lunedì 30 Novembre 2020

Minneapolis, assedio alla polizia dei bianchi. C’è un altro morto

Minneapolis, assedio alla polizia dei bianchi. C’è un altro morto

La polizia a Minneapolis carica i manifestanti indignati per l’omicidio di George Floyd. L’America bianca ama i suoi poliziotti assassini L’editoriale di The Nation (Elie Mystal*)

 

Esplode la rabbia a Minneapolis, dove oltre un migliaio di manifestanti si sono riversati in strada per chiedere giustizia. Giustizia per la morte di George Floyd, la persona di origine afroamericana che nel giorno del Memorial Day è stato soffocato da un poliziotto bianco durante il tentativo di arrestarlo. Il cadavere di un uomo ucciso a colpi d’arma da fuoco è stato trovato all’esterno di un banco dei pegni a Minneapolis, dove per la seconda serata consecutiva molte persone sono scese in piazza per manifestare. I media americani enfatizzano versioni su saccheggi e scontri tra gruppi di dimostranti e le forze di sicurezza. La polizia di Minneapolis, ha spiegato il portavoce John Elder in conferenza stampa, indaga sull’ipotesi che la seconda vittima abbia tentato di saccheggiare il banco dei pegni e sia stato ucciso dal proprietario dell’attività. Una persona sarebbe stata arrestata per l’omicidio. 

Una violenza inaudita, contro un uomo che era inerme e disarmato. In Italia ne sappiamo qualcosa dopo l’omicidio di Federico Aldrovandi, anche lui, così come Ricky Magherini, chiedeva di smetterla con il pestaggio perché aveva fame d’aria. Una violenza che in tanti vogliono non resti ancora una volta impunita. Le forze dell’ordine hanno deciso di ricorrere al lancio di gas lacrimogeni e ai proiettili di gomma per disperdere la folla che assediava il commissariato di polizia dei quattro agenti coinvolti. Tutti licenziati in tronco dopo il video della tragedia girato da un passante e che, diventato virale sui social, ha scioccato l’America. «Non posso respirare… ti prego… non posso respirare», implorava la vittima bloccata a terra e ammanettata, mentre un agente gli preme con forza un ginocchio sul collo.

Big Floyd, come lo chiamava affettuosamente chi lo conosceva, era alto quasi due metri. Un «gigante gentile», ricorda il proprietario del ristorante dove George da cinque anni lavorava come buttafuori. Ma il Conga Latin Bistro da due mesi è chiuso a causa della pandemia, e George era alla ricerca di un nuovo lavoro. I fratelli e la sorella sono sconvolti e chiedono che i quattro agenti licenziati siano messi immediatamente in carcere e processati per omicidio. Uno di loro, Derek Chauvin, 44 anni, da 19 anni in polizia, è quello che ha premuto sul collo della vittima mentre i colleghi stavano a guardare, senza fare e dire nulla. Sarebbe stato altre volte coinvolto in sparatorie, uso eccessivo della forza e violazione delle regolari procedure. Così in rete i manifestanti si sono dati un nuovo appuntamento proprio davanti alla sua abitazione. Ora la città del Minnesota rischia di diventare una polveriera, mentre l’Fbi ha aperto un’indagine e l’ex vicepresidente Joe Biden, candidato alla Casa Bianca, ha chiesto l’avvio di un’indagine federale definendo «vergognoso» il comportamento degli agenti ripresi nel video. Un primo rapporto del dipartimento di polizia ha messo in scena il solito gioco sporco della criminalizzazione della vittima, Floyd sarebbe stato sospettato di trafficare in documenti falsi forse sarebbe stato sotto l’effetto di alcol o stupefacenti e abbia osato opporre resistenza alla police brutality, la versione Usa della malapolizia. Sui social intanto cresce l’indignazione di tanti cittadini comuni, ma anche di personalità della politica e star dello sport e dello spettacolo. La stella del basket LeBron James ha sfogato la sua ira su Twitter ricordando le lotte del movimento #BlackLivesMatter, così come su Instagram è intervenuta la popstar Madonna: «È la cosa più raccapricciante e straziante che io abbia visto da molto tempo a questa parte. Fuck the Police! Sì lo dico, non sono interessata a essere politicamente corretta. Sono interessata alla giustizia». Anche l’ex regina delle passerelle Naomi Campbell ha twittato: «Non ho parole. Sono stanca di tutto questo e sono stanca di persone che muoiono senza motivo. Fate qualcosa!». Intanto, gli assi della Nba non smettono di manifestare indignazione, ancora LeBron James è sceso in campo per una seduta di allenamento individuale indossando una t-shirt con la scritta «Non posso respirare», alludendo chiaramente alla fine di Floyd. Fra i 24mila commenti alla foto postata dallo stesso James, quello dell’attrice Halle Berry: «sono arrabbiatissima, non ci sono parole». Già ieri il fenomeno dei LA Lakers, via social, aveva espresso il proprio sdegno scrivendo: «ora capite? O vi viene ancora nascosto? # State svegli». Altri commenti erano stati fatti da Steve Kerr, capo-allenatore di Golden State e da Stephen Jackson, campione Nba nel 2003 con San Antonio e amico personale («era mio gemello») dell’uomo ucciso dalle forze dell’ordine. Ora protesta anche Stephen Curry, stella di Golden State, che con un lungo post sotto alla foto di Floyd, esanime, bloccato a terra da un poliziotto che gli sta sopra, scrive «se questa immagine non ti dà fastidio e non ti irrita, allora non so che dire. George Floyd aveva una famiglia, non meritava di morire, George ha chiesto aiuto ed è stato semplicemente ignorato, il che vuol dire chiaramente che la sua vita ‘negrà non era considerata importante. George è stato assassinato, e non era un essere umano per quel poliziotto che, consapevolmente, gli ha tolto la vita». Il pivot degli Utah Jazz Rudy Gobert posta invece l’immagine divenuta virale del poliziotto sopra a Floyd e quella di Colin Kaepernick, giocatore all’epoca dei 49ers del football che al momento dell’esecuzione dell’inno nazionale si inginocchiava per protesta contro le discriminazioni razziali. Il commento è «un’altra persona di colore vittima della violenza della polizia».

Di seguito l’editoriale del settimanale di sinistra The Nation (checchino antonini)

 

George Floyd è stato ucciso dalla polizia di Minneapolis in pieno giorno durante il fine settimana del Memorial Day. Sappiamo che è stato assassinato perché il video mostra Floyd ammanettato e bloccato sotto il ginocchio di un agente che gli stava schiacciando la gola sul marciapiede. Floyd poteva essere udito mentre diceva all’agente che non riusciva a respirare. Si sentiva dire all’agente: “Non uccidermi”. Gli spettatori hanno sentito implorare l’ufficiale di smettere di uccidere l’uomo.
La polizia non si è fermata. La polizia non smetterà mai di uccidere volontariamente persone di colore. Le uccisioni continueranno fino a quando la maggioranza dei bianchi in questo paese non farà cessare le uccisioni.
La polizia lavora per i bianchi, e loro lo sanno. Anche i bianchi lo sanno. Nel profondo, i bianchi sanno esattamente chi la polizia dovrebbe “proteggere e servire”, e sanno dannatamente bene che non sono i neri e i “marroni”. Abbiamo visto un video anche di questo, durante il fine settimana. Amy Cooper stava passeggiando a Central Park con il suo cane. Il suo cane era senza guinzaglio, in violazione delle regole del parco e delle ordinanze della città. Un osservatore di uccelli, Chris Cooper, che si dà il caso sia nero, le ha chiesto di seguire le regole. Invece di mettere il suo cane al guinzaglio, Amy ha deciso di usare la razza di Chris contro di lui. Prima ha minacciato di chiamare la polizia, e poi ha fatto proprio questo, sostenendo che un “afroamericano” la stava “minacciando” nel parco.


Nel momento stesso in cui Amy Cooper ha sentito di aver bisogno del sostegno del razzismo istituzionalizzato per superare la mattinata, sapeva esattamente dove trovarlo. Sapeva esattamente chi chiamare. Amy Cooper era quella che violava le regole. Eppure era lì, a chiamare la polizia. Senza dubbio, non le sarebbe nemmeno venuto in mente di chiamarli sulla scena della sua illegalità se non fosse stato per il modo in cui i poliziotti tendono a molestare, a mandare in prigione e, sì, a uccidere persone che assomigliano a Chris Cooper. O George Floyd. O Eric Garner. O Terrance Crutcher. O Alton Sterling. O Emantic Fitzgerald Bradford Jr. O Amadou Diallo.
Quando Amy Cooper ha minacciato di chiamare la polizia, minacciava di togliere la vita a un nero. È una minaccia che funziona solo perché i poliziotti sono così costantemente disposti a uccidere uomini di colore. Amy Cooper è stata in grado di comporre 400 anni di oppressione razziale e violenza sul suo telefono più facilmente di quanto io sia in grado di ordinare una pizza.

Non deve essere per forza così. In America, il potere bianco ha il compito di tenere a freno la polizia. I bianchi potrebbero eleggere sindaci e procuratori impegnati nella riforma della polizia. I giudici e le giurie bianche potrebbero ritenere la polizia responsabile dei loro crimini. I Repubblicani bianchi potrebbero sfidare e alla fine rompere il potere dei sindacati di polizia con la stessa facilità con cui rompono i sindacati degli insegnanti o qualsiasi sindacato che ostacola il capitalismo rapace. Se la maggioranza dei bianchi decidesse, oggi, che la polizia razzista deve finire, inizieremmo a vedere dei cambiamenti nelle forze di polizia entro la metà della prossima settimana.
Ma i bianchi non fermano i loro poliziotti. La maggioranza di loro vuole chiaramente che i poliziotti si comportino in questo modo. Vogliono la cattiveria. Vogliono l’orrore. Perché? Non è solo che la maggioranza dei bianchi americani probabilmente pensa che Amy Cooper abbia fatto la cosa giusta nella sua specifica situazione; è che pensano che un giorno si troveranno in una situazione in cui le azioni di Amy saranno giustificate. Un giorno potrebbero essere da soli in un parco intorno a uno strano uomo di colore, e cosa potrebbe succedere allora? Certo, Chris Cooper sembra una “simpatica” persona di colore, ma se non lo fosse? E se fosse un nero “cattivo” o “aggressivo”, e tu fossi solo nel parco, da solo, a portare a spasso il tuo cane illegalmente? Meglio tenere in giro poliziotti brutali, pericolosi e razzisti, perché, ehi, non si sa mai.

I bianchi pensano che un giorno potrebbero essere Amy Cooper e vogliono avere qualcuno da chiamare, non si sa mai. Sanno che non saranno mai Chris Cooper. Fare una società che sia sicura per Chris Cooper per il suo bird-watching mentre il nero non è la cosa più importante per la maggioranza dei bianchi d’America.
Oh, un gruppo di bianchi sarà performativamente indignato e rattristato dal comportamento di Amy Cooper. Parteciperanno volentieri al suo trascinamento online. Ma quando si tratterà di castrare la polizia in modo che le Amy Cooper del mondo non abbiano quel tipo di privilegio e potere sui Chris Cooper del mondo, la maggior parte di quei bianchi rimarrà in silenzio.
Allo stesso modo, i bianchi parteciperanno all’indignazione per specifici omicidi, come l’omicidio di George Floyd o quello di Breonna Taylor. Si uniranno alle chiamate per rendere conto dei singoli razzisti, come Amy Cooper o Gregory e Travis McMichael. Ma quando arriva il momento di affrontare i fornitori istituzionali di razzismo, in contrapposizione ai singoli attori cattivi, l’indignazione e il sostegno della comunità bianca non c’è. Vediamo che la disconnessione è ora in mostra mentre la polizia usa il coronavirus per minacciare e molestare i neri e i “brown”.

Il Center for Constitutional Rights, il NAACP Legal Defense Fund e la Legal Aid Society hanno aderito a una mozione di enforcement che chiede ai tribunali di indagare sull’applicazione della distanza sociale del Dipartimento di Polizia di New York durante la pandemia. La mozione legale suggerisce che la polizia di New York sta violando gli ordini del tribunale imposti alla città dopo il suo programma incostituzionale di stop-and-frisk (discutibile pratica del dipartimento di polizia di New York City di detenere temporaneamente, interrogare e talvolta cercare civili e sospetti per strada per armi e altro contrabbando, ndr). Gli avvocati chiedono una moratoria immediata sull’applicazione degli ordini di distanziamento sociale da parte della polizia di New York.

Da marzo, l’81% delle violazioni di distanziamento sociale emesse dalla polizia di New York sono state commesse contro persone di colore o latino-americane. E queste statistiche confermano semplicemente ciò che i nostri occhi ci stanno già dicendo. Abbiamo visto tutti le foto di persone bianche riunite nei parchi come agenti di polizia che distribuiscono gentilmente maschere, ma nessuna multa, proprio come abbiamo visto tutti i video, girati a un quartiere di distanza, che mostrano persone di colore e “brown” che vengono picchiate e maltrattate dai poliziotti per presunte violazioni dei protocolli di distanziamento sociale.
Chiunque avrebbe potuto prevederlo. In realtà, ho scritto di come questo sarebbe successo una volta che la polizia di New York avesse avuto il potere di far rispettare la distanza sociale. Non ho una sfera di cristallo. Non sono un mago. So solo che non ci si può fidare dei poliziotti con il potere che hanno già – e non dovrebbero mai più esserlo. Mettere la polizia di New York a capo dell’applicazione dell’allontanamento sociale è stata una decisione che, ovviamente, avrebbe portato a un’applicazione razziale degli ordini, tanto che si deve supporre che fosse intenzionale.

La maggior parte dei neri sa cosa succede quando ai poliziotti viene dato il potere, ma non riusciamo a convincere il 51% dei bianchi a fare qualcosa. Non riusciamo a far sì che il sindaco di New York Bill de Blasio, che ha incentrato la sua prima campagna elettorale per il sindaco sulla sua opposizione allo stop-and-frisk, prenda posizione contro le azioni razziste delle sue forze di polizia. Non riusciamo a convincere i bianchi che sono disposti a riunirsi in grandi folle a godersi una giornata di primavera per radunarsi in una grande folla per protestare al municipio.
Perché dovrebbero? I bianchi non sono ignoranti e non sono ciechi. Vedono il pregiudizio razziale nella polizia, e sanno che il pregiudizio va a loro vantaggio. Sanno che non si beccheranno un pestaggio per non aver indossato una maschera. Sanno che non saranno soffocati a morte per strada in pieno giorno. Sanno che avere intorno agenti di polizia razzisti dà loro un potere incredibile, e il potere fa sentire bene le persone anche se non lo usano mai. Sono stato in stanze dove ho sentito persone bianche congratularsi con se stesse per non aver chiamato la polizia per qualche nero, come se declinare l’opzione di usare il terrorismo contro un nero fosse una specie di prova di buona fede liberale.
I neri hanno cercato, più e più volte, di porre fine all’orrore della brutalità della polizia contro di noi. Noi marciamo, protestiamo, educhiamo, e votiamo. Insegniamo ai nostri figli un insieme speciale di regole. Produciamo arte, letteratura e musica che documentano il nostro dolore. Diamo vita a organizzazioni e movimenti. Eppure non possiamo ottenere un cambiamento strutturale nella polizia perché la maggioranza dell’America bianca ci mette sempre contro la sua volontà. I bianchi nelle nostre comunità, i nostri presunti “amici e vicini”, votano e agiscono costantemente in modi che danno potere alla polizia e ignorano la loro brutalità contro di noi.
I bianchi potrebbero mettere al guinzaglio i loro cani poliziotto. Ma non lo faranno. E altri neri e “brown” verranno sbranati e uccisi finché i bianchi non decideranno di fare di meglio. Più neri moriranno come George Floyd, perché la maggior parte dei bianchi vuole vivere come Amy Cooper.

#RACISMANDDISCRIMINATION #POLICEBRUTALITY #BLACKLIVESMATTER

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.