Un giudice federale della Virginia ha ordinato la scarcerazione di Chelsea Manning, l’ex analista militare, fonte delle rivelazioni di Wikileaks

Chelsea Manning, la “talpa” di Wikileaks, è fuori dal carcere. Un giudice federale della Virginia ne ha ordinato il rilascio venerdì. L’ex analista militare statunitense, 32 anni, che era dietro le rivelazioni di Wikileaks del 2010 sulle torture e le uccisioni di civili da parte dell’esercito statunitense in Iraq e Afghanistan, era in prigione da maggio 2019 per aver rifiutato di testimoniare davanti a un gran giurì sui suoi legami con l’organizzazione creata da Julian Assange. Il giudice ha annullato l’udienza fissata per venerdì, ma ha confermato gli oltre 250.000 dollari di multe che deve pagare per aver rifiutato di collaborare alle indagini. Nelle ultime ore i suoi legali avevano fatto sapere che Manning aveva tentato il suicidio ed era ricoverata in ospedale. Nel 2018, Manning ha fatto campagna per un seggio al Senato degli Stati Uniti nello stato orientale del Maryland. La sua piattaforma chiedeva la sicurezza sociale per tutti, la chiusura delle carceri, un reddito minimo per tutti, la fine della criminalizzazione delle persone transgender come lei, l’abolizione dell’agenzia anti-immigrazione ICE e l’apertura delle frontiere.
“Gli Stati Uniti hanno il più grande esercito, l’esercito più costoso del mondo, il più grande sistema carcerario del mondo, il più sofisticato apparato di intelligence, e noi ne vogliamo sempre di più”, ha detto nel gennaio 2018 a un reporter del quotidiano britannico The Guardian, la sua prima intervista dal suo rilascio dal carcere nove mesi prima. «Fino a dove ci spingeremo? Deve finire». Nel giugno 2018, durante le primarie, Manning è stato severamente battuto dal democratico uscente Ben Cardin.
Nel marzo dello scorso anno, sentito da un giudice della Virginia in un procedimento segreto su Wikileaks, di cui finora sono trapelati pochissimi atti, l’informatore si è rifiutato di testimoniare davanti a un gran giurì perché ritiene di aver già risposto a tutte le domande poste in un’udienza della corte marziale nel 2013. Contesta anche la segretezza del procedimento, dicendo di essere “pronta a spiegare le cose pubblicamente” in un normale contesto giudiziario.
Il giudice Claude Hilton ha ritenuto che il rifiuto di Manning di rispondere alle domande “oltraggiasse” la corte. Ha ordinato la sua immediata incarcerazione fino a quando il Gran Giurì non avrà completato il suo lavoro, a meno che Manning non abbia deciso di testimoniare nel frattempo.
Arrestata nel 2010 dopo una denuncia, accusata di ventidue capi d’accusa tra spionaggio e collusione con il nemico, e condannata nel 2013 a 35 anni di carcere da un tribunale militare, Manning s’era vista commutare la sua condanna da Barack Obama nel gennaio 2017, negli ultimi giorni della sua presidenza, una decisione contestata dalla destra americana, per la quale è una “traditrice” della nazione. È stata rilasciata quattro mesi dopo.

leggi anche Assange, operazione hotel su La Bottega del Barbieri

Dopo sette anni di detenzione (di cui due mesi in gabbia in Kuwait e sette mesi in totale isolamento in una minuscola cella, dove è stata costretta a dormire nuda) Manning era tornata in prigione per un periodo di tempo sconosciuto. Il suo avvocato Moira Meltzer-Cohen ha stimato che Manning non sarà trattenuto per più di “diciotto mesi”, dopo i quali potrebbero essere presentate le accuse penali.
L’avvocato ha elogiato il “coraggio immenso” della sua cliente e ha esortato le autorità giudiziarie a tenere conto della salute della sua cliente, le cui condizioni di detenzione passate sono state ritenute “disumane” dall’ONU. Mentre era in prigione, Manning ha tentato altre due volte il suicidio e le è stata a lungo negata la cura associata alla sua transizione, detenuta in un carcere militare per uomini dopo aver annunciato la sua intenzione di lasciare il “soldato Bradley Manning” per vivere la sua vita da donna, in accordo con la sua identità di genere. «Nessun giornalista e nessuna delle loro fonti dovrebbe essere soggetta a questo», ha detto l’avvocato di Assange, Jennifer Robinson. «Ancora una volta, Chelsea Manning sta agendo eroicamente in nome della libertà di stampa – ha spiegato all’epoca Daniel Ellsberg, il famoso informatore del Washington Post nel caso del Pentagon Papers. Indagare su Wikileaks per le sue pubblicazioni è una grave minaccia per i diritti di tutti i giornalisti. È stata torturata, ha passato anni in prigione, ha sofferto più che a sufficienza. Deve essere rilasciata immediatamente. Chelsea Manning è stata messa in prigione per costringerla a testimoniare contro Julian Assange, ha commentato Wikileaks sul suo account Twitter. Gli informatori sono ora costretti a testimoniare contro i giornalisti. Una nuova prospettiva per attaccare la libertà di stampa». Assange è attualmente detenuto a Londra e in attesa della procedura di estradizione che si concluderà a maggio.
700.000 documenti segreti – tra cui 250.000 telegrammi diplomatici che hanno alimentato le indagini del New York Times, Spiegel, il Guardian, Le Monde, El País e Mediapart – sono stati trasmessi da Manning a Wikileaks durante il suo servizio presso una base militare vicino a Baghdad.
Il più famoso, girato da un elicottero militare americano, è intitolato Collateral Murder. Mostra due fotografi Reuters uccisi senza preavviso dai soldati americani e un furgone venuto in loro aiuto che viene a sua volta preso di mira. Pubblicato nell’aprile 2010, ha causato un’ondata di indignazione internazionale insieme alle foto delle umiliazioni e delle torture inflitte dagli interrogatori statunitensi ai prigionieri di Abu Ghraib, altri documenti scioccanti che Manning ha inviato a Wikileaks.
Oltre a Manning, è proprio Julian Assange, il fondatore di Wikileaks, che il sistema giudiziario americano ha nel mirino. Assange è stato rifugiato per sette anni presso l’ambasciata ecuadoriana a Londra e per otto anni è stato oggetto di una procedura segreta negli Stati Uniti, procedura dalla quale non è stato filtrato quasi nulla, nemmeno le possibili accuse. Nel novembre 2018, gli atti del tribunale, in cui il nome di Assange non era stato erroneamente cancellato, hanno confermato la prosecuzione del procedimento.
Wikileaks è anche strettamente coinvolto nell’indagine del procuratore speciale Robert Mueller sulla possibile “collusione” della campagna di Trump nel 2016 con la Russia di Vladimir Putin.
Nel luglio 2016, quattro mesi prima delle elezioni presidenziali americane, Wikileaks aveva infatti pubblicato 20.000 e-mail che erano state violate nelle caselle di posta del Partito democratico da hacker legati all’intelligence russa. Donald Trump ha accolto con favore questo fatto e ha anche esortato Wikileaks a pubblicare “30.000 e-mail aggiuntive”. Ciò è stato fatto in parte, in particolare il 7 ottobre 2016, subito dopo la pubblicazione di un video potenzialmente deflagrante per Trump in cui si vantava di “catturare le donne per la figa”.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.