29.2 C
Rome
sabato 31 Luglio 2021
29.2 C
Rome
sabato 31 Luglio 2021
HomecultureNick Hornby: la tv pubblica non si tocca!

Nick Hornby: la tv pubblica non si tocca!

Il modo con cui la Bbc ci ha guidato nella crisi del Covid dimostra che dovremmo dare più che mai valore alla sua calma intelligenza (Nick Hornby)

Ho messo zucchero nel caffè per tutta la vita, ma qualche giorno fa, durante la seconda settimana di isolamento, mi sono fermato, per vedere se potevo. Ci sono molti altri compiti che avrei potuto scegliere di portare a termine, naturalmente. Potrei guardare tutti i film di Jean-Luc Godard, o leggere i classici (si usa dire “rileggere” in un forum letterario come questo, ma ne ho letti così pochi che sarebbe perverso rivisitare quelli che ho effettivamente sfogliato), o imparare a cuocere il pane. Ma nessuna di queste è un’ambizione passiva. Richiedono qualcosa da me. Non mettere lo zucchero nel mio caffè è, mi sembra, il perfetto risultato di chiusura, perché alleggerisce il mio carico quotidiano. Una volta dovevo trovare un cucchiaino, metterlo in una zuccheriera e mescolare: un’attività inutile, ora è tutto finito.

Anche guardare la televisione è stato fatto. Ne ho guardata a tonnellate, brillantemente. “Qualcun altro ha finito Netflix?” ha twittato l’altro giorno, e anche se ho trovato tante cose da amare sui canali televisivi – avete visto il documentario di Apollo 11, Honey Land, American Factory, Ozark, The Americans? – c’è anche qualcosa di un po’ inquietante nei canali televisivi che non offrono alcun senso del tempo o del luogo, solo un sacco di grandi contenuti, e a volte disorientano le immagini di persone che fanno tutte le cose che facevamo prima che tutto questo cominciasse. A volte è necessario essere radicati nel momento, anche se, probabilmente soprattutto se il momento è traumatico. L’attuale applauso settimanale per il SSN è prezioso in tutti i modi, ma fare la stessa cosa allo stesso tempo delle altre persone, un semplice piacere che un tempo davamo per scontato, è chiaramente importante per noi. Amiamo Netflix perché ci permette di guardare quello che vogliamo quando vogliamo; guardare la TV in diretta ci ricorda che, nel bene e nel male, siamo una piccola parte di qualcosa di più grande.

Prima che tutto questo cominciasse, la BBC era sotto assedio, apparentemente a causa della sua indipendenza. Era, è, minacciata da ogni tipo di minaccia, compresa la perdita della sua licenza di vita. La BBC, uno dei nostri successi più importanti come nazione! Non sprecherò spazio qui elencando ciò che ci ha dato, la commedia e il dramma e lo sport, alcune delle cose che hanno contribuito a definire chi siamo ora. Lo sapete già, anche se siete i più ottusi deputati conservatori del Parlamento. Ma in questo momento la BBC mi sta aiutando a vivere e a capire una crisi.

“Netflix può aiutarci a dimenticare, ma non può spiegare, informare, illuminare”.
Ho sessantadue anni al momento di scrivere, e sarebbe sbagliato dire che non ho vissuto veramente la storia. Ricordo di aver visto dei filmati del funerale di JFK al telegiornale della BBC, e ricordo che mio padre mi faceva guardare la bara di Churchill che veniva portata su per il Tamigi. E poi ci sono i momenti che molti di voi ricordano, la caduta del Muro, l’11 settembre, il 7 luglio. Ma questa è la prima volta, in realtà, che un evento storico mi ha colpito, nel momento, come sta accadendo, per un periodo di tempo prolungato. L’analogia bellica sta già invecchiando al momento di scrivere, ma quel senso di voler sapere e non voler sapere cosa sta succedendo, leggere numeri tetri, cercare barlumi di speranza, giorno dopo giorno, quando ogni sguardo fuori dalla finestra – su strade vuote, negozi chiusi, l’occasionale volto mascherato – vi illustrerà la storia. È ovunque. Netflix può aiutarci a dimenticarla, ma non può spiegare, informare, illuminare. Negli Stati Uniti, la gente si è letteralmente ammalata a causa della mendacia e della stupidità intenzionale di un notiziario televisivo popolare del tipo che il governo sembra voler vedere nel Regno Unito; la nostra emittente nazionale, nel frattempo, ha cercato di informarci e di educarci divertendoci, come è sempre stato il suo compito. Ieri sera – scrivo questo il 9 aprile 2020, Emily Maitlis ha iniziato Newsnight con un commento editoriale che ha fatto scalpore.

“Coloro che sono in prima linea in questo momento – autisti di autobus e impilatori di scaffali, infermieri, assistenti domiciliari, personale ospedaliero e negozianti sono sproporzionatamente i membri meno pagati della nostra forza lavoro”, ha detto. È più probabile che prendano la malattia perché sono più esposti”. Si tratta di un problema di salute con enormi conseguenze per il benessere sociale”. Ed è un problema di benessere con enormi conseguenze per la salute pubblica”. C’è qualche pregiudizio liberal? O è semplicemente una persona premurosa che ci dice la verità? Vi immaginate di sentirlo dire su Fox News? Riuscite a immaginare un futuro in Gran Bretagna dove non ci sia una piattaforma per un presentatore televisivo che parli in questo modo? 

La maggior parte delle cose che voglio ottenere da questa crisi non accadranno. L’aria non rimarrà pulita come adesso, il traffico tornerà, dimenticheremo che i nostri vecchi e vulnerabili hanno sempre bisogno di protezione. Ma il cielo aiuti i politici che cercano di tagliare qualsiasi cosa in qualsiasi punto del Servizio sanitario nazionale. Mi piacerebbe pensare che il servizio della BBC, la sua calma intelligenza e la sua dedizione alla nostra salute e la nostra capacità di affrontare ciò che il 2020 ci ha gettato addosso, potrebbero renderlo altrettanto intoccabile, e dare a chi lo desidera una pausa di riflessione.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

La trappola del debito incastra le comunali

Comunali 2021: il grande rimosso del debito mentre i faccioni dei candidati già fanno promesse dai cartelloni [Marco Bersani]

La guerra di Lamorgese al dissenso. 10mila agenti Sì Tav

Quasi diecimila rinforzi per l'occupazione militare della Val Susa: è il senso del governo Draghi per la libertà di movimento

Insorgere, allora. La lezione di Gkn

“Siamo tutti GKN!” era l'urlo del corteo, a segnare il salto di qualità di una lotta di riunificazione del mondo del lavoro [Cristina Quintavalla]

Genova, mille ore di silenzio contro la guerra

Il 28 luglio, per la millesima volta, un gruppo di pacifiste/i si riunirà sui gradini di Palazzo Ducale. Stavolta la dedica è alle Veglie contro le morti in mare

L’inganno del Pleasure, ma esiste un porno etico?

Tutto quello che c’è da sapere sul porno – e che il film di Ninja Thyberg non ti dice [Monica Mazzitelli]