Mentre i poveri si ammalano, Bill Gates diventa più ricco

Mentre i poveri si ammalano, Bill Gates diventa più ricco

Gli investimenti del miliardario Bill Gates, come gran parte del suo lavoro, rimangono un segreto. E Microsoft già controlla i dati sanitari della Francia

Nei primi giorni della pandemia, il presidente Trump ha fatto notizia quando, secondo quanto riferito, ha cercato di ottenere il diritto a un vaccino dallo sviluppatore tedesco CureVac per conto del governo degli Stati Uniti, una mossa che ha suscitato domande sull’equità e la giustizia. Gli Stati Uniti dovrebbero avere accesso prioritario al vaccino Covid solo perché siamo la nazione più ricca del mondo? I più vulnerabili – indipendentemente dalla loro nazionalità o dal loro stipendio – non dovrebbero essere vaccinati per primi?

“Il capitalismo ha i suoi limiti”, ha osservato un legislatore tedesco in un tweet molto diffuso.

Se Trump fosse riuscito nell’intento, l’accordo avrebbe anche potuto inviare un altro severo messaggio sulla disuguaglianza economica, offrendo una manna dal cielo ad uno degli attori più ricchi della risposta alla pandemia: la Gates Foundation.

La fondazione ha recentemente riportato una partecipazione di 40 milioni di dollari in CureVac – una delle decine di investimenti che la fondazione riferisce di avere in aziende che lavorano su vaccini Covid, terapeutiche, diagnostiche o di produzione, secondo l’analisi di The Nation della più recente dichiarazione dei redditi della fondazione, del sito web e di vari archivi della SEC (Securities and Exchange Commission).

La fondazione ha anche annunciato che “farà leva su una parte del suo Fondo di Investimento Strategico da 2,5 miliardi di dollari” per portare avanti il suo lavoro su Covid.

Questi investimenti, che ammontano a più di 250 milioni di dollari, dimostrano che l’ente di beneficenza più visibile al mondo, e una delle voci più influenti nella risposta alla pandemia, è in grado di raccogliere potenzialmente notevoli guadagni finanziari dalla pandemia di Covid-19.

I recenti archivi della SEC e il sito web della fondazione e i più recenti archivi fiscali mostrano più di 250 milioni di dollari investiti in decine di aziende che lavorano sui vaccini Covid, la terapeutica, la diagnostica e la produzione di vaccini Covid. Questi investimenti hanno messo la fondazione nella posizione di poter trarre un potenziale guadagno finanziario dalla pandemia.
L’investimento riferito da Gates in CureVac, da solo, potrebbe aver già fornito decine di milioni di dollari in valore azionario per la Fondazione Gates senza scopo di lucro. Anche se l’offerta di Trump per il CureVac è fallita, le azioni della società sono salite alle stelle del 400% appena due giorni dopo essere state rese pubbliche ad agosto.
Le rivelazioni sulla partecipazione finanziaria della Gates Foundation in Covid-19, che Bill Gates non sembra aver rivelato pubblicamente in decine di recenti apparizioni sui media, parlano di critiche più ampie sulla mancanza di trasparenza del ruolo sempre più centrale della fondazione nella pandemia.

“A chi devono rendere conto? Non hanno nemmeno una struttura di governance chiara”, osserva Kate Elder, consulente senior per la politica dei vaccini di Medici Senza Frontiere. “Vedo sempre meno informazioni provenienti dalla Fondazione Gates”. Non rispondono alla maggior parte delle nostre domande. Non mettono a disposizione il loro staff tecnico per discutere con noi quando cerchiamo di saperne di più sulla loro strategia tecnica [su Covid] e su come stanno dando priorità a certe cose”.

E le priorità di Gates nello sviluppo e nella distribuzione di un vaccino Covid, dice Elder, sono sempre più le priorità del mondo, dato che istituzioni multilaterali come l’Organizzazione Mondiale della Sanità hanno ceduto la leadership a un gruppo di partnership pubblico-privato in cui Gates fornisce finanziamenti chiave. Queste organizzazioni, la Coalition for Epidemic Preparedness Innovations e Gavi, la Vaccine Alliance, stanno lavorando con l’OMS per sviluppare “il più grande e diversificato portafoglio di vaccini Covid-19 del mondo”, che sperano possa fornire miliardi di dosi di vaccino nell’anno a venire, anche a molti paesi poveri.

James Love, direttore dell’ONG Knowledge Ecology International, afferma che il lavoro decennale della fondazione sui vaccini, insieme ai suoi legami finanziari, ha permesso alla fondazione di affermare la sua influenza all’inizio della pandemia.

“Aveva abbastanza soldi e abbastanza presenza nell’area per un periodo di tempo abbastanza lungo da essere posizionato come il primo e il più influente mover”. Così la gente si è affidata alla sua gente e alle sue istituzioni”, dice Love, “In una pandemia, quando c’è un vuoto di leadership, le persone che si muovono velocemente e sembrano sapere quello che stanno facendo, acquisiscono solo molto potere. E lo ha fatto anche in questo caso”.

La leadership di Gates nella pandemia è stata ampiamente, quasi universalmente, elogiata, con il New York Times che lo ha definito un “contrappeso alla voce del presidente Trump”, e Madonna che ha fatto una donazione di un milione di dollari per sostenere il lavoro della fondazione. Ma poiché Gates non è un rappresentante eletto o un funzionario pubblico, i dettagli della sua profonda influenza – e delle sue finanze – sono in gran parte sfuggiti al controllo pubblico.

” Tu hai un potere enorme che riguarda tutti in tutto il mondo, e ci dovrebbe essere un po’ di responsabilità, un po’ di trasparenza”, dice Love. “La gente non chiede cose irragionevoli. È un’opera di carità…. [Ti chiediamo]: “Puoi spiegarci cosa stai facendo, per esempio? Potete mostrarci come sono fatti questi contratti?”. Soprattutto perché stanno usando il loro denaro per influenzare le politiche che coinvolgono il nostro denaro”.

La Fondazione Gates ha rifiutato le richieste di interviste e non ha risposto a domande dettagliate inviate via e-mail, anche sui suoi investimenti nelle aziende farmaceutiche che lavorano su Covid.

Love e altri critici dicono che un ruolo chiave che Gates ha giocato nella pandemia è stato quello di elevare l’industria farmaceutica, per esempio, spingendo l’Università di Oxford a consegnare la sua principale piattaforma di vaccini Covid-19 nelle mani di Big Pharma. La conseguente partnership con AstraZeneca ha avuto un altro effetto, come hanno recentemente riportato Bloomberg e Kaiser Health News, cambiando il modello di distribuzione dell’università da una piattaforma a licenza aperta, progettata per rendere il suo vaccino liberamente disponibile per qualsiasi produttore, a una licenza esclusiva controllata da AstraZeneca.

Gates ha avuto la leva per spingere sull’università, riferisce Bloomberg, perché la fondazione è uno dei fondatori e dei maggiori finanziatori della Coalition for Epidemic Preparedness Innovations, che a sua volta finanzia lo sviluppo del vaccino dell’Università di Oxford (per circa 384 milioni di dollari). La Fondazione Gates ha anche donato direttamente centinaia di milioni di dollari all’università attraverso sovvenzioni di beneficenza per una serie di progetti, compresi i precedenti finanziamenti al Jenner Institute dell’università, che sta sviluppando il vaccino Covid di Oxford.

Oxford e AstraZeneca hanno fatto promesse pubbliche di rinunciare ai profitti e di fornire un accesso equo al loro vaccino, in caso di successo, ma nessuna delle due organizzazioni ha fornito dettagli o documentazione su questo piano. Altre aziende hanno fatto promesse umanitarie simili anche se hanno perseguito un modello di business tradizionale basato su licenze esclusive – che secondo i critici è progettato per generare profitti, non per promuovere un accesso equo.

Jörg Schaaber, direttore esecutivo del gruppo tedesco BUKO Pharma-Kampagne, ritiene che la Fondazione Gates abbia un investimento ideologico in questo modello di business, indicando molti dei senior staff della fondazione che provengono dall’industria farmaceutica, incluso il presidente del programma sanitario globale di Gates. Altri critici notano come la dotazione della Gates Foundation potrebbe trarre vantaggio dalla fondazione che spinge lo sviluppo del vaccino Covid verso licenze esclusive.

“Se cambiamo il modo in cui regolamentate l’industria, o i modi in cui volete che i farmaci o i vaccini siano prodotti e consegnati”, dice K.M. Gopakumar, consulente legale del Third World Network, che ha sede in India, “sicuramente influirà sul modello di business di queste aziende – e anche sugli investimenti della Gates Foundation”. Così stanno usando i loro soldi per rafforzare lo status quo”.

Lo stesso Gates descrive la sua fondazione come intimamente coinvolta nella partnership tra AstraZeneca e l’Università di Oxford.

Le mani di Microsoft sui dati sanitari della Francia

Intanto in Francia, la Commissione Nazionale per l’Informatica e le Libertà Civili, chiede, in un memorandum inviato al Consiglio di Stato giovedì 8 ottobre, a tutti gli attori che conservano dati sanitari di cessare “nel più breve tempo possibile” di affidare il loro hosting a Microsoft o a qualsiasi altra società soggetta alla “legge degli Stati Uniti”.

Solo poche ore prima dell’inizio dell’udienza questo memorandum è stato inserito nel file di una procedura contro l’Health Data Hub (HDH), la gigantesca piattaforma che finirà per centralizzare tutti i dati sanitari dei francesi e il cui hosting è stato affidato alla società statunitense Microsoft, attraverso la sua filiale irlandese.

In questa causa, i ricorrenti – il collettivo SantéNathon, di cui fanno parte operatori sanitari, sindacati e attori del settore del software open source – chiedono al Consiglio di Stato di annullare un decreto pubblicato il 21 aprile di quest’anno che accelera, in nome dello stato di emergenza sanitaria, il dispiegamento dell’HDH integrandovi i dati dell’epidemia di Covid-19.

Creato dalla legge sulla salute del 24 luglio 2019, l’HDH sostituirà l’attuale Sistema nazionale di dati sanitari (SNDS), che già centralizza i principali dossier sanitari, compreso quello del sistema di assicurazione malattia, ampliandone notevolmente il campo di applicazione. Alla fine, tutti i dati raccolti nell’ambito di una procedura rimborsata da Medicare saranno centralizzati nell’HDH, dai dati ospedalieri ai dati della cartella clinica condivisa o nel software professionale utilizzato da medici e farmacisti.

La realizzazione di questo progetto particolarmente delicato, fortemente contestato a causa della scelta della soluzione di cloud hosting Azure di Microsoft, è stato oggetto di discussioni tra il governo e la CNIL per molti mesi. Ma la pubblicazione del decreto del 21 aprile aveva colto di sorpresa la commissione e sulla scia aveva espresso un parere particolarmente severo.

Ancora più inquietante, il parere ha rivelato che i dati affidati a Microsoft, attualmente conservati in server situati nei Paesi Bassi, in alcuni casi possono essere trasferiti negli Stati Uniti. Secondo la CNIL, che ha potuto consultare il contratto tra l’HDH e Microsoft, il contratto prevede una localizzazione predefinita dei dati all’interno dell’UE.

La CNIL, si apprende dal sito Mediapart, si è preoccupata anche delle modalità di gestione delle chiavi di cifratura, che consentono di decifrare i dati, e una copia dei quali sarà conservata “dall’host all’interno di un box di cifratura, che ha la conseguenza di permettere tecnicamente a quest’ultimo di accedere ai dati”, oltre alla mancanza di supervisione delle procedure di accesso degli amministratori della piattaforma.

Sulla base di questo parere, SantéNathon aveva depositato, all’inizio di giugno, un primo procedimento sommario dinanzi al Conseil d’État per chiedere la sospensione dello spiegamento dell’HDH. I ricorrenti hanno sottolineato i rischi di accesso ai dati sanitari francesi consentiti da diverse leggi americane, come il Cloud Act, che, dal 2018, autorizza le autorità americane a richiedere la trasmissione di dati personali a qualsiasi società basata sul suo territorio, anche se i suoi server si trovano all’estero, senza dover ricorrere a una richiesta di assistenza giudiziaria.

Nella sua presentazione, la Commissione ribadisce le sue preoccupazioni circa la possibilità di trasferimenti di dati verso gli Stati Uniti e l’accesso alle chiavi di cifratura.

Ad esempio, pur riconoscendo che queste chiavi sono memorizzate in un dispositivo chiamato “Customer Lockbox” che “costituisce una garanzia di trasferimenti limitati”, indica anche una lacuna nel contratto che prevede un’eccezione “in caso di scenari di catastrofi inattesi o imprevedibili o in caso di accesso accidentale ai dati da parte di un ingegnere Microsoft”.

Grazie a una sentenza della Corte di giustizia europea i dati dei cittadini europei non possono più essere affidati a una società statunitense, anche se ha sede e server nell’Unione Europea. Di conseguenza, “questa situazione deve portare (…) a esternalizzare l’hosting di questi dati ad aziende non soggette alla legge statunitense. E questo cambiamento di hosting “dovrebbe avvenire il più presto possibile”.

La commissione è consapevole dell’impatto potenzialmente considerevole di questa posizione, in quanto Microsoft equipaggia un numero molto elevato di amministrazioni francesi, in particolare nel settore dei software per l’automazione degli uffici, come i ministeri dell’istruzione e della difesa nazionali. “La commissione è consapevole del fatto che questa situazione … [sic] va ben oltre il quadro del solo HDH”, afferma brevemente. Specifica che l’analisi della CNIL è limitata, per il momento, ai soli dati sanitari. “Si riserva il diritto di valutare le conseguenze che ne dovrebbero derivare in altri settori e per altri dati meno sensibili”, si legge in breve.

Tuttavia, anche se limitato al settore sanitario, molte istituzioni sanitarie utilizzano già i servizi delle aziende americane e “si trovano quindi nella stessa situazione dell’HDH”. Questi soggetti dovranno quindi modificare le condizioni per l’hosting dei loro dati, a rischio di essere rifiutati dalla CNIL, le loro “autorizzazioni al trattamento di questi dati, in particolare nell’ambito della ricerca scientifica”.

Durante l’audizione davanti al Consiglio di Stato, cui Mediapart ha partecipato, il rappresentante del Ministero della Salute ha messo in guardia dalle “conseguenze su altri attori pubblici e privati” della presa in considerazione dell’analisi della CNIL e della “notevole fonte di disordine” che ne sarebbe derivata. Secondo il governo, non ci sarebbe alternativa alla Microsoft, argomento fortemente contestato dai ricorrenti, e anche se esistesse, “ci vorrebbero almeno mesi” per metterla in atto.

 

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.