5.7 C
Rome
sabato 23 Gennaio 2021
5.7 C
Rome
sabato 23 Gennaio 2021
Home consumare stanca #Googledown. Lo aveva detto la mamma di ZeroCalcare

#Googledown. Lo aveva detto la mamma di ZeroCalcare

Inaccessibili i servizi Google. In rete impazza una citazione della mamma di ZeroCalcare. Ma è possibile degooglizzarsi?

In tarda mattinata, anche in Italia, s’è sparsa la voce di un malfunzionamento dei servizi di Google su scala globale. Il sito downdetector.com mostra decine di migliaia di segnalazioni per il browser, la posta di Gmail, la videochat di Google Meet e Google Classroom, nonché Google Drive e YouTube. Molte sono le segnalazioni provenienti dall’Europa, anche per via del fuso orario, ma non mancano quelle in Usa e in Asia. Diversi anche i messaggi lasciati dagli utenti su Twitter con hashtag #googledown.

Le segnalazioni sul down dei servizi Google sono a partire dalle 12.30 circa. La pagina di Google che segnala lo stato dei suoi servizi indica malfunzionamenti su tutte le piattaforme. Le segnalazioni arrivano da Europa, dagli Stati Uniti, dal Canada, dall’Australia, dal Sud Africa, dall’India, dall’America Centrale e dall’America del Sud. «Siamo consapevoli che ci sono problemi di accesso a YouTube, stiamo lavorando per capire. Vi aggiorneremo se non appena avremo notizie», scrive YouTube dal suo profilo Twitter. Ci sono problemi anche con Google Play, il negozio digitale di Mountain View da cui si possono scaricare app per smartphone, e con i servizi di Google per gestire la pubblicità online, Adwords and Adsense. Al momento non ci sono spiegazioni sul motivo del malfunzionamento, qualche utente ipotizza che il problema sia legato agli account degli utenti con Google: YouTube, per esempio, sembra funzionare correttamente se si accede in modalità «in incognito».

In rete, intanto, si è scatenata l’ironia grazie a una vecchia vignetta di Zero Calcare che vi riproponiamo, quella con sua madre sconcertata per la sparizione di Google dal suo computer e le due ipotesi, in «traduzione dal maternese» formulate dall’autore: ipotesi 1 (data all’82%) che fosse sparito dalla pagina iniziale del suo browser, ipotesi due, ma data solo al 18% di probabilità, che il famoso motore di ricerca, avesse chiuso senza che le borse mondiali se ne rendessero conto e solo per caso la questione fosse stata scoperta dalla signora Calcare la quale, interpellata oggi dal figlio, non sembra aver preso bene il sarcasmo della rete.

Ma resta sullo sfondo la domanda se è possibile una vita senza Google. Il gigantismo delle multinazionali Gafam (acronimo di Google, Apple, Facebook, Amazon, Microsoft, ma ci sarebbero anche Netflix e altri grandi nomi) è problematico sia dal punto di vista dell’invasività dei loro cookies, sia dagli evidenti abusi di posizione dominante e di elusione fiscale. E’ noto il caso del programma PRISM denunciato nel 2013 dal programmatore Edward Snowden  che consentiva alla FBI ed alla NSA, due agenzie del governo americano, di acquisire informazioni – email, chat, file in cloud, foto, video – da Google / Youtube, Facebook, Skype ( Microsoft ).

Come ricorda il blogger umanista Natale Salvo: «Google, infatti, vuol dire sia motore di ricerca ma anche browser per la navigazione Chrome ), fornitore di servizi di posta elettronica ( Gmail ), di conservazione di file in cloud ( Drive ), di video conferenza ( Hangouts, Duo e Meet ), di traduzione ( Translate ), di gestione dei contatti, appunti ed appuntamenti ( Contatti, Keep e Calendar ), quelli del navigatore GPS ( Maps, Earth e Waze ) e tanto altro, non considerando ancora Youtubeil servizio per vedere e condividere video. Perfino la tastiera dei nostri smartphone Android, è un loro software ( Gboard ). Insomma Google è una vera e propria piovra tecnologica dalla quale è quasi impossibile districarsi se solo si pensa che la tecnologia degli stessi smartphone è anch’essa di loro proprietà ( Android ) e di conseguenza l’app store (Google Play)».

Degooglizzare internet è la parola d’ordine, difficile, di alcune campagne che hanno indicato alcune alternative. Provate a consultare questa tabella:

Servizio Software Google Software
alternativo
Browser di navigazione Chrome Firefox + estensione uBlock Origin (Brave), Duckduckgo (su mobile)
Motore di ricerca Google Duckduckgo
Posta Elettronica Gmail ProtonMail
Conservazione Cloud Drive Webo.hosting
Video Conferenza Meet Jitsi Meet
Servizio di traduzione Translate Deelp (no app,solo online)
Rubrica telefonica Contatti OpenContacts (su F-Droid)
Blocco Note Keep Carnet (su F-Droid)
Navigatore GPS Maps OsmAnd (su F-Droid)
Condivisione video Youtube PeerTubeDtube, e Lbry (online), NewPipe (app, *)
Tastiera Gboard Simple Keyboard OpenBoard
(su F-Droid)
App Store Google Play F-Droid (da scaricare smartphone)

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

NoTav, la protesta di Dana alle Vallette, 32 condanne al maxiprocesso

Dana Lauriola, portavoce No Tav in sciopero della fame a oltranza con altre due detenute per rivendicare i diritti negati nel carcere delle Vallette

Di cosa è davvero fatta la democrazia più grande del mondo

Usa, fascismo, cortine fumogene e alternative. I fatti del 6 gennaio a Washington funzionano come rivelatore [Daniel Tanuro] 

L’altra faccia della crescita cinese

Cina. 503 scioperi in sei mesi. I lavoratori non si compiacciono che vengano compressi i loro salari [Francisco Louçã]

Assunto per un pezzo di pane, licenziato per un pezzo di pane

Ha preso del pane destinato al macero: licenziato. A segnalare il "furto" lo stesso panificatore, allergico al sindacato, già condannato una volta

Cucchi, l’appello potrebbe costare caro ai carabinieri

Chieste pene più severe per chi pestò Stefano Cucchi e per il maresciallo che, secondo la prima sentenza, organizzò il depistaggio