giovedì 22 Ottobre 2020

Francia, perché la polizia è razzista

Francia, perché la polizia è razzista

Francia, seconda puntata del dossier sulla polizia più violenta d’Europa. E anche molto, molto razzista (Denis Godard)

Che si tratti di quelli elencati dall’Osservatorio delle libertà pubbliche creato da Maurice Rajsfus, da Amnesty International o dei siti contro la violenza della polizia, i crimini della polizia hanno una costante. Le loro vittime provengono da quartieri popolari, sono generalmente giovani e sono in maggioranza neri, arabi o zingari. Dobbiamo ancora ricordare che i loro nomi sono Adama, Zyed, Bouna, Babacar, Gueye, Wissam, Amine, Mohamed, Angelo, Hakim, Ismaïl, Lamine o Ali?

Mele marce?

Gli agenti di polizia in questione sono “mele marce” all’interno di una forza di polizia non razzista? Gli autori di questi crimini dovrebbero comunque essere riconosciuti come tali, puniti dai loro superiori e condannati dai tribunali. Non è quasi mai così.
E di cosa stiamo parlando? Stiamo parlando di migliaia di agenti di polizia su Facebook. Stiamo parlando di una corporazione che vota dal 50 al 70% per l’estrema destra, un voto la cui motivazione primaria è il razzismo. Stiamo parlando di una catena di comportamenti che va dalle molestie della polizia, agli insulti regolari, ai controlli facciali fino alla criminalità.
Questi crimini accadono oggi, ma non sono una novità. Il fatto stesso che nessuna istituzione della “Repubblica” li elenchi è di per sé una condanna.
Nel 1982, quarant’anni dopo l’incursione del Vél d’Hiv da parte della polizia francese, Maurice Rajsfus scrive: “Quarant’anni dopo, non ho perdonato! I miei genitori sono morti ad Auschwitz, ed è per un miracolo che sono riuscito a sfuggire allo sterminio, ma i due poliziotti che hanno distrutto la mia famiglia si stanno godendo un tranquillo ritiro e probabilmente non provano il minimo rimorso. Docili dipendenti pubblici al servizio dei nazisti, dovevano senza dubbio riabilitarsi con i loro colleghi il 19 agosto 1944 e assicurare l’ordine repubblicano sotto de Gaulle e i suoi successori.Alcuni di loro hanno servito abbastanza a lungo da “spazzare via” gli arabi nel 1961 e picchiare gli studenti nel maggio 1968.

Combattere il razzismo = combattere un ordine razzista

L’importanza radicale delle manifestazioni in corso è che una nuova generazione si sta muovendo verso l’antirazzismo e la lotta contro la violenza della polizia. Non è stato facile e non è fatale. Del resto, negli ultimi anni, contrariamente alle idee preconcette di chi vuole rassicurarsi, il voto, esplicitamente razzista, per Marine Le Pen, la FN o RN è stato un voto sempre più giovane.
Se questo cambiamento deve essere confermato, se non vuole essere una breve primavera di protesta morale, deve essere ancorato alla lotta contro tutto l’ordine di cui la polizia è il braccio armato.
Questa è la posta in gioco nei dibattiti in corso sul razzismo e sulla polizia. E Macron, domenica 14 giugno, ha chiarito. La polizia non deve essere attaccata perché è il garante dell'”ordine repubblicano”. Dobbiamo “unirci attorno al patriottismo repubblicano”. Nel suo nome, “la Repubblica non cancellerà alcuna traccia, alcun nome dalla sua storia”. Questo assume e legittima l’eredità di Jules Ferry, icona dei valori repubblicani e grande difensore della colonizzazione, che ha parlato nell’Assemblea dei “diritti e doveri delle razze superiori”.

La polizia, garante di un ordine sociale ingiusto e discriminatorio

Unirsi attorno al patriottismo repubblicano, alla nazione e alla sua sovranità: questo esclude gli stranieri fin dall’inizio e legittima diritti ineguali basati sulla nazionalità. Escludendo i migranti e gli immigrati senza documenti, legittima i controlli facciali.
Ma sono esclusi anche coloro che non possono accettare questa storia, i figli, i nipoti, i pronipoti dei colonizzati o i migranti di ieri. Tutto ciò che è al di fuori di questa narrazione nazionale viene rifiutato fuori dall’ordine politico, dal diritto stesso di manifestare, di esprimersi, accusato di separatismo e di comunitarismo. Legittimava allora il razzismo più crudele, quello che è una questione di colore della pelle, di aspetto. Con o senza documenti.
Questa è la radice del razzismo sistemico della polizia: se la polizia è, come ultima e violenta risorsa, garante di un ordine sociale ingiusto e discriminatorio, allora le pratiche della polizia sono violente, ingiuste e discriminatorie. Questo seleziona i candidati alla carica, ma sono anche le modalità di socializzazione professionale e le pratiche che gli agenti di polizia sono portati ad adottare che li modellano.
La Repubblica francese non è un concetto. È la forma di governo di un sistema di dominio, razzista e di classe. Quindi sì, in Francia la polizia è repubblicana. E sì, la polizia è razzista.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.