0.1 C
Rome
venerdì 21 Gennaio 2022
0.1 C
Rome
venerdì 21 Gennaio 2022
si fa di carta grazie a te! Arriva
Libro-rivista di racconti, inchieste, riflessioni

Il primo numero, ottimo anche come idea regalo, è già pronto e si intitola Cocktail partigiani. Parole in fondo al bicchiere, un volume di Gabriele Brundo, scrittore-barman genovese corredato da illustrazioni di una dozzina di disegnatori, da un ricettario di cocktail a base di Amaro Partigiano e da alcune riflessioni su produzione e consumo di alcol e letteratura.

OLTREPOP

E SAI COSA BEVI!!!
HomemondiCatalogna, l'ambigua grazia di Sànchez

Catalogna, l’ambigua grazia di Sànchez

I nove leader catalani ancora in prigione sono stati graziati ma Sánchez chiude la porta alle vere amnistie [Ludovic Lamant]

Pedro Sánchez era ancora fermamente contrario, durante la campagna del 2019. Il socialista ha appena preso, questo martedì 22 giugno, una delle decisioni che segneranno il suo mandato: la grazia dei nove leader catalani pro-indipendenza, che erano stati condannati nell’ottobre 2019 a pene detentive da nove a tredici anni per aver partecipato all’organizzazione di un referendum considerato incostituzionale.
” Queste indulgenze sono soprattutto al servizio della convivenza si era giustificato lunedì il capo del governo, in un solenne discorso pronunciato sul palco del Liceu, l’opera di Barcellona. In una dichiarazione filmata alla fine del consiglio dei ministri di martedì, di nuovo a Madrid, ha difeso la “pubblica utilità” della sua decisione. Il re doveva firmare i decreti questo martedì pomeriggio, prima della pubblicazione dei testi nella Gazzetta Ufficiale mercoledì.
Sánchez vuole credere che un nuovo ciclo politico si stia aprendo in Catalogna, dopo la vittoria del PSC, il Partito Socialista Catalano, nelle elezioni regionali del 14 febbraio (anche se il blocco pro-indipendenza rimane in maggioranza), e mentre la pandemia sembra – in questa fase – sotto controllo. Nei prossimi giorni, è previsto un incontro con Pere Aragonès, il nuovo presidente della regione, un membro pro-indipendenza dell’ERC (Sinistra Repubblicana), il cui discorso è più moderato di quello dei sostenitori dell’esiliato Carles Puigdemont. I due uomini sperano di rilanciare i negoziati tra Madrid e Barcellona in autunno.
I datori di lavoro propendono per la clemenza
Mentre può contare sull’appoggio dei suoi alleati di Unidas Podemos su questo tema, Sanchez ha rischiato di inimicarsi ulteriormente la sua opposizione di destra, dopo il trionfo del Partito Popolare (PP) nelle elezioni regionali di Madrid a maggio. Ma la manifestazione di massa a cui hanno partecipato il PP, Vox (estrema destra) e Ciudadanos il 13 giugno a Madrid non ha fornito una vera dinamica a destra.
La campagna di firme organizzata dal PP per chiedere un cambiamento nella direzione dell’esecutivo non è decollata (300.000 firme in due settimane, contro le oltre 800.000 del 2006, quando il PP si mobilitò contro la riforma dello statuto della Catalogna nella Costituzione). Soprattutto, i datori di lavoro hanno abbandonato il PP, schierandosi con i condoni: “Se questo permette di normalizzare le cose alla fine, tanto meglio”, ha detto Antonio Garamendi, capo del CEOE, l’equivalente del Medef.
A dimostrazione che la strategia di Pedro Sánchez sta dando i suoi frutti, anche la riluttanza dei baroni socialisti, preoccupati degli effetti di questa misura sul loro elettorato, sta diventando più discreta. L’ex capo del governo Felipe González, che aveva criticato il piano a maggio, è d’accordo: “Non voglio che restino in prigione più a lungo, ma devono accettare le regole del gioco”, ha detto.
L’Europa sta diventando impaziente
Se Pedro Sánchez ha deciso di agire, è perché la detenzione dei leader indipendentisti ha indignato sempre più osservatori in Europa. L’ultimo esempio è un rapporto adottato lunedì dal Consiglio d’Europa intitolato “I politici dovrebbero essere perseguiti per le dichiarazioni fatte nell’esercizio del loro mandato? “che individua due paesi in particolare, la Turchia e la Spagna.
Nella loro risoluzione, i membri del Consiglio esortano Madrid a riformare i crimini di ribellione e sedizione, che sono stati accusati contro i leader pro-indipendenza, a “considerare la grazia o il rilascio”, o a “considerare la fine delle procedure di estradizione per i politici catalani che vivono all’estero ricercati per gli stessi motivi”.
I rappresentanti eletti dell’LREM al Consiglio d’Europa (Jacques Maire, Bertrand Bouyx) hanno votato a favore della risoluzione, mentre il governo francese ha, fino ad ora, sempre adottato una posizione di incrollabile sostegno a Madrid sulla Catalogna.
A Barcellona, gli indulti dovrebbero alleggerire un po’ l’atmosfera politica. Ma Sánchez ha escluso l’opzione dell’amnistia, che il governo catalano ha chiesto. Questo significherebbe annullare, retroattivamente, i reati di cui sono accusati i detenuti. L’opzione di un’amnistia avrebbe, per rimbalzo, beneficiato i leader pro-indipendenza esiliati in Europa, tra cui Carles Puigdemont, rifugiato a Bruxelles dalla fine del 2017. Quest’ultimo potrebbe aver previsto un ritorno in patria – uno scenario da incubo per le autorità di Madrid.

Se vengono rilasciati dal carcere, gli ex detenuti rimangono ineleggibili per gli anni futuri. E la loro grazia è valida solo se non commettono un “reato grave”. Questo periodo di “condizionalità” varia da tre a sei anni a seconda dei prigionieri e del loro profilo di rischio di “ricaduta”.
Lo stato sta ora cercando di discolparsi dalle misure abusive che ha adottato in passato
Oriol Junqueras (ERC), l’ex numero due della regione, e Dolors Bassa, ex ministro regionale, che aveva annunciato dal carcere di lasciare la politica, rimangono sotto stretta sorveglianza per tre anni. Jordi Cuixart, capo di un’organizzazione della società civile (Òmnium), che aveva fatto sapere che avrebbe fatto tutto allo stesso modo se avesse dovuto rifare tutto, sarà condannato a cinque anni.
Per Oriol Junqueras (ERC), ex numero due della regione, il gesto di Sánchez è ambiguo: “Gli indulti dimostrano le debolezze dell’apparato statale [spagnolo] – ndr. Le decisioni che sono state prese da alcuni di questi apparati non reggono al controllo della giustizia europea. Lo Stato sta ora cercando di liberarsi delle misure abusive che ha adottato in passato. ”
Daniel Camós, delegato del governo catalano a Parigi, ha detto a Mediapart: “È una buona notizia, ma non siamo soddisfatti. Il problema di fondo rimane che abbiamo una crisi territoriale che dura da dieci anni, in cui più della metà dei cittadini della Catalogna, nelle elezioni regionali di febbraio, ha detto di volere un progetto politico radicalmente diverso da quello attuale. ”
Quanto a Josep Rull, un altro leader graziato martedì, evoca una “sensazione agrodolce”: “Da un lato, è una situazione assolutamente ingiusta che sta per finire. Ma d’altra parte, ci sono più di 3.000 compagni che sono soggetti a rappresaglie, e 40 persone sottoposte all’ignominia della Corte dei Conti. “Rull si riferisce a una procedura avviata dall’equivalente spagnolo della Corte dei Conti.
Quaranta persone sono state convocate per comparire davanti all’istituzione martedì 29 giugno. Quest’ultimo sta cercando di recuperare quasi dieci milioni di euro che sarebbero stati spesi per pubblicizzare l’indipendenza catalana fuori dalla Spagna, nel periodo 2011-2017. Per i sostenitori dell’indipendenza, questa azione del Tribunal de las cuentas segna una nuova azione repressiva, che prenderebbe di mira, questa volta, i secondi coltelli pro-indipendenza.
Tra i 40 imputati c’è Andreu Mas-Colell, ex consigliere regionale e rinomato economista. Una cinquantina di economisti, tra cui 33 “premi Nobel” (tra cui i francesi Esther Duflo e Jean Tirole), hanno appena firmato una petizione in sua difesa.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

I nazisti ucraini nei giochi di guerra tra Putin e Biden

La CIA sta segretamente addestrando gruppi nazisti anti-russi in Ucraina dal 2015 [Branko Marcetic]

A #BlackLivesMatter serve un programma economico

In un paese che ha sempre usato la razza per giustificare la disuguaglianza, porre fine alla brutalità della polizia è solo l'inizio

Violenze di gruppo a Milano, i 3 cerchi dell’orrore dei Taharrush JamaR...

La pratica dei Taharrush Jama'i viene dall'Egitto. L'obiettivo è scoraggiare donne e attiviste a partecipare a raduni ed eventi pubblici

Il virus della disuguaglianza

Il rapporto Oxfam: cresce in Italia e nel mondo la concentrazione delle ricchezze, aumenta il numero dei poveri 

Scuola al freddo, linea dura della preside: sospesi in 66

Sospesi in 66 in un liceo artistico di Milano per aver rivendicato un diritto. Una storia in apparenza d'altri tempi