30 C
Rome
venerdì 6 Agosto 2021
30 C
Rome
venerdì 6 Agosto 2021
HomemondiSpagna, bilancio di un anno di governo di sinistra

Spagna, bilancio di un anno di governo di sinistra

Psoe e Podemos hanno attuato un po’ del programma. Ma l’equilibrio fragile e il destino della monarchia minacciano la coalizione [Ludovic Lamant]

Il governo spagnolo, che è salito al potere quasi un anno fa, il 13 gennaio 2020, è un’eccezione sotto molti aspetti. Prima di tutto nella storia recente del Paese, poiché si tratta del primo tentativo di esperimento di coalizione dal ritorno della democrazia nei primi anni Ottanta, dopo decenni segnati da un’alternanza bipolare tra conservatori (PP) e socialisti (PSOE). Anche a livello europeo, perché è uno dei pochi esecutivi, insieme al vicino Portogallo, segnato a sinistra, in un continente dove domina l’ala destra e proliferano gli estremi dell’estrema destra.
Quale valutazione iniziale possiamo fare di questa convivenza tra il PSOE socialista e la coalizione Unidas Podemos, guidata da Pedro Sánchez? L’emergere della pandemia ha ovviamente scosso tutti i piani, essendo la Spagna uno dei paesi più colpiti in Europa. Ma chi aveva previsto un rapido crollo di questo governo di minoranza al Congresso dei deputati (mancano 20 seggi per una maggioranza assoluta) si sbagliava. In una conferenza stampa del 29 dicembre, Sánchez ha detto che l’esecutivo ha realizzato il 23 per cento del programma di coalizione presentato a gennaio e ha iniziato a lavorare almeno sul 90 per cento delle promesse iniziali.
La coalizione ha perso solo tre voti in questa fase del Congresso. E in due occasioni ha dimostrato la sua – relativa – solidità: la prima, in ottobre, ha respinto una mozione di censura avviata dal partito di estrema destra Vox, che ha ricevuto solo 52 voti (su un totale di 350 membri eletti). Dei cinque moti di censura attivati dagli anni della Transizione, questo è stato quello con il punteggio più basso.
Soprattutto, il governo del PSOE-Unidas Podemos è riuscito il 3 dicembre a far adottare un bilancio per il prossimo anno con una maggioranza molto più ampia di quella che lo aveva sostenuto 11 mesi prima per la nomina: 188 voti su 350, grazie all’appoggio della maggior parte dei partiti regionalisti o filo-indipendentisti (baschi, catalani, ecc.). Questo budget è superiore del 10% rispetto al 2019, a sostegno della sanità, della ricerca e degli affari sociali. Oltre alla dotazione del piano di ripresa dell’UE, questo sforzo è finanziato da aumenti delle imposte sul reddito, sul patrimonio e sulle società, per le fasce più alte (ma in misura minore di quanto previsto dall’accordo governativo del 30 dicembre 2019).
Va notato che il governo ha ottenuto il sostegno degli indipendentisti della Sinistra repubblicana della Catalogna su questo testo, accogliendo una delle loro richieste fondamentali: un’armonizzazione delle imposte regionali (sui beni e sulle eredità), che costringerà la regione di Madrid (controllata dalla destra del PP) ad aumentare le sue aliquote, ponendo fine a quello che la destra di Madrid definisce un “paradiso fiscale costruito dalla destra di Madrid” all’interno della Spagna.
L’anno passato è stato caratterizzato da battaglie interne talvolta epiche tra PSOE e Unidas Podemos. Alcuni osservatori hanno visto questo come la prova di un governo fragile sull’orlo del collasso, soprattutto da quando Pedro Sánchez ha tentato l’estate scorsa un riavvicinamento con Ciudadanos (liberali), riaccendendo la speculazione su una maggioranza alternativa che avrebbe scavalcato Podemos. Altri, meno impressionati, sottolineano che tali disaccordi fanno parte del gioco per qualsiasi coalizione. Alla guida del Podemos, Pablo Iglesias, uno dei tre vicepresidenti dell’esecutivo, a metà dicembre ha chiesto di “normalizzare” queste “tensioni”, che considera salutari, perché spesso permettono, secondo lui, un ritorno alla rigorosa applicazione del programma della coalizione.
All’inizio dell’anno il governo ha aumentato il salario minimo di 50 euro (a 950 euro) e ha innalzato le tariffe per l’assistenza sociale e le pensioni. Ma il PSOE ha bloccato la prospettiva di un ulteriore aumento, a partire dal 2021, sullo sfondo di un confronto tra Yolanda Díaz, ministro del Lavoro (alleata di Podemos e molto popolare), e la vicepresidente Nadia Calviño, responsabile degli affari economici (l’ala “realistica” del PSOE, che insiste sulla nuova equazione di bilancio causata dalla pandemia). Sotto la pressione di Unidas Podemos, a settembre l’esecutivo ha adottato un “reddito minimo vitale”, un aiuto che dovrebbe andare a beneficio delle 850.000 famiglie più povere del Paese – ma che, in questa fase, si sta rivelando molto mal distribuito.

Su richiesta di Podemos e di altri partiti regionalisti di sinistra, il governo ha finalmente adottato un decreto che impedisce gli sfratti durante il periodo di allarme sanitario, nonché le interruzioni nella fornitura di luce, acqua e gas alle famiglie più precarie. Il PSOE e Podemos si sono divisi a settembre, durante la votazione sulla regolarizzazione massiccia dei lavoratori irregolari, alla luce della pandemia (il testo è stato respinto, a causa dell’opposizione del PSOE). La Spagna è diventata anche, il 18 dicembre, il sesto paese al mondo ad autorizzare l’eutanasia, con un voto abbastanza ampio al Congresso (opposizione solo del PP e di Vox, 138 voti contrari e 198 a favore).
Sul fronte dei diritti delle donne, l’esame del testo più emblematico del mandato in materia, che il ministro Irene Montero ha presentato a novembre a Mediapart, non è ancora iniziato nel Congresso dei deputati. Per quanto riguarda la legge sui diritti delle persone transgender, sembra, nella migliore delle ipotesi, ritardata, a causa di forti disaccordi tra Unidas Podemos – che la sostiene fortemente – e alcuni ministri del PSOE, che non vogliono sentirne parlare (contrari all'”autodeterminazione sessuale”).
In questa fase è impossibile dire quale sarà l’esito della battaglia in corso sulla riforma della giustizia, quando la proposta del PSOE e del Podemos sarà accusata da tutte le parti, soprattutto da Bruxelles, di politicizzare ulteriormente la magistratura. Simbolo della cattiva gestione del Partito Popolare (PP), la “legge per la tutela della sicurezza dei cittadini” entrata in vigore nel 2015, soprannominata dai suoi oppositori la “legge bavaglio”, ley mordaza, che regola i rapporti tra manifestanti e polizia, non è stata ancora abbandonata o riformata, contrariamente alle ripetute promesse dei due partiti al potere. “Che ci siano disaccordi? Certo che ci sono. Perché sono i padroni, le industrie energetiche, le case da gioco e Bruxelles che chiamano al telefono [il vicepresidente socialista] Nadia Calviño. A noi sono i pensionati, i migranti, le maree bianche e verdi [il nome dei movimenti anti-autoritari nei settori della sanità e dell’istruzione] che ci chiamano”, ha detto Juan Carlos Monedero, uno dei cofondatori di Podemos e stretto collaboratore di Pablo Iglesias, in una recente intervista a El Diario, un tempo eclissato dalle accuse di evasione fiscale.
La ministra socialista del bilancio María Jesús Montero avverte l’effetto lente di ingrandimento, in una recente intervista rilasciata a El País: “I consigli dei ministri sono molto più pacifici dell’apparenza che alcuni danno di essere d’accordo nel dissentire su qualsiasi cosa. Per nulla…”. Lo spettacolo delle divisioni serve all’opposizione, sia il PP che la Vox, due formazioni impegnate in una guerra di offerte e che moltiplicano deleteri attacchi contro un governo venduto ai “venezuelani”.
Se molti dei compromessi ottenuti nel corso dell’anno tendessero ad orientarsi maggiormente verso la linea del Podemos, l’anno 2021 potrebbe essere più difficile per il movimento di Iglesias. Al di là delle elezioni del 14 febbraio in Catalogna, dove i risultati dei due partner della coalizione saranno ovviamente esaminati con attenzione, due questioni sono esplosive. In primo luogo, il progetto difeso dal ministro socialista della previdenza sociale, che mira ad aumentare il numero di anni presi in considerazione per il calcolo del pensionamento – una riforma inaspettata, che non è inclusa nel progetto di coalizione e che potrebbe mettere a rischio Unidas Podemos.
Ma è soprattutto il futuro della monarchia che divide profondamente le due parti. Mentre l’ex re Juan Carlos ha lasciato la Spagna in agosto per evitare la giustizia nel suo paese e rimane accusato di diverse frodi fiscali su larga scala, il PSOE ha appena annunciato un disegno di legge che intende rinnovare il funzionamento dell’istituzione, con il sostegno del PP. La coalizione Unidas Podemos si definisce repubblicana e ha costantemente criticato l’atteggiamento di Juan Carlos. Pablo Iglesias ha già avvertito che non voterà un testo destinato a rafforzare la corona.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Sulla riva del Nautilus

L'isola di San Simón sembra una piccola nave arenata. Di fronte all'isola, c'è una scultura che sembra camminare sull'acqua. È il capitano Nemo di Verne [Javier de Frutos]

José Bové ormai gioca da solo

Da Larzac alla politica, i diversi volti di José Bové. Dal movimento al sostegno, alle ultime elezioni regionali, alla candidata socialista [Romain Gruffaz]

Tokio 2020, nemmeno un minuto per le vittime di Hiroshima

Hiroshima protesta con il Cio per la mancata commemorazione dell'anniversario. La minaccia atomica oggi e l'ambiguità di Italia e Nato

Greenpeace: donazioni a qualsiasi prezzo?

Un'ex dipendente del call center fornitore di Greenpeace in Francia denuncia le condizioni di lavoro e i metodi invasivi [Cécile Hautefeuille]

Ascanio Celestini immagina il Museo Pasolini

Celestini, un'anteprima in forma di prove a Fosdinovo per il festival Fino al Cuore della Rivolta [Chiara Nencioni]