Minneapolis, 4 agenti bianchi uccidono un afroamericano

Minneapolis, 4 agenti bianchi uccidono un afroamericano

Minneapolis, video sbugiarda 4 agenti bianchi, ora licenziati per aver ucciso un afroamericano che implorava di smetterla, che non respirava

La malapolizia è anche razzismo. Specie negli States dove quattro poliziotti di Minneapolis sono stati licenziati e i leader statali e locali chiedono risposte dopo aver visto un video che mostra un poliziotto bianco di Minneapolis con il ginocchio sul collo di un afroamericano in custodia, morto in seguito al loro intervento. Il video, registrato da un passante e postato sui social media, mostra l’uomo a terra che dice di non poter respirare mentre l’agente si inginocchia sul collo. Un avvocato che rappresenta la famiglia dell’uomo lo ha poi identificato come George Floyd. Una storia che, vista dall’Italia, riporta alla mente le agghiaccianti vicende degli omicidi di Federico Aldrovandi e Riccardo Magherini e Michele Ferrulli, morti in circostanze simili ma con esiti giudiziari diversi tra loro.

L’FBI è stata chiamata per indagare su possibili violazioni dei diritti civili. Anche il Minnesota Bureau of Criminal Apprehension sta indagando. Il video dell’incidente del lunedì sera ha inviato onde d’urto attraverso le città gemelle. Il governatore Tim Walz ha giurato di chiedere giustizia per la morte di Floyd. “La vita di George Floyd era importante. Era un essere umano e quello che tutti noi abbiamo visto in quel video era sbagliato in tutti i sensi. È stato orribile”, ha detto martedì il sindaco Jacob Frey in un’intervista con North News, dopo che gli agenti erano stati licenziati.

“Quando senti qualcuno chiedere aiuto – specialmente quando sei responsabile della protezione e del servizio – tu fornisci quell’aiuto”. Questo agente ha fallito nel senso umano più elementare”, ha detto il sindaco. “Per cinque minuti abbiamo guardato un agente bianco che premeva il ginocchio sul collo di un uomo di colore, che era indifeso”, ha detto Frey del video. “Per cinque minuti interi. Non si è trattato di una questione di una frazione di secondo o di un cattivo processo decisionale”. Quando gli è stato chiesto se gli agenti saranno arrestati, Frey ha risposto che non poteva ancora fornire dettagli al riguardo. Il capo della polizia di Minneapolis, Medaria Arradondo, martedì non ha identificato i quattro agenti, ma ha detto che ci sono azioni criminali in corso.

Floyd, 46 anni, lavorava alla sicurezza al Congo Latin Bistro, secondo la pagina Facebook del ristorante del sud di Minneapolis. L’ufficio del procuratore della contea di Hennepin ha pubblicato una dichiarazione che dice che i procuratori sono stati “scioccati e rattristati” da ciò che hanno visto nel video. Hanno promesso una “revisione approfondita e accelerata” per possibili accuse una volta che l’indagine sarà terminata.
La polizia ha detto di aver trovato un sospetto in un’auto dopo essere stata chiamata all’isolato 3700 di Chicago Avenue South alle 20.00 circa di lunedì su una segnalazione di un furto in corso.
“Gli è stato ordinato di scendere dall’auto. Dopo essere uscito, ha resistito fisicamente agli agenti”, ha detto il portavoce della polizia John Elder in una dichiarazione. “Gli agenti sono riusciti a mettere il sospetto in manette e hanno notato che sembrava soffrisse di problemi di salute”.
Nel video di circa 10 minuti si vede un poliziotto di Minneapolis con il ginocchio sul collo di Floyd. Floyd è sdraiato a faccia in giù e dice ripetutamente agli agenti che non riesce a respirare.
Un secondo agente sembra mettere le manette all’uomo, ma è in gran parte invisibile e un terzo agente è in piedi a pochi metri di distanza, e a volte si trova di fronte alla persona che registra l’incidente e ad altri spettatori. Non è chiaro dove possa essere stato il quarto ufficiale.
“Per favore, per favore, per favore, per favore, non riesco a respirare. Per favore, amico”, si sente dire a Floyd all’agente. Per tutta la durata dell’incidente, gli spettatori possono essere sentiti implorare gli agenti di rilasciare l’uomo.
A un certo punto e dopo alcuni minuti, un ufficiale dice all’uomo “di rilassarsi” e gli chiede cosa vuole. “Non riesco a respirare”, risponde. “Mi fa male lo stomaco, mi fa male il collo, mi fa male tutto”. Chiede dell’acqua.

Poco tempo dopo, l’uomo smette di muoversi e smette di parlare. I paramedici arrivano poco dopo, lo fanno rotolare sulla schiena – cullandogli il collo – e lo mettono su una barella. Floyd è stato portato in ambulanza all’HCMC, dove è morto poco tempo dopo, ha detto la polizia. Il nome dell’agente visto inginocchiato sul collo non è stato immediatamente rilasciato.

Non c’è molta fiducia
Ad Arradondo è stato chiesto martedì dell’agente che ha usato il ginocchio sul collo dell’uomo durante l’arresto. “Abbiamo chiaramente delle politiche in atto per quanto riguarda la messa sotto controllo di qualcuno”, ha detto Arradondo, affermando che l’esame di ciò che è successo e di come tali politiche si applicano “farà parte dell’indagine completa che faremo internamente”.

La polizia ha detto che non sono state usate armi e che le telecamere del corpo degli agenti hanno registrato l’incidente. Tutti i filmati sono stati consegnati al BCA, che indaga sulla maggior parte delle sparatorie della polizia e delle morti in custodia. L’avvocato Ben Crump, che è stato trattenuto dalla famiglia dei Floyd, ha definito l’incidente come violento, disumano ed eccessivo.
Crump ha rappresentato le famiglie di Trayvon Martin, ucciso nel 2012 in Florida da un volontario della vigilanza di quartiere, Michael Brown, ucciso dalla polizia a Ferguson, Mo., nel 2014, e Tamir Rice, un dodicenne ucciso dalla polizia a Cleveland nel 2014. L’avvocato per i diritti civili e attivista Nekima Levy Armstrong ha detto che l’incidente non avrebbe dovuto accadere e che era opportuno che gli investigatori federali rispondessero. L’agente è bianco e Floyd è nero.
“La speranza è che l’FBI prenda la questione seriamente, e indaghi in modo equo e imparziale sulla sua vicenda, ma alla fine la comunità non ha molta fiducia in coloro che fanno parte del sistema”, ha detto.
Alle 17.00 è prevista una protesta all’incrocio tra la 38esima strada e Chicago Avenue South.

All’inizio della giornata, Walz ha detto che avrebbe chiesto delle risposte. “La mancanza di umanità in questo video inquietante è nauseante”, ha scritto Walz su Twitter. Frey ha fatto eco a questi sentimenti, dicendo su Facebook: “Quest’uomo non sarebbe dovuto morire. … Credo che quello che ho visto e quello che ho visto sia sbagliato ad ogni livello”.

I problemi di razza affliggono MPD, il Dipartimento di Polizia di Minneapolis che ha a lungo provato a migliorare i suoi rapporti con i membri della comunità nera della città. I dati della città mostrano che gli afroamericani hanno più probabilità di altri di essere fermati e perquisiti dalla polizia, oltre ad essere gli obiettivi sproporzionati dell’uso della forza da parte della polizia. Gli sforzi per costruire un rapporto di fiducia con gli afroamericani hanno sofferto ulteriormente a seguito delle fatali uccisioni di uomini di colore da parte della polizia.

La morte per fucilazione di Jamar Clark, avvenuta nel 2015, ha fatto precipitare diverse settimane di proteste sostenute fuori dal distretto di polizia di Minneapolis nord. Alcuni testimoni avevano detto che Clark era stato ammanettato quando l’agente Dustin Schwarze ha sparato e lo ha ucciso a distanza ravvicinata. Dopo un’indagine, i procuratori hanno ritenuto che l’uso della forza da parte di Schwarze fosse giustificato e hanno detto che stava proteggendo il suo partner Mark Ringgenberg, che all’epoca stava lottando con Clark.

Nel 2018, gli agenti hanno ucciso Thurman Blevins e Travis Jordan. L’anno scorso la polizia ha sparato e ucciso Mario Benjamin. In ogni caso, gli agenti sono stati prosciolti dalle accuse penali.
L’unico agente di polizia di Minneapolis ad essere stato condannato per una sparatoria in servizio, fatale, è stato Mohamed Noor, che ha sparato e ucciso Justine Ruszczyk nel 2017. Noor è nero. Ruszczyk, era bianco. In una dichiarazione, il capo della Minneapolis Police Federation, Bob Kroll, ha chiesto la calma e ha esortato la gente a lasciare che l’indagine faccia il suo corso prima di trarre conclusioni. “È in corso un’indagine approfondita”, ha detto. “I nostri agenti stanno cooperando pienamente. Dobbiamo rivedere tutti i video. Dobbiamo aspettare il rapporto del medico legale”.

Mike Quinn, un poliziotto di Minneapolis in congedo da 23 anni, che ha offerto la testimonianza di un esperto durante i processi per cattiva condotta della polizia sull’uso della forza, ha visto il video e ha detto che mentre non vedeva cosa ha portato allo scontro, l’uomo a terra sembrava essere sotto controllo. “Voglio essere in grado di giustificare l’uso della forza da parte della polizia”, ha detto, “ma non c’era – assolutamente nessuna giustificazione per quello che è successo lì”. Quinn, che insegna anche l’intervento tra pari per gli agenti, ha detto che i poliziotti hanno il dovere di fermare i colleghi che si spingono troppo oltre. “Erano obbligati ad intervenire in questo caso e a fermare quell’agente”, ha detto Quinn riferendosi agli altri agenti fotografati nel video. “E non l’hanno fatto”.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.