mercoledì 3 Giugno 2020

Bolsonaro ormai fantoccio. Il Brasile è una “democrazia” militare

Bolsonaro ormai fantoccio. Il Brasile è una “democrazia” militare

Dopo l’imbarazzante performance di Bolsonaro, negazionista rispetto al Covid, i militari si inventano un presidente “operacional”. E lo scavalcano

di Victoria Darling

Nei giorni scorsi è stata diffusa la notizia che il generale Walter Braga Netto, fino a ieri primo ministro della Casa civile – nominato solo nel febbraio di quest’anno -, ha assunto la presidenza operativa del Brasile. La notizia non è stata diffusa dai grandi media brasiliani, ma con mezzi alternativi, tra cui il sito defesanet.com.br, un mezzo per diffondere notizie tra le forze di sicurezza. I principali media, tuttavia, hanno fatto esplicito riferimento al Presidente solo pochi giorni fa, riferendosi all’isolamento politico di Bolsonaro nel contesto della nuova pandemia COVID.19

Quel che è certo è che lo scavalcamento del presidente Bolsonaro da parte di un gruppo di militari dell’Esercito non sembra una falsa notizia se si analizza il contesto in cui l’attenzione del pubblico è distorta, che in misura minore riesce a concentrarsi sui compiti primari di prevenzione del nuovo coronavirus. Riceviamo informazioni diverse, notizie contraddittorie, senza un orientamento preciso su ciò che è prioritario per affrontare la pandemia.

Lo stesso ministro della Salute ha detto durante la conferenza stampa del 27 marzo che le chiese devono rimanere aperte, che è necessario pregare perché è ciò di cui ha bisogno la cittadinanza, che la fede è un elemento che migliora l’anima e lo spirito. A sua volta, il medico ortopedico ha detto, d’accordo con il Presidente, che l’economia è importante e che la salute non può essere trattata in modo isolato, poiché non esiste un solo grande problema, come il coronavirus. Ha persino suggerito di bere molto tè, rafforzando l’idea in altre apparizioni pubbliche in cui ha commentato le proprietà benefiche della camomilla.

Di fronte a queste affermazioni dell’Ala dei Professionisti della Sanità dell’Esecutivo, completamente evasive, poco chiare e senza molto supporto scientifico, Bolsonaro, dal canto suo, ha gradualmente cambiato orientamento ed enfasi, il suo discorso. Partendo da una prima presa in giro degli effetti della pandemia COVID19 nel mondo, ha sottolineato e continuato a fare pubbliche allusioni alle magre conseguenze che potrebbe avere in Brasile. Non solo ha ridicolizzato coloro che hanno mantenuto la posizione di necessaria distanza sociale fin dall’inizio, ma ha anche distorto le dichiarazioni del Direttore Generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, Tedros Adhanom Ghebreyesus, estrapolando dal contesto un video in cui metteva in guardia sugli impatti della distanza sociale. Il video originale conteneva un messaggio in cui il Direttore dell’OMS avvertiva dell’impatto dell’isolamento sui settori più poveri della società al fine di guidare le azioni per proteggerli. L’estratto del team di comunicazione di Bolsonaro mostrava solo il passaggio in cui l’isolamento era menzionato come un rischio per l’economia. Ciò significava che Bolsonaro era in pieno accordo con le linee guida dell’OMS. Da qui in poi, il Presidente non ha fermato la sua linea distorta, ha persino condiviso sui social network un video in cui un ragazzo ha raccontato la carenza di un mercato all’ingrosso nel sud-est della città di Belo Horizonte, preceduto dalla frase “per voi che avete detto (…) che l’economia non è importante e che le vite devono essere salvate, guardate”. Lo stesso giorno, i media locali sono usciti a negare le immagini del video. Il Presidente si è scusato dicendo: “Ho l’umiltà di scusarmi per questo.

walter braga netto

È solo dal 31 marzo, ufficialmente, che il ramo esecutivo e i governatori dello stato sembrano aver raggiunto un primo segno di accordo. Fino a quel giorno, i governatori hanno dimostrato solo prendendo misure nei loro territori e hanno fatto richieste all’Esecutivo chiedendo la revisione delle risorse per migliorare e aggiornare i servizi sanitari pubblici. Dei 27 governatori del Paese, 25, tra cui alcuni dello stesso settore politico del Presidente, erano contrari alle misure del Presidente per dare priorità all’economia e non per promuovere misure di allontanamento e di confinamento in casa. Alcuni hanno espresso pubblicamente la loro opposizione alle parole del Presidente e alla sua proposta di “isolamento verticale” in cui solo i gruppi a rischio dovrebbero essere isolati, altri hanno evitato di criticarlo ma hanno mantenuto misure di isolamento sociale dall’intera popolazione dei loro Stati.

Finora le misure adottate sono in contraddizione con le politiche adottate. Da un lato, il governo ha detto che il coronavirus avrebbe avuto effetti sulla salute che non avrebbero superato quelli di un “piccolo crack”, e allo stesso tempo ha stanziato 600 milioni di reais, oltre ai 400 milioni di reais già stanziati, dal Ministero della Salute agli Stati. D’altra parte, pur incoraggiando la non interruzione delle attività, si è impegnata a distribuire 600 reais ad ogni beneficiario del programma sociale Bolsa Familia, nei prossimi giorni.

Tali contraddizioni nel discorso e nelle pratiche dell’Esecutivo non sono del tutto gratuite. Mentre i culti religiosi sono definiti servizi essenziali, il numero di respiratori necessari per un periodo di aggravamento degli effetti della pandemia è sconosciuto. La polizia è arrivata a forzare le strade aperte a Maranhão per interrompere l’isolamento, e anche il governo federale ha cercato di impedire la spedizione di respiratori al comune di Recife.

Nella foga di queste tensioni, le posizioni all’interno del Gabinetto di Presidenza si sono acuite. La decisione, secondo notizie non ufficiali, sarebbe stata quella di mantenere Bolsonaro al potere senza un potere effettivo. La figura che le Forze armate hanno trovato è quella della “presidenza operativa”, (“operacional”, in portoghese). Una presidenza operativa è una funzione pubblica che non esiste nelle regole democratiche del gioco, tuttavia il motto evita di entrare in un dibattito sul tema di un colpo di stato o di una domanda sull’acquisizione.

Come abbiamo visto, la discussione sul regime politico non sembra avere un immediato potenziale esplicativo nei tempi attuali. Il dibattito tra intellettuali e accademici sul caso boliviano ha portato a distanze maggiori tra posizioni non del tutto dissimili rispetto alle conclusioni trasformate. In questo senso, vale la pena fermarsi e specificare nel campo delle pratiche ciò che sta accadendo sul terreno dell’élite al potere in Brasile, molto di più per pensare alla necessità di costruire il buon senso e di mettere in guardia sugli impatti che queste azioni politiche avranno. Anche se il governo in Brasile era sotto il comando di un ex capitano dell’esercito, eletto con voto popolare, ci si aspetta da ora in poi una maggiore intensità nella leadership da parte dell’esercito stesso. Questo cambiamento sottolinea quella che si sta costruendo come una democrazia militare in cui, aggiunta ai vari casi già esistenti nella regione, distorce i quadri giuridici e giustifica i progressi in materia di libertà civili e politiche. La pandemia viene ricreata come uno scenario di eccezionalità in cui l’isolamento sembra essere la cosa giusta da fare; tuttavia, non è mai stato in ogni caso, così pericoloso, mantenere l’isolamento sociale.  

* Victoria Darling è docente presso l’Universidade Federal da Integraçao Latino-Americana (UNILA).

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.