28 C
Rome
domenica 1 Ottobre 2023
28 C
Rome
domenica 1 Ottobre 2023
HomemalapoliziaSpaventoso e provvisorio bilancio degli abusi in divisa da Nahel in poi

Spaventoso e provvisorio bilancio degli abusi in divisa da Nahel in poi

Un mese dopo l’omicidio di Nahel, su Mediapart un primo resoconto dell’impressionante violenza della polizia francese [Antton Rouget]

Riusciremo mai a misurare la portata della repressione dei giovani nei quartieri popolari di un mese fa? Dall’esplosione di rabbia in seguito alla morte di Nahel, 17 anni, colpito a bruciapelo da un agente di polizia il 27 giugno a Nanterre (Hauts-de-Seine), non passa settimana senza che si registri un nuovo episodio di violenza da parte della polizia. Un 27enne muore a Marsiglia; un altro, di 25 anni, è ancora in coma a Meurthe-et-Moselle; a un 15enne vengono strappati i bulbi oculari nell’Essonne, e così via.

Mentre si susseguono le storie e le immagini di questi giovani dai volti distrutti, le conseguenze della settimana di disordini durata dal 27 giugno al 5 luglio iniziano a prendere forma come un mosaico.

Ad oggi, il quadro delle vittime della violenza della polizia, che non è oggetto di alcun commento ufficiale, rimane necessariamente frammentario e incompleto. Come durante i “gilet gialli”, i casi stanno venendo a galla gradualmente, uno dopo l’altro, a causa della mancanza di istituzioni, organizzazioni politiche, strutture sindacali o associazioni in grado di collegare rapidamente tutte le vittime, o anche di incoraggiarle a parlare, a organizzarsi in un collettivo, a rivolgersi ad avvocati o a rivolgersi ai media.

Tuttavia, queste cifre, molto provvisorie, danno una prima idea della straordinaria brutalità che si è verificata in diverse città francesi nel giro di pochi giorni.

Mehdi, 21 anni, è rimasto senza occhi dopo essere stato colpito dalla polizia a Saint-Denis nella notte tra il 28 e il 29 giugno

Mehdi ha perso l’uso dell’occhio destro dopo essere stato colpito da un proiettile di difesa durante gli scontri a Saint-Denis (Seine-Saint-Denis) la notte del 29 giugno. “Quella sera mio figlio è andato con un suo amico a Plaine Saint-Denis, vicino a un parco in rue Jamin. Nelle vicinanze c’erano scontri tra giovani e polizia. Tutti scappavano e Mehdi voleva tornare indietro, ma si è trovato da solo contro la polizia”, ha raccontato a Mediapart il padre della vittima, Rachid, 51 anni. Secondo il suo racconto, un agente di polizia ha “puntato una pistola” contro Mehdi prima di “sparargli con un LBD”(lanciatore di palle di difesa, lanceur de balles de défens: noto più comunemente come flash-ball, è stato criticato per la sua imprecisione).

In seguito alla denuncia presentata dall’avvocato della vittima, Lucie Simon, giovedì 20 luglio la procura di Bobigny ha aperto un’inchiesta preliminare per “violenza deliberata che ha provocato un’invalidità permanente”, con l’aggravante di essere stata commessa da persone in posizione di autorità pubblica (PDAP) con un’arma (in questo caso una LBD), un reato punibile con quindici anni di reclusione. Le indagini sono state affidate all’Ispettorato nazionale di polizia (IGPN).

Nathaniel, 19 anni, è stato ferito a Montreuil nella notte tra il 28 e il 29 giugno.

Nathaniel, appena diplomato, stava lasciando una festa di compleanno a Montreuil (Seine-Saint-Denis) quando è stato coinvolto in una carica della polizia. “Siamo scesi in strada ignari. Abbiamo visto alcuni giovani che potevano essere dei rivoltosi e più avanti è stata fermata un’auto di emergenza della polizia […] Sono una persona che tende a lasciarsi intimidire, così ho detto al mio amico che era meglio tornare indietro. Quando ci siamo girati, la polizia aveva lanciato gas lacrimogeni che hanno formato un muro bianco. Siamo tornati indietro dalla parte opposta. Abbiamo cercato di ripararci in una nicchia all’ingresso di un edificio e poi è successo tutto molto rapidamente”, ha raccontato il giovane a Radio France e Libération.

Nathaniel ha riportato sette fratture al volto e ha perso l’uso dell’occhio destro. Non sa quale arma sia stata usata. Sua madre, ex dirigente amministrativo della polizia nazionale, lo ha incoraggiato a sporgere denuncia. Il suo avvocato, Arié Alimi, ha dichiarato che l’Ispettorato nazionale di polizia (IGPN) ha aperto un’indagine preliminare.

Aimène, 25 anni, in coma a Mont-Saint-Martin (Meurthe-et-Moselle) il 30 giugno

Un mese dopo, Aimène è ancora in coma. Secondo le testimonianze dei familiari e degli amici raccolte da Le Monde, Aimène è stata colpita alla testa da un “bean bag”, un proiettile sparato da un poliziotto del Raid, un’unità mobilitata in diverse città francesi, tra cui Mont-Saint-Martin, una cittadina di 10.000 abitanti nella Meurthe-et-Moselle.

Nel quartiere in cui è avvenuta la tragedia, i residenti hanno dichiarato a Le Monde di essere stati “presi di mira” dai membri del Raid, anche se non stavano partecipando agli scontri, descrivendo la notte come “terrificante”. Anche Serge de Carli, sindaco di Mont-Saint-Martin ( sinistra), ha dichiarato all’AFP: “Alcuni giovani mi hanno detto che c’erano molte sparatorie in corso”.

Il pubblico ministero del tribunale di Val de Briey ha inizialmente aperto un’inchiesta in flagranza di reato per “violenza con arma da parte di una persona che detiene un’autorità pubblica”, affidata all’Ispettorato generale della polizia nazionale (IGPN). Data la “complessità dei fatti”, la procura di Val de Briey ha poi deferito il caso alla procura di Nancy, che ha aperto un’inchiesta giudiziaria. L’avvocato della famiglia di Aimène, Yassine Bouzrou, ha appena chiesto il trasferimento del caso, denunciando il rifiuto dei giudici istruttori di dargli accesso al fascicolo.

Virgil, 24 anni, colpito all’occhio a Nanterre nella notte tra il 29 e il 30 giugno.

Ex soldato, Virgil “non capisce perché gli abbiano sparato in un occhio, senza alcun motivo”. Secondo il suo racconto, rivelato da Blast, stava camminando in una strada di Nanterre intorno a mezzanotte dopo aver partecipato alla marcia bianca in omaggio a Nahel il 29 giugno, quando è stato attaccato da un gruppo di agenti di polizia, che gli avrebbero detto di “andarsene”, prima di essere colpito all’occhio sinistro pochi istanti dopo, ha detto nella sua denuncia. Secondo il suo avvocato, Arié Alimi, Virgil non potrà mai riacquistare l’uso dell’occhio.

L’inchiesta, affidata all’IGPN, è stata aperta dalla procura di Nanterre il 7 luglio, giorno in cui è stata presentata la denuncia.

Abdelkarim, 22 anni, rimasto orbo a Marsiglia nella notte tra il 30 giugno e il 1° luglio

A Marsiglia, Abdelkarim ha perso anche l’uso dell’occhio sinistro mentre passava davanti a un gruppo di agenti di polizia. Secondo il suo racconto a Mediapart, stava camminando “da solo” nel centro della città per andare a casa di un amico a 150 metri di distanza. “Le persone che stavano rompendo le cose erano lontane. Non c’era nessuno, solo la polizia”, ha spiegato, ricordando le circostanze della tragedia. Ho camminato verso di loro per entrare nel vicolo e raggiungere il mio amico”, ha proseguito. Mi hanno lasciato andare avanti. Non hanno detto nulla. Ho visto un poliziotto che mi puntava contro, ma non mi sono accorto che stava per spararmi, non ho nascosto il viso. Quando ho cercato di girarmi, mi hanno sparato».

Secondo il giovane, gli agenti di polizia erano a bordo di veicoli Raid, un’unità mobilitata anche quella sera a Marsiglia. Un’indagine preliminare è stata aperta in seguito alla denuncia presentata dal suo avvocato, Arié Alimi, per “violenza deliberata in gruppo che ha causato mutilazioni o infermità permanenti, da parte di una persona in posizione di autorità pubblica, con un’arma” e “tentato omicidio deliberato”.

Mohamed, 27 anni, cugino di Abdelkarim, ucciso a Marsiglia nella notte tra l’1 e il 2 luglio.

Mohamed, cugino di primo grado di Abdelkarim, è morto per le ferite riportate il giorno successivo. Si era fermato in centro a bordo di uno scooter ed è morto per un infarto, probabilmente causato da un colpo di LBD al petto.

All’ospedale, i medici che lo visitarono trovarono due impatti “rotondi” di 4,5 cm di diametro, suggestivi di una “flash-ball” (ora sostituita dall’LBD): uno all’interno della coscia destra, l’altro sul lato sinistro del petto. Secondo l’autopsia, questa “commotio cordis” (impatto sul cuore) ha probabilmente causato l’infarto che ha tolto la vita al 27enne, che non aveva precedenti medici.

Il 4 luglio, la procura di Marsiglia ha aperto un’inchiesta giudiziaria per “colpi mortali” con un’arma, affidata alla polizia giudiziaria e all’Ispettorato nazionale di polizia (IGPN).

In una dichiarazione rilasciata all’epoca, si riteneva “probabile” che la morte fosse stata causata “dal lancio di un proiettile del tipo ‘flash-ball'”, che “ha portato all’arresto cardiaco”. Le indagini sono ancora in corso per determinare le circostanze esatte del decesso.

Hedi, 22 anni, “dato per morto” a Marsiglia nella notte tra l’1 e il 2 luglio

La sera della morte di Mohamed, Hedi è stato colpito da un colpo di LBD che gli ha causato un grave trauma cranico. Il 22enne, la cui testimonianza è diventata virale negli ultimi giorni, ha anche raccontato di essere stato “picchiato” da un gruppo di poliziotti del BAC, con un’assenza dal lavoro di oltre 60 giorni.

Quattro agenti di polizia sono stati incriminati il 21 luglio da un giudice istruttore per “violenza deliberata in gruppo, da parte di una persona in posizione di pubblica autorità, con un’arma, che ha provocato un TIW di oltre 8 giorni”. Uno di loro è stato addirittura posto in detenzione preventiva, il che ha provocato le ire dei sindacati di polizia, ma anche del direttore generale della polizia nazionale, Frédéric Veaux.

“Sono contenta che li abbiano arrestati, è un passo nella giusta direzione”, ha detto Leila, la madre di Hedi, a Mediapart dopo le accuse. “Immagino che abbiano avuto delle informazioni grazie alle telecamere. Abbiamo fiducia nel sistema giudiziario. Ma ho detto a Hedi e alla sua amica Lilian di prepararsi a essere aggrediti, che alcune persone vanno alla ricerca della minima sciocchezza».

A Jalil, 15 anni, la polizia ha strappato i bulbi oculari durante i disordini di Chilly-Mazarin nella notte tra l’1 e il 2 luglio.

A testa china, con lo sguardo ancora perso, Jalil ha deciso di testimoniare a StreetPress martedì 1° agosto. Jalil ha 16 anni. Aveva 15 anni quando, un mese prima, ha perso l’uso dell’occhio destro.

Nonostante il coprifuoco imposto dal sindaco di sinistra della città, Jalil è uscito per incontrare un amico intorno alle 22.30 della notte tra l’1 e il 2 luglio. “Non avevo alcuna intenzione di rompere nulla, eravamo abituati a stare lì con i miei amici”, spiega. Il giovane ha poi spiegato di essersi trovato in un gruppo di circa dieci persone con “qualcuno più grande di lui che ha acceso un mortaio e ha iniziato a mirare al CRS” presente sulla scena. Jalil racconta di essersi trovato sulla linea di tiro. Poi: “Ho avuto dei flash, come se avessi perso conoscenza e mi fossi svegliato a 20 metri di distanza correndo. Non sentivo nulla”.

Il 4 luglio la procura di Évry ha aperto un’inchiesta preliminare per “violenza deliberata commessa da una persona che agisce in veste ufficiale”.

Il 24 luglio Emmanuel Macron, che ha preferito sottolineare i “900 feriti” tra i poliziotti, ha fornito le seguenti cifre: “28 indagini avviate dall’IGPN, la forza di polizia, e dall’IGGN, l’ispettorato generale della gendarmeria nazionale”. Le ultime cifre disponibili.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Francia, 150 piazze contro la polizia razzista e assassina

Migliaia di persone hanno sfilato in Francia contro il razzismo sistemico e la violenza della polizia [Pascale Pascariello e Rachida El Azzouzi]

«Che sbaglio licenziare Gibelli, ma basta fango sulla Cgil!»

Il caso del licenziamento dell'ex portavoce di Corso Italia e le speculazioni di stampa e tv di destra. Parla Eliana Como portavoce dell’area di sinistra radicale in Cgil

Fumetti. La rentrée di Magico Vento

Tre albi, da ottobre a dicembre, riporteranno la serie di Gianfranco Manfredi in edicola

Estela Carlotto: “Non staremo zitte! Dobbiamo prenderci cura della democra...

Argentina. Intervista a Estela Carlotto, presidente delle Abuela de Plaza de Mayo di fronte al revisionismo storico del candidato della destra liberista [Victoria Ginzberg]

Con Attac, fuori dalla guerra e dal liberismo

“Il pianeta della cura” Presentazione dell’Università estiva 2023 di Attac Italia