16.5 C
Rome
mercoledì 27 Ottobre 2021
16.5 C
Rome
mercoledì 27 Ottobre 2021
Homein fondo a sinistraAnche in Francia i comunisti hanno cent'anni. Come si sentono?

Anche in Francia i comunisti hanno cent’anni. Come si sentono?

Di fronte al rischio di sparire il PCF sta ancora cercando la sua bussola mentre l’anticapitalismo è rivendicato da altri a sinistra [Pauline Graulle]

È difficile avere 100 anni nel 2020. Il PCF aveva programmato di festeggiare la sua rispettabile età. Ma da un isolamento all’altro, niente è andato secondo i piani. E in questo triste anno che è stato privato della Fête de l’Humanité a causa di Covid, i festeggiamenti per il centenario sono stati cancellati uno dopo l’altro. Come questa mostra di manifesti, co-organizzata dalla Fondazione Gabriel Péri, che doveva essere uno dei momenti salienti di questo anniversario, rimarrà definitivamente chiusa.
Pochi giorni prima di Natale, però, una manciata di giornalisti ha avuto la fortuna di accedere all’Espace Niemeyer, la parte sotterranea della sede parigina che la festa ora affitta per sfilate di moda o eventi commerciali. Sulle mura di cemento del seminterrato Colonel-Fabien, la propaganda del PCF, accuratamente scelta dagli archivi di Bobigny (Seine-Saint-Denis), racconta le ore grandiose di un partito che ha resistito a una guerra mondiale, alla caduta del muro di Berlino, alla deindustrializzazione, all’aumento della disoccupazione di massa e all’OPA di Mitterrand.
Con il PCF prende forma anche la storia della Francia del XX secolo: dalla difesa del “pane quotidiano” sotto il Fronte Popolare alla protezione della piccola borghesia contro il “grande capitale”; dalla resistenza al nazismo alla resistenza all’imperialismo americano; dall’anti-gollismo al “programma comune”; dal partito che ha guidato la ricostruzione del dopoguerra al baluardo del partito della previdenza sociale, al pensionamento a 60 anni e alle ferie pagate…
Dopo il peregrinare, inevitabilmente, arriva la domanda: a cento anni dal Congresso di Tours, cosa resta del comunismo francese? Da alcune settimane, Fabien Roussel, il segretario nazionale eletto nel 2018 per porre fine alla “cancellazione” del partito, sta setacciando i media per affermare di avere dei piani “per i prossimi cento anni”. In primo luogo, quello di presentare un candidato “interno” per le elezioni presidenziali del 2022. Più che un punteggio importante, si tratta di pesare nelle trattative per le elezioni legislative. E soprattutto, per far passare un messaggio: il futuro della sinistra francese non può essere scritto senza il PCF.
Nel maggio 2021 i comunisti decideranno quindi con un voto. È opportuno sostenere ancora una volta la candidatura di Jean-Luc Mélenchon nel 2022? O mandare il proprio candidato (chi potrebbe essere Fabien Roussel)?
La posta in gioco è tanto più cruciale in quanto è passato un decennio da quando il partito di Thorez non si è schierato sotto i suoi stessi colori nella regina delle elezioni, preferendo, dopo il microscopico punteggio di Marie-George Buffet nel 2007 (1,93%), schierarsi con Jean-Luc Mélenchon, prima sotto l’etichetta del Front de Gauche nel 2012, poi sotto quella di La France insoumise nel 2017. Al traguardo, un bilancio a mezze tinte. Se Jean-Luc Mélenchon ha alzato la voce della “sinistra” (19%), è stato a prezzo dell’invisibilità dei veri “rossi” della coalizione. Successivamente, l’episodio delle elezioni legislative del 2017, in cui comunisti e insubordinati hanno finito per distruggersi a vicenda per mancanza di un accordo nazionale, aggiunto alle esternazioni del leader insoumis che descrive il PCF come “partito della morte e del nulla”, lascerà ferite ancora aperte.
Così, a due anni dall’ultimo congresso, che prometteva di far rivivere “l’orgoglio comunista”, non si tratta più di tenere la propria bandiera in tasca. Solo per tentare di ri-esistere, finalmente, da soli.
Per esistere, sì, ma per cosa? E per chi? Giovedì 17 dicembre, durante un breve discorso per il centenario trasmesso sui social network, il Covid ha costretto Fabien Roussel a pronunciare una serie di ” battute forti”, ma non ha dissipato la nebbia. “Nel 2020, come cento anni fa, [il comunismo è] la gioventù del mondo di fronte al vecchio sistema capitalista”, ha detto il deputato del Nord. È necessario “guardare al futuro” con “interesse popolare”, “difesa dei più umili” e “combattività” come bussola. Poi ha detto, temerario: “Potreste rimanere sorpresi dal nostro rafforzamento negli anni a venire! »
Resta il fatto che in un periodo di atomizzazione della classe operaia e di cattura del dibattito pubblico da questioni di identità, il recupero promesso non è affatto scontato. Tanto più che il PCF non è più l’unico partito di governo a sostenere l’uscita dal capitalismo. La France insoumise continua, in un modo più “populista”, a scavare il solco del “radicalismo” a sinistra, e ha in bocca solo le parole “nazionalizzazione” e “pianificazione”. Inoltre, tra i nuovi arrivati all’ecologia, quelli che popolano il clima marciano verso una parte dei Verdi, anche lì denunciamo un sistema economico che è mortale per il pianeta. Di conseguenza, nella Francia contemporanea, la prospettiva comunista non è più l’unica a incarnare l’anticapitalismo? “Nel corso degli anni, il PCF è diventato un partito più tradizionale, con meno membri, meno provenienti dalla classe operaia”, conferma il sociologo Julian Mischi. «Tuttavia, il PCF conta ancora 50.000 militanti presenti in città dove gli altri non lo sono, e mantiene le reti nell’ambiente sindacale. Continua inoltre ad attrarre giovani in cerca di impegno perché permette un attivismo militante, senza la necessità di un forte background culturale per trovare il suo posto». Tante risorse nel campo delle rovine che è l’attuale sinistra, che è elencata nei corridoi Colonel-Fabien per convincere che il PCF ha ancora un futuro. “Naturalmente il PCF ha ancora la sua utilità di fronte a un Mélenchon che rimane socialista e ai Verdi che si dividono sull’uscita dal capitalismo”, ha detto Guillaume Roubaud-Quashie, direttore della rivista Cause commune. Ne è la prova, sostiene, questo recente studio della Fondazione Gabriel Péri: dimostra che il 56% dei francesi pensa che la lotta di classe sia “ancora attuale” e che la metà degli under 34 non considera il comunismo “superato”.
“Il problema, tuttavia, riconosce questo aggregato storico, è che il comunismo, soprattutto tra le generazioni più anziane, è ancora associato al progetto sovietico, che conserva un’immagine molto negativa. Per uscirne, o cambiamo il nostro nome, ma questo ci porta in una logica di marketing, oppure diamo più significato e prospettiva al nostro progetto. Ora, sono tornato in vent’anni di archivi per il centenario, e ho potuto solo osservare che il nostro discorso spesso ruota intorno alla “reinvenzione”, ma che non diciamo mai cosa sarà esattamente».
Una difficoltà che gli stessi “ideologi” del partito non negano. Seguendo l’esempio del primo federalista parigino, il quarantenne Igor Zamichiei, che, si dice, stia occhieggiando alla leadership del partito una volta che Fabien Roussel sarà partito sulla strada della presidenza – cosa che egli nega: “Il PCF è ancora in grado di portare grandi progressi sociali nel XXI secolo? È ancora percepita come una forma originale? Questo è il dibattito che dobbiamo aprire con i francesi”, spiega l’uomo che si trascina la reputazione di essere uno dei più “identitari” del partito, nonostante la propensione della federazione parigina a stipulare accordi con il Partito socialista.

Per lui non c’è dubbio: il PCF ha tutte le carte in regola per rispondere ai grandi mali del nostro tempo – uberizzazione, disuguaglianze crescenti, crisi sanitaria… Vuole la creazione di un centro pubblico della medicina, immagina una “nuova età dell’oro dei servizi pubblici”, e propone un diritto di veto e controproposte salariali durante i licenziamenti. Tutte queste proposte sono molto simili a quelle avanzate da… La France insoumise.
Un’illusione ottica, però, spazza via Frédéric Boccara, membro del consiglio nazionale, vicino a Igor Zamichiei: “Mélenchon ha il radicalismo nel mento, ma il suo programma è social-democratico-riformatore! “Secondo l’economista marxista a capo del potente “settore ecologico” del partito, la soluzione è in tre lettere: “SEF” per “sicurezza del lavoro e della formazione”.Un nuovo sistema di protezione sociale, che dovrebbe essere rivoluzionario come il sistema di previdenza sociale del suo tempo, concepito dal padre, Paul Boccara, un economista molto rispettato a metà degli anni Novanta.
Venticinque anni dopo, Boccara-figlio spera che la proposta abbia un posto di rilievo nell’agenda del 2022 e che conquisti le folle. “Il PCF deve essere portatore di rivoluzione politica e sociale”, dice l’economista, che ritiene che per cambiare la società, “il PCF non deve né dissolversi in altri movimenti politici né rimanere sui suoi simboli tradizionali, ma tornare ad essere un grande partito popolare”.

“Nel 2005 ci siamo persi una svolta storica”

Boccara, Zamichiei, Roussel: nuovi salvatori del comunismo francese? Molti militanti, attuali o passati, guardano la sceneggiatura che scrivono con scetticismo. Tutti pensano alle recenti battute d’arresto elettorali in cui il partito ha gareggiato, fiore all’occhiello, da solo. Così è stato per le elezioni europee del 2019, dove il capo della lista Ian Brossat, la figura del rinnovamento, aveva suscitato molte speranze, prima del crollo finale: meno del 3%, la soglia necessaria per il rimborso della campagna elettorale. E alla fine, non c’erano più deputati comunisti francesi a Bruxelles.
Per quanto riguarda le ultime elezioni comunali, in cui i comunisti hanno potuto trovare conforto nell’aver (ri)conquistato Bobigny, Noisy-le-Sec (Seine-Saint-Denis) o Corbeil (Essonne), hanno visto amare sconfitte in diverse città simbolo, come Saint-Denis o Champigny-sur-Marne, la città di Georges Marchais.
Come nutrire la speranza di tornare in pista? “Il SEF è buono, ma pochi lo capiscono. Inoltre, il soggetto economico non può essere l’unica matrice di rinnovamento. Bisogna ricreare una narrazione, per sapere che storia si racconta! “Questa è l’opinione dell’ex eurodeputata ed editrice Marie-Pierre Vieu, che osserva che il partito, che ancora si dichiara produttivista, è ancora più indietro della CGT sulla questione ecologica.
“Il Partito comunista è finito, ma non l’idea comunista”, dice François Asensi, ex segretario della federazione della Senna-Saint-Denis, che è stato “messo sulla lista nera” nel 1985 dal “comitato centrale” del partito, prima di sbattere la porta nel 2010. “L’obiettivo comunista di realizzare una società senza classi è più che mai attuale, ma dobbiamo smettere di vivere di nostalgia per il glorioso passato della resistenza”, aggiunge.
“Qual è la dottrina del PC oggi? Qual è la sua base culturale? La sua identità? A parte il desiderio di riaffermare la struttura partigiana, non so come rispondere”, aggiunge lo storico del comunismo Roger Martelli. Se egli riconosce che “una certa pratica militante che combina il lavoro sul campo e la presenza nelle istituzioni continua a sopravvivere, in particolare attraverso il comunismo municipale”, dare prospettive nazionali è un’altra storia per un partito le cui truppe sono state divise a dieci dagli anni Settanta. La vocazione del PCF ad essere un partito di maggioritario, che un tempo lo distingueva dall’estrema sinistra, è stata rilevata da Jean-Luc Mélenchon, che dal 2012 sembra essere il voto più utile della sinistra”, continua l’autore di PCF, une énigme française (La Dispute, 2020). D’ora in poi, il partito ha raggiunto la soglia della marginalità politica, e anche di fronte a un Jean-Luc Mélenchon molto indebolito dalle incursioni del 2018, non è più in grado di riprendere una dinamica che lo pone al centro del gioco».
“Il PCF ha nel suo DNA la preoccupazione di un approccio maggioritario senza il quale la rivoluzione non è possibile, la preoccupazione delle categorie popolari, l’assunzione di rischi manageriali, il dialogo con gli intellettuali e il mondo della cultura. Il paradosso è che a forza di riaffermare questa identità come intangibile – perché positiva – non ha percepito le trasformazioni del mondo e la necessità che esso superi se stesso per conservare il meglio della sua tradizione e offrirlo alla costruzione di una nuova forza”, dice Frédérick Genevée, presidente del Museum of Living History di Montreuil (Seine-Saint-Denis), che ha dedicato una mostra e un libro collettivo al congresso Tours. L’ex sindaco di Saint-Denis, Patrick Braouezec, non è molto più ottimista sul destino dello strumento. Considerato come una delle figure “visionarie” della periferia rossa, è molto contento di vedere che la riflessione sui “comuni” è andata oltre il perimetro del Partito Comunista per infondere altri partiti di sinistra e circoli ambientalisti.
In contrasto con l’attuale leadership, colui che si è sempre distinto per le sue posizioni poco ortodosse mette l’indebolimento del partito in relazione all’inasprimento privilegiato dell’identità degli ultimi decenni: “Il problema è che ci è sfuggito il punto di svolta della storia nel 2005: quando il PCF non è riuscito a riunire le forze anticapitaliste dopo il “no” al referendum sulla Costituzione europea. “Patrick Braouezec ricorda con emozione gli incontri unitari dell’epoca, con Marie-George Buffet, José Bové, Olivier Besancenot o Clémentine Autain… Prima che gli apparati riprendessero il sopravvento. Fino al momento delle elezioni presidenziali del 2007.
“L’esprit de boutique” è anche ciò che dispera Patrice Leclerc, il sindaco di Gennevilliers.Per molto tempo un “succo puro, pur jus” comunista per quasi trent’anni prima di lasciare il PCF nel 2003, considerando che il partito non era “riformabile” e denunciando il suo “ritiro settario”. Ricorda anche la bella idea del Front de Gauche, “una speranza per me, che credo nelle idee comuniste”. Riunire i comunisti, i rossi, i verdi, gli anarchici, gli ex-trotzkisti… ha avuto senso. Ma tutti loro sono rimasti bloccati nella difesa del loro spazio politico. E il risultato è che ci troviamo di fronte a Macron e Le Pen». Oggi, dice, “dobbiamo lavorare su una nuova forma di aggregazione e su contenuti più aggiornati. Questo è quello che sta cercando di fare nella sua città, dove sta cercando di inventare “una nuova arte popolare di vivere”: creare giardini condivisi socialmente misti, abbassare i prezzi negli AMAP, i negozi di agricoltura di prossimità, solidarietà con i rifugiati, discutere sul luogo dell’edilizia popolare…”. Per rimanere fedeli al comunismo, i comunisti dovrebbero avere il coraggio di sciogliersi”, conclude Patrice Leclerc, che prevede che il partito di Thorez avrà lo stesso futuro della Lutte Ouvriere “se continuerà ad accartocciarsi sulla sua eredità”. A settecento chilometri di distanza, Jean-Marc Lespade, il sindaco comunista di Tarnos, nella regione francese delle Lande, non è lontano dal pensare la stessa cosa. Vorrebbe che la conferenza nazionale, dove sarà designato il futuro candidato alla presidenza, fosse qualcosa di più di una scelta tra Mélenchon e Roussel: “Dobbiamo inventare qualcos’altro con le altre forze della sinistra, e sviluppare con urgenza un programma comune. Il PCF si è sempre distinto nei grandi momenti della storia, eccoci qui! »
Nel frattempo sta lavorando per mettere in pratica l’ideale comunista nella sua città, che conta 12.700 abitanti e 5.600 posti di lavoro nell’industria pesante: sviluppare l’economia sociale e solidale, la sperimentazione dei cittadini e il diritto di proprietà collettiva. Anche se, in questi tempi di restrizioni di bilancio, riprendere il controllo della gestione dell’acqua, favorire i legami sociali, la cultura o lo sport non è un compito facile.
Non è facile essere un sindaco comunista nel 21° secolo. Eppure è a livello locale, su queste “isole”, che un po’ di inventiva è ancora in atto e che il comunismo non è solo “contro” ma anche “a favore”, crede Marie-Pierre Vieu. Laboratori locali, secondo lei, non sufficientemente osservati dall’apparato centrale…”. Il punto di forza del PCF è che è relativamente aperto alla società, soprattutto a livello comunale, dove alcuni funzionari eletti lavorano come leader di quartiere, e in connessione con gli odierni circoli popolari”, dice Julian Mischi.
Il filosofo Bernard Vasseur, dal canto suo, ama ricordare i fondamenti: “Non dobbiamo dimenticare che storicamente il socialismo ha dato origine a due impasse: da un lato il socialismo autoritario, cioè la dittatura del proletariato; dall’altro la socialdemocrazia liberale. Nessuno di questi due rami ha abolito il capitalismo. Il comunismo come lo intendeva Marx, quindi, resta ancora da realizzare».
L’intellettuale, apparatchik se mai ce n’è stato uno – è stato luogotenente di Georges Marchais per dieci anni prima di diventare luogotenente di Robert Hue, poi assistente di Claude Gayssot al Ministero dei Trasporti – quest’anno pubblica Le communisme a de l’avenir… si on le libéré du passé (éditions de l’Humanité). Il paradosso oggi”, dice, “è che il PCF, e Fabien Roussel il primo, parla del PCF, ma mai del comunismo, se non per estrarne valori teorici e lontani. Ora dobbiamo proclamarci più simili agli eredi di Marx, e ripetere che il comunismo è soprattutto una lotta».
Un’ingiunzione che non dispiace a Marie-Hélène Bourlard. L’ex numero 2 della lista europea, una militante del Nord, preferisce trascorrere le sue giornate al picchetto con le donne delle pulizie di Onet all’ospedale di Valenciennes, piuttosto che essere coinvolta nei dibattiti filosofico-politici di Colonel-Fabien. Riassume in una frase ciò che il comunismo è e sarà, ai suoi occhi, il comunismo: “Essere il più vicino possibile al popolo”. “Questo è ciò che ha imparato nei suoi primi anni, quando, da operaia sedicenne, ha comprato la Liberté, venduta dai comunisti, “cocos” (“gli unici a venire a trovarci”) al cancello della fabbrica.
Oggi, la persona che trova gli Insoumis “bobos” (radical-chic, hipster, ndt) e che sogna che il PCF sia, come in passato, rappresentato da rappresentanti eletti della classe operaia vorrebbe presentare la sua idea per il 2022: “E se, per una volta, fosse Mélenchon a sostenere un comunista?»

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Cambiamento climatico: Total sa tutto dal 1971

Una ricerca rivela il negazionismo climatico e la narrativa greenwashing del colosso petrolifero francese Total [Mickaël Correia]

Amico Rom, l’arte romanì patrimonio dell’umanità

"Amico Rom", il più importante e longevo concorso al mondo che riguarda la popolazione romanì [Chiara Nencioni]

Ilaria Cucchi: «Leggete bene quella sentenza»

Ilaria Cucchi commenta la sentenza d'appello del processo per l'omicidio di suo fratello Stefano. Il 22 la VII edizione del memorial

Il G8 in scena, senza tregua. A Genova

Teatro nazionale di Genova, G8 Project 2021, atto secondo. Il paesaggio orribile di un ventennio atroce Senza tregua, come una corsa che la...

Una storia di notizie “buone” o propaganda della povertà?

Le notizie virali di coraggio e carità individuale sottolineano solo quanto sia crudele la nostra società [Kali Holloway]