7.5 C
Rome
domenica 17 Ottobre 2021
7.5 C
Rome
domenica 17 Ottobre 2021
HomemondiCriminale di guerra trovato morto a 88 anni

Criminale di guerra trovato morto a 88 anni

I costi umani ed economici delle guerre di Donald Rumsfeld sono impressionanti [Phyllis Bennis]

A differenza delle centinaia di migliaia di iracheni, afghani e tanti altri morti ammazzati nelle guerre che ha lanciato e nelle celle di tortura che ha supervisionato, Donald Rumsfeld è morto in pace.Assumendo il comando del Pentagono come segretario alla difesa per la seconda volta nel 2001, Rumsfeld era uno dei principali ideologi neoconservatori che circondavano il presidente George W. Bush e che videro gli attacchi dell’11 settembre 2001 come un’opportunità per andare in guerra. Il Washington Post ha descritto una conversazione tra il non ancora presidente e il non ancora segretario alla difesa in cui Rumsfeld disse a Bush che la potenza militare degli Stati Uniti era necessaria per disciplinare il mondo. “Non ho lasciato alcun dubbio nella sua mente, se non che, in quel momento in cui succederà qualcosa, che sarei andato da lui per protendersi in avanti, non indietro. E volevo che [lui] lo sapesse…. E lui disse, senza ambiguità, che era quello che avrebbe fatto, e avevamo un’intesa chiara e comune”, ha ricordato Rumsfeld.
La guerra era nell’agenda dell’amministrazione Bush fin da subito. Il 12 settembre, Bush avrebbe tenuto il suo infame discorso “Raduneremo il mondo”, e Rumsfeld iniziò a preparare l’invasione dell’Afghanistan, uno dei paesi più poveri del mondo. Più di chiunque altro, Rumsfeld fu l’architetto della “Guerra Globale al Terrore” di Bush.
Anche se i media mainstream non lo riportarono subito, divenne subito chiaro che le vittime civili in Afghanistan erano indicibilmente alte. La prima indagine sulle vittime civili determinò che la migliore spiegazione risiedeva “nell’apparente volontà degli strateghi militari statunitensi di sparare missili e sganciare bombe su aree densamente popolate dell’Afghanistan…. l’elemento critico rimane il valore molto basso attribuito alle vite civili afgane dai pianificatori militari statunitensi e dall’élite politica”. Rumsfeld, naturalmente, era entrambi.

MANGIATE LE VOSTRE BOMBE A GRAPPOLO, RAGAZZI E RAGAZZE
Dopo due settimane di guerra, l’ufficio stampa di Rumsfeld ha riconosciuto a malincuore che i bombardieri statunitensi avevano effettivamente sganciato bombe a grappolo, una forma di armamento ormai illegale, sul villaggio di Shaker Qala, vicino a Herat nell’Afghanistan occidentale. Le bombe hanno ucciso nove civili e ne hanno feriti altri 14. Ma l’ufficio di Rumsfeld aveva un problema più grande di questo. Le bombe a grappolo erano avvolte in un nastro giallo brillante. E nello stesso momento, gli aerei del Pentagono stavano sganciando pacchetti di cibo per i disperati rifugiati afgani che erano coperti da identici involucri giallo brillante. Ogni bambino affamato che correva a prendere quello che sembrava un pacchetto di cibo aveva una buona probabilità di essere fatto esplodere da una bomba a grappolo statunitense. Il presidente dei Capi di Stato Maggiore Richard Myers, accanto a Rumsfeld in una conferenza stampa, ha ammesso che i civili potrebbero confondere le due cose, ma ha detto che gli Stati Uniti non hanno intenzione di sospendere l’uso delle bombe a grappolo.
Gli incidenti con la stampa del Pentagono non sono mai migliorati. Rumsfeld teneva i giornalisti al guinzaglio e in gran parte fuori dalle aree di prima linea. I suoi briefing non si sono mai guadagnati il soprannome di “Five O-Clock Follies” dell’epoca della guerra del Vietnam, anche perché il sostegno pubblico in tutto il paese è rimasto alto durante i primi mesi, persino i primi anni, di questa prima “guerra per sempre”. Ma fuori dai confini degli Stati Uniti, il resto del mondo, in particolare nei paesi a maggioranza musulmana, stava imparando sempre di più sulle vittime civili. Una risposta del Pentagono di Rumsfeld è stata l’istituzione dell’Ufficio di Influenza Strategica (OSI). Il suo lavoro ufficiale includeva cose come il lancio di volantini che pubblicizzavano ricompense per informazioni su dove Osama bin Laden potesse nascondersi o script radiofonici progettati, nelle parole di Rumsfeld, “per contrastare le bugie che questa fosse una guerra contro il popolo afgano o una guerra contro i musulmani, cosa che non era”. L’OSI fu costretta a chiudere poco dopo la sua apertura dopo una scomoda fuga di notizie alla stampa, ma non prima che i media tradizionali avessero avuto una giornata campale con la notizia. Il titolo del New York Times era “La nuova agenzia non mentirà, dicono gli alti funzionari del Pentagono”. Non The Onion (sito satirico Usa che pubblica finte notizie): il New York Times.

E VERSO BAGHDAD
Per Rumsfeld, l’Afghanistan non è mai stato davvero il punto. Era una guerra di passaggio, che gettava le basi per la vera invasione che era possibile a seguito degli attacchi dell’11 settembre. La guerra in Iraq era nella sua agenda da anni e Rumsfeld la mise sul tavolo circa 24 ore dopo il crollo delle Torri Gemelle, nella riunione mattutina alla Casa Bianca. Chiese perché gli Stati Uniti non avrebbero dovuto attaccare subito l’Iraq. L’unica opposizione era sulla questione dei tempi: l’opinione pubblica era concentrata su Al Qaeda, quindi la guerra doveva iniziare andando contro Al Qaeda. L’Iraq potrebbe venire dopo. Nessuno tra gli alti funzionari di Bush sembra aver risposto alla domanda retorica di Rumsfeld con la vera risposta: che il governo dell’Iraq non aveva nulla a che fare con Al Qaeda o con gli attacchi dell’11 settembre.
L’interesse di Rumsfeld per l’Iraq era di vecchia data. All’inizio del 1998, mentre la cabala neoconservatrice repubblicana che avrebbe fornito il personale alla Casa Bianca e al Pentagono di George W. Bush stava in gran parte ammazzando il tempo nei think tank e facendo una vagonata di soldi nelle armi e nelle industrie correlate, il futuro segretario alla difesa era coinvolto nella creazione del Progetto per il Nuovo Secolo Americano. I fondatori del PNAC includevano la maggior parte dei principali ideologi neoconservatori che, due anni dopo, avrebbero ripreso le redini del potere di Washington: il vicepresidente di Bush, Dick Cheney, il funzionario del Pentagono Paul Wolfowitz e, naturalmente, Rumsfeld. L’obiettivo del progetto includeva la pressione sull’allora presidente Bill Clinton per effettuare un cambio di regime in Iraq e liberarsi di Saddam Hussein. Meno di un anno dopo, Clinton firma l’Iraq Liberation Act, e il cambio di regime diventa la politica ufficiale degli Stati Uniti.
Quindici anni prima, nel 1983, Rumsfeld aveva una connessione più ravvicinata e personale con il leader iracheno, allora il favorito di Washington per vincere la guerra Iraq-Iran che stava devastando i giovani e le comunità di confine di entrambi i paesi. Andò a Baghdad come inviato dell’allora presidente Ronald Reagan, per concordare con Hussein il modo migliore in cui Washington potesse assicurarsi che l’Iraq, il più debole delle due parti, vincesse contro l’Iran. Gli Stati Uniti si offrirono di fornire armi, intelligence e altro, compreso il materiale (che fu effettivamente consegnato) che divenne il seme delle armi biologiche. Presumibilmente nel momento in cui Hussein era diventato il nemico americano del giorno, Rumsfeld e le sue coorti contavano sulla memoria corta del popolo americano per assicurarsi che nessuno tirasse fuori l’imbarazzante incontro.
In qualche modo non ha funzionato così bene. E quando si è sparsa la voce, durante la corsa alla guerra del 2003, che il segretario della difesa aveva una volta stretto la mano e parlato gentilmente con questo presunto mostro, sono emerse alcune facce rosse. Come ha descritto Al Jazeera, “Un imbarazzato Rumsfeld ha cercato di recuperare un po’ di terreno sostenendo il 21 settembre 2002 in un’intervista alla CNN che durante l’incontro del 1983 aveva messo in guardia Saddam Hussein contro l’uso di armi chimiche. Sfortunatamente per lui, una registrazione via cavo statunitense del suo incontro con Saddam rivelò in seguito che non aveva detto nulla del genere”.
La guerra con l’Iraq, le sue infrastrutture fisiche e sociali già distrutte dopo un decennio di sanzioni paralizzanti di Washington, non ha niente a che fare con l’11 settembre. Per Rumsfeld e i suoi colleghi neocon, l’Iraq era un obiettivo che aspettava di essere abbattuto. Le ragioni erano sia ideologiche che strategiche: un luogo cruciale per la proiezione del potere militare degli Stati Uniti, il controllo del petrolio, lo stabilimento di basi militari; e la distruzione di una potenza regionale che sfidava l’egemonia di Washington e dei suoi alleati arabi e israeliani in Medio Oriente.
Sarebbe il successo critico dello sforzo di trasformare la politica estera degli Stati Uniti da una sorta di imperialismo pragmatico che spesso si affida alle foglie di fico del multilateralismo a un’affermazione illimitata del potere statunitense basata sulla forza militare preventiva.
Così, nel giro di pochi mesi dal rovesciamento del governo talebano in Afghanistan e dalla sua sostituzione con un governo imposto di esuli afgani controllati e scelti dalla coalizione guidata dagli Stati Uniti, l’energia militare strategica di Washington si è spostata da Kabul a Baghdad. Rumsfeld era nel suo elemento.
Prima sono arrivate le bugie. Le false affermazioni di Rumsfeld che giustificavano la guerra in Iraq continuarono e si intensificarono. La bugia inaugurale, naturalmente, era l’intera premessa che il governo dell’Iraq fosse in qualche modo collegato agli attacchi dell’11 settembre. L’affermazione era facile, e con i media mainstream in gran parte non disposti a sfidare anche le bugie conosciute, furono fatte poche domande. Poi vennero le armi di distruzione di massa, l’uranio yellowcake dal Niger, l’acquisto da parte dell’Iraq di tubi di alluminio che potevano essere usati “solo” per la produzione di armi nucleari. L’inganno al Consiglio di Sicurezza dell’ONU, dove il presunto bravo ragazzo tra i criminali di guerra di Bush, il Segretario di Stato Colin Powell, si alzò e mentì al consiglio, mentì al popolo americano, e mentì al mondo su ciò che gli Stati Uniti “sapevano” sulle inesistenti ADM dell’Iraq.
Rumsfeld è stato il più grande sostenitore della guerra in Iraq. (Beh, forse. Difficile dire se Wolfowitz o Cheney o uno degli altri potrebbe batterlo per lo slot numero 1. Ma Rumsfeld era proprio lassù). Nel settembre 2002, quando lo sforzo per ottenere il sostegno pubblico e l’autorizzazione delle Nazioni Unite per la guerra contro l’Iraq era al suo apice, Rumsfeld ricevette un promemoria che delineava quanto fosse debole il caso della guerra. Si trattava di un “inventario di ciò che l’intelligence statunitense sapeva – o più importante non sapeva – sulle armi di distruzione di massa irachene”. Continuava: “Abbiamo faticato a stimare le incognite…. Si va dallo 0% a circa il 75% di conoscenza su vari aspetti del loro programma”. Una sezione successiva riconosceva la debolezza del caso di guerra dell’amministrazione: la falsa affermazione di un inesistente programma di armi nucleari irachene. “La nostra conoscenza del programma di armi nucleari irachene”, diceva, “era basata in gran parte – forse il 90% – sull’analisi di informazioni imprecise”.
Il documento era stato preparato dal direttore dell’intelligence dei Joint Chiefs, e Rumsfeld prese alcune note su di esso e lo rimandò al generale Myers. “Per favore, date un’occhiata a questo materiale su ciò che non sappiamo sulle Armi di Distruzione di Massa”, scrisse a margine del memo. “È grande”. Ciò che era grande, naturalmente, era il danno potenziale alla campagna di propaganda di Rumsfeld e della sua coorte della Casa Bianca per sostenere la guerra contro l’Iraq. Come risultato, né Rumsfeld né gli Stati Maggiori hanno condiviso il rapporto con nessun altro nell’amministrazione, né la Casa Bianca, né il Dipartimento di Stato, né nessun altro.

Dopo le bugie sono arrivati gli scandali. La tortura, fin dall’inizio. Prima nei ” black sites ” della CIA in paesi di tutto il mondo che promettevano, a pagamento, di mantenere il silenzio sugli uomini incappucciati e incatenati portati nel loro territorio in centri di tortura segreti gestiti dalla CIA. Poi Guantánamo, trasformando la base navale statunitense occupata illegalmente a Cuba in una prigione dura, isolata e brutale. Poi le prigioni create dal Pentagono di Rumsfeld, che continuavano a spuntare in tutto l’Iraq-Abu Ghraib (ricordate le fotografie dei giovani uomini e donne soldati di Rumsfeld che torturavano e umiliavano i prigionieri iracheni nel 2004?) e Camp Bucca (dove Abu Bakr al Baghdadi, poi il fondatore dell’ISIS, fu imprigionato lo stesso anno dal Pentagono di Rumsfeld). I burocrati di Rumsfeld hanno descritto la tortura in elenchi banali e regolamentati di “metodi di interrogatorio rafforzati” – privazione del sonno, estremi di freddo e calore, ore in dolorose posizioni di stress, waterboarding.
L’uccisione di civili era una caratteristica della guerra di Rumsfeld in Iraq. Gli attacchi aerei apparentemente mirati alle forze “nemiche” (chiunque fosse il “nemico” quel mese o quell’anno) in qualche modo riuscivano a colpire processioni funebri e feste di matrimonio e mercati. E bambini. Le truppe di terra sparavano a qualsiasi cosa o persona che si muoveva, compresi i bambini. Le forze speciali hanno sfondato le porte, uccidendo tutti quelli che si trovavano all’interno, compresi i bambini, e hanno piazzato delle armi per farlo sembrare uno scontro a fuoco. Quasi nessuno fu mai accusato, e tanto meno condannato, per un crimine. Nella rara occasione in cui alcuni soldati o appaltatori militari pagati dal Pentagono sono stati accusati di aver ucciso dei civili, non hanno quasi mai passato del tempo in prigione. I quattro appaltatori della Blackwater condannati alla fine, uno per omicidio di primo grado e gli altri per omicidio colposo, e condannati a 30 anni o all’ergastolo, sono stati presto graziati da Donald Trump e rilasciati dalla prigione. Avevano ucciso 14 civili iracheni disarmati senza motivo in piazza Nisour nel centro di Baghdad nel 2007. Inclusi i bambini.
In Afghanistan almeno 47.245 civili e 69.000 forze di sicurezza sono stati uccisi nella guerra dal 2001. Solo negli ultimi cinque anni, quando i morti e i feriti civili causati dagli attacchi aerei statunitensi e sostenuti dagli Stati Uniti sono aumentati, il 40% di tutte le vittime civili degli attacchi aerei erano bambini. Millecinquecentonovantotto bambini. Iraq Body Count ha documentato un totale di 288.000 morti per violenza dall’inizio della guerra in Iraq di Rumsfeld nel 2003. Di questi, da 186.000 a 209.000 morti erano civili. I numeri sono tutti approssimativi. Mentre l’esercito di Rumsfeld ha chiarito fin dall’inizio che avrebbe contato ogni ferita e certamente ogni morte tra le forze statunitensi, fare il conto dei civili afgani o delle famiglie irachene uccise nelle guerre non era cosa loro. “Noi non contiamo i corpi”, ha riconosciuto allegramente nel 2002.
Secondo il National Priorities Project, le guerre di Rumsfeld in Afghanistan e in Iraq sono costate 5,4 trilioni di dollari e sono in aumento. Se Rumsfeld e le sue coorti dell’amministrazione Bush avessero deciso di trattare gli attacchi dell’11 settembre per quello che erano, un orribile crimine contro l’umanità, piuttosto che rispondere a quegli atti con una guerra globale, immaginate per cosa avrebbe potuto essere usato quel denaro. È quasi il costo dei disegni di legge combinati American Jobs e American Families ora all’esame del Congresso. Immaginate: un’infrastruttura verde e assistenza sanitaria e posti di lavoro e istruzione e un’economia di cura. E tutte quelle centinaia di migliaia di afghani e iracheni sarebbero ancora vivi.
L’eredità in due parti di Rumsfeld rimarrà la chiave per comprendere la storia degli Stati Uniti all’inizio del 21° secolo. La prima parte sarà l’eredità delle vite distrutte dalle sue guerre. La seconda parte sarà l’eredità degli straordinari movimenti statunitensi e globali contro la guerra, contro l’impero, per la giustizia invece della vendetta, che le azioni illegali di Rumsfeld hanno ispirato. Quei movimenti, insieme all’eredità di coloro che hanno perso a causa delle guerre, sopravviveranno di gran lunga al suo nome.
The Onion, ore dopo la morte di Rumsfeld, ha pubblicato un titolo “Weapon of Mass Destruction Found Dead at 88”, arma di distruzione di guerra trovata morta a 88 anni. Ma “arma” implica qualcosa che qualcun altro usa o controlla. Rumsfeld era responsabile non solo di fare il tifo e la propaganda per la guerra, ma anche di organizzare, schierare e comandare la guerra. In qualche modo “arma” non è del tutto corretto. “Criminale di guerra” andrà bene.

Phyllis Bennis è un membro dell’Institute for Policy Studies. È autrice di Before & After: US Foreign Policy and the War on Terrorism.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Il G8 in scena, senza tregua. A Genova

Teatro nazionale di Genova, G8 Project 2021, atto secondo. Il paesaggio orribile di un ventennio atroce Senza tregua, come una corsa che la...

Una storia di notizie “buone” o propaganda della povertà?

Le notizie virali di coraggio e carità individuale sottolineano solo quanto sia crudele la nostra società [Kali Holloway]

E il salario minimo vinse il Nobel per l’Economia

Nobel per l'economia a tre ricercatori tra cui David Card che ha sbugiardato la teoria che il salario minimo danneggi l'occupazione [Romaric Godin]

Forza Nuova e l’eterno derby con Casapound

Forza Nuova sempre più violenta per contendere l'egemonia a destra a Casapound. Fino all'assalto alla Cgil [Saverio Ferrari]

Mimmo, una poesia

A Mimmo Lucano, ex sindaco di Riace, condannato per la sua umanità. Con rispetto e ammirazione [Ramon Haniotis]