mercoledì 21 Ottobre 2020

La folle storia del laboratorio P4 di Wuhan

La folle storia del laboratorio P4 di Wuhan

Wuhan, il laboratorio di alta sicurezza (P4) dell’Istituto di virologia è stato progettato dalla Francia su cui dal 2017 non ha più alcun controllo  (Karl Laske e Jacques Massey)

 

“Signore e signori, questo laboratorio che abbiamo costruito insieme sarà una punta di diamante nella nostra lotta contro le malattie emergenti”, ha detto il primo ministro Bernard Cazeneuve a Wuhan il 23 febbraio 2017. Ciò aumenterà notevolmente la capacità della Cina di condurre ricerche all’avanguardia e di rispondere efficacemente all’insorgere di malattie infettive che minacciano le persone in tutto il mondo”.
Tre anni dopo, un nuovo coronavirus, il SARS-CoV-2, che ha avuto origine nella città di Wuhan, si è diffuso a macchia d’olio in tutto il mondo, con ricercatori ancora incapaci di individuarne la precisa origine.
La “punta di diamante” non ha mantenuto la promessa di Bernard Cazeneuve. Peggio ancora, alla Francia è stato impedito di attivare il laboratorio di Wuhan dopo averlo consegnato alla Cina.
Questo tipo di laboratorio, chiamato P4, è un gioiello high-tech. Il contenimento deve essere massimo, perché i ricercatori dotati di tute sono dedicati allo studio dei microrganismi del gruppo di rischio 4, cioè degli agenti altamente patogeni – caratterizzati da un’elevata mortalità, da un altissimo potere di diffusione e per i quali non esiste un trattamento.
Contrariamente agli impegni presi, non un solo ricercatore francese è entrato a far parte della struttura sui cinquanta posti inizialmente previsti. Secondo l’inchiesta di Mediapart, questo fallimento era prevedibile, a volte anche annunciato diversi anni fa da funzionari dell’amministrazione della difesa e della sanità che hanno avvertito i governi francesi dei rischi insiti in questo trasferimento di tecnologia alla Cina, in particolare che sarebbe stata libera dalle garanzie sancite dall’accordo di cooperazione firmato nel 2004 in materia di sicurezza tecnica e legale e di controllo dell’impianto.
Le preoccupazioni erano molteplici. La prima di queste è stata la possibilità di una duplicazione da parte delle autorità cinesi, e la sua acquisizione da parte dell’Esercito Popolare di Liberazione per scopi militari. Questo è noto come il rischio di “proliferazione”.
Le preoccupazioni erano anche di natura scientifica: il laboratorio P4 sarebbe diventato un vero e proprio strumento di cooperazione o sarebbe stato chiuso dalla forza del partito-stato cinese? Ma c’erano anche problemi di sicurezza. C’era grande incertezza sulla costruzione della struttura: le aziende e le autorità sanitarie cinesi si sarebbero adeguate agli standard internazionali di sicurezza e protezione? La Francia avrebbe potuto garantire l’affidabilità dell’impianto se le regole di funzionamento non fossero state le stesse e la formazione insufficiente?
Nonostante tutti questi timori, il progetto è stato portato al massimo livello di priorità tra Francia e Cina dal 2004, originariamente dal Presidente Chirac. Ma è prima di tutto il progetto di Alain Mérieux, il presidente dell’Institut Mérieux – la società madre di bioMérieux. Il P4 di Wuhan è infatti una replica del laboratorio P4 costruito a Lione dalla Fondazione Mérieux, ora nelle mani di Inserm.
Nel 2008, Mérieux è stato nominato co-presidente del comitato direttivo dell’accordo franco-cinese. Per 15 anni, Mérieux si è fatto portavoce delle autorità cinesi per far sì che la Francia chiudesse un occhio il più possibile sulle garanzie legali che si era prefissata e si precipitasse a costruire.
Secondo un alto funzionario contattato da Mediapart, la pressione cinese è continuata dalla fine dei lavori nel 2015 per ottenere dalla Francia “un trasferimento di ceppi patogeni” dal P4 di Jean Mérieux a quello di Wuhan. Sia le autorità francesi della difesa che quelle sanitarie si sono opposte, in quanto la Francia aveva “perso completamente il controllo” del laboratorio dopo l’accreditamento della struttura da parte delle sole autorità cinesi.
L’attività del laboratorio P4 di Wuhan, collegato da una passerella ad un laboratorio P3 dell’Istituto di Virologia dedicato allo studio dei coronavirus, si sta ora destando interrogativi. Due cablogrammi dell’ambasciata americana a Pechino rivelati da un editorialista del Washington Post, Josh Rogin, hanno riportato, all’inizio del 2018, i contatti di un consulente scientifico americano con i funzionari del Wuhan Virology Institute. Secondo i diplomatici, “il nuovo laboratorio era seriamente carente di tecnici e ricercatori adeguatamente addestrati per far funzionare questo laboratorio ad alto contenimento in sicurezza”.

Ciò è ovviamente insufficiente a sostenere l’ipotesi di una contaminazione accidentale da parte del P4 franco-cinese, o degli altri laboratori di virologia della città, ovvero i quattro laboratori classificati come P3. Ma questa paura di un fallimento ha comunque conquistato alcuni ricercatori di Wuhan. Così la direttrice del Centro per le malattie infettive emergenti, Shi Zhengli, formatasi al P4 di Lione, e specialista in coronavirus – su cui ha co-pubblicato cinque articoli sulla rivista Nature – ha spiegato a fine febbraio su Scientific American che quando il 30 dicembre è stata annunciata la scoperta di un nuovo coronavirus nei pazienti di Wuhan, temeva che il virus potesse provenire dal suo laboratorio.
“Mi ha fatto davvero perdere la testa. Non ho chiuso occhio per giorni”, ha detto, finché non si è assicurata, e oggi ha certificato, che le sequenze genomiche del virus umano non corrispondessero a quelle dei virus di pipistrello campionati dal suo laboratorio.
Gli ambienti scientifici hanno fermamente negato la possibilità che il virus sia stato creato in laboratorio – una teoria di cospirazione avanzata il 20 aprile da Donald Trump – ma la pressione internazionale rimane forte per chiarire le condizioni della comparsa del virus a Wuhan e la gestione della crisi da parte di Pechino.
Il mercato del pesce di Wuhan non è più considerato il punto di partenza del virus, poiché un paziente senza alcun contatto con il mercato sembra essere stato colpito in precedenza dalla malattia.
Sabato scorso, Yanyi Wang, direttore generale del Wuhan Virology Institute, che ospita il laboratorio P4, ha ribadito che il 30 dicembre è stato ottenuto un “campione clinico” di SARS-CoV-2 da analizzare. Ha assicurato alla CGTN, la televisione statale cinese diretta all’estero, che l’istituto non aveva “alcuna conoscenza del virus prima di allora”: “Non avevamo mai incontrato, ricercato o tenuto il virus. “In realtà, come tutti gli altri, non sapevamo nemmeno che il virus esistesse. Come può essere fuggito dal nostro laboratorio? “, ha reagito.
Al vertice virtuale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) del 18 maggio, la Cina ha finalmente accettato in linea di principio un’indagine internazionale sull’origine del nuovo coronavirus, ma non ha specificato la portata dell’indagine.
Mediapart ha risalito il filo della costruzione di questa cooperazione ad alto rischio.
Un progetto di Mérieux convalidato nonostante il semaforo rosso della difesa
«Voglio che si stabilisca la verità su ciò che è realmente accaduto in questo laboratorio – ha detto Jean-Pierre Raffarin a Mediapart – sono certo che, insieme al presidente Jacques Chirac e ad Alain Mérieux, abbiamo agito nell’interesse della Francia, come credo abbiano fatto altri governi successivi».Sono certo che, insieme al presidente Jacques Chirac e ad Alain Mérieux, abbiamo agito nell’interesse della Francia, come credo abbiano fatto altri governi successivi”. Se ricorda che “quattro presidenti, sette primi ministri, una ventina di governi e otto ambasciatori hanno condiviso questo dossier”, l’ex primo ministro è stato uno dei primi politici francesi a convalidare il futuro progetto P4 di Wuhan.
Nell’aprile 2003, ha proseguito il suo viaggio a Pechino nel bel mezzo dell’epidemia di SARS (Sindrome respiratoria acuta), gettando rapidamente le basi per una “cooperazione scientifica” con la Cina “contro le pandemie”, che si è concretizzata con la firma di due accordi da parte del presidente Chirac e del suo omologo cinese il 27 gennaio e il 9 ottobre 2004. È quest’ultimo accordo che formalizza “l’autorizzazione del trasferimento degli elementi costitutivi e del know-how necessari per la creazione di impianti ad alta sicurezza, in particolare l’assistenza alla creazione di un laboratorio di sicurezza biologica di livello 4 (NSB4) presso il Wuhan Institute of Virology” subordinatamente ad un certo numero di condizioni.

Cazeneuve a Wuhan

“L’esercito cinese è interessato ai laboratori P4, è ovvio”.

Sul piano interno, come sempre, alcune legittime riserve sono state espresse durante la fase di indagine – sottolinea Jean-Pierre Raffarin – ma la comunità scientifica – Inserm, Institut Pasteur, il P4 di Lione e Alain Mérieux – ha avuto le argomentazioni per superarle e convincere il Presidente e i sei ministri interessati, non ricordo alcun problema nelle riunioni interministeriali. »

In effetti, Alain Mérieux si è battuto per la domanda cinese di un laboratorio P4 dalla metà degli anni Novanta. “Il mondo della difesa era estremamente riservato, ha detto un alto funzionario della sicurezza nazionale a Mediapart. I rischi legati ai progetti biologici segreti russi e cinesi sono stati costantemente denunciati dai servizi segreti. Ma un rullo compressore pro-cinese cercava di far credere alla gente che si trattasse di un progetto importante. Durante il periodo di convivenza [1997-2002 – ndr], abbiamo costruito una strategia per mettere con chiarezza la situazione, opponendo le richieste di garanzie alle successive bozze di accordi. »

“Le autorità politiche non volevano ostacolare questa richiesta della Cina”, e l’amministrazione era divisa, così il clan di Mérieux ha finito per “vincere la causa”, ha detto il funzionario. “E una parte significativa di queste garanzie sono state inviate alla spazzatura. “Sapevamo tutti che c’era un rischio. La domanda era: vale la pena di rischiare? E inoltre, saremo in grado di controllare la struttura o no? La maggior parte degli esperti ha avuto ragione a dire che non avremmo controllato assolutamente nulla. C’è una tremenda ingenuità sulla Cina. »

Alain Mérieux, 81 anni, erede dell’istituto fondato da suo nonno Marcel e sedicesimo dei grandi patrimoni francesi, non è certo un ingenuo. Ha raccontato di come si è legato alla Cina attraverso il suocero, un industriale dell’automobile che, negli anni Sessanta, già commerciava con Pechino. Ma è stato il suo coinvolgimento nel partito gollista che lo ha messo in contatto con gli apparati cinesi. Durante la mia carriera politica con Jacques Chirac, sono stato portato ad occupare il posto di primo vicepresidente della regione Rhône-Alpes”, ha confidato nell’aprile del 2919, al sito Chine-Info. E nel 1986, quando il presidente della regione firmò un accordo con la municipalità di Shanghai, il cui sindaco era il signor Jiang Zemin [segretario generale del Partito comunista cinese dopo la repressione di Tienanmen nel 1989 e fino al 2002 e presidente della Repubblica popolare cinese tra il 1993 e il 2003 – ndr], ero responsabile delle relazioni con Shanghai. Questa responsabilità mi ha fatto viaggiare in Cina almeno due volte all’anno per dodici anni con i miei colleghi universitari di Lione e Grenoble.
Alain Mérieux ha indicato, tramite l’agenzia di comunicazione Image 7, che avendo “cessato la sua attività” in seno al Comitato franco-cinese per le malattie emergenti nel gennaio 2015, non avrebbe risposto alle domande di Mediapart sul suo coinvolgimento nella consegna del laboratorio di Wuhan.
L’industriale ha specificato di essere stato “coinvolto solo a titolo personale nella gestione di questo comitato” – co-presieduto per la parte cinese dal suo amico, il Ministro della Salute Chen Zhu – il cui obiettivo era “sostenere la creazione di un laboratorio P4”.Inoltre, ha sottolineato, il suo intervento non ha coinvolto le sue aziende: “Né l’Institut Mérieux, né le sue aziende, né la Fondation Mérieux hanno partecipato alla creazione del laboratorio P4 a Wuhan e non sono coinvolti nella sua gestione”.
L’anno scorso, rispondendo a China-Info, aveva invece accennato a “una lunghissima collaborazione” con il ministro della Sanità cinese, e a sforzi “congiunti” che hanno portato alla consegna delle chiavi del laboratorio P4 alle autorità cinesi”. “Il laboratorio P4 è un punto di forza, perché prima di tutto è l’unico laboratorio ad alta sicurezza in Asia”. “Il suo disegno e la sua creazione sono stati voluti da Jacques Chirac quando si trovava in Cina al tempo dell’epidemia di Sras, ha detto. Quando si crea qualcosa, ci sono sempre persone contrarie. Quindi, ovviamente, è stato necessario convincere alcuni Paesi che non erano necessariamente molto entusiasti di vedere questo laboratorio in Cina”.
Interrogato sul rischio dell’uso militare di attrezzature avanzate da parte della Cina, ha risposto: “Tutto dipende da cosa ne fate e da chi ne ha la responsabilità”. Infatti…

“Anche se riusciamo a comprendere la logica medica dell’epidemia post-Sars, il laboratorio P4 pone delle domande – afferma Valérie Niquet, Senior Research Fellow della Fondation pour la Recherche Strategique (FRS) e esperta dell’Asia, che è stata contattata da Mediapart – dobbiamo chiederci quale grado di cooperazione nelle tecnologie sensibili sia possibile con un Paese che sta implementando l’integrazione delle industrie civili e militari. Dobbiamo chiederci quale grado di cooperazione nelle tecnologie sensibili sia possibile con un Paese che sta implementando l’integrazione delle industrie civili e militari. L’esercito cinese è ovviamente interessato ai laboratori P4. Le autorità di sicurezza francesi erano riluttanti a fornire alla Cina questo tipo di laboratorio».

Merieux In Cina

Mérieux minaccia di dimettersi e aumenta il rischio di un incidente.

L’accordo del 2004 comprende componenti che sono stati immediatamente implementati: la consegna di quattro laboratori mobili di tipo P3 e l’installazione di un Institut Pasteur a Shanghai, sotto la supervisione dell’Accademia delle Scienze cinese. La macchina da costruzione P4 si avvia. Il laboratorio sarà progettato dallo studio d’architettura Tourret et Jonery di Lione: è questo studio che ha costruito la Jean-Mérieux P4 a Lione. Una società cinese, IPPR Engineering International, è responsabile dei lavori strutturali, mentre uno specialista francese di biosicurezza, Climaplus, gestisce il contenimento.
Ma alcune delle assicurazioni scritte ottenute dalla difesa in merito al P4 sono complicate. Infatti, in questo documento intergovernativo del 2004, la parte cinese si è impegnata “a migliorare la propria legislazione nazionale e i regolamenti basati sulla normativa francese” per quanto riguarda “l’autorizzazione e la tracciabilità delle operazioni di detenzione, trasferimento, trasporto, importazione ed esportazione relative ad alcuni agenti responsabili di malattie infettive, microrganismi patogeni e tossine”. Senza dimenticare “l’inventario dei ceppi e la loro ispezione”.
Nel 2006, un emendamento sottolinea ulteriormente “la necessità di portare gli standard cinesi”, “che dovrebbero essere applicati alle strutture del futuro laboratorio NSB4 di Wuhan, in linea con gli standard internazionali, le raccomandazioni e le migliori pratiche” in termini di sicurezza biologica, biosicurezza, tra gli altri. i cinesi si impegnano ad intraprendere “il recepimento degli standard internazionali nel corpus normativo cinese” con l’assistenza dell’Afssaps e dell’Afnor.

“C’è stata una specie di cospirazione, una qualche lobby che voleva impedirci di costruire questo laboratorio”.

Ma nel 2008, Alain Mérieux ha preso le redini e ha sostituito Christian Bréchot, ex capo dell’Inserm, come copresidente del comitato franco-cinese, da lui nominato contemporaneamente alla vicepresidenza dell’Institut Mérieux e al dipartimento medico-scientifico di BioMérieux. Si è reso conto che il lavoro delle amministrazioni francesi non era di gradimento dei funzionari cinesi. Questi ultimi stanno diventando impazienti.
E il rinvio della posa della prima pietra del laboratorio P4, che speravano di ottenere nel 2009, è diventato un casus belli, che ha portato Alain Mérieux a rivolgersi al governo.
Secondo una nota – intitolata “Elementi di risposta alle lettere di Alain Mérieux” – scritta all’inizio del 2010 dalla Direttrice Generale della Cooperazione (DGCID) del Ministero degli Affari Esteri, Hélène Duchêne, oggi Direttrice Generale dell’amministrazione del Quai d’Orsay, Alain Mérieux ha poi denunciato l'”incompetenza” dei funzionari francesi e ha minacciato di dimettersi come copresidente del comitato. Con il rischio di un “grave incidente biologico”.
L’accusa dell’industriale lionese, così come trascritta dal capo del Quai d’Orsay, tratta, in massa, “errori e comprovata incompetenza da parte francese”, una “incompleta e inadeguata proposta dell’AFNOR”, la “scarsa priorità dei corsi di formazione offerti al personale cinese P4”, e sì, “l’analisi ancora incompleta della documentazione cinese sulla sicurezza biologica”.
Mérieux ritiene inoltre che “le proposte e i documenti tecnici trasmessi alla parte cinese” siano stati “convalidati da personale francese senza alcuna competenza riconosciuta nei settori incriminati”.
Infine, sottolinea i “gravi rischi”: “Un rifiuto di accreditamento del laboratorio P4 di Wuhan da parte dell’autorità cinese competente e dell’OMS. In caso di accreditamento e quindi di messa in funzione del laboratorio, sussiste il pericolo di un grave incidente biologico. In entrambe le situazioni, la responsabilità della Francia sarà messa in discussione”.
Nella sua risposta a Mérieux, la direttrice del Quai d’Orsay convalida ampiamente le lamentele del produttore e dei cinesi.
“La nota del signor Alain Mérieux riflette in gran parte la realtà della situazione”, ha scritto. Le disfunzioni e l’incompetenza rilevate e già segnalate dagli uffici [diplomatici] sono segnalate anche dalla parte cinese. Alcuni attori francesi che sono stati coinvolti in questo problema per troppo tempo contribuiscono in larga misura a rallentare il progetto. La parte cinese mostra ancora la sua volontà di collaborare con la Francia […]. Alle due agenzie si potrebbe ricordare ancora una volta, al più alto livello, l’importanza politica della questione. Tendono a comportarsi come “elettroni liberi” e non come operatori di cooperazione”.
Contattato da Mediapart, Bernard Kouchner, allora ministro degli Esteri, ha sottolineato che, pur non essendo realmente coinvolto in questo progetto di cooperazione medica, era “molto favorevole”, nonostante l’opposizione “che ruotava attorno al Ministero della Difesa” e “da parte della DGSE che ci ha detto in sostanza che stiamo per introdurre il verme nel frutto, e che farà cadere molti virus sulle nostre teste”.
“Ogni volta ho dato un parere positivo, dice Bernard Kouchner, ma è stato Alain [Mérieux – ndr] e non io il perno di una tale costruzione. »
C’è stata una specie di cospirazione, un gruppo di persone, una lobby che voleva impedirci di costruire questo laboratorio”, dice. Era nebuloso. Doveva esserci una decisione, e quello che ha scritto il direttore della cooperazione era giusto. Bisognava prendere una decisione. Ed è una decisione che ha preso Nicolas Sarkozy”.
Confortato, Alain Mérieux non si dimette. E ottiene la sostituzione del coordinatore del comitato franco-cinese, uno scienziato, con un alto funzionario di Chirac, ex segretario generale del municipio di Parigi, Jean-Michel Hubert, nonché la testa di diversi funzionari pubblici. Interrogato sulla sua nota, l’industriale non ha voluto commentare l’episodio.
L’ex ministro della salute Roselyne Bachelot ha confermato a Mediapart di aver “ricevuto una lettera di allerta dal signor Mérieux”. “Al fine di prevenire qualsiasi deriva e di assicurare una perfetta collaborazione, il signor Hubert è stato poi incaricato di monitorare l’attuazione dell’accordo del 2004, di fatto per prendere in carico il dossier e garantire un attento monitoraggio dei protagonisti (sia cinesi che francesi…)”, ha detto.
La pressione su di noi è stata forte”, ha commentato uno dei funzionari presi di mira da Mérieux, contattato da Mediapart. È stato un periodo molto difficile. Eravamo noi a parlare di pericolo. Ci è stato chiesto di aggiornare l’aspetto normativo e gli standard tecnici cinesi. La Cina disponeva di una grande maggioranza di norme tecniche che erano descritte come obbligatorie, ma ciò non garantiva una maggiore sicurezza. Cosa fate in caso di incidente grave con un paese che ha i suoi standard? L’aggiornamento dei testi ha riguardato tutti i criteri di sicurezza. A differenza di noi, i cinesi non hanno fatto distinzione tra la nozione di sicurezza – in caso di incidente – e quella di sicurezza biologica – in caso di atto doloso. Per loro è stata la stessa cosa; per noi sono due aree complementari. Occorreva anche tener conto dell’efficacia dei testi e delle leggi. Chi li applica e come? Esiste un sistema di responsabilità e di sanzioni, e quali? »

L’aggiornamento legale, una delle garanzie del contratto, è un grattacapo. Quando ci è stato chiesto cosa avremmo fatto se i cinesi non si fossero conformati, i nostri funzionari hanno ammesso di non avere nulla da mettere sul tavolo”, ricorda un funzionario. Dovevamo attuare l’accordo del 2004, ma non ci hanno lasciato fare molto. Abbiamo dovuto andare avanti con il P4. Non sapevamo cosa c’era in gioco. Perché sei così insistente? Qual è stato il quid pro quo?».

il laboratorio di Wuhan

“L’Istituto Pasteur non ha mai saputo cosa è successo a Wuhan P4 dopo la sua consegna”.

“Accettare la cooperazione in questi settori è pensare che si possa contrattare – analizza Valérie Niquet – ma la Cina è un Paese che non ha regole. Credere di poter cooperare con la Cina come con un paese normale è un errore, non è un paese normale. Ed è legata all’assenza di regole”.
Dopo tre inaugurazioni del P4, i francesi sono stati eliminati.
A Wuhan, le cerimonie si susseguiranno una dopo l’altra. In primo luogo, la posa della prima pietra sul sito il 30 giugno 2011, alla presenza del Segretario di Stato per la Salute Nora Berra. Poi, la fine dei lavori il 30 gennaio 2015, alla presenza del segretario di Stato per i Rapporti con il Parlamento, Jean-Marie Le Guen – in occasione della visita di Manuel Valls. E infine l’inaugurazione da parte del primo ministro Bernard Cazeneuve, dopo che il laboratorio è stato accreditato dall’ente certificatore cinese, il 23 febbraio 2017.
Ogni volta, un nuovo nastro rosso da tagliare, ripetute promesse di collaborazione. Sorrisi per la foto. Anche modellini, collocati in alcune stanze. Il quinquennio di François Hollande non sembra aver influito sul progetto. Eppure, l’inaugurazione della P4 segna, nonostante le apparenze, un punto finale.
Sul sito dell’Istituto di Virologia di Wuhan, il direttore del laboratorio P4 Inserm – Jean Mérieux, Hervé Raoul, è ancora un membro chiave del Consiglio scientifico, in qualità di “vicedirettore” del Consiglio scientifico del Centro per le malattie infettive emergenti di Wuhan. Avevo accettato la richiesta”, spiega a Mediapart, “ma non ho mai avuto alcun riscontro ufficiale e questo consiglio non si è mai riunito a mia conoscenza”.
Tuttavia, nel maggio 2017, lo scienziato ha annunciato sulla rivista Inserm Science et Santé – in un articolo intitolato “Wuhan P4 Laboratory: una storia di successo per la cooperazione franco-cinese” – che intendeva “sviluppare una collaborazione privilegiata” con il P4 cinese, ricordando che il Primo Ministro aveva annunciato che era stato stanziato un budget di “un milione di euro in cinque anni” per questa cooperazione “che dovrebbe coinvolgere una cinquantina di scienziati francesi, sotto l’egida e la guida dell’Inserm”.
Secondo l’accordo del 2004, il comitato franco-cinese doveva “partecipare alla definizione dei programmi di ricerca scientifica da realizzare nell’ambito del laboratorio P4 di Wuhan”, “monitorare e valutare tali programmi, garantire la pubblicazione dei risultati” e infine redigere un rapporto annuale.
Secondo Hervé Raoul, il laboratorio di Wuhan doveva essere commissionato “gradualmente”, “con i primi progetti di ricerca sui patogeni di livello inferiore”. In questo modo ci assicuriamo che l’ambiente esterno al laboratorio e il personale siano ben protetti da virus meno rischiosi”, ha spiegato. Si tratta di una necessità assoluta, perché le conseguenze sanitarie o socioeconomiche di una mancanza di sicurezza possono essere notevoli, come abbiamo visto nel 2007 con ceppi di afta epizootica fuggiti da un laboratorio inglese”.
Lo scienziato ha detto a Mediapart che “in nessun momento” è “praticamente intervenuto nel processo” di messa in funzione del laboratorio di Wuhan. Recentemente ha detto a Le Monde che il P4 “sembrava piuttosto ben progettato”, “ma per essere sicuri, avrebbe dovuto essere visto in modalità operativa. L’ho visitato diverse volte, ma non l’ho visto in funzione”, ammette.
“Né l’Inserm né i suoi ricercatori hanno dato un’occhiata alle attività del Wuhan P4 da quando è stato messo in funzione, ha detto l’Inserm a Mediapart. Sebbene la costruzione del P4 a Wuhan faccia parte di un accordo intergovernativo tra la Francia e le autorità cinesi, Inserm non ha partecipato alla costruzione dell’edificio, né alla sua approvazione regolamentare. “Il ruolo dell’Inserm si è limitato “alla formazione di diversi ricercatori cinesi in buone pratiche di lavoro all’interno di un P4″. Un totale di sei nel 2009, poi altri tre nel 2015 e nel 2016, compreso il veterinario del futuro zootecnico. Ognuno per tre settimane di formazione all’interno del P4 di Lione.
Il progetto doveva continuare dopo la costruzione del laboratorio attraverso la cooperazione scientifica”, osserva Roselyne Bachelot. La storia sembra dimostrare che questo impegno non è stato mantenuto o non è stato all’altezza di quanto annunciato nell’accordo del 2004 o da Bernard Cazeneuve nel 2017 all’inaugurazione”. Secondo l’ex ministro della Salute, “la responsabilità dovrà essere stabilita”: “Se i cinesi hanno voluto metterci da parte, o se il disimpegno è stato il risultato di errori francesi o di un disinteresse politico per la cooperazione sanitaria internazionale, che alcune scelte per gli anni 2012-2017 sembrano purtroppo dimostrare”. Roselyne Bachelot aggiunge che “ad essere onesti con Marisol Touraine”, “la cooperazione scientifica era anche di competenza del Ministero della Ricerca e di Mérieux”.
Alain Mérieux ha lasciato il comitato direttivo nel gennaio 2015, con la soddisfazione di aver compiuto il suo dovere. Curiosamente ha dichiarato su Radio France a Pechino che il laboratorio P4 “è uno strumento molto cinese”. “Si è dimesso quando si è giunti alla delicata fase del trasferimento del P4 alle autorità cinesi, secondo un funzionario. La Francia è stata totalmente fuori dai giochi da quando il processo di accreditamento è stato lasciato ai cinesi. “L’industriale ha comunque continuato a seguire da vicino il dossier, tramite il coordinatore del comitato, Jean-Michel Hubert, che gli riferisce direttamente sulle sue numerose missioni in Cina.
Le autorità cinesi gli sono state grate. Così, nel marzo 2014, in occasione della sua prima visita di Stato in Francia, il presidente Xi Jinping si è recato direttamente a Lione per salutare Alain Mérieux prima ancora che il presidente della Repubblica. Il produttore ha inoltre ricevuto un premio eccezionale dalle autorità cinesi, il Reform Friendship Award, “per il suo impegno a favore della salute pubblica cinese, in particolare nella lotta contro le malattie infettive” nel 2018.
La nomina di Yves Lévy, CEO dell’Inserm, come co-presidente del comitato direttivo in sostituzione di Mérieux, ha suscitato grande scalpore. Infatti, lo scienziato che ha partecipato alla maggior parte delle visite ufficiali a Wuhan non è mai stato favorevole al progetto. In particolare, si è rifiutato di dare un nuovo supporto tecnico al laboratorio perché non aveva alcun controllo, ormai impossibile, sulla struttura cinese. Anche il Segretariato generale per la difesa e la sicurezza nazionale (SGDSN), così come le autorità sanitarie e l’Inserm, hanno rifiutato di accettare la richiesta cinese di trasferire i ceppi patogeni al laboratorio di Wuhan. Una “richiesta costante” secondo un alto funzionario francese.
Per quanto riguarda l’Institut Pasteur, la cui creazione di una filiale cinese a Shanghai fa parte dell’accordo del 2004, si sottolinea anche la mancanza di informazioni sul P4 a Wuhan. ” Il Pasteur non ha mai saputo cosa è successo al Wuhan P4 dopo la sua consegna, a causa della mancanza di collaborazione congiunta e del sospetto reciproco”, spiega un funzionario.
L’annunciata collaborazione è talmente bloccata che l’ultima riunione del comitato direttivo franco-cinese si è tenuta nel giugno 2016… «Suggerire che abbiamo improvvisamente scoperto che i cinesi non vogliono i nostri operatori umanitari nelle loro squadre di ricerca è una farsa. I bravi specialisti della Cina hanno sempre saputo che sarebbe stato così», dice un ex consigliere di François Hollande.

 

 

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.