12.1 C
Rome
venerdì 5 Marzo 2021
12.1 C
Rome
venerdì 5 Marzo 2021
Home consumare stanca Nelle banlieu, la dipendenza dalle scommesse sportive

Nelle banlieu, la dipendenza dalle scommesse sportive

Le scommesse sportive online fanno ormai parte del quotidiano dei quartieri popolari francesi (Latifa Oulkhouir)

Nelle strade e nei corridoi della metropolitana, un poster raffigura un giovane meticcio, afro, che sventola una bandiera con il busto fuori dall’auto che sta guidando. La scena ricorda i festeggiamenti che si possono vedere le sere della vittoria sportiva in certi quartieri popolari. Sui social network, la parola “BetclicKhalass” (#BetclicPay in dialetto arabo) accompagna una pubblicazione che invita gli internauti a twittare per vincere “freebets” (scommesse gratuite). Mentre Winamax fa campagna intorno al “re del quartiere”, Parions Sport ha stretto una partnership con il rapper Hatik… Insomma, i siti di scommesse sportive mantengono il loro obiettivo e non lo mollano: i giovani del quartiere.
Basta guardare l’ultimo rapporto della National Gaming Authority (ANJ) per capire quanto le scommesse sportive siano in piena espansione. Nel terzo trimestre del 2020, l’autorità ha misurato il più alto volume di scommesse trimestre su trimestre in un decennio; le scommesse sportive sono aumentate del 49% rispetto allo stesso periodo del 2019. Ora rappresentano l’attività dominante nel mercato del gioco online, rappresentando il 56% delle entrate totali. Non sorprende che il 70% dei giocatori abbia meno di 34 anni e che il calcio rappresenti il 64% delle scommesse.
Hamza, 30 anni, residente a Saint-Denis, è uno di loro. Ha iniziato a scommettere nel 2018 e scommette sul calcio, a volte sul basket. “Pensavo che mi avrebbe portato più soldi, ma in realtà, perdo tutto. Ho perso più di quanto ho vinto. “Quando gioco, non vinco, non so cosa mi succede. Vedo le persone, vincono, vanno d’accordo”, confida con l’amarezza nella sua voce. Il giocatore è ben consapevole di essere dipendente: “So che è come l’alcol, le sigarette, mi dico che un giorno smetterò. A volte posso farlo per due o tre settimane, e poi lo rifaccio. Qui, per esempio, ho preso la mia RSA (Le revenu de solidarité active, sorta di sussidio di disoccupazione) il 6, ho sentito le mie ali spuntare e ho scommesso 50 euro seguendo i pronostici, e ho perso di nuovo. »
Nelle rare occasioni in cui ha vinto, Hamza ha spesso rigiocato gran parte del denaro. Dice di aver vinto circa 400 euro scommettendo 50 euro un giorno (la sua più grande vincita). Con questi soldi si è pagato un ristorante e poi ha scommesso il resto. “In una settimana, tutto era sparito. “Facendo rapidamente i conti, stima di aver perso 3.000 euro negli ultimi due anni, a volte prendendo in prestito denaro per giocare. Tuttavia, all’inizio Hamza pensava di aver trovato “la vena giusta”: “Avevo due euro e ne ho vinti 40…”
Armelle Achour, direttore dell’associazione SOS Joueurs e psicologo, descrive ciò che sta accadendo come una “catastrofe”. “Si rivolge davvero ai giovani del quartiere, si sta impadronendo di tutti i loro codici, è impressionante. “L’associazione aiuta le persone dipendenti dal gioco e le loro famiglie a uscire dalla spirale, offrendo loro un aiuto psicologico e legale. “C’è un ringiovanimento delle fasce d’età”, dice delle scommesse sportive, che danno una “illusione di competenza”. Spesso gli appassionati di sport, i giocatori sentono di poter prevedere questa o quella vittoria. “Hanno la conoscenza, ma non possono negare il caso”, dice Achour. Solo per i bookmakers (come Betclic o Winamax, per citarne alcuni) non esiste il caso. Solo loro assicurano un profitto fissando le quote.


Bakary ha 29 anni, è un meccanico e un giocatore. Prima giocatore occasionale, è diventato più regolare da più di un anno. Scommette quasi quotidianamente, per circa 100 euro al giorno. Bakary dice di essere pienamente consapevole di ciò che fa e di sapere come trovare le giuste combinazioni, anche se, dice, “è complicato”. Tifoso del Real Madrid, scommette spesso sulla sua squadra del cuore, ma si rende conto che quando scommette, non pensa veramente alla partita ma alla somma di denaro che sta puntando. “Quando vinci, ti senti super forte. Io vincevo e lo mettevo su Snap [la rete Snapchat], e c’erano un sacco di persone molto giovani che mi dicevano: “Ti do 100 euro e tu scommetti per me”. La gente li paga ogni mese per avere dei pronostici e sperare di vincere ma, in realtà, quando si vince, si è solo fortunati che una squadra ha sbagliato il suo rigore”. Per lui, le scommesse sportive sono “un vizio”. “Sono molto, molto consapevole del pericolo che può rappresentare, e anche se sono molto forte psicologicamente, quando vinco, spesso ho fretta di giocare di nuovo il giorno dopo. “Il giocatore racconta anche come il gioco d’azzardo e le scommesse siano sempre stati nel suo ambiente: “Quando ero più giovane, i ragazzi più grandi del quartiere ci mandavano a fare il picchetto e non ci dicevano quando perdevano, così pensavamo che vincessero sempre». Sia la cerchia sociale che quella familiare hanno un impatto sulla dipendenza che ne può derivare. Armelle Achour ci ricorda il posto che il gioco d’azzardo può avere in una famiglia: “Abbiamo avuto il PMU (Pari Mutuel Urbain, una delle società storiche delle scommesse sportive in Francia) che ha prosciugato una popolazione popolare, il genitore ha portato il figlio al PMU. Oggi, il PMU sta perdendo slancio e le scommesse sportive hanno preso il suo posto. E la socializzazione che si poteva trovare quando si andava al PMU si sta perdendo e sta prendendo un’altra forma. Con le scommesse sportive, il gioco diventa più parte dell’unità familiare. Il bambino va a vedere il genitore davanti a una partita e tutto ruoterà intorno alle scommesse, non allo sport.Si insegna al bambino a giocare in casa”.
Al telefono, la direttrice elenca le diverse situazioni che la sua associazione ha dovuto affrontare: “1300 euro di reddito e 42.000 euro di debito; vende cannabis per tirare avanti; un giovane indebitato che avrà un figlio tra cinque mesi; un altro che ha sperperato i 130.000 euro dell’eredità del padre in scommesse sportive…”.
Anche se la legislazione francese è tra le più dure in termini di protezione dei giocatori, le cifre di Santé publique France parlano da sole. Nella sua scala del gioco d’azzardo 2019, l’organizzazione ha calcolato la proporzione di giocatori a “rischio moderato” e “eccessivo”. “Le scommesse sportive rappresentano il più alto rischio individuale: la quota di giocatori a rischio moderato è tre volte superiore a quella dei giochi della lotteria e la quota di giocatori eccessivi è sei volte superiore. “Secondo questo barometro, i giocatori a rischio moderato e problematici tendono ad essere giovani uomini di bassa estrazione sociale.
Oltre ai club di calcio, anche la musica e i personaggi dello sport hanno giocato un ruolo importante nell’aumento delle scommesse sportive online. La loro pratica essendo stata resa legale in Francia nel 2010, i bookmakers sono apparsi quasi immediatamente sulle maglie di club come l’Olympique Lyonnais o l’Olympique de Marseille. Tifoso dell’OM, Paul-Olivier era abbonato al Vélodrome all’epoca e ricorda che gli venivano dati volantini di Betclic all’ingresso delle partite e che il bookmaker offriva 10 euro di scommesse per ogni gol dell’OM. Diverse migliaia di euro sono stati persi e qualche anno dopo, è stato ricoverato per la sua dipendenza e poi ha chiesto di essere escluso da tutti i siti.
Ma Paul-Olivier è preoccupato per i suoi nipoti di 15 e 16 anni e castiga il “delirio di ego” che le campagne pubblicitarie mettono in evidenza, in particolare quella di Winamax con il suo trittico “grandi probabilità, grande vittoria, grande rispetto”. Lo spot mostra un giovane che vince una scommessa e viene fatto sfilare davanti a un intero quartiere che lo ammira e si inchina. Cosa dice e che immagine dà dei giovani del quartiere”, si chiede Armelle Achour. Che sono solo bravi a non essere occupati e a guardare qualcuno che vince? »
L’altra questione fondamentale è posta da un ex tabaccaio che ha visto il fenomeno crescere di importanza: “Ok, nei quartieri i giovani giocano sempre di più alle scommesse sportive, ma questo perché il problema per loro è sempre stato come uscire dalla povertà legalmente».

 

scommesse sportive, ludopatia,

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Teorema Mar Jonio, Casarini: «Sono colpevole. Come Lucano»

Il "teorema" contro la nave di Mediterranea, interviene Luca Casarini, uno dei quattro indagati per "reato di solidarietà"

Cucchi, al processo si cerca l’origine dei depistaggi

Il processo sui depistaggi prova a mettere a fuoco le fasi in cui è scattata la macchina del fango contro la vittima e la famiglia Cucchi

Grecia, la vendetta di Stato contro un detenuto politico

Koufontinas (17N) ha smesso di nutrirsi e di bere da quasi due mesi. Vuole un trasferimento che il governo rifiuta. Repressione alle stelle in Grecia

Germania: 3 nazi, 10 omicidi e 13 anni in fuga

La Germania, dopo lo scandalo Nsu, si chiede se i partiti apertamente neonazisti come quello dovrebbero essere vietati (Prune Antoine)

No all’acqua in Borsa!

40mila firme per dire NO all’acqua in Borsa. Verso la Giornata mondiale del 22 marzo