giovedì 26 Novembre 2020

Chi è l’assassino di Léon Trotsky

Chi è l’assassino di Léon Trotsky

L’assassinio di Trotsky. Fingeva di essere belga e si faceva chiamare Jacques Mornard. Era catalano e si chiamava Ramon Mercader, Stalin guidava il suo braccio (Ernest Mandel)

Il 20 agosto 1940, l’ascia di un alpinista spaccò il cranio di Leon Trotsky, rifugiato in Messico dal 1937. L’assassino ha detto alla polizia che si chiamava Jacques Mornard e che era un cittadino belga. Il protagonista dell’assassinio non è stato l’unico organizzatore. Grazie alla sua relazione con la giovane trotskista Sylvia Ageloff, il futuro assassino di Trotsky era riuscito a conquistare la fiducia di chi vegliava sulla sicurezza del famoso esule. Con il nome di Franck Jacson, fu ricevuto più volte nella casa fortificata di Coyoacan (un sobborgo di Città del Messico).

Qualche mese prima dell’assassinio, un primo tentativo era fallito. Il 24 maggio 1940, alle 4 del mattino, un commando di circa 20 uomini riuscì ad entrare in casa: per alcuni minuti, mitragliarono la stanza di Trotsky e lanciarono due granate incendiarie e una bomba a orologeria. Miracolosamente, nessuno è stato ucciso o ferito. Trotsky e sua moglie si erano gettati sotto il letto, così come il nipote Siéva.

Chi era Jacson? La stampa stalinista si è scatenata e ha diffuso la tesi dell’auto-attacco montato per far parlare di lui e calunniare il Partito comunista messicano e Stalin. Un mese dopo gli eventi, trenta persone sono state rinchiuse, la maggior parte delle quali membri del PC ed ex membri della Spagna. Il responsabile era in fuga: era il famoso pittore David Alfaro Siqueiros, un ex colonnello in Spagna, che Trotsky pensava fosse al servizio della GPU dal 1928. In seguito, l’indagine ha dimostrato che Siqueiros e Franck Jacson si conoscevano dalla Spagna.

L’identità di Frank Jacson

Chi diavolo era questo Frank Jacson? Ci vorranno quasi dieci anni per scoprire la sua vera identità. Nella sua tasca, avremmo trovato una lettera che spiegava le ragioni del suo gesto: trotskista deluso, sarebbe stato disgustato dall’uomo e dalla sua proposta di mandarlo in URSS per sabotare, demoralizzare l’Armata Rossa e cercare di uccidere Stalin. Per realizzare tutto questo, avrebbe avuto il sostegno di una grande nazione (erano gli Stati Uniti, perché Trotsky non poteva più essere un agente di Hitler a causa del Patto tedesco-sovietico).

Tutte queste accuse sono state ripetute dai vari PC per quasi quarant’anni. Nel 1969, il leader del PCF Leo Figueres ricorreva ancora a questo antileninismo nel suo libro Trotskismo. Quando le foto dell’assassino apparvero sulla stampa, diversi anziani spagnoli (molti dei quali si erano rifugiati in Messico) pensarono di riconoscere il militante comunista Ramon Mercader. Solo nel 1950, però, questo era assolutamente certo: approfittando di un congresso in Europa, un criminologo del governo messicano si recò in Spagna per indagare. Ha confrontato le impronte di Jacson con quelle del giovane comunista catalano Ramon Mercader arrestato nel giugno 1935: erano le stesse.

Nel 1953, anno della morte di Stalin, su tutti i documenti ufficiali, il nome Mercader ha sostituito Jacson-Mornard. La madre dell’assassino, Caridad Mercader, era un’attivista di spicco del Partito socialista unificato di Catalogna, legato al Komintern. È stata reclutata per la GPU da Gerö, il futuro leader stalinista ungherese che allora era in servizio in Spagna. Attraverso di lui, è diventata l’amante di Leonid Eitingon, il generale delle GPU, specializzato nella liquidazione di diplomatici e militanti sovietici sospetti. Ramon Mercader ha scontato una pena detentiva di 20 anni in Messico, il massimo consentito dalla legge. Al suo rilascio, nel 1960, si recò in Cecoslovacchia passando per Cuba e poi a Mosca, dove fu nominato “eroe dell’Unione Sovietica” e detentore dell'”Ordine di Lenin”. È stato sepolto a Mosca nel 1978 senza aver mai parlato.

L’Ordine di Stalin

La paternità di Stalin nel crimine è ormai riconosciuta da tutti, compresi i sovietici e il PCF. Nel 1978, Valentin Campa, ex leader del PC messicano, pubblicò le sue memorie. Era stato dimesso nel 1940 perché non aveva mostrato abbastanza entusiasmo nel coinvolgimento del suo partito nella preparazione dell’assassinio. L’Humanité del 26 e 27 luglio 1978 ha pubblicato alcuni estratti in cui Campa conferma che è stato proprio Stalin a dare l’ordine di uccidere Trotsky. Ma non rivela nulla che non sia già noto: in particolare, non dice chi è stato il principale organizzatore. Ironia della sorte, è il vecchio stalinista Georges Fournial a presentare il documento.

Tuttavia, già nel febbraio del 1938, “il giovane insegnante Georges Fournial” fu denunciato dalla stampa trotskista come agente della GPU: gli era stato appena concesso un congedo di sei mesi per andare a rappresentare l’Internazionale dei lavoratori della scuola in Messico…

Tuttavia, grazie a Valentin Campa, i vecchi attivisti hanno potuto imparare, con trentotto anni di ritardo, che i loro amati leader non erano solo bugiardi ma anche assassini. Di tutt’altro interesse sarà il libro su Trotsky che il generale Volkogonov, direttore dell’Istituto di storia militare dell’URSS e un recente biografo di Stalin, sta per pubblicare a Mosca. Intervistato dal corrispondente della Stampa (n. 26 luglio 1990), afferma di aver avuto accesso a molti archivi, tra cui quelli di Trotsky, Stalin e della NKVD. Afferma di possedere la più ricca collezione di documenti riguardanti Trotsky: quarantamila documenti, migliaia di foto, decine di testimonianze. Ne pubblicherà alcuni, tra cui l’ordine di uccidere Trotsky, datato settembre 1931 e firmato da Stalin, Voroshilov, Molotov e Ordzhonikidze. È stato rinnovato nel 1934.

Volkogonov ha finalmente rivelato il nome dell’organizzatore dell’assassinio, sotto i cui ordini ha lavorato, Eitingon (il generale della GPU di cui Caridad Mercader era l’amante). Quest’uomo ha ottantacinque anni e ha scontato quindici anni di carcere per iniziativa di Krusciov. Volkogonov è riuscito a farlo parlare. La prima decisione di uccidere Trotsky fu presa nel settembre del 1931, ma era di natura generale, mentre nel 1934 fu creato un gruppo speciale per cacciare Trotsky . La commissione si è occupata della liquidazione degli oppositori politici all’estero, non solo di Trotsky. La piovra NKVD aveva i suoi tentacoli ovunque. Era un servizio segreto all’interno dei servizi segreti, creato per combattere contro gli esiliati che, a loro volta, lottavano contro il regime di Stalin. Queste persone erano pericolose per Stalin, perché sapevano molte cose.

Estratto da “L’assassinio di Leon Trotsky”, La Gauche, 19 settembre 1990.

itrotsk001p1

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.