giovedì 29 Ottobre 2020

Il coronavirus manderà in pensione la stretta di mano?

Il coronavirus manderà in pensione la stretta di mano?

Cameratismo ed evoluzione umana nella crisi del Coronavirus. Il covid-19 segnerà la fine della stretta di mano e la nascita di nuovi rituali umani?

di Robin Wright

In tutto il mondo sta emergendo, in modo spontaneo e creativo, una cultura del coronavirus per affrontare la paura del pubblico, le restrizioni della vita quotidiana e il noioso isolamento della quarantena. “Questo è un brutto film di fantascienza che è reale”, mi ha detto Agustín Fuentes, un antropologo evoluzionista dell’Università di Notre Dame, in una discussione notturna di questa settimana, su come il covid-19 possa alterare il viaggio umano. Egli prevede un profondo processo evolutivo per assicurare la sopravvivenza della specie man mano che le pandemie diventano più comuni. È già visibile.
“Ciò che è così importante per l’umanità è la connessione. Il tipo di quarantena a New York e Seattle, e ciò che accadrà in migliaia di altri posti negli Stati Uniti, richiederà alle persone di connettersi in altri modi”, ha detto. “Una delle cose sorprendenti della specie umana – una volta che le creature indifese non erano molto di più delle scimmie che correvano in giro – è che, nel tempo, siamo diventati molto creativi. Ci siamo adattati per sopravvivere. Questo è ciò su cui la gente si baserà ora – trovare modi incredibilmente fantasiosi per trovare connessioni anche quando non sono nello stesso spazio fisico insieme”.
In questi primi giorni della pandemia globale, la creatività umana si è concentrata in gran parte su semplici forme di sollievo e di liberazione. In Cina, l’epicentro dell’epidemia di covid-19 e una nazione in cui quasi ottocento milioni di persone hanno sperimentato una qualche forma di isolamento, i locali notturni che sono stati costretti a chiudere i battenti si sono trasformati in un “cloud clubbing” virtuale. Gli spettatori possono guardare i set di d.j. su piattaforme di streaming e inviare messaggi da leggere in diretta, per creare l’illusione che siano collegati. Il nuovo reality show “Home Karaoke Station” vede cantanti famosi che accettano richieste, si impegnano con gli spettatori e si esibiscono – dalla quarantena in casa propria. Le palestre chiuse hanno offerto corsi di allenamento online o tramite la popolare applicazione di social-messaggio WeChat. Altri cinesi su WeChat hanno creato un gruppo alla ricerca dell’amore in isolamento. In uno degli oltre venti centri di quarantena di massa di Wuhan, la megalopoli dove questo coronavirus è emerso per la prima volta, le donne si sono rivolte al karaoke per sollevare gli spiriti dei gruppi isolati. Di notte, echi di “Wuhan Jiayou” o “Stay Strong Wuhan” sono stati ascoltati mentre i cinesi si urlavano contro dalle finestre per incoraggiarsi a vicenda.

 


In Iran, un altra delle zone “rosse” covid-19, medici e infermieri – individualmente e in gruppo – hanno partecipato a una sfida di danza del coronavirus, pubblicando video di loro stessi che ballavano con musica vivace in tute protettive. Altri medici in quarantena si sono fatti la serenata a vicenda o hanno portato strumenti da esibire per i pazienti sequestrati. Un’insegnante di terza elementare della provincia di Khuzestan ha improvvisato per mantenere le sue lezioni online dopo che le scuole sono state chiuse in tutta la nazione. Bloccata a casa, usava il lato del suo frigorifero come lavagna. Con un pennarello blu, ha scritto le regole, con dei diagrammi, per spiegare come calcolare l’area di quadrati, rettangoli e triangoli. Una foto della sua lezione è diventata virale su Twitter.
Nel corso del tempo, l’impatto del romanzo coronavirus può essere così travolgente da alterare i rituali e i comportamenti umani che si sono evoluti nel corso dei millenni. “Questo potrebbe cambiare tutto, dal modo in cui conduciamo la nostra economia ai nostri rituali di saluto e di lutto”, ha detto Fuentes. “Ci hanno già scagliato addosso un sacco di cose in passato, anche se questo è su una scala senza precedenti”.
Una delle chiavi per arginare l’epidemia di Ebola in Africa occidentale, tra il 2013 e il 2016, è stato il cambiamento delle tradizioni di lunga data sul trattamento dei morti, compreso il contatto con un cadavere prima della sepoltura. In un solo caso, nel 2014, ventotto persone si sono ammalate di Ebola a causa dei tre giorni di funerale di un importante farmacista in Sierra Leone; otto sono poi morte. “Il virus dell’Ebola provoca una morte orribile. Ti dissangui tutti i tuoi fluidi”, mi ha detto Terrence Deacon, professore di antropologia biologica all’Università della California, Berkeley. “La cosa peggiore che si può fare con l’Ebola è toccare i morti, perché i loro corpi sono pieni di fluidi pieni di virus”. Le persone dovevano entrare con le pistole per evitare che le famiglie interagissero con i loro morti”. Il comportamento è cambiato, l’epidemia si è attenuata.
Le tradizioni si sviluppano perché si adattano all’ecologia e alla biologia dei tempi – e si tramandano perché chi le fa sta meglio. L’evoluzione dei rituali è già cominciata in piccolo: non ci si riunisce, non si viaggia, o si partecipa virtualmente alle riunioni. In tutto il mondo, molte persone hanno smesso di stringere la mano, una tradizione che ha avuto origine come segno di fiducia ma che oggi è il modo più comune di trasmettere la malattia.
“Siamo una specie così sociale che è difficile non toccarsi”, ha detto Deacon. “Gran parte della nostra comunicazione riguarda il tatto”. Non abbiamo convenzioni su come comportarci in circostanze come queste. Svilupperemo nuove abitudini culturali, nuovi trucchi, nuove mnemoniche per andare avanti. Stiamo già sperimentando”. Dopo l’epidemia di coronavirus, ha frequentato un workshop dei suoi colleghi a Stanford. “La gente si inchinava o toccava i gomiti. Non sapevamo cosa fare”, ha detto. “Ma sapevamo che dovevamo evitare di stringere la mano”.
Ho chiesto a Deacon se pensava che il covid-19 avrebbe segnato la fine della stretta di mano. “Potrebbe essere”, rispose. “I comportamenti sono guidati dal contesto. La stretta di mano è una questione di fiducia. Se questo comportamento trasmette un virus mortale, allora colpisce i nostri indicatori di fiducia”.
La settimana scorsa, Sylvie Briand, direttrice del Dipartimento per le malattie pandemiche ed epidemiche dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, ha twittato una vignetta di ” strette di mano alternative”, con la dicitura “il gomito”, il “Thai wai” con le mani unite davanti, e una sorta di queenly wave, (il saluto con la mano della regina Elisabetta, ndr). “Dobbiamo adattarci a questa nuova malattia”, ha scritto Briand. In Cina, la cosiddetta “scossa di Wuhan” – una sorta di tremolio del piede, scarpe da tip tap insieme – è emersa inizialmente per scherzo, ma presto anche per serietà. Alla cerimonia di apertura di un ponte a Teheran, il mese scorso, il sindaco e il governatore provinciale hanno simulato lo sbattere dei pugni, avvicinandosi ma senza toccarsi le mani.
In Europa, gli adattamenti al covid-19 si sono addirittura insinuati nella Settimana della moda il mese scorso. Giorgio Armani ha cancellato la sua sfilata alla Settimana della Moda di Milano, e invece ha fatto sfilare la sua collezione invernale in un teatro vuoto per un pubblico online. Anche senza spettatori, ha scelto di indossare una mascherina facciale. Alla settimana della moda di Parigi, le modelle di Marine Serre hanno sfilato in passerella in abiti con maschere abbinate. Le donne in prima fila della sfilata di Dries Van Noten sono state fotografate con le loro maschere. In Croazia, il designer Zoran Aragović, del marchio BiteMyStyle, ha creato accessori per maschere in colori vivaci ispirati ai fumetti, alla Pop art e ai personaggi Disney. Sono più accessori di moda che protezioni mediche.
La necessità di adattamento non si esaurisce quasi certamente con un vaccino per il covid-19. “La storia darwiniana è che ci troviamo in ambienti in cui questi virus mutano. Il comune raffreddore è un coronavirus che continua a mutare. I virus sono l’evoluzione in azione sugli steroidi”, ha detto Deacon. Nel ventunesimo secolo, i cambiamenti nel modello dell’esistenza umana – dal commercio globale e dai viaggi al cambiamento climatico – potrebbero produrre virus che si riproducono più velocemente e si spostano più lontano.
Ma l’evoluzione darwiniana non è necessariamente tutta negativa, mi ha detto Samuel Paul Veissière, un antropologo evoluzionista e co-direttore del programma Cultura, Mente e Cervello della McGill University. Le quarantene risalgono all’epoca neolitica – e il passaggio dalla caccia-raccolta alla vita agricola sedentaria quando gli agenti patogeni zoonotici trasferiti dagli animali all’uomo producevano malattie infettive e le prime epidemie. Alla fine le comunità hanno sviluppato le immunità alle malattie locali, ma non ad altri nelle vicinanze. “E’ possibile che ci siamo evoluti nel timore delle malattie e degli estranei”, ha detto. Per millenni, la gente è stata troppo attenta alle potenziali minacce, perché “il nostro pregiudizio psicologico ci fa presumere che ci siano agenti patogeni in altri esseri umani”.
Allo stesso tempo, però, l’uomo tende ad essere una specie altruista e cooperativa quando si tratta di sopravvivenza. “Una delle cose meravigliose che accade è che la gente cooperi quando c’è un disastro naturale”, ha detto Veissière. “È così che ci siamo evoluti in condizioni difficili”. L’unico avvertimento, ha ammonito, è che le società moderne, in particolare in Occidente, non sono abituate a tali minacce corporali o mortali nel ventunesimo secolo. Gli attacchi dell’11 settembre sono stati uno shock per gli americani perché non avevano mai vissuto una sfida così epica alla loro sopravvivenza fisica o nazionale dopo la guerra civile o l’attacco a Pearl Harbor. “C’è stata un’erosione della resilienza in società troppo sicure. Non siamo più così abituati alle minacce”, ha detto Veissière. Ci sono anche rischi che la pandemia “sfrutterà gli oscuri pregiudizi psicologici che aumentano la competizione sociale”, ha detto. Quindi il processo di adattamento al covid-19 è appena iniziato. Questo punto di svolta nell’evoluzione umana deve ancora arrivare.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.