20.7 C
Rome
giovedì 25 Febbraio 2021
20.7 C
Rome
giovedì 25 Febbraio 2021
Home padrini & padroni GameStop, fermare il casinò di Wall Street

GameStop, fermare il casinò di Wall Street

Allarme sulla tenuta dei mercati finanziari dopo che il boom delle azioni GameStop ha messo in ginocchio gli hedge fund  [Martin Orange]

Il mondo finanziario è ancora in subbuglio. Una settimana dopo l’esplosione del prezzo delle azioni di GameStop, legata ad acquisti massicci da parte di individui che hanno agito insieme nello stesso momento, causando cortocircuiti seriali nei mercati finanziari, la messa in ginocchio di un hedge fund (Melvin Capital) e perdite colossali per altri, tutti stanno cercando di trovare una spiegazione per decifrare ciò che è successo.
“È Occupy Wall Street che sta terremotando le élite dall’ interno”, propone il Financial Times. “Robin Hood mette in ginocchio Wall Street”, continua il Wall Street Journal. Mentre alcuni applaudono ciò che vedono come una presa della Bastiglia del mondo finanziario, altri sono allarmati nell’equiparare alla speculazione sfrenata generata dai consigli via Internet per il sacco del Campidoglio da parte dei seguaci di Trump il 6 gennaio, un’orda di barbari complottisti “intenti a distruggere il sistema”.
Piuttosto che vederla come una vendetta dei piccoli contro l’élite o una nuova manifestazione di cospirazione, altri, come la senatrice democratica Elizabeth Warrren e la rappresentante democratica Alexandria Ocasio-Cortez, dicono che i recenti eventi di borsa confermano la trasformazione dei mercati finanziari in “un vasto casinò”.
Qualunque sia l’interpretazione data, tuttavia, tutti concordano sul fatto che l’episodio di GameStop è un segnale che qualcosa non va a Wall Street.
GameStop è “una nuova era appena iniziata”, con gli investitori individuali che si impadroniscono delle nuove tecnologie e scuotono il gioco conveniente stabilito da tempo, scrive The Economist.
Per anni, una battaglia è stata condotta nel mondo finanziario per abbassare il costo del trading attraverso gli investitori istituzionali, che sono gli unici ad avere accesso diretto al mercato. La creazione di grandi piattaforme e il progressivo dominio degli algoritmi segnano un primo passo in questo processo. Nel 2010 sono nati gli ETF (exchange trade funds, fondi indicizzati quotati), che hanno permesso di abbassare notevolmente i costi di transazione. BlackRock emerge come il grande vincitore.
Ma nel 2015, un nuovo giocatore appare: RobinHood. Offre transazioni di borsa gratuite a tutti attraverso un’applicazione di transazioni di borsa senza costi. La sua remunerazione, così come quella di Citadel, il broker che lavora per lui e piazza gli ordini, è costruita sul modello dei giganti di Internet: monetizzano i dati personali raccolti dai clienti.
Fino dalla primavera del 2020, l’esistenza di RobinHood è sotto gli occhi di tutti. Ma grazie alla crisi sanitaria e al confinamento imposto, una moltitudine di persone si ritrova davanti ai propri schermi e inizia a utilizzare la piattaforma per effettuare operazioni di borsa. La stragrande maggioranza di loro ha tra i 30 e i 40 anni, come riporta Le Monde, ha un lavoro e spesso niente di rivoluzionario. La loro ambizione è piuttosto vicina a quella dei “libertari” americani: vogliono invitare se stessi nel grande casinò finanziario e fare una fortuna lì, con il minor sforzo possibile di fronte al sistema.
Sfidando i professionisti della finanza, intendono agire secondo i loro codici. Si incontrano spesso sul forum Reddit, un sito di comunità, dove individui, trader o ex trader si scambiano informazioni e consigli. Come tutti gli altri, partecipano attivamente alla smania Tesla o Apple. Ma la loro preferenza va verso valenze dimenticate o trascurate. In primavera, il rimbalzo dei mercati azionari grazie ai massicci interventi della Federal Reserve suggerisce ad alcuni che hanno trovato la martingala vincente sempre. Per esempio, i gruppi commerciali hanno deciso di comprare massicciamente azioni del gruppo di noleggio auto Hertz, quasi fallito, o Eastman Kodak, le cui azioni non valevano quasi niente. Questo finisce in perdite colossali per alcuni.
Nella lista delle aziende preferite dai clienti della piattaforma RobinHood, c’è la compagnia cinematografica AMC, l’ex star dei telefoni BlackBerry, e soprattutto GameStop, segnalato già nel 2019. La società affitta e vende videogiochi (possiede Micromania in Francia). Un’azienda senza futuro in un momento in cui tutto è dematerializzato e viene scambiato via Internet, secondo gli analisti di borsa. Gli hedge fund hanno già iniziato a prendere posizioni, vendendo il titolo allo scoperto.
L’operazione consiste nello speculare al ribasso su un titolo prendendo in prestito titoli da altri (istituzioni, broker) e poi vendendoli allo scoperto, con un accordo di rimborso successivo. Quando le azioni scendono, il mutuatario riacquista i titoli più economici e prende la differenza. Il giochetto al ribasso può essere ancora più sofisticato: c’è chi specula al ribasso, senza avere titoli in garanzia, solo attraverso il gioco delle opzioni (naked shorting). Si tratta di giochi molto pericolosi, le autorità di regolamentazione hanno preso la misura del loro potenziale di deflagrazione quando Lehman Brothers è fallita. Successivamente, i regolatori avevano promesso di supervisionare e controllare seriamente queste pratiche. La storia di GameStop dimostra che non è così.
Mentre il prezzo delle azioni di GameStop è crollato a 6 dollari all’inizio dell’anno, sta gradualmente risalendo. A settembre è di 10 dollari, a ottobre di 12 dollari, a novembre di 18 dollari e finisce a 20 dollari. Già a settembre, gli oratori del sito Reddit hanno cominciato a parlare dello “squeeze del secolo”, cioè mettere in ginocchio gli hedge fund, vendendo allo scoperto, comprando massicciamente azioni di società e facendone salire il prezzo. I fondi sarebbero poi costretti a riacquistare azioni a prezzi elevati per coprire le loro posizioni, o a tagliarle prendendo delle perdite.
L’idea sta ronzando tranquillamente sui forum per tutto l’autunno. Il segnale arriva quando il fondatore dell’hedge fund Lemon, Andrew Left, che ha fatto una specialità di speculare su titoli sopravvalutati, conferma che il suo fondo ha preso grandi posizioni di vendita contro GameStop. Più tardi, ammette che ha venduto tutto molto rapidamente. Ma, nel frattempo, questo annuncio viene preso come una dichiarazione di guerra dai seguaci di RobinHood, come riportato dal Wall Street Journal. I “Robin del bosco” odiano Andrew Left.

Flash mob del mercato azionario

Il 25 e 26 gennaio, gli ordini di acquisto su GameStop sono saliti alle stelle, soprattutto perché alcune stelle della finanza, a partire dal capo di Tesla Elon Musk, hanno indicato che erano anche loro acquirenti. Il 27 gennaio inizia la follia.
Proprio come alcuni adolescenti hanno usato i social network in passato per scatenare imprevedibili “flash mob”, spesso incontrandosi senza conoscersi per un’improvvisa e breve mobilitazione, i membri di RobinHood si incontrano su GameStop. “Compriamo 1.000 azioni nel minuto successivo”, dice.
Tutti i contatori vanno nel panico, gli algoritmi perdono tutti i punti di riferimento, il mercato esce dai binari. La cura diventa generale: tutti – hedge fund, banche, individui – sentendo “il gusto del sangue”, come scrive The Economist, vogliono far parte del gioco. Il prezzo di GameStop sale a 380 dollari, un aumento del 470% dall’inizio dell’anno.
Alla fine della giornata, si contano i feriti. Molti hedge fund che hanno speculato pesantemente al ribasso si trovano con le dita incastrate nella porta. Il fondo Melvin Capital è in ginocchio. Dopo aver perso circa 3,75 miliardi di dollari nelle prime tre settimane dell’anno, è costretto a chiamare in soccorso i suoi concorrenti Citadel e Point72, che gli forniscono 2,75 miliardi di dollari in contanti. Ma il danno è stato fatto a tutta una lista di altri fondi, che Bloomberg sta esaminando. Le perdite sono nell’ordine dei miliardi.
In questa giornata folle, è emerso un meccanismo che mette in evidenza una vulnerabilità del mercato che non era ancora stata veramente individuata: il “gamma squeeze”, che ha un effetto moltiplicatore esponenziale in caso di speculazione disordinata. Il sito Real Investment Advice spiega il meccanismo come segue: “Le banche e i broker che sono i principali venditori di opzioni hanno bisogno di coprire le loro operazioni. I fondi più dinamici regolano l’importo della loro copertura in base al delta della loro opzione. Se il delta è 0,35, comprano 35 azioni per ogni contratto di opzione corto. Se il delta sale a 0,40, comprano altre cinque azioni. Ma se le “balene” comprano abbastanza call option, possono provocare un Gamma squeeze. L’acquisto di un’azione costringe i venditori a comprare azioni, il che spinge il prezzo verso l’alto. Questi movimenti di acquisto causano l’aumento del delta in modo non lineare. Questo costringe ad ulteriori acquisti di azioni che aumentano di prezzo e così via». Questa volta il gamma Ma cosa succederà se si verificano movimenti simili nella tendenza al ribasso? chiede Bloomberg. “Questo potrebbe essere molto più pericoloso per la stabilità finanziaria”, conclude l’agenzia.
Dal lato dei vincitori, la vittoria ha il sapore di un giorno. Il giorno dopo, il sistema comincia a rimettersi in moto. Il titolo è sceso a 197 dollari il 28 gennaio ed è sceso a 63 dollari il 5 febbraio. Tutti coloro che avevano preso in prestito per partecipare al grande squeeze, coloro che si erano uniti al movimento negli ultimi giorni comprando al top, si sono trovati a loro volta con perdite significative. Alcuni possono essersi rovinati. Secondo Bloomberg, il sito RobinHood avrebbe chiesto circa 3,5 miliardi di dollari ai suoi clienti negli ultimi giorni per coprire le richieste di margine.
Sui forum, gli individui si stanno scatenando. Sono tanto più furiosi in quanto accusano RobinHood di averli privati della loro vittoria e dei loro guadagni. La piattaforma, che si trova in uno stato di vertigine dopo gli eventi del 27 gennaio, è stata pressata dalle autorità di regolamentazione per sospendere tutte le operazioni sui titoli oggetto di speculazione sfrenata, a partire da GameStop.
La SEC (Stock Exchange Commission), fortemente sollecitata ad agire dal nuovo segretario al Tesoro Janet Yellen, ha già annunciato l’apertura di un’indagine sugli eventi del 27 gennaio. Intende controllare se tutto era “in conformità con gli obblighi normativi” e determinare eventuali “frodi o manipolazioni del mercato”. Ha intenzione di agire, soprattutto perché dopo aver attaccato le azioni scontate, la speculazione ha cercato di attaccare il mercato dell’argento (metallo) all’inizio della settimana. La manovra era un colpo lungo, poiché il mercato dell’argento presuppone che si abbiano anche azioni fisiche, il che limita le possibilità di speculazione. Ma questo suona come un avvertimento.
La SEC, tuttavia, rischia di trovarsi di fronte a un vero e proprio grattacapo a cui i regolamenti attuali non sanno rispondere. Il mondo di Internet e delle reti sociali non è incluso nelle leggi di borsa. Come analizzare le informazioni che vengono scambiate sui forum di borsa tra individui? Se certe opinioni provocano acquisti massicci, devono essere considerate come tentativi di manipolare il mercato? Solo i privati sono coinvolti in questi scambi? O certi commercianti o fondi non hanno approfittato di questi mezzi per coprire altri scopi meno confessabili?
Nel corso delle sue indagini, il poliziotto di borsa potrebbe anche essere messo in difficoltà. Perché tutto questo episodio mette in evidenza il peso considerevole che hanno assunto gli hedge fund. Sfuggendo a qualsiasi regolamentazione, sono stati i grandi vincitori della crisi finanziaria del 2008, al punto da diventare il braccio armato delle banche per tutte le operazioni che ora sono loro vietate. Ora formano il “grande buco nero” della finanza, senza che nessuno finora vi presti attenzione.
Un fondo in particolare solleva domande, secondo Bloomberg: Citadel. Essendo diventato il principale broker di Robinhood per tutte le transazioni finanziarie, è anche un investitore sotto altri aspetti. Ufficialmente esiste una vera e propria muraglia cinese tra le due attività, Citadel, che è venuta in soccorso di Melvin Capital, si suppone quindi che abbia totalmente ignorato la follia delle operazioni che stavano avvenendo nell’altra sua filiale. Ed è stato anche un caso che l’interesse si sia poi rivolto al mercato monetario, dove Citadel è stata coinvolta.
Al di là delle nuove rotture forse all’opera, alcuni osservatori si chiedono se i recenti eventi di Wall Street non siano forieri di mercati finanziari senza fiato, preda di bolle diventate stratosferiche, scollegate da un’economia reale che soffre della pandemia. Quello che è successo il 27 gennaio è un avvertimento per la stabilità del sistema finanziario, sottolineano. Il presidente della Federal Reserve Jerome Powell si rifiuta di parlare di GameStop per il momento. Ma in un’intervista del 2 febbraio, il presidente della Federal Reserve di Dallas Robert Kaplan ha riconosciuto che l’eccesso di liquidità generato dalla politica monetaria non convenzionale è stato probabilmente un fattore che ha contribuito allo shock creato da RobinHood.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Intervista all’uomo accusato di solidarietà a Trieste

Migranti, parla Andrea Franchi: “Sono tranquillo, continueremo a curare chi arriva dalla rotta balcanica” (Eleonora Camilli)

Recovery e Clan, l’anno del Dragone

E' come se quello di Draghi fosse due governi in uno. C’è troppo poco tempo per essere moderati. (Marco Bersani/Attac Italia) 

Nelle banlieu, la dipendenza dalle scommesse sportive

Le scommesse sportive online fanno ormai parte del quotidiano dei quartieri popolari francesi (Latifa Oulkhouir)

Ny Police ed Fbi dietro l’omicidio di Malcom X

A 56 anni dall'omicidio del leader afroamericano, la famiglia di Malcom X presenta una nuova prova e c'entra la polizia

La resistenza dell’università di Istanbul, la solidarietà dei colleghi ita...

Una lettera aperta di accademici in sostegno a studenti e colleghi dell'Università Boğaziçi di Istanbul dove da sette settimane si lotta contro Erdogan