27.4 C
Rome
sabato 12 Giugno 2021
27.4 C
Rome
sabato 12 Giugno 2021
HomemondiMadrid è un po' più a destra di ieri. Iglesias si dimette

Madrid è un po’ più a destra di ieri. Iglesias si dimette

Regionali a Madrid: Ayuso (PP) guadagna 35 seggi. La sinistra si sgretola a causa della sconfitta del PSOE. Vox mantiene i suoi seggi

Il segretario generale di Podemos lascia la politica dopo la sconfitta della sinistra a Madrid. Pablo Iglesias ha annunciato la sua rinuncia alla leadership in un discorso che ha iniziato, e non poteva essere altrimenti, lamentando i risultati di PSOE, Más Madrid e Unidas Podemos nella Comunità di Madrid. Iglesias è consapevole di “essere diventato un capro espiatorio”: «Lascio tutte le mie posizioni, lascio la politica di partito, la politica istituzionale», si legge su El Salto, un sito della sinistra radicale il cui slogan è “En tiempos difficiles, ama El Salto, odia el fascismo”.

La notte delle elezioni ha plasmato il sogno delle testate di destra di Madrid, del suo tessuto imprenditoriale e di una rocciosa base conservatrice. Isabel Díaz Ayuso è volta sopra il 44% dei voti, assorbe completamente Ciudadanos e lo fa senza sottrarre voti a Vox, la formazione di estrema destra. Un risultato clamoroso che assicura, almeno, altri due anni di governo PP a Madrid. Nel 2023 saranno 28 anni. La Comunità di Madrid è di destra e se c’erano dubbi sono stati fugati stasera.

La nota, a caldo, di Anticapitalistas

«Oggi è un brutto giorno per i lavoratori di Madrid. Il neoliberismo autoritario rimarrà al potere per altri due anni e accelererà i tagli e le privatizzazioni. Di fronte a questa situazione è necessario raddoppiare ovunque l’organizzazione sociale e militante per trasformare la rabbia in resistenza e opporsi a coloro che vogliono una società distrutta per pochi – si legge in un comunicato di Anticapitalistas, la formazione vicina alla IV internazionale che s’è staccata da Podemos – la nostra indignazione deve andare di pari passo con il tentativo di capire perché la destra sta vincendo. La sua forza non è solo elettorale, ma la sua forza elettorale è il prodotto della sua forza sociale. Questo deve farci riflettere: dobbiamo fare un’opposizione dappertutto, non confinata né dalla propaganda né dalle mura dell’Assemblea di Madrid. Alimentare le lotte, i conflitti, fornire loro risorse, confidare nella forza del nostro popolo, colpirli dove fa veramente male e non solo dalla tribuna. Una rete di resistenza con tutte le nostre forze per rendere più fastidiosa la vita dei ricchi a Madrid è anche il miglior antidoto per affrontare l’estrema destra.

I risultati e la campagna elettorale indicano anche che c’è molto disagio e rabbia contro la destra e l’estrema destra. Che ci sono molti di noi che non tollerano la propria società distrutta. Da domani dobbiamo mettere lo stesso sforzo che è stato versato nel processo elettorale, nella costruzione dal sociale. Questo compito deve essere condiviso da tutta la sinistra, dai sindacati e dai collettivi di Madrid. Dobbiamo organizzarci e mobilitarci da tutte le parti. Siamo convinti che oggi più che mai sia necessario un progetto anticapitalista nella Comunità di Madrid. Per rafforzarla, per alimentare le lotte, per puntare oltre, per contribuire a resistere alla destra da un punto di vista emancipatorio. Andiamo avanti perché non ci daranno tregua».

Sta svanendo la base madrilena del Psoe

Il grande perdente della serata è Ángel Gabilondo, candidato del Psoe: ha perso il 9% del suo elettorato in due anni. Non si è assicurato un solo voto da Ciudadanos, ha vacillato nel tratto finale della campagna dando luogo all’ingresso di Más Madrid come opposizione alternativa e ora vede come la sua base a Madrid sta svanendo. Il suo risultato getta molti dubbi sul “sanchismo”, il progetto politico dell’attuale leader Psoe e premier. L’obiettivo che Gabilondo fosse il turista occasionale promosso alla presidenza da una nuova alleanza dell’antifascismo democratico è fallita dal primo minuto: il candidato non era concentrato sulla Comunità di Madrid, ma su una destinazione più tranquilla come Difensore Civico e non sembra che il PSOE conosca ancora il suo terreno nella Comunità di Madrid. Más Madrid e Unidas Podemos hanno ottenuto i risultati che potevano contribuire alla somma. Pablo Iglesias si è dimesso da vicepresidente per “salvare i mobili” dove Podemos è nata. Iglesias ha dimostrato che il suo punto di partenza – la critica del “Trumpismo” come una nuova forma di fascismo – era corretto. I media di Ayuso avranno il compito di dimostrarlo stasera e nel lungo anno 2021 che rimane.

Ma avere ragione troppo presto è un altro modo di avere torto. O, nel caso di Iglesias, forse troppo tardi. Il leader di Unidas Podemos entrerà nell’Assemblea di Madrid e in una scena poco familiare per lui: attore di supporto in un partito che ha anche una base resistente ma non si connette con un elettorato che aveva nel 2015 e ora sembra essere alla ricerca di emozioni meno forti.

Podemos e Mas Madrid crescono ma non basta

Monica Garcia, candidata di Mas Madrid, lista promossa dall’ex pupillo di Iglesias, Errejon, rappresenta in larga misura l’opposto di Iglesias. Una sinistra più friendly, non identitaria, forse con la capacità di connettersi meglio emotivamente con una nuova generazione che vede nello stile di Iglesias qualcosa di un’altra epoca. Il pericolo per Más Madrid è quello di diventare un complemento del PSOE, proprio come Ciudadanos lo era del Partido Popular. I risultati di stasera gli permettono di proporre un sorpasso regionale, ma l’attuazione del progetto di Íñigo Errejón in tutto lo stato è molto lontano. Non sfidare il regime può avere un premio, ma implica che i limiti sono fissati dal sistema, con la capacità mediatica che ha dimostrato di togliere e ritirare il suo favore.

Ciudadanos non esiste più, Vox è intatto

Ciudadanos non sarà più un fattore determinante. Non è nemmeno appropriato descriverlo come il perdente della serata. Il suo partito non esiste più. Per le prossime settimane la leader nazionale, Inés Arrimadas, dovrà inventarsi qualcosa per mantenere l’attenzione. Vox è una notizia. L’estrema destra non sta cedendo, il che significa che a Madrid c’è spazio per tutte le sfumature di blu, noi in Italia diremmo di nero. Rocío Monasterio non esiterà a dare il suo appoggio a Isabel Díaz Ayuso, che può tirare fuori un accordo programmatico che permetterà al PP di governare da solo. Il PP vede Madrid come il suo parco giochi. Non ha paura di nessuno. Ma i segni sono preoccupanti: Vox ha giocato alla xenofobia e può ridere di tutti i tentativi di cordone sanitario che gli vengono fatti. Erano già lì dopo le elezioni andaluse del 2018 e lì rimarranno per molto tempo, come un feroce complemento al volubile Partito Popolare. Isabel Díaz Ayuso, da parte sua, è la stella della serata. Vincitori nell’ombra: il suo capo di gabinetto Miguel Angel Rodriguez, e il ministro delle Finanze, Javier Fernandez Lasquetty, vecchio nemico della Marea Blanca, il movimento in difesa della sanità pubblica e universale.

E Iglesias lascia la leadership a 42 anni

La sinistra di Madrid non può contare, almeno demoscopicamente, su un progetto di trasformazione, di condivisione della sovranità o di alternative durante la grande crisi climatica ed economica. La sinistra e i movimenti sociali di Madrid hanno poco tempo per il lamento. Non sarà più alle urne ma strada per strada il compito di questa fase. Perché l’estrema destra è già qui, aveva le istituzioni in mano e la notizia di oggi è che non le ha perse.

Il leader di Podemos ha chiesto un rinnovamento delle posizioni in chiave femminista. Ha salutato la leadership di Yolanda Diaz e Isa Serra in chiave regionale. “Quando si smette di essere utili bisogna ritirarsi”, ha detto in un discorso applaudito dai membri del suo partito, che ha aggiunto cupezza alla sinistra in una notte orribile che, come ha ricordato Iglesias, è qualificata solo dai buoni risultati di Mas Madrid.

Iglesias, che è entrato in politica come un torrente nelle elezioni europee del 2015 ha vissuto da allora su una giostra. È stato il numero uno di Podemos nel dicembre 2015, in cui la formazione viola ha ottenuto un risultato storico per qualsiasi terza forza a livello nazionale. Ha mantenuto la tesi che il PSOE dovrebbe accettare che Podemos entri in un governo di coalizione, cosa che è stata verificata un anno e mezzo fa. Nel gennaio 2020 è diventato vicepresidente, una posizione in cui ha trascorso solo pochi mesi.

La sua decisione di candidarsi a Madrid era dovuta a due fattori: i limiti che aveva trovato nella coalizione e l’abisso che si apriva davanti a Unidos Podemos se non avesse superato la soglia del 5% dei voti. Stasera l’ha raggiunto – UP è salito al 7,21% – ma il suo percorso come leader è stato segnato dalla ferocia di gran parte dei media verso il suo progetto e la sua famiglia.

Iglesias lascia la politica all’età di 42 anni, come riferimento di una sinistra che non è maggioranza e come angelo caduto di quella che è stata chiamata la “politica del cambiamento”. «Nelle ultime settimane – commenta l’articolista di El Salto, Pablo Elorduy – si è speculato che avrebbe preso questa decisione, ma i suoi nemici hanno detto che sarebbe rimasto in carica per evitare le molestie giudiziarie. Le molestie continueranno ma Iglesias ha rinunciato ad essere un “capro espiatorio”. La questione che si apre è se Iglesias potrà un giorno tornare in politica, che sarà senza dubbio l’ultima sfida ai suoi nemici, che si sono dimostrati estremamente potenti. E che hanno spazzato stasera nelle elezioni della Comunità di Madrid. Popoff ha pubblicato questa lunga analisi apparsa su Viento Sur sulla mutazione genetica di Podemos.

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Scatti di un Paese che cade, e si rialza. Forse

A Genova, L’Italia di Magnum da Robert Capa a Paolo Pellegrin. Alla loggia degli Abati di Palazzo Ducale fino all’8 luglio 

La surreale lotta degli zapatisti per la vita. E contro il capitalismo

Una delegazione degli zapatisti sta salpando per l'Europa. Non per conquistare, ma per connettersi con altri insurgenti [John Holloway]

Taiwan è davvero il posto più pericoloso della terra?

Taiwan, la rivalità tra Cina e Stati Uniti, nonostante l'allarme dell'Economist, non sembra disturbare la vita quotidiana [Alice Herait]

La global tax del G7, un paradiso per le multinazionali

G7: Le multinazionali vanno in Paradiso (fiscale [Marco Bersani, Attac Italia]

Danae non è più sola

Lo sguardo femminile di Zehra Dogan riscrive il mito di Danae. A Villa Brandolini di Treviso la mostra Danae Revisited  [Eliana Como]