30.3 C
Rome
sabato 12 Giugno 2021
30.3 C
Rome
sabato 12 Giugno 2021
HomemondiCile, "zia Pikachu" sfratta Piñera

Cile, “zia Pikachu” sfratta Piñera

Cile, terremoto politico: la nuova Assemblea Costituente sarà dominata dagli indipendenti  e dalle nuove forze di sinistra alleate con i comunisti [Yasna Mussa]

Santiago (Cile).- Era iniziato in Cile, nelle strade, il 18 ottobre 2019. I giovani hanno denunciato l’aumento del prezzo del biglietto della metropolitana che, in un paese segnato dalla disuguaglianza, sembrava loro il massimo dell’ingiustizia. Un anno e sette mesi dopo, la loro rabbia ha portato a un processo di cambiamento che ha portato a due giorni di votazioni durante il fine settimana. Dalla rivolta alle urne. Questo voto, destinato in particolare a designare i membri di un’Assemblea Costituente, ha consolidato i frutti di quella che si era trasformata nel corso delle settimane in una vasta mobilitazione nazionale, nonostante una feroce repressione da parte del governo di destra. Una serie di eredità sono state messe in discussione: dalle più recenti – leggi lasciate dal dittatore Augusto Pinochet – alle più antiche e profonde – patriarcato e machismo, dominazione coloniale imposta ai popoli indigeni. Una nuova Costituzione sembrava essere la soluzione, che è stata approvata lo scorso ottobre in un referendum da quasi l’80% degli elettori. Sabato e domenica – su due giorni a causa delle precauzioni sanitarie imposte dalla lotta contro il Covid-19 – i cileni sono stati quindi chiamati ad eleggere i membri di questa Assemblea Costituente, ma anche sindaci e governatori. Fino a domenica mattina, regnava un certo pessimismo. In questo metà autunno meridionale, le strade di Santiago, la capitale, sembrano vuote. La partecipazione sembra molto bassa rispetto al referendum, sottolineano i canali televisivi. Spiegano anche che i comuni, dove il “no” alla Costituente aveva vinto in ottobre, sono molto più mobilitati. Fuori da un seggio elettorale a Santiago, Isidora Olivares spiega che gli anziani sono venuti a votare presto. Volontaria, ha deciso di dare il suo tempo per aiutare ad organizzare queste due giornate storiche. “È molto importante. Ancora di più che nelle elezioni precedenti, perché non serve a niente aver detto ‘sì’ se non eleggiamo i rappresentanti che scriveranno la Costituzione”, dice. Con il passare delle ore, il nervosismo divenne evidente. Volti emblematici del movimento sociale appaiono sugli schermi per invitare la popolazione a recarsi alle urne. Dai seggi elettorali, Gustavo Gatica e Fabiola Campillai, che hanno perso la vista dopo essere stati feriti dalla polizia, fanno un appello. Fabiola Campillai ha sottolineato l’importanza del voto “affinché la lotta dei nostri giovani non sia vana”. Gustavo Gatica: “È ovvio che l’Assemblea Costituente non può portare tutti i cambiamenti, ma può contribuire molto. ” Nel tardo pomeriggio, le televisioni mostrano le prime tabelle di conteggio. Nella regione di Magallanes, la parte più meridionale del Cile, dove l’orologio è messo un’ora avanti rispetto al resto del paese, si apre la prima urna e con essa un voto carico di simbolismo: Natividad Llanquileo, una donna mapuche di 36 anni, sarà il primo membro eletto della prima Assemblea Costituente paritaria del mondo, che ha riservato 17 seggi ai popoli indigeni. Questo è solo l’inizio di una serie di sorprese per gli analisti, i sondaggisti, ma soprattutto i partiti tradizionali, sia di destra che di sinistra, e il governo del presidente Sebastián Piñera. “Gli editorialisti e i commentatori devono fare un importante mea culpa. Non siamo riusciti a leggere la realtà e i risultati stanno colpendo la maggior parte di noi in faccia. Il nuovo Cile deve riconoscere le sfide future”, ha scritto su Twitter Lucia Dammert, sociologa, accademica ed esperta di questioni di governance in America Latina. Con l’aggiornamento dei dati, i risultati danno un chiaro vantaggio all’opposizione. La destra non raggiunge nemmeno un terzo dei seggi, il che la priva di qualsiasi diritto di veto e della possibilità di negoziare da una posizione di forza. Ma, soprattutto, nessuno aveva previsto l’emergere di indipendenti e blocchi di sinistra come il Fronte Ampio (Frente Amplio) e il Partito Comunista. Con la conquista di 48 seggi, gli indipendenti hanno ottenuto l’impensabile: ottenere quasi un terzo dei seggi dell’Assemblea, senza grandi strutture politiche, poche risorse e solo pochi secondi di propaganda nello slot elettorale. Riflettendo il cambiamento richiesto nelle strade, una candidata come Giovanna Grandón, che si è fatta conoscere conducendo manifestazioni vestita da Pikachu, uno dei personaggi dei Pokémon – da qui il suo soprannome “Zia Pikachu” – ha vinto le elezioni. In un altro sviluppo, Irací Hassler, una giovane femminista e candidata del Partito Comunista, ha vinto la carica di sindaco a Santiago, il comune più emblematico del paese, impedendo la rielezione di Felipe Alessandri, il candidato del partito di destra Rinnovamento Nazionale.
“In queste elezioni, i cittadini ci hanno mandato un messaggio chiaro e forte. Al governo e anche a tutte le forze politiche tradizionali: non siamo sufficientemente in sintonia con le loro richieste e desideri”, ha dichiarato il presidente Sebastián Piñera, circondato dai suoi ministri, durante una conferenza stampa. Per la prima volta riconosce, in un discorso pubblico, quanto il suo governo sia lontano dal processo che il paese sta attraversando.
“Sono stato sorpreso, soprattutto dal basso numero di voti per i partiti di destra. Non me l’aspettavo, i sondaggi non l’avevano previsto, e penso che cambi lo scenario politico, non solo per la Convenzione costituzionale ma per tutte le elezioni a venire”, dice Claudia Heiss, politologa e accademica dell’Università del Cile.
Per lei, l’aumento del numero di indipendenti e il rafforzamento del Fronte Ampio, un blocco di centro-sinistra formato solo quattro anni fa che si è avvicinato al Partito Comunista, indebolisce tutti gli altri partiti tradizionali, specialmente la Democrazia Cristiana, che ora ha solo due seggi nell’Assemblea Costituente.
Ha descritto il quadro come “intrigante”, dal momento che l’elettore regolare di solito propende per la destra, ma qui, nonostante un alto tasso di astensione, gli indipendenti e il Fronte Ampio si sono imposti.
Uno dei casi più simbolici di questa elezione è sicuramente quello della “machi” Francisca Linconao. Questo leader spirituale mapuche è diventato noto per essere stato perseguitato dallo Stato, accusato di un crimine prima di essere assolto. È stata la prima donna mapuche a vincere una causa secondo la Convenzione 169 dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO) per la protezione del suo “rewe”, che nella sua visione del mondo rappresenta un oggetto cerimoniale.
Tra le 155 persone incaricate di redigere la nuova Costituzione cilena ci saranno anche rappresentanti dei popoli indigeni del nord e del centro del paese, accademici, scienziati, avvocati costituzionali, leader sociali, attivisti ambientali e alcuni personaggi della televisione.
L’attuale costituzione – redatta durante la dittatura da una commissione nominata di nove uomini e due donne – dovrebbe essere sostituita da un testo redatto da diversi rappresentanti eletti dal popolo. Il voto che li ha nominati è un buon barometro del prossimo che si terrà a novembre: le elezioni presidenziali.
E l’attuale front-runner nei sondaggi d’opinione, l’ex giornalista Pamela Jiles, si è fatta un nome facendo una “Naruto run” nel mezzo del parlamento, una corsa con le braccia indietro ad imitazione di un famoso personaggio dei manga. Sabato, ha causato polemiche insultando il presidente in diretta televisiva, chiamandolo “un assassino peggiore di Pinochet”. La politica cilena nei prossimi mesi sarà piena di sorprese.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Scatti di un Paese che cade, e si rialza. Forse

A Genova, L’Italia di Magnum da Robert Capa a Paolo Pellegrin. Alla loggia degli Abati di Palazzo Ducale fino all’8 luglio 

La surreale lotta degli zapatisti per la vita. E contro il capitalismo

Una delegazione degli zapatisti sta salpando per l'Europa. Non per conquistare, ma per connettersi con altri insurgenti [John Holloway]

Taiwan è davvero il posto più pericoloso della terra?

Taiwan, la rivalità tra Cina e Stati Uniti, nonostante l'allarme dell'Economist, non sembra disturbare la vita quotidiana [Alice Herait]

La global tax del G7, un paradiso per le multinazionali

G7: Le multinazionali vanno in Paradiso (fiscale [Marco Bersani, Attac Italia]

Danae non è più sola

Lo sguardo femminile di Zehra Dogan riscrive il mito di Danae. A Villa Brandolini di Treviso la mostra Danae Revisited  [Eliana Como]