18.1 C
Rome
lunedì 19 Aprile 2021
18.1 C
Rome
lunedì 19 Aprile 2021
HomemondiTrump dovrebbe essere rimosso ma l'America premia la rabbia, se è bianca

Trump dovrebbe essere rimosso ma l’America premia la rabbia, se è bianca

Dato che gli assaltatori del Campidoglio erano bianchi, li hanno lasciati andare. Ma se fossero stati neri. L’editoriale di The Nation [Elie Mystal]

Il presidente Donald Trump dovrebbe essere incriminato, rimosso dal suo incarico e poi arrestato per aver incitato i suoi sostenitori ad assediare e ad invadere il Campidoglio degli Stati Uniti. In un discorso tenuto a un raduno dei suoi sostenitori proprio prima che il Congresso tentasse di certificare la sua sconfitta al Collegio Elettorale, Trump ha detto ai suoi di andare in Campidoglio per “sostenere” i membri del Congresso che si opponevano alla certificazione. Ha recitato la sua lunga lista di menzogne sulle elezioni, e poi ha lanciato le uova sul suo popolo dicendogli che il vicepresidente Mike Pence “non ha avuto il coraggio di fare quello che si sarebbe dovuto fare per proteggere il nostro Paese e la nostra Costituzione”. Ha parlato per quasi due ore.
Non molto tempo dopo, il suo popolo ha violato il Campidoglio, ha fermato il processo di certificazione alla Camera e al Senato, e ha costretto Pence e la presidente della Camera Nancy Pelosi ad essere portata in un luogo sicuro.
Per me, questo è sufficiente per accusarlo di un crimine. Il discorso di Trump non ha superato il “Brandenburg Test” della Corte Suprema (così chiamato per la causa Brandenburg v. Ohio del 1969), che determina quando il discorso diventa un’esortazione all’azione violenta e perde la protezione del Primo Emendamento. Il test chiede se il discorso è stato “diretto a incitare o produrre un’azione imminente illegale”, e il discorso deve essere “suscettibile di incitare o produrre tale azione”. Parlare in “codice” non è una difesa. Le dichiarazioni di Trump erano dirette a produrre un’azione immediata illegale, ed era probabile che lo facessero.
C’è anche uno statuto: 18 La sezione 373 dell’U.S.C. rende “l’adescamento a commettere un crimine di violenza” un reato federale. Il linguaggio che c’è: “Chiunque, con l’intento di indurre un’altra persona a commettere una condotta che costituisce un reato… sollecita, comanda, induce, o comunque si sforza di persuadere tale altra persona a commettere tale condotta,” sarà imprigionato o multato o entrambe le cose.
Le autorità rimuoveranno e arresteranno Trump, se fosse nero. Questa non è un’ipotesi; questo è letteralmente ciò che è già successo all’attivista di Black Lives Matter DeRay McKesson. Nel 2016, in occasione di una protesta all’indomani dell’omicidio della polizia di Alton Sterling, la polizia di Baton Rouge ha arrestato McKesson e lo ha accusato di istigazione. Non aveva detto nulla di violento, ma a quanto pare un manifestante ha lanciato un mattone che ha ferito un poliziotto. McKesson era solo l’organizzatore più visibile dell’evento, e così è stato rinchiuso (la stessa logica dei decreti Salvini, ndt).
Alla fine McKesson è stato rilasciato, dopo di che ha fatto causa alla polizia per l’arresto illegitimo. Il dipartimento si è accordato, ma poi l’agente ferito ha fatto di nuovo causa a McKesson, secondo una teoria di incitamento. La Corte d’Appello degli Stati Uniti per il Quinto Circuito ha permesso che la causa dell’agente procedesse, e McKesson è dovuto andare fino alla Corte Suprema prima di essere definitivamente dcagionato. Se un attivista nero può essere arrestato e perseguitato fino alla Corte Suprema perché un manifestante ad una manifestazione ha lanciato un mattone, cosa dovrebbe accadere ad un presidente bianco che incoraggia la sua gente ad assaltare il Campidoglio?
Niente? La risposta dell’establishment legale bianco sarà “niente”? I leader di insurrezioni fallite (o colpi di stato o atti di sedizione o comunque vogliate chiamarli) non dovrebbero cavarsela con niente.
Noi siamo qui, viviamo in uno stato che sta vacillando sul baratro, perché per troppo tempo le autorità non hanno fatto nulla per fermare i violenti suprematisti bianchi, ora organizzati sotto lo stendardo di Donald Trump, o i loro promotori nel governo e nei media. I media di destra incitano i loro spettatori contro “the Squad” in modo coerente, ma le forze dell’ordine non fanno nulla. Il Partito Repubblicano infiamma i pazzi no mask che poi escono e pianificano di rapire Gretchen Whitmer (la governatrice del Michigan, ndt), ma gli elettori repubblicani non fanno nulla per punire i rappresentanti. E Trump è stato citato direttamente nei manifesti degli sparatori di massa, ma le forze antiterrorismo non fanno nulla. Non succede mai niente, ma i media continuano ad amplificare la violenta retorica di Trump con notizie in diretta.
I repubblicani incoraggiano attivamente il comportamento violento dei loro estremisti marginali. Eppure non si tratta solo di Trump. Non è solo Josh Hawley (senatore repubblicano) ad amplificare le affermazioni infondate di Trump sulle elezioni. Sono anche le forze dell’ordine – quelle i cui sindacati l’hanno appoggiato – che danno aiuto e conforto ai bianchi senza legge. Sono i poliziotti di Kenosha che hanno dato un bicchiere d’acqua al terrorista di strada Kyle Rittenhouse, e sono i poliziotti di Washington che hanno preso Selfies con la gente che ha preso d’assalto il Campidoglio.
Come per McKesson, sappiamo cosa succederebbe a questi ribelli del Campidoglio se fossero neri. Abbiamo appena vissuto un’estate di protesta contro la brutalità della polizia, e più volte la polizia ha incontrato quei manifestanti con ancora più brutalità. I manifestanti di Black Lives Matter sono stati spinti, sbattuti, soffocati, tenuti per soffocamento, spruzzati di pepe e picchiati dalla polizia… per essere a uno sputo (“a distanza di starnuto”) dai negozi di grandi dimensioni. E i neri sono stati arrestati in nome del ripristino dell’ordine.
Quanti bianchi sono stati arrestati durante la presa di potere del Campidoglio? Hanno preso il tizio che ha tolto il palco dal Senato? E quello che si è seduto alla scrivania dell’assistente di Pelosi? O quelli che hanno rotto le finestre e frugato tra le scrivanie? Hanno preso il tizio che si aggirava per le aree riservate con una bandiera confederata? E quelli che hanno piazzato ordigni esplosivi all’interno del Campidoglio? A giudicare da quanto scritto, la polizia di Washington riferisce di aver arrestato 12 persone; una donna è stata colpita e uccisa, anche se non è ancora chiaro chi ha sparato il colpo. I media trasformano ogni protesta della Black Lives Matter in un episodio di C.O.P.S., inviando così il messaggio che le autorità hanno il controllo, ma, per quanto posso dire, i pochi arresti sono avvenuti fuori campo. Non c’è stata una drammatica scena di deflusso, nonostante le infinite manifestazioni di illegalità e i primi saccheggi del Campidoglio degli Stati Uniti dalla guerra del 1812.
Il doppio standard non è sorprendente, ma è istruttivo. La nostra società è permissiva nei confronti della rabbia bianca. Questa rabbia è costantemente viziata, spiegata, massaggiata e giustificata. Ci viene sempre detto che la rabbia bianca deve essere compresa, che la rabbia bianca deve essere spiegata, e che il razzismo bianco deve essere studiato, perché se scaviamo abbastanza a fondo, scopriremo che in realtà è motivato da qualche altro fattore più benigno.
Al contrario, la rabbia nera viene arrestata. La rabbia nera viene giustiziata. La rabbia nera viene respinta. Non è che i neri non abbiano motivo di prendere d’assalto il Campidoglio e chiedere un risarcimento per le ingiustizie commesse contro di noi – è che un nero, con o senza un’arma, non farebbe due passi all’interno di Statuary Hall senza essere sparato dalla polizia.
Joe Biden ha parlato del tentato colpo di stato e ha detto: “Questo non è un riflesso della vera America”. Si sbagliava. I bianchi hanno sempre avuto il permesso di esprimere violentemente il loro dissenso. I neri usciti dalle loro case e letteralmente arrostiti nei disordini della rivolta di New York del 1863 potrebbero dirvi come appare un “vero” riflesso dell’America, proprio come potrebbero dirvelo i neri picchiati sul ponte Edmund Pettus. Questo tentativo è stato un perfetto riflesso di ciò che è sempre stato vero in America: Abbiamo una serie di leggi per i neri e un’altra, più clemente, per i bianchi violenti.
Trump deve essere incriminato e rimosso. Tutti i suoi sostenitori che hanno violato il Campidoglio devono essere radunati e arrestati.
La probabilità che non lo siano è la ragione per cui questo Paese è uno Stato fallito.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Omicidio Bergamini, chiesto processo per l’ex fidanzata

Omicidio Bergamini. Il 2 settembre l’udienza preliminare per il rinvio a giudizio di Isabella Internò

San Didero, situazione critica: «Non lasciateci soli»

Aggiornamenti da San Didero. Il movimento No Tav, intanto, diffonde video sull'usanza poliziesca di lanciare lacrimogeni ad altezza d'uomo

Nel mondo vincono gli autocrati, ma le resistenze continuano

Il 68% dell'umanità vive in regimi autoritari. Un rapporto indica un nuovo anno nero per la democrazia liberale ma... [Fabien Escalona]

Val Susa, lacrimogeni ad altezza d’uomo, grave un’attivista No Tav

Giovanna dovrà essere operata. La polizia: ferite incompatibili con un lacrimogeno. Perché la protesta a San Didero

Il virus della stanchezza

Il Covid-19 ci spinge verso una stanchezza collettiva. Perché ci sentiamo così stanchi? [Byung-Chul Han]