7.2 C
Rome
venerdì 14 Maggio 2021
7.2 C
Rome
venerdì 14 Maggio 2021
Homeconsumare stancaUsa, in Alabama al voto per il sindacato in Amazon

Usa, in Alabama al voto per il sindacato in Amazon

I 6mila dipendenti del magazzino di Bessemer stanno votando per formare un sindacato. Un momento cruciale per Amazon, dentro e fuori gli Usa [Cole Stangler]

Quando Amazon ha deciso di costruire un magazzino a Bessemer, la decisione è stata presentata dalla direzione come un evento storico. Per la prima volta, ha detto, il gigante dell’e-commerce stava per creare un centro di distribuzione in Alabama, una manna dal cielo per la popolare città a maggioranza afroamericana alla periferia di Birmingham, la più grande città dello stato.
Due anni e mezzo dopo, il magazzino potrebbe passare alla storia per altre ragioni. Se i 5.800 lavoratori di questo stato meridionale voteranno per formare un sindacato, sarà il primo sindacato Amazon negli Stati Uniti. Se ciò accadesse, la direzione sarebbe costretta a negoziare collettivamente con i lavoratori di Bessemer, ponendo fine allo status quo in cui Amazon impone le sue decisioni unilateralmente.
In altre parole, questa elezione potrebbe rovesciare l’equilibrio di potere all’interno della società. Tutto dipenderà dal voto che avrà luogo per posta tra l’8 febbraio e il 29 marzo. Se i lavoratori di un magazzino Amazon dovessero sindacalizzarsi, sarebbe un enorme passo avanti”, ha detto Joseph McCartin, professore di storia alla Georgetown University ed esperto di sindacalismo americano. Potrebbe essere un grande passo avanti».
La campagna lanciata dal Retail, Wholesale and Department Store Union (RWDSU) di Bessemer ha già ricevuto un grande sostegno. La legge americana richiede che il sindacato dimostri il sostegno di almeno il 30% dei dipendenti per la sua iniziativa al National Labor Relations Board prima delle elezioni. Questa agenzia federale è responsabile dell’organizzazione delle elezioni sindacali. A questo scopo, il sindacato fa circolare e firma delle carte di sostegno, chiamate union cards. Queste carte sono spesso il risultato di una lunga campagna di sensibilizzazione, condotta clandestinamente per minimizzare il rischio di repressione da parte dell’azienda.
Un primo tentativo di creare un piccolo sindacato di tecnici in Amazon è fallito nel 2014, ma si spera che questa volta il RWDSU sia quello giusto. Oltre ai classici argomenti che portano all’iscrizione al sindacato – salario, condizioni di lavoro, ferie, ecc – la volontà di creare un contrappeso all’azienda è al centro della campagna, viene spiegato dal sindacato.

“Vogliamo sentirci più rispettati”

“Il sindacato fa la forza”, nota un impiegato di Bessemer che ha voluto rimanere anonimo per evitare rappresaglie da parte della direzione. Stiamo lottando per fare dei veri cambiamenti sul lavoro, compresi i cambiamenti che Amazon non farebbe mai [da sola]. Vorremmo avere il diritto di contestare le decisioni prese da Amazon, vorremmo vedere più attenzione ai problemi di salute dei dipendenti, ma soprattutto vorremmo sentirci più rispettati».
Amazon si difende, facendo notare che offre ai suoi dipendenti un salario base lordo di 15 dollari all’ora, ben al di sopra del salario minimo federale. “Non pensiamo che la RWDSU rappresenti l’opinione della maggioranza dei nostri dipendenti”, ha detto la portavoce di Amazon Rachel Lighty.
La campagna di reclutamento è decollata rapidamente, accelerata dalla crisi sanitaria del magazzino, che ha aperto nel marzo 2020. Le prime discussioni hanno avuto luogo già in estate, mentre Amazon, approfittando dell’ascesa del commercio elettronico, sta vivendo un successo folgorante. I magazzini funzionano già a pieno regime quando arriva il Prime Day, due giorni di promozioni riservate ai clienti di Amazon, che stanno ancora incrementando le vendite. Qualche settimana dopo, a novembre, il sindacato comunicò la sua richiesta di elezioni al National Labor Relations Board.
A prima vista, questa campagna potrebbe sembrare sorprendente dato che ha avuto luogo in uno stato molto conservatore con un passato segregazionista. Ma non è una coincidenza che il primo sindacato Amazon sia stato costruito a Bessemer. Il sud degli Stati Uniti ha molte fabbriche alimentari – e molti lavoratori sindacalizzati, molti dei quali afro-americani e latini. Alcuni di loro sono stati schierati dalla RWDSU per sostenere la campagna in Amazon.
“È la loro lotta [ma] noi siamo qui per sostenerli”, ha detto Michael Foster, un dipendente di un impianto di lavorazione del pollame vicino a Bessemer e un membro del RWDSU che sostiene il sindacato ad Amazon. Non è facile prendere dei rischi e lottare per ciò in cui si crede, ma stiamo spiegando loro che è così che possiamo migliorare la nostra vita lavorativa quotidiana. Questa fiducia, questa comprensione reciproca e le relazioni che abbiamo costruito con i lavoratori fanno parte di un movimento molto positivo”.
Inoltre, politicamente e demograficamente, questa parte dell’Alabama non è proprio come il resto dello stato. La contea di Jefferson, un ex bacino d’acciaio, è inclinata a sinistra. La città di Bessemer ha una popolazione afro-americana al 70%, e molti dei lavoratori del magazzino sono neri, un altro fattore che potrebbe lavorare a favore del sindacato. Come riportato dal New York Times, i sindacalisti sul campo fanno eco ai temi del movimento Black Lives Matter, sottolineando la giustizia sociale e la dignità umana.
“Dagli anni ’60, i sindacati sono stati associati all’antirazzismo, e non sempre a ragione”, dice McCartin. Mentre i sindacati godono di un’immagine positiva nella comunità nera, aggiunge, a volte soffrono di questa associazione con i lavoratori bianchi nel Sud.

“Il sindacato fa la forza”, nota un impiegato di Bessemer che ha voluto rimanere anonimo per evitare rappresaglie da parte della direzione. Stiamo lottando per fare dei veri cambiamenti sul lavoro, compresi i cambiamenti che Amazon non farebbe mai [da sola]. Vorremmo avere il diritto di contestare le decisioni prese da Amazon, vorremmo vedere più attenzione ai problemi di salute dei dipendenti, ma soprattutto vorremmo sentirci più rispettati».
Amazon si difende, facendo notare che offre ai suoi dipendenti un salario base lordo di 15 dollari all’ora, ben al di sopra del salario minimo federale. “Non pensiamo che la RWDSU rappresenti l’opinione della maggioranza dei nostri dipendenti”, ha detto la portavoce di Amazon Rachel Lighty.
La campagna di reclutamento è decollata rapidamente, accelerata dalla crisi sanitaria del magazzino, che ha aperto nel marzo 2020. Le prime discussioni hanno avuto luogo già in estate, mentre Amazon, approfittando dell’ascesa del commercio elettronico, sta vivendo un successo folgorante. I magazzini funzionano già a pieno regime quando arriva il Prime Day, due giorni di promozioni riservate ai clienti di Amazon, che stanno ancora incrementando le vendite. Qualche settimana dopo, a novembre, il sindacato comunicò la sua richiesta di elezioni al National Labor Relations Board.
A prima vista, questa campagna potrebbe sembrare sorprendente dato che ha avuto luogo in uno stato molto conservatore con un passato segregazionista. Ma non è una coincidenza che il primo sindacato Amazon sia stato costruito a Bessemer. Il sud degli Stati Uniti ha molte fabbriche alimentari – e molti lavoratori sindacalizzati, molti dei quali afro-americani e latini. Alcuni di loro sono stati schierati dalla RWDSU per sostenere la campagna in Amazon.
“È la loro lotta [ma] noi siamo qui per sostenerli”, ha detto Michael Foster, un dipendente di un impianto di lavorazione del pollame vicino a Bessemer e un membro del RWDSU che sostiene il sindacato ad Amazon. Non è facile prendere dei rischi e lottare per ciò in cui si crede, ma stiamo spiegando loro che è così che possiamo migliorare la nostra vita lavorativa quotidiana. Questa fiducia, questa comprensione reciproca e le relazioni che abbiamo costruito con i lavoratori fanno parte di un movimento molto positivo”.
Inoltre, politicamente e demograficamente, questa parte dell’Alabama non è proprio come il resto dello stato. La contea di Jefferson, un ex bacino d’acciaio, è inclinata a sinistra. La città di Bessemer ha una popolazione afro-americana al 70%, e molti dei lavoratori del magazzino sono neri, un altro fattore che potrebbe lavorare a favore del sindacato. Come riportato dal New York Times, i sindacalisti sul campo fanno eco ai temi del movimento Black Lives Matter, sottolineando la giustizia sociale e la dignità umana.
“Dagli anni ’60, i sindacati sono stati associati all’antirazzismo, e non sempre a ragione”, dice McCartin. Mentre i sindacati godono di un’immagine positiva nella comunità nera, aggiunge, a volte soffrono di questa associazione con i lavoratori bianchi nel Sud.

Sperando in un effetto a catena

L’elezione riguarda solo il sito di Bessemer. Anche nel caso di una vittoria del sindacato, Amazon non avrà alcun obbligo di negoziare con il resto dei suoi magazzini negli Stati Uniti. Ma la RWDSU spera che abbia un effetto valanga, che una vittoria in Alabama diventi un’ispirazione per le centinaia di migliaia di lavoratori Amazon. Negli Stati Uniti, l’azienda ha più di 590.000 dipendenti.
“È anche la paura di Amazon, ne sono sicuro”, dice Christy Hoffman, segretario generale di UNI Global Union, una federazione sindacale globale di servizi con sede a Ginevra.
Dal 2018, UNI Global Union gestisce l’Amazon Alliance, una rete internazionale di sindacati che si riunisce mensilmente. All’ultima riunione del comitato direttivo (una struttura che comprende il potente sindacato tedesco Verdi, la CGIL italiana, la CCOO spagnola e la RWDSU americana, tra gli altri), l’atmosfera era piuttosto ottimista, secondo fonti della federazione. “I sindacati europei mi dicono che questo può cambiare tutto perché se Amazon deve accettare i sindacati negli Stati Uniti, cambierà il loro approccio ai sindacati anche in Europa”, ha detto Christy Hoffman.
La crisi della Covid-19 ha evidenziato le difficoltà che incontrano i dipendenti negli Stati Uniti quando criticano pubblicamente l’azienda. Ma la pandemia ha anche mostrato la fragilità del dialogo sociale in Europa. Nella primavera del 2020, i lavoratori di un centro di distribuzione nel nord Italia hanno scioperato per due settimane per chiedere più maschere e altre misure sanitarie, criticando l’inazione di Amazon.
In Francia, il gigante digitale è stato condannato dai tribunali per non aver effettuato una valutazione dei rischi professionali con i sindacati. In Spagna, il sindacato CCOO ha dovuto fare appello al ministero del lavoro per spingere Amazon a mettere in atto misure di protezione.
Per anni, continua Christy Hoffman, Amazon ha esportato le sue strategie di gestione in Europa. Lo si può vedere in pratica con gli algoritmi e le misurazioni di produttività che usano”, dice. Se non c’è un contropotere negli Stati Uniti, è più difficile difendersi in Europa”. Non ci sono contratti collettivi negli Stati Uniti. È tutto a livello aziendale, quindi la differenza tra datori di lavoro “sindacalizzati” e “non sindacalizzati” è immensa. Secondo i dati del governo federale degli Stati Uniti, il salario settimanale mediano di un lavoratore sindacalizzato nel 2020 era di 1.114 dollari lordi a settimana, ben al di sopra dei 958 dollari dei lavoratori non sindacalizzati. Grazie alla contrattazione collettiva, i lavoratori sindacalizzati generalmente godono anche di una migliore assicurazione sanitaria e di più ferie pagate, per non parlare delle protezioni contro il licenziamento.
Ma sono in minoranza. Mentre circa un terzo dei lavoratori statunitensi apparteneva a un sindacato negli anni ’60, oggi solo il 10,6% è membro del sindacato. I tentativi di invertire la tendenza hanno affrontato a lungo la feroce opposizione dei datori di lavoro. Questa ostilità ha persino dato origine a un’industria specializzata nella repressione sindacale: una costellazione di società di consulenza e studi legali dedicati al cosiddetto “union-busting”. Con il sostegno di questo aiuto esterno, i datori di lavoro spesso fanno una campagna contro la creazione di un sindacato in un’elezione.
Questo è l’approccio di Amazon a Bessemer. Dopo aver assunto Harry Johnson, un ex membro del NLRB, l’agenzia federale che conduce le elezioni sindacali, come avvocato, la società ha lanciato un sito web, doitwithoutoutdues.com (“Fallo senza tessere”) per fare una campagna per il “no”. Accompagnato da foto di dipendenti sorridenti al lavoro, il sito evidenzia il prezzo della rappresentanza sindacale: “Perché non risparmiare i tuoi soldi per comprare […] le cose che vuoi? “Si chiede ai lettori.
Come hanno rivelato Bloomberg e il Washington Post, Amazon tiene anche riunioni obbligatorie in cui ai dipendenti viene detto perché dovrebbero votare contro il sindacato. E l’azienda sta inviando messaggi di testo ai dipendenti per incoraggiarli a votare “no” a partire dall’8 febbraio.
“Amazon mi sta mandando dei messaggi, [i messaggi] sono nelle nostre sale di riposo, sono persino nel bagno e ci dicono di votare contro. È un livello di propaganda abbastanza folle, ed è molto fuorviante”, dice l’impiegato anonimo di Bessemer.
L’azienda difende la sua campagna di comunicazione. “È molto importante che i dipendenti capiscano il processo elettorale e le implicazioni dell’adesione al sindacato”, ha detto la portavoce di Amazon.
Alla fine della giornata, questi metodi sono abbastanza standard”, dice McCartin. Secondo la legge americana, “i datori di lavoro hanno il diritto alla libertà di parola e il diritto di prendere posizione contro il sindacato”. Ci sono cose che non si possono dire. Non si può minacciare la chiusura se i dipendenti si uniscono a un sindacato. Ma c’è una soglia di tolleranza abbastanza alta”.
Non è tutto. Amazon ha anche contestato – senza successo – il decreto del NLRB di tenere le elezioni sindacali per corrispondenza. L’agenzia ha preso la decisione per motivi di salute, notando che la regione soffre di un alto tasso di circolazione del virus. Dall’inizio della pandemia, un residente su 10 nella contea di Jefferson è stato infettato, e dicembre 2020 ha visto un numero record di casi. Ma secondo Amazon, questo non costituisce un vero e proprio cluster, e i dipendenti dovrebbero viaggiare nella zona per votare.
I datori di lavoro hanno sempre voluto tenere le elezioni sindacali nella loro proprietà”, ha detto McCartin. I datori di lavoro hanno sempre pensato che dia loro un vantaggio, perché l’elezione si tiene nella loro proprietà. Anche se non vedono come votano i dipendenti, questo manda un messaggio».
Il fatto che il voto si tenga per posta è un altro elemento che potrebbe favorire il sindacato, secondo Christy Hoffman di UNI Global Union. “Molto spesso i dipendenti, soprattutto nelle piccole aziende, sentono la pressione di votare. I loro manager li incoraggiano a votare”, spiega. Queste sono le persone che potrebbero non partecipare a un’elezione per corrispondenza se non fossero veramente a favore del sindacato. Forse potrebbero rimanere in disparte. »
Alla fine, è la maggioranza degli elettori che sarà decisiva. Appuntamento al 30 marzo per il conteggio dei voti.

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Soldati israeliani penetrano nella Striscia di Gaza

Intanto a Gerusalemme: cresce la violenza dell'estrema destra. Finora Israele ha trucidato 83 persone, di cui 17 bambini a Gaza. -20210513&a...

Che cos’è la dottrina Mitterand e perché Macron l’ha tradita

Autorizzando l'estradizione di dieci esuli italiani Macron rompe con una politica in voga dal 1985. La sola risposta penale non chiuderà comunque il caso [François Bougon]

Lo stragismo di Netanyahu per restare al governo e non andare in galera

Medio Oriente: una escalation appena iniziata. I giovani palestinesi di Gerusalemme affrontano la polizia israeliana ma la loro rabbia è anche verso la leadership palestinese [René Backmann]

Comunali, Roma: c’è vita a sinistra del Pd

Roma. La sinistra alternativa alle prossime comunali «con un programma e una proposta elettorale partecipata, antagonista a quella del PD»

L’altra Torino, che ho in mente e in cuore

Angelo D'Orsi annuncia la sua candidatura a sindaco di Torino alla guida di una coalizione della sinistra alternativa [Angelo D’Orsi]