20.7 C
Rome
lunedì 1 Marzo 2021
20.7 C
Rome
lunedì 1 Marzo 2021
Home in genere Paolo Massari in carcere per stupro

Paolo Massari in carcere per stupro

Arrestato per stupro Paolo Massari, giornalista Mediaset ed ex assessore milanese di Forza Italia durante la giunta Moratti

Una vecchia amica, ex compagna di liceo, imprenditrice in crisi economica a causa dell’emergenza Covid-19, aveva pensato che fosse una buona idea, in nome dei vecchi tempi, provare a chiedere aiuto all’ex assessore all’ambiente del comune di Milano durante la giunta guidata da Letizia Moratti (Forza Italia) nonché giornalista Paolo Massari, un uomo che ha ben imparato come si abusa del potere dal suo “mentore”, Silvio Berlusconi.

Per la donna però questa richiesta di aiuto si è trasformata in un incubo terminato con uno stupro avvenuto ieri sera a Milano nel garage di Massari in zona Porta Venezia, dove l’ex assessore aveva portato la donna per lasciare lo scooter e proseguire la serata con una cena. La donna, fuggita dal garage mezza nuda e in stato confusionale, è stata soccorsa da una volante in via Bixio e trasportata alla Mangiagalli, dove i medici hanno accertato la violenza subita. Alle tre della notte tra sabato e domenica Paolo Massari ha varcato le porte del carcere milanese di San Vittore.

In quanto a violenza sessuale, però, Paolo Massari sarebbe un recidivo. Nel 2010 era stato accusato da due donne di molestie sessuali, una dirigente del consolato norvegese membro di una missione diplomatica a Milano e una dipendente del Comune. Le due donne non presentarono denuncia ma scrissero due lettere al sindaco di Milano e Massari se la cavò solo con le dimissioni dal suo incarico a Palazzo Marini per tornare a fare il giornalista per Mediaset.

Vedremo ora quale sarà la difesa di Massari di fronte – almeno secondo le prime risultanze investigative – ad accuse sì pesanti ma circostanziate e comprovate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Grecia, la vendetta di Stato contro un detenuto politico

Koufontinas (17N) ha smesso di nutrirsi e di bere da quasi due mesi. Vuole un trasferimento che il governo rifiuta. Repressione alle stelle in Grecia

Germania: 3 nazi, 10 omicidi e 13 anni in fuga

La Germania, dopo lo scandalo Nsu, si chiede se i partiti apertamente neonazisti come quello dovrebbero essere vietati (Prune Antoine)

No all’acqua in Borsa!

40mila firme per dire NO all’acqua in Borsa. Verso la Giornata mondiale del 22 marzo

Intervista all’uomo accusato di solidarietà a Trieste

Migranti, parla Andrea Franchi: “Sono tranquillo, continueremo a curare chi arriva dalla rotta balcanica” (Eleonora Camilli)

Recovery e Clan, l’anno del Dragone

E' come se quello di Draghi fosse due governi in uno. C’è troppo poco tempo per essere moderati. (Marco Bersani/Attac Italia)