martedì 1 Dicembre 2020

Francia, il Pcf non ne può più di Mélenchon

Francia, il Pcf non ne può più di Mélenchon

Il Pcf  vuole uscire dall’ombra di La France insoumise. Unità d’azione nelle piazze ma non alle prossime presidenziali (Héléna Berkaoui)

Il partito comunista ha fatto la sua rentrée sabato 29 agosto a Malo-les-Bains, vicino a Dunkerque (Hauts-de-France). Il set è stato utilizzato anche per le riprese della terza stagione della serie Baron noir. Questa fiction politica molto realistica mette in scena l’unità della sinistra. Un’unione meno evidente al di fuori del piccolo schermo, nonostante una rentrée che promette di essere disastrosa a causa della crisi sanitaria e sociale.

Cento anni dopo la sua fondazione, il PCF dimostra la necessità di affermare la propria identità di fronte a La France insoumise (LFI). Il partito è riuscito a tenere testa alle ultime elezioni comunali, seppur con perdite significative, con il rischio reale di perdere il Val-de-Marne, l’ultimo dipartimento comunista. Tuttavia, le municipali hanno sottolineato che il PCF rimane una forza politica con radici locali, quando La France insoumise ha subito una serie di smagliature alle elezioni europee e alle comunali.

“Non vogliamo più essere calpestati da La France insoumise”, riassume un membro della federazione del Nord, da cui proviene il segretario generale del partito, Fabien Roussel. Una posizione già adottata al loro precedente congresso, dove la leadership era stata rinnegata* a favore di una linea che auspicava la fine dell'”asfissia” del Partito comunista e che portava una promessa di bandiera: una candidatura per le prossime elezioni presidenziali. Il PCF non presenta un candidato a queste elezioni dal 2007.

Come ospite dell’ultimo minuto, il leader degli Insoumis, Jean-Luc Mélenchon, ha assistito al discorso di apertura di Fabien Roussel. Se il deputato di Bouches-du-Rhône ha fatto una serie di gesti di apertura dall’autunno, il suo partito non sta pensando di schierarsi con un altro candidato alla presidenza. La postura inevitabilmente infastidisce i comunisti, che non tutti hanno digerito gli affronti del passato da parte di LFI.
Durante la sua visita rapida, Jean-Luc Mélenchon ha messo da parte le domande sulla sua venuta: “La gente sembra scoprire che c’è una relazione tra il PCF e noi”. E per sottolineare il lavoro congiunto dei deputati di LFI e del PCF all’Assemblea nazionale. “La distanza è inferiore a quella di qualche mese fa. Oggi c’è uno tsunami sociale. Penso che il PCF e la FI possano essere un polo che può riunire tutto il resto, un polo di radicalismo concreto e di cause comuni”, aggiunge comunque Jean-Luc Mélenchon.

Con il più forte applauso del pubblico, Fabien Roussel ha concluso il suo discorso con una frase meno chiara di quanto sembri riguardo a una candidatura del PCF per le prossime elezioni presidenziali: “Se qualcuno pensa che il PCF, come nel 2012 e nel 2017, non presenterà una candidatura, allora dico a tutti: vi sbagliate”.

Seduto in prima fila, Jean-Luc Mélenchon stesso ha sentito un chiaro annuncio. “Nel 1981 non c’era un solo candidato, c’era Georges Marchais. L’unità della candidatura non è un programma. È vero che ci sono svantaggi alla dispersione, ma dobbiamo essere ambiziosi”, ha commentato, pur accogliendo con favore una “ampia e profonda convergenza con il programma sviluppato da Fabien Roussel”.

Se Fabien Roussel sfumerà in seguito rinviando la decisione al prossimo congresso, alcuni attivisti hanno anche sentito l’annuncio di una candidatura per il 2022. Céline Lecat, membro della Federazione del Nord, è felice: “Siamo noti per avere funzionari eletti ad ogni livello. Certo, dobbiamo discutere dell’unità della sinistra, ma non è sempre compito delle stesse persone andare avanti. »

“Sulla relazione e le proposte, condividiamo molte cose con La France insoumise, ma sulla strategia per le elezioni, si inceppa”, sviluppa Fabien Roussel in seguito. Alexis Corbière, il deputato del LFI di Seine-Saint-Denis, si è trattenuto per partecipare a una tavola rotonda, ascoltando la posizione dei comunisti e chiedendo una dinamica coerente in vista delle prossime elezioni: senatoriali, dipartimentali, regionali. “Presentare un candidato comunista [alle elezioni presidenziali] non corrisponde necessariamente a quello che si dice altrove. Non vedo come partecipare a una frammentazione dell’ala sinistra possa essere d’aiuto”, ha continuato.

Il tema infastidisce o lascia “indifferente” chi vorrebbe concentrarsi su qualcos’altro. “Non ci concentreremo su Jean-Luc Mélenchon. L’argomento è l’urgenza di come andrà il nuovo anno sociale. Abbiamo creato il debito con il piano di recupero e la domanda è: chi pagherà? “, insiste Éric Bocquet, senatore comunista del Nord. Durante il suo discorso introduttivo al prossimo autunno, Fabien Roussel ha anche sviluppato il tema della “cascata” dei futuri piani di licenziamento, chiedendo una moratoria sull’argomento. Più sorprendentemente, d’altra parte, il segretario generale del PCF è intervenuto anche sui temi della sicurezza, raccomandando di riprendere “il potere in tutte le strade della Repubblica”. “Quando sento parlare di ensauvagement, di barbarie nel nostro Paese, vorrei usare questi termini per descrivere gli autori di violenze e crimini contro le donne”, ha detto anche lui.
Al di là di queste differenze espresse o meno con gli Insoumis, le due parti sperano di andare avanti insieme per le prossime mobilitazioni. Una delle prossime date sarà il 17 settembre, quando la CGT chiederà uno sciopero generale contro la politica sociale del governo. “Le elezioni sono dopo; e i licenziamenti sono ora. Dobbiamo essere uniti con tutte le forze della sinistra, abbiamo bisogno di unità nell’azione. Non possiamo aspettare le prossime elezioni per incontrarci di nuovo”, dice Fabien Roussel.

*Il 38° congresso del Partito Comunista Francese (PCF), a Ivry-sur-Seine fino alla fine del novembre 2018, passerà alla storia perché, per la prima volta nella sua storia, una votazione popolare ha portato alla cacciata del segretario nazionale da un incarico che desiderava mantenere.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.