22.4 C
Rome
sabato 12 Giugno 2021
22.4 C
Rome
sabato 12 Giugno 2021
Homepadrini & padroniDopo Trump anche la Cia si rifà il trucco

Dopo Trump anche la Cia si rifà il trucco

L’era dell’impero intersezionale è su di noi. Un video di reclutamento della CIA è l’ultimo esempio di rebranding imperiale [Roberto Lovato]

 La mia amica Ofelia Cuevas è rimasta incantata davanti al video di reclutamento della CIA, per il quale la gente si sta ancora agitando una settimana dopo. Il video mostrava una latina vestita di nero, che cambiava codice, con un sacco di attitudine – il tipo di attitudine che Ofelia ama ispirare nei suoi studenti di studi etnici all’Università della California, Davis. La trentenne sicura di sé nel video indossava anche scarpe da ginnastica e grandi orecchini a cerchio dorati. Molte ragazze della classe operaia indossano gli orecchini come un modo per abbracciare la dea guerriera azteca che è in loro, nelle zone degli Stati Uniti sud-occidentali, come la California, che un tempo si chiamavano Messico. Ofelia ed io siamo cresciuti intorno a giovani donne agguerrite che sfoggiavano orecchini a cerchio negli anni ’80, poco prima che io decidessi di entrare in guerra contro la dittatura militare fascista sostenuta dagli Stati Uniti in El Salvador. Ha ascoltato attentamente mentre la musica di violino del video cresceva fino al momento in cui l’intensa latina senza nome ha espresso la furia del suo messaggio con toni incantatori: Sono una donna di colore. Sono una mamma. Sono una millennial cisgender a cui è stato diagnosticato un disturbo d’ansia generalizzato. Sono intersezionale.

“All’inizio”, mi ha detto Ofelia, studiosa di razza e media, “non potevo crederci. Pensavo fosse uno scherzo. Ma continuando a guardare, ho pensato: ‘Oh mio Dio, è reale'”. Ha aggiunto: “La fottuta CIA sta cercando di essere ‘woke'”. La risposta di Ofelia a quello che alcuni chiamano il video “woke” della CIA riflette non solo la sua incredulità ma anche il riconoscimento di qualcos’altro, qualcosa di molto più consequenziale e pericoloso: che l’Era dell’Impero Intersezionale è su di noi. Il video della CIA – uno degli oltre una dozzina di video di reclutamento “Humans of the CIA” con protagonisti neri, asiatici delle isole del Pacifico, queer, indigeni e altri gruppi identitari – riflette un nuovo momento nella lunga storia delle politiche identitarie. Questa non è la prima volta che lo stato americano sta impiegando gruppi razziali e altre identità per promuovere il dominio e il controllo imperiale. Ma la scala e la velocità con cui l’amministrazione Biden sta abbandonando la modalità di governo e dominazione della supremazia bianca, nuda e visibile – vedi la presidenza Trump – si adatta ai nostri tempi.

Questo look più moderno e “intersezionale” fa quasi dimenticare che il governo degli Stati Uniti è ancora nel business dell’impero. Alcuni, per esempio, celebrano il fatto che più del 30% degli agenti dell’ICE e circa il 50% degli agenti della Border Patrol negli Stati Uniti sono Latinx. Altri sembrano dimenticare che la nomina di Alejandro Mayorkas, un cubano-americano, come segretario del Dipartimento della Sicurezza Nazionale non fa nulla per smantellare o abolire lo stesso dipartimento che ha contribuito a militarizzare la polizia che ha ucciso George Floyd a Minneapolis e attaccato i manifestanti di Black Lives Matter a Ferguson. Nel vasto mondo che vive al di fuori dei circoli progressisti, ci sono milioni di persone che hanno reazioni emotive agli annunci di reclutamento dell’esercito e dei marines con orgogliosi soldati neri e latini. La teoria dell’impero intersezionale sembra essere basata su questa idea: Più il governo appare e si sente come il resto di noi, più è difficile criticarlo e attaccarlo. Da nessuna parte questo è più chiaro che nella “diversità” che ha raggiunto i livelli più alti del governo nel gabinetto di Biden. Una tale situazione potrebbe rendere difficile criticare l’amministrazione Biden, ma abbiamo già imparato le contraddizioni poste dall’ascesa dell’impero intersezionale grazie a Barack Obama. Quelli di noi che hanno criticato le politiche sull’immigrazione di Obama – deportazioni da record, raid, separazione e ingabbiamento di massa dei bambini, militarizzazione dei confini – sono stati sottoposti ad attacchi da parte dei democratici e dei loro sostenitori. A cinque mesi dall’inizio della presidenza di Obama, il mio reportage sull’espansione delle Secure Communities e dei programmi di deportazione 287(g), che aveva promesso di terminare, mi ha fatto guadagnare accuse di essere “anti-nero”. Nel corso del tempo, ho visto come Obama ha ricevuto alcune critiche per le sue deportazioni, ma non una parola è stata detta sulle verità che si sono dimostrate scomode per molti liberali: che Obama ha iniziato le pratiche di ingabbiamento e separazione di massa di migliaia di bambini e genitori centroamericani, il cui trattamento molti liberali hanno condannato a gran voce come “terrorismo di stato” quando queste politiche sono state continuate e ampliate da Trump. Il superamento della pattumiera nazionale e geopolitica lasciata dalla presidenza Trump rende l’approccio intersezionale di Biden alla governance ancora più sensato, secondo il professore di Stanford Vaughn Rasberry. L’approccio di Biden, dice, “è aggiornato per il momento che stiamo vivendo. Dopo 4-5 anni di supremazia bianca sfrenata, xenofobia e oppressione, non è difficile capire come questo abbia un enorme fascino. Permette all’amministrazione di comunicare valori alternativi e allo stesso tempo continuare la traiettoria egemonica che gli Stati Uniti hanno avuto nel mondo dalla seconda guerra mondiale, o anche prima”.
Il libro più recente di Rasberry, Race and the Totalitarian Century, esamina come W.E.B. Du Bois, Shirley Graham e altri scrittori scelsero di allinearsi con il blocco comunista e il movimento di decolonizzazione globale come un modo per contrastare gli sforzi del governo degli Stati Uniti per reclutare afroamericani nella lotta contro il nazismo e lo stalinismo. Questi scrittori capirono che un nuovo modo di impero stava ascendendo, e che comprendeva il complesso funzionamento della razza e dell’identità abbastanza da usarli per fini imperiali.
Una delle principali conseguenze della politica di razza e impero della Guerra Fredda, dice Rasberry, è “la marginalizzazione delle voci più radicali” come quelle di Richard Wright, Paul Robeson e altri. Un esempio più recente di questa emarginazione è quello di Cornel West, un critico aperto del neoliberalismo e dell’impero americano che prima godeva di innumerevoli inviti ad apparire nei principali programmi di informazione. Tuttavia, una volta che ha iniziato a criticare Obama e altri esempi di ciò che ha chiamato “facce nere nelle alte sfere”, non ha goduto della stessa attenzione dei media.
Siamo all’inizio di un momento molto impegnativo nella storia dell’egemonia e del dominio, un momento che richiede più domande che risposte.
“È facile vedere le continuità storiche”, dice Rasberry. “La domanda chiave è cosa c’è di nuovo in questo momento? È davvero solo una questione di stile e parte dello zeitgeist o è qualcosa di veramente nuovo? Non ne sono sicuro”.
Nemmeno io. Ma i dibattiti sull’impero intersezionale sono appena iniziati. L’ho notato di recente attraverso una foto che sta facendo il giro su Twitter. Mostra quattro militari della Marina in piedi, in tenuta da battaglia, davanti a un elicottero con una bandiera arcobaleno drappeggiata su di esso. Il tweet dice: “Venerdì è stata fatta la storia con il primo equipaggio di elicotteri @USNavy completamente gay”. Vedo la grigia banalità degli elicotteri e non posso immaginare che avrebbe fatto alcuna differenza per i contadini bombardati in El Salvador se ci fossero state bandiere arcobaleno su di essi.

*Woke è un termine che si riferisce alla consapevolezza delle questioni che riguardano la giustizia sociale e la giustizia razziale. È talvolta usato nell’espressione vernacolare afroamericana stay woke. Woke è riemerso nel 2014, durante il movimento Black Lives Matter, come etichetta per la vigilanza e l’attivismo riguardante le disuguaglianze razziali  e altre disparità sociali come la discriminazione contro la comunità LGBTQ+, le donne, gli immigrati e altre popolazioni emarginate.
 Roberto Lovato è l’autore di Unforgetting: A Memoir of Family, Migration, Gangs and Revolution in the Americas (Harper Collins). Lovato è anche un educatore, giornalista e scrittore con sede a The Writers Grotto a San Francisco.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Scatti di un Paese che cade, e si rialza. Forse

A Genova, L’Italia di Magnum da Robert Capa a Paolo Pellegrin. Alla loggia degli Abati di Palazzo Ducale fino all’8 luglio 

La surreale lotta degli zapatisti per la vita. E contro il capitalismo

Una delegazione degli zapatisti sta salpando per l'Europa. Non per conquistare, ma per connettersi con altri insurgenti [John Holloway]

Taiwan è davvero il posto più pericoloso della terra?

Taiwan, la rivalità tra Cina e Stati Uniti, nonostante l'allarme dell'Economist, non sembra disturbare la vita quotidiana [Alice Herait]

La global tax del G7, un paradiso per le multinazionali

G7: Le multinazionali vanno in Paradiso (fiscale [Marco Bersani, Attac Italia]

Danae non è più sola

Lo sguardo femminile di Zehra Dogan riscrive il mito di Danae. A Villa Brandolini di Treviso la mostra Danae Revisited  [Eliana Como]