26.1 C
Rome
giovedì 5 Agosto 2021
26.1 C
Rome
giovedì 5 Agosto 2021
HomemondiCosì i fascisti francesi volevano avvelenare il cibo halal

Così i fascisti francesi volevano avvelenare il cibo halal

Come un infiltrato ha ingannato i “patrioti” che stavano pianificando attacchi islamofobi [Matthieu Suc]

Un agente sotto copertura ha aiutato a smantellare l’AFO, la cellula di ultra-destra che stava progettando di avvelenare le corsie di cibo halal dei supermercati. Tredici infiltrazioni sono state effettuate dall’antiterrorismo dal 2018. Ultima parte di una serie di Mediapart.

“Tommy” non è ancora arrivato. Di nuovo. In questa serata di sabato 23 giugno 2018, finisce per logorare i nervi di “Achille”. Ha aspettato per 50 minuti sulla terrazza di un bistrot di Porte Saint-Cloud con il suo nuovo amico “Jacques”. Stanno aspettando Tommy, che non si presenta.
Achille è vestito di nero dalla testa ai piedi. Giacca nera. Maglietta nera. Pantaloni neri. Scarpe da ginnastica nere. Anche James è vestito di nero. Ha obbedito agli ordini ed è in orario.
Nella vita civile, Achille è un teleoperatore per una compagnia di taxi. Ma da quasi un anno, questo 50enne è anche membro dell’Action des forces opérationnelles (AFO per gli intimi), un gruppo di ultradestra che intende compiere attentati contro la comunità musulmana come rappresaglia per gli attacchi jihadisti.
Cullato da teorie survivaliste, Achille è convinto che la guerra civile sia imminente e si prepara di conseguenza. A casa, ha cinque pistole, più di 1.000 proiettili di vari calibri, un coltello a farfalla, tre pistole a gas, walkie-talkie, una balestra e i suoi fucili.
E stasera, come ha spiegato a Jacques, devono “testare l’attrezzatura”. Granate riempite di TATP, l’esplosivo usato dai terroristi il 13 novembre. Solo che Tommy, il fabbricante di bombe del gruppo, non c’è.
Così Achille si agita, Achille si lascia trasportare. Con i capelli tagliati corti, la calvizie in erba, gli occhi incavati, le vene visibili, Achille è un fascio di nervi. È stressato. Ha scambiato e-mail con il comandante della regione Île-de-France dell’AFO, che ha insistito che il test deve aver luogo questa sera.
Achille dice a Jacques che la granata dovrà essere lanciata contro un albero per valutare il danno causato. Al prossimo attacco islamista, il piano è di risalire la fila di auto in scooter e lanciare granate dentro quelle guidate da nordafricani. Per esempio a Seine-Saint-Denis. Jacques ha promesso di fornire lo scooter e gli esplosivi. Tommy è incaricato di preparare il TATP.
Sì, ma Tommy non si è ancora presentato, quindi Achille si infastidisce. Chiama “Flamme”, un altro membro della rete, per ottenere le coordinate del loro fabbricante di bombe. Achille insiste sul fatto che Flamme dovrebbe essere presente stasera, vuole presentargli Jacques, “un ragazzo fantastico”, e “testare il prodotto”. Ma Flamme è evasivo. Ristoratore di professione, cerimoniere, dice, ad un ricevimento al Parc Saint-Cloud, verrà dopo. Forse. Tuttavia, egli invia lo 06 di Tommy. Achille lo chiama.
Il pompiere spiega che non può venire a causa del suo vecchio padre che è gravemente malato, ma che possono incontrarsi a Noisy-le-Roi. Dopo aver mangiato un boccone, andranno a testare la granata nel bosco. Quando Achille e Jacques arrivano nella cittadina degli Yvelines, non trovano Tommy al capezzale del padre ma al bar locale, dove ha passato il pomeriggio. Tommy è molto ubriaco.
Il 32enne veterano dell’Afghanistan ha già trascorso sette mesi in prigione per diversi reati di guida in stato di ebbrezza. Quando lo vede in questo stato, Achille gli chiede se sarà in grado di usare una granata. Tommy giura che lo farà.
Il trio si siede in un ristorante di sushi. Stanno discutendo le condizioni per conservare l’esplosivo nei congelatori quando, poco dopo le 21, membri del gruppo di supporto operativo della DGSI entrano nello stabilimento giapponese e li arrestano. Non senza qualche difficoltà per Tommy che, ubriaco, lotta per molti minuti prima di essere placcato a terra e ammanettato. Nel suo veicolo con i finestrini aperti, nascosta sotto una giacca kaki, una granata fatta in casa composta da 300 grammi di TATP.
Nei minuti successivi, una dozzina di uomini e donne sono stati arrestati in successione in Corsica, Gironda, La Vienne e Charente. Oggi, quattordici di loro sono stati incriminati (dopo un periodo di incarcerazione per alcuni di loro, tutti sono ora liberi sotto sorveglianza giudiziaria).
Quarantotto ore dopo l’irruzione, Achille è stato portato davanti all’investigatore della DGSI, che lo ha interrogato per la terza volta in un ufficio di Levallois-Perret, dove era detenuto per “associazione criminale terroristica”.
Non sono sicuro di poterlo fare”, ha detto, “Non credo che ci sia il desiderio di uccidere. L’idea che a un certo punto potremmo uccidere imam o musulmani, è un’idea che ha corso all’interno dell’AFO, ma non è assolutamente reale. ”

 

L’ufficiale di polizia giudiziaria non crede a una parola.
“Vi informiamo che un’infiltrazione ha avuto luogo all’interno del movimento AFO. L’agente sotto copertura ci ha informato che sono in corso diversi progetti all’interno del movimento. ”
Achille è rimasto sbalordito.

Tre settimane prima, sabato 9 giugno 2018, “Souvigny” chiama “Richelieu”. Il primo è il comandante ad interim della regione di Parigi – il titolare è partito per El Salvador per diventare… il vice dell’ambasciatore francese -, il secondo è il fondatore e “comandante dello staff” dell’AFO. In pensione dalla polizia nazionale e ora antiquario, Richelieu era un attivista dei Volontari per la Francia (VPF), il più visibile di questi gruppi di autoproclamati patrioti che mostrano gli obiettivi di “difendere l’identità francese” e “combattere l’islamizzazione del paese”. Nell’agosto 2017, stanco della freddezza delle teste pensanti del VPF, è partito con alcuni attivisti per fondare l’AFO al fine di realizzare vere operazioni clandestine. Sono una cinquantina sparsi in tutta la Francia. E l’AFO si è impegnato a espandere ulteriormente i suoi ranghi e ad armarsi.

Souvigny ha incontrato una nuova recluta.
“Ho ricevuto ieri un ragazzo che mi è stato segnalato da “Thérèse” […]. Sono molto, molto felice di averlo reclutato perché ha degli amici, ha un passato un po’ travagliato, molto travagliato anche… Cosa posso dire? È un ex rapinatore. Questo significa che ha delle conoscenze, il ragazzo! ”
Il giorno prima, Jacques – è di lui che stiamo parlando – si era presentato nel primo pomeriggio in un caffè del Quai du Louvre. Souvigny, con la testa rasata e grandi baffi bianchi, era accompagnato da Achille. Dopo aver fatto domande a Jacques sulla sua fedina penale e sulle convinzioni politiche della sua famiglia, gli hanno spiegato i contorni dell’AFO, le regioni, gli pseudonimi assegnati ad ogni membro, e anche i codici di colore operativi: i bianchi (per i semplici militanti), i grigi (per i responsabili della logistica e dell’addestramento) e i neri (per gli uomini – non ci sono donne – che sono destinati ad agire). Souvigny e Achille erano tra la decina di neri del movimento. E vorrebbero vedere Jacques e il suo passato di rapinatore di banche unirsi a loro nel lato più oscuro dell’AFO.
Per collocarsi ideologicamente, Souvigny dice di essere stato membro dell’OAS. Il suo subalterno Achille dichiara di essere stato nel SAC… Il che è difficilmente plausibile per uno dei due, in termini di età, ma la tensione è improvvisamente palpabile tra i due uomini, le cui basi politiche antagoniste sono state poi unite dallo stesso odio per i musulmani.
A parte questo ipotetico impegno con l’OAS (al quale si è poi sottratto), nulla ha predestinato Souvigny, 69 anni, ex direttore delle risorse umane di una filiale del gruppo Thomson, dottore in econometria, figlio di un ingegnere e sposato con il sindaco del comune dove vive nella Val-d’Oise, a trovarsi nel mirino della lotta antiterrorista.
Solo che gli attacchi del 13 novembre sono passati di lì. Una delle ragazzine di Souvigny avrebbe dovuto essere al Bataclan; era malata e alla fine non è andata, ma ha perso due dei suoi amici quella notte. Due anni dopo, si trovava nella capitale britannica quando ci fu l’attentato al London Bridge.
Nella sua proprietà di due ettari (possiede anche un appartamento e una barca in Corsica), tiene un arsenale di armi: quattro fucili, una carabina, un fucile a canne mozze, due granate di gesso e più di 2.200 proiettili. E Souvigny voleva che tutti i neri dell’AFO fossero armati come lui per poter “andare fino in fondo”. Lui stesso era in procinto di ottenere informazioni in Corsica, ma Jacques, con la sua rete di trafficanti d’armi, era in grado di moltiplicare le possibilità di essere equipaggiato.
Precisamente, una riunione si terrà il sabato successivo a casa di Souvigny per discutere la questione degli “obiettivi”, i traguardi da raggiungere. Dopo aver riferito del loro incontro a Richelieu, Souvigny ha inviato una e-mail a Jacques invitandolo all’incontro di sabato 16 giugno. Il direttore delle risorse umane in pensione ha adottato il delinquente. “Dovremo essere un po’ più sospettosi”.
Un mese prima, Souvigny aveva chiamato Richelieu per un’altra assunzione che stava suscitando meno entusiasmo di quella di Jacques.
Ho un problema con un ragazzo della mia squadra”, ha detto Souvigny a Richelieu. Ho paura che sia un furto d’identità e che il tizio ci abbia raccontato delle storie. Quindi mi sto informando perché su un sito professionale l’ho trovato. Volevo controllare quello che mi aveva detto, ecc. Infatti, la scuola, il lavoro, è giusto. D’altra parte, la foto, non è lui! ”
Souvigny teme che sia ” un sottomarino “, un poliziotto sotto copertura. Richelieu gli consiglia di annotare la targa del sospetto, di seguirlo a casa, di fotografarlo per consultare certi dossier amministrativi grazie a dei complici, che immaginiamo essere poliziotti. Stiamo seguendo tutto questo”, lo rassicura Souvigny. Ci sono tre persone. ”
I membri dell’AFO vivono nella paura delle infiltrazioni della polizia. Ne parlano spesso al telefono. Nell’aprile 2018, lo stesso Richelieu ha avvertito Souvigny di un uomo ad una riunione che stava cercando di ottenere le vere identità dei partecipanti: “Dovremo essere un po’ più sospettosi”, avverte. Avete visto cosa ha pubblicato Mediapart? Sai cosa voglio dire…”
Richelieu si riferisce a un articolo pubblicato tre settimane prima in cui abbiamo rivelato la preoccupazione dei servizi di intelligence per la crescente percentuale di membri delle forze di sicurezza che si erano uniti a gruppi di vigilantes. “Se volete, è più probabile che diano la caccia a noi che agli altri”, ha dedotto Richelieu, intendendo che le forze dell’ordine hanno più chance di dare la caccia ai militanti di ultradestra che ai jihadisti.
Anticipando possibili arresti, un membro dell’AFO ha inviato una e-mail chiedendo ai suoi complici di creare una favola che legittimasse il loro incontro e la loro relazione. “Si tratterebbe per tutti di trovare una storia plausibile e comune per spiegare come ci siamo incontrati e perché ci incontriamo. Qualcosa di verificabile, pubblico, comune. Amici di amici, sport comuni…” E per citare come esempio il personaggio di Malotru nella serie Le Bureau des légendes.
Al momento del reclutamento di Jacques, i membri della rete di Cortès (la regione dell’Île-de-France all’interno dell’AFO) sospettavano un altro candidato che avevano anche loro incontrato alla brasserie Pont-Neuf. “Ho avuto un dubbio sul perché questo ragazzo sia venuto a trovarci. Ha parlato molto della sua casa, del suo lavoro, della sua famiglia, senza che glielo chiedessi. E, secondo me, c’erano delle incongruenze”, ha spiegato Souvigny, che ha poi affidato una missione di sorveglianza ad “Attila”, un contabile in pensione, terrorizzato che il loro gruppo fosse infiltrato da talpe. Non ha il tempo di svolgere la sua indagine. È stata arrestata come la maggior parte dei suoi amici della rete Cortes il 23 giugno 2018. E Attila, come gli altri, scoprirà in custodia della polizia di essersi sbagliata sulla talpa. Tommy, sergente dell’11° reggimento di artiglieria dei marines, ha vinto numerose medaglie al suo ritorno da una missione in Afghanistan, dove ha ucciso combattenti talebani e ha visto almeno un fratello d’armi bruciato vivo. Tornato alla vita civile, legge le teorie del criminologo Xavier Raufer, che piacciono tanto all’estrema destra.
Tommy si è trovato nel mirino del DRSD (Direzione di Intelligence e Sicurezza della Difesa, la polizia militare). Ha menzionato l’idea di attaccare “un uomo barbuto in un qamis” o “due o tre ragazze velate”, non facendo “una cosa” ma “diverse piccole cose”, considerando che la guerra è iniziata dal 13 novembre. La DGSI, da parte sua, non si è lasciata sfuggire nulla della scissione tra il VPF e coloro che avrebbero fondato l’AFO.
A metà aprile, considerando che “non si può escludere un atto violento”, è stata aperta un’indagine preliminare affidata a “J”, la sottodirezione incaricata delle indagini giudiziarie in seno alla DGSI. Una quindicina di giorni dopo, i servizi segreti belgi hanno confermato i timori: Achille e Tommy sono stati visti comprare dei revolver da collezione in un mercato di armi antiche. Ma le indagini in Francia sono state lente. I membri dell’AFO applicano misure di sicurezza quando si muovono (un rapporto dell’intelligence interna evoca “rotture di pedinamenti”), parlano in codice quando telefonano (arrivando al punto di usare dei disturbatori per alcune comunicazioni). Inoltre, il 4 maggio 2018, è stato deciso di procedere con un’infiltrazione giudiziaria.
Prevista dall’articolo 706-81 del codice di procedura penale, questa operazione, che deve essere autorizzata dal pubblico ministero o da un giudice istruttore, consiste nell’introdurre un agente in un’organizzazione criminale in modo da raccogliere informazioni che gli altri mezzi di indagine non sono riusciti ad ottenere. Fingendosi complice, l’agente è autorizzato a usare un’identità presunta e a commettere certi reati connessi (definiti in anticipo) se necessario, ma non è autorizzato a incitare altri a commettere un reato, pena la nullità del procedimento. Infine, nessuna condanna può essere pronunciata solo sulla base delle dichiarazioni dell’agente sotto copertura; esse devono essere corroborate da prove materiali.
Nel campo del terrorismo, una spettacolare doppia infiltrazione, l’operazione Ulisse, riportata da Mediapart, ha permesso alla DGSI di ingannare membri dello Stato Islamico che stavano pianificando un nuovo 13 novembre a Raqqa, e ha portato alla condanna di tre jihadisti all’inizio dell’anno a pene che vanno dai 22 ai 30 anni di carcere.
Contattata, la Procura Nazionale Anti-Terrorismo (PNAT) accoglie con favore questo processo: “In un momento in cui le organizzazioni terroristiche, come i gruppi criminali, utilizzano sempre meglio l’anonimato fornito dai mezzi elettronici di comunicazione, le misure di infiltrazione, che sono molto complesse da attuare, sono uno dei mezzi più efficaci per monitorare le azioni di un gruppo terroristico e raccogliere prove di un progetto terroristico in corso. ”
Secondo il PNAT, 13 tredici infiltrazioni sono state effettuate in indagini preliminari avviate per fatti legati al terrorismo dal 2018. Queste misure sono state eseguite in casi che, per la maggior parte, non sono ancora stati processati.
Il SIAT, il servizio di assistenza tecnica interministeriale, forma questi agenti e conduce queste missioni sotto copertura. Nel caso dell’AFO, il servizio assegna uno dei suoi uomini di mezza età, che è sulla cinquantina. Un protagonista descriverà l’agente come “un po’ calvo, piuttosto forte fisicamente”.
Nel pomeriggio del 27 maggio 2018, contatta dall’indirizzo “clovisparis” creato per l’occasione, un sito web che intende preparare “i cittadini-soldati francesi al combattimento sul territorio nazionale” e, per inciso, serve come casella di posta per coloro che desiderano integrare l’AFO.
“Salve. Sul vostro sito, vedo dei valori che sono simili ai miei. Ho viaggiato molto nella mia vita. Mi piacerebbe conoscervi un po’ di più e darvi il mio sostegno (se posso essere utile, vivo a Parigi). […] Spero di avere tue notizie. ”
Thérèse, una delle persone che gestisce il sito, inoltra a Souvigny il profilo del candidato che vive nella regione di Parigi. Per adescare AFO e spiegare le zone d’ombra della sua vita, l’agente sotto copertura adotta il profilo di un gangster come una leggenda. Sceglie uno pseudonimo.
Sarà Jacques.

Epitaffio per una rete
Il 16 giugno 2018, verso le 13:20, l’agente sotto copertura Jacques aspetta alla stazione ferroviaria di Cergy-le-Haut (Val-d’Oise) sotto lo sguardo complice degli investigatori della DGSI che sorvegliano la zona intorno alla stazione. Lo raggiungono Souvigny e un certo “JB” di Seine-et-Marne, anche lui della RER. Salgono sulla Honda di Souvigny e si dirigono verso la campagna dell’Ile-de-France. Arrivati nel comune di cui la moglie di Souvigny è sindaco, sono passati davanti al municipio, hanno preso la Grande-Rue, delle più piccole, fino a raggiungere un sentiero che li ha portati alla proprietà dell’ex direttore del personale della filiale Thomson.
I poliziotti che li hanno seguiti dalla stazione vedono poi arrivare il veicolo di Achille, seguito da quello di Tommy e da una Citroen Xsara guidata da un uomo che non avevano visto apparire nella loro indagine fino ad ora.
All’interno della casa di Souvigny, i membri dell’AFO sono invitati a spegnere i loro telefoni e a lasciarli all’ingresso. Poi bevono il caffè in cucina prima di andare al piano di sopra a discutere di questioni serie.
Quel pomeriggio, undici di loro, se contiamo Jacques, stavano complottando. All’ordine del giorno ci sono i piani per una risposta al prossimo attacco jihadista. In primo luogo, c’è l’idea di attaccare duecento imam in Francia, ma per quello, sono tutti d’accordo, non sono pronti. Non c’è abbastanza gente, non ci sono abbastanza armi. C’è anche il progetto di attaccare i prigionieri radicalizzati quando escono di prigione, ma non sanno chi, non sanno quando e non sanno dove.
Quindi vanno a “Operazione Halal”. Si tratta di avvelenare gli scaffali di una dozzina di supermercati situati in quartieri con un’alta concentrazione di musulmani. Jacques scopre che i suoi nuovi amici progettano di ordinare su Internet un pesticida anticoagulante utilizzato nella preparazione del veleno per topi, e di iniettarlo nella carne che le donne del gruppo, vestite per l’occasione con un niqab (per non essere riconosciute), avrebbero poi messo sugli scaffali. “A proposito, l’avvelenamento, che non è stato menzionato da me, non era assolutamente un avvelenamento per uccidere. Solo per farvi venire la nausea”, cercherà di giustificarsi più tardi Souvigny, che riconoscerà di aver “effettivamente” dato ” il via libera” all’operazione Halal.
Durante la riunione, Jacques sente Souvigny spiegare che il progetto è stato convalidato dall’ufficio nazionale dell’AFO. L’interessato ha poi contestato questa affermazione: “Non è vero. Avevo informato Richelieu dell’etichettatura [sulla carne halal – ndr] ma non gli avevo parlato dell’avvelenamento. ”
Ancora, Jacques ha offerto di gestire la consegna, “con l’obiettivo di controllare la ricezione del prodotto tossico”, il SIAT specificherà in un rapporto. Secondo il codice di procedura penale, l’agente sotto copertura è autorizzato ad “acquisire, detenere, trasportare, consegnare o consegnare sostanze, beni, prodotti, documenti o informazioni derivati dalla commissione di reati o utilizzati nella commissione di tali reati.
Durante una tavola rotonda, Jacques vota a favore dell’operazione. Ce ne sono sette per convalidarlo. Due si astengono e due dicono no. Non vogliono rischiare di uccidere bambini e vecchi. “Mirabeau”, uno degli oppositori, propone invece di assassinare il rapper Medine che poi scatena polemiche dopo l’annuncio in questo mese di giugno 2018 di due date di concerto al Bataclan, che indispone politici di destra e di estrema destra rivoltati da un titolo di un album del 2005 intitolato Jihad e dal testo “crocifiggiamo i laici come nel Golgota” di una canzone del 2015.
Il quarto punto all’ordine del giorno sono le armi, di cui si sente la mancanza. Oltre ai revolver commemorativi comprati in Belgio, Achille ha una pistola automatica, la CZ75, prodotta nella Repubblica Ceca e usata dai servizi americani. Lo porta con sé alla riunione.
Souvigny annunciò che sarebbe partito in settimana per la Corsica, dove un amico gli avrebbe probabilmente fornito nuove pistole “Sten”, “Thompson” e “CZ”. Ogni membro della rete dovrebbe poi comprare l’arma di sua scelta con i propri soldi. Perché le casse della cellula Île-de-France sono vuote. Gli inquirenti avrebbero poi appreso che Cortès, il capo della rete, era andato a chiedere finanziamenti per il loro movimento a Michel Tomi, che viene presentato come il padrino dei padrini corsi, e che Cortès aveva conosciuto quando era vice console in Gabon. Michel Tomi ha rifiutato di dare soldi a coloro che dicono di essere patrioti. “Quando mi ha ricevuto, mi ha ricevuto in modo assolutamente cortese, ma mi ha fatto capire che la Francia, per lui, era finita e che non aveva niente a che fare con essa, e che si considerava un africano. ”

Ignari di questa trattativa con il padrino corso, i partecipanti alla riunione del 16 giugno si sono trovati più avanti sulla questione delle granate. Tommy ha portato con sé un barattolo di polvere bianca. Ha annunciato che aveva fatto l’esplosivo. Su una scrivania del soggiorno c’era un set di capsule di accensione comprate nei negozi da Souvigny. Un terzo membro era incaricato di fare dei telecomandi per far esplodere le granate “in configurazione cittadina” da una distanza di 200 metri. Tuttavia, nessun dettaglio è stato dato in quel momento per quanto riguarda il loro uso.
Alla fine della riunione di quasi cinque ore, Jacques ha recuperato alcuni fogli riguardanti i corsi organizzati dalla rete AFO Aquitaine, durante i quali vengono addestrati al fuoco dinamico e alla progettazione di esplosivi. Una volta tornato a casa, l’agente del SIAT consegnò i fogli recuperati alla DGSI, riassunse il contenuto delle discussioni e diede la sua impressione: solo Achille e Tommy sembravano “psicologicamente determinati a uccidere qualcuno a sangue freddo”. Questo è stato confermato, a suo modo, da Flamme, il ristoratore, quando era in custodia della polizia: “Posso confermare che Tommy e Achille erano teste calde. ”
E proprio questi due si danno appuntamento il mercoledì seguente con Jacques in un bistrot alla Porte de Saint-Cloud per andare a provare insieme le granate. Lì, Achille spiega a Jacques che l’operazione Halal sta creando tensioni all’interno del gruppo. Il giorno dopo l’incontro da Souvigny, diversi membri della rete gli hanno inviato e-mail per esprimere la loro disapprovazione. Tommy borbotta che è deluso dall’atteggiamento della gente.
L’operazione non è stata abbandonata. Souvigny ha chiesto ad Achille di continuare i preparativi all’insaputa del resto della cellula. Achille ha già individuato un supermercato a Essonne. E hanno intenzione di comprare il veleno a settembre.
Allo stesso tempo, Achille chiede a Jacques di scoprire il prezzo di uno scooter, così come la possibilità di acquistare grandi quantità di perossido di idrogeno in Belgio. Infine, gli raccontano del progetto delle granate lanciate nei veicoli. Si vantavano di aver già testato il loro esplosivo sul campo di un simpatizzante a Chablis. L’avevano messo nella punta di una balestra e sparato contro un muro. Un successo secondo loro. “Achille mi disse che dovevamo fare colpo su Jacques, che dovevamo stendere il tappeto rosso per lui”, raccontò poi Tommy.
Tommy è stato incoraggiato dal reclutamento di Jacques, che ha detto di poter trovare molte armi, veleno e scooter rubati… Contattato, Gabriel Dumenil, l’avvocato di Tommy, ha sottolineato che “l’infiltrato ha fatto osservazioni veementi, stimolando l’ardore e il vigore di alcune persone, in particolare del [suo] cliente. Ha interpretato il ruolo di un pompiere piromane, il confine con la sfida a offendere non è tenuto…”
Il veterano dell’Afghanistan riconvertito in montatore di tende si sentiva un po’ solo fino ad ora, lui che aveva improvvisato un laboratorio clandestino a casa sua con una bomba a tubo, litri di perossido di idrogeno, acido cloridrico, barattoli di acetone, un filtro, ecc. E una guida di fabbricazione intitolata “Napalm fatto in casa”.
Tuttavia, Tommy annuncia che il test di stasera non sarà possibile perché non c’è abbastanza esplosivo per riempire la granata. Achille è deluso ma è rimandato a sabato prossimo, 23 giugno.
Date le nuove informazioni che Jacques aveva raccolto e i preparativi avanzati per gli attacchi, la DGSI ha allertato il giudice istruttore incaricato del caso AFO. Il magistrato ha ordinato loro di arrestare i membri sabato sera, prima che la granata fosse testata.
Il giorno prima dell’incursione, l’agente sotto copertura Jacques invia una e-mail:
“Ciao Achille. Confermo la mia presenza per domani, va sempre bene per te e il nostro amico? Cordiali saluti. Jacques. “

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Tokio 2020, nemmeno un minuto per le vittime di Hiroshima

Hiroshima protesta con il Cio per la mancata commemorazione dell'anniversario. La minaccia atomica oggi e l'ambiguità di Italia e Nato

Greenpeace: donazioni a qualsiasi prezzo?

Un'ex dipendente del call center fornitore di Greenpeace in Francia denuncia le condizioni di lavoro e i metodi invasivi [Cécile Hautefeuille]

Ascanio Celestini immagina il Museo Pasolini

Celestini, un'anteprima in forma di prove a Fosdinovo per il festival Fino al Cuore della Rivolta [Chiara Nencioni]

Paola e quel brindisi alla vita

E' morta Paola Staccioli, attivista, scrittrice, fondatrice di Osservatorio Repressione

Claudio Giunta e l’apologo della pompa di benzina

Breviario in 15 punti per non perdere la fede nell’intelligenza. Una polemica che parte dalla denuncia del neoliberismo da parte di tre normaliste