14 C
Rome
venerdì 24 Settembre 2021
14 C
Rome
venerdì 24 Settembre 2021
HomemondiI misteriosi commando talebani si riprendono l'Afghanistan

I misteriosi commando talebani si riprendono l’Afghanistan

Afghanistan, chi sono i Sara Khitta e come è cambiata la strategia dei talebani che sbaraglia un esercito demoralizzato [Jean-Pierre Perrin]

Militarmente, i talebani sono cambiati. Anche se il grosso dei loro battaglioni è ancora composto da studenti delle madrasse pakistane (scuole religiose) e da contadini che spesso non avevano altra scelta che unirsi a loro, nuove unità sono apparse nelle loro file. E sono loro che hanno permesso la rapida conquista di quattro capoluoghi di provincia afgani negli ultimi giorni, tra cui città importanti come Kunduz e Sheberghan.
Sono anche quelli che, quando sarà il momento, senza dubbio lanceranno un assalto alle cinque principali città afgane, Mazar-I-Sharif, Herat, Kandahar, Ghazni e, infine, Kabul.
Anche se sono lontani dal costituire il grosso delle forze talebane, questi commandos sono comunque una brutta sorpresa per l’esercito afgano, poiché mostrano la loro professionalizzazione. I talebani li chiamano “Sara Khitta”, che può essere tradotto dal Pashtun come “il gruppo rosso”, “l’unità rossa” o “l’unità del pericolo”.
Una foto postata su Twitter nell’aprile 2020 dal portavoce degli insorti Zabihullah Mujahid mostra i membri di uno di questi commandos che si allenano in montagna sotto la neve. Ogni combattente è ben equipaggiato, indossa caschi, uniformi, stivali, ginocchiere e ha un fucile d’assalto americano. Secondo diversi ufficiali dell’esercito afgano, i combattenti di Sara Khitta hanno persino cannocchiali per la visione notturna sulle loro armi, permettendo ai cecchini di devastare i ranghi del governo durante la notte.
In altre immagini, possono essere visti indossare magliette con il logo di Sara Khitta durante l’allenamento. Possono anche essere riconosciuti da una bandana rossa che indica la loro appartenenza a questo gruppo d’élite.


Queste foto, così come un video di 70 minuti intitolato “La carovana degli eroi #13”, sono utilizzate dai talebani principalmente per scopi propagandistici. La missione dei commandos è anche quella di aiutare a reclutare nuovi volontari mostrando che gli “studenti di teologia”, che è ciò che la parola talebani significa in arabo, sono anche combattenti moderni e capaci di sbaragliare l’esercito afgano, comprese le sue forze speciali. Questa propaganda serve loro anche fuori dall’Afghanistan, per mostrare le loro capacità operative.
Non c’è nulla di paragonabile con i seminaristi fondamentalisti frettolosamente addestrati degli anni 1990-2010, che partivano per combattere, a volte durante le loro vacanze scolastiche, da cui il nome di “talebani stagionali”, senza uniformi o divise, vestiti solo con il tradizionale chalwar kamiz e turbante e armati di rustici kalashnikov.
Nello stesso tweet, il portavoce dei talebani ha dato il nome del loro misterioso leader, che non sembra essere afgano: Ammar Ibn Yasser. Viene descritto come “il mujahid dei muajaheddin”. Il suo predecessore, Bilal Zadran, è stato ucciso da un attacco statunitense il 1° dicembre 2017 nella provincia meridionale di Helmand.
Ma, per la maggior parte, non si sa nulla di Sara Khitta. Infatti, mentre la propaganda talebana li mette in evidenza in foto e video, non rivela nient’altro, a cominciare dal loro numero; e i funzionari talebani, a parte il portavoce, non sono autorizzati a parlarne. Questo desiderio di mantenere il gruppo segreto fa parte di una strategia e contribuisce a renderli più temuti.
Si sa, tuttavia, che una delle loro basi è in Paktîkâ, nell’Afghanistan orientale, una provincia confinante con il Pakistan. Il signore del luogo è Sirajuddin Haqqani, uno dei membri del triumvirato che guida i talebani ed è responsabile di tutte le operazioni militari dell’organizzazione. È anche il leader all’interno dei talebani che ha la maggiore vicinanza ideologica ad al-Qaeda.


E, non a caso, Sirajuddin Haqqani è anche l’uomo dell’Inter-Services Intelligence (ISI, il ramo militare dei servizi segreti pachistani, che ha una mano nel dossier afgano) nella gerarchia del movimento. Da qui il sospetto che l’ISI o al-Qaeda siano stati coinvolti nell’addestramento dei Sara Khitta – le loro foto e video circolano su The Voice of Jihad, il sito web dell’organizzazione terroristica.

Cambio di tecniche, cambio di strategia

Il gruppo è stato formato nel 2015 e ha rapidamente giocato un ruolo importante nella riconquista da parte dei talebani della provincia di Helmand, ricca di papaveri, che avevano perso l’anno precedente, infliggendo pesanti perdite alle forze statunitensi e britanniche che li hanno cacciati.
“Non possiamo negare che i talebani stanno cambiando le loro tecniche [di combattimento] e che questo nuovo gruppo fa parte del loro nuovo approccio e delle loro tattiche. Ora sono ben equipaggiati e pesantemente armati”, ha avvertito prima il generale Abdul Raziq, capo della polizia della vicina provincia di Kandahar.
L'”unità di emergenza ” è stata ovviamente creata per imitare le forze speciali occidentali. Ma, secondo Bill Roggio, un esperto di strategia militare per il sito web jihadista statunitense The Long War Journal, è più simile alle truppe d’assalto o alle unità di commando che vanno a contatto con i loro nemici piuttosto che alle forze speciali, la cui missione è di intervenire nelle retrovie e nelle vie di comunicazione.
Se le forze talebane sono cambiate, è cambiata anche la loro strategia. Nel 1996, quando i talebani presero il potere e sconfissero il comandante Massoud, iniziarono nell’Afghanistan meridionale e si fecero strada fino a Kabul. Poi si sono spostati verso il nord, che è tradizionalmente molto ostile ai talebani perché ha una grande popolazione di lingua persiana – i talebani sono principalmente pashtun. È anche in questa parte del paese che la resistenza ai talebani è stata maggiore.
Questa volta, però, è stato dal nord che hanno lanciato la loro offensiva, con sorpresa del campo governativo, impedendo così la formazione di forze armate che sarebbero state ostili a loro. La loro spinta è tanto sorprendente quanto abbagliante, senza dubbio a causa dell’esaurimento e della demoralizzazione dell’esercito afgano. Per esempio, ora controllano 26 dei 28 distretti della provincia di Badakhshan (Afghanistan nord-orientale), che era il quartier generale delle forze anti-talebane tra il 1996 e il 2001, e la roccaforte indiscussa del defunto presidente afgano Burhanuddin Rabbani (i talebani lo hanno assassinato nel settembre 2011).
Poi, come se volessero prendere in pugno tutto il paese, i talebani si sono messi a controllare i principali posti di frontiera del paese con l’Iran, il Turkmenistan, il Tagikistan, il Pakistan e infine l’Uzbekistan, dopo la presa domenica di Sheberghan. Roccaforte del signore della guerra uzbeko, il generale Abdul Rashid Dostom, la caduta di questa città di quasi 180.000 abitanti era certamente prevista, ma non così rapidamente.
Dostom, la cui adesione al comandante Ahmad Shah Massoud nel 1992 aveva provocato la caduta del regime comunista di Najibullah, che aveva servito fino ad allora, è senza dubbio uno degli uomini più odiati dai talebani. Nel dicembre 2001, poco dopo l’intervento americano in Afghanistan, ha chiuso centinaia di prigionieri talebani in container, lasciandoli morire per soffocamento. Da qui la paura che i ribelli si vendichino sulla popolazione. Lo avevano già fatto nell’agosto 1988, a Mazar-I-Sharif, quando ripresero la città da cui erano stati cacciati, massacrando tra i 4.000 e i 6.000 hazara, un’etnia di fede sciita, che aveva opposto una forte resistenza. I corpi delle vittime sono stati disseminati nelle strade per diversi giorni, poiché i talebani non hanno permesso agli abitanti di raccoglierli.
A quanto pare, le forze di Dostom, anch’esse notoriamente crudeli ma in principio combattive, furono costrette ad abbandonare la città in seguito ad attacchi simultanei su cinque fronti diversi. Anche il bombardamento americano non ha permesso loro di tenere l’assedio.
Per Kunduz, la grande città del nord-est, a 300 chilometri da Kabul, che conta 270.000 abitanti ed è già stata presa due volte (nel 2015 e nel 2016) dai talebani, la battaglia è stata feroce e potrebbe ancora continuare. Ma ora la bandiera talebana sventola nella piazza principale. Le immagini mostrano una distruzione significativa, tra cui decine di bancarelle e negozi. Gli insorti hanno anche rilasciato centinaia di detenuti nella prigione principale della città.
Il governo afgano rischia di perdere il controllo del nord, strategicamente importante”, dice Roggio. Senza il controllo del nord, importanti politici afgani, signori della guerra e funzionari governativi perderanno la loro base di potere. E senza il nord, è improbabile che il governo afgano sopravviva all’offensiva talebana.
I ribelli ora controllano cinque delle nove capitali provinciali del nord e i combattimenti sono in corso nelle altre quattro. E in tutto l’Afghanistan, hanno preso sei capitali su 34. Ora si stanno avvicinando a Mazar-I-Sharif, la principale città del nord, difeso dal suo governatore Mohammed Atta, un ex leader dei Mujahideen afgani che era vicino al defunto comandante Massoud e ha detto che avrebbe preferito morire combattendo fino alla fine piuttosto che fuggire. Era stato un eccellente combattente durante la guerra contro gli invasori sovietici.
È stato più di trent’anni fa.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

GKN, il tribunale cancella il licenziamento

Condotta antisindacale: i lavoratori Gkn riescono a inceppare la macchina della delocalizzazione. Ora dovrebbe agire il governo

«Non ci ammaleremo di paura». Gkn si prende Firenze

Firenze, è il giorno del corteo nazionale indetto dal Collettivo di Fabbrica Gkn contro i licenziamenti

Assemblea Gkn: ecco come bloccare le delocalizzazioni

Perché è illegittimo il comportamento dell'azienda nella delocalizzazione della Gkn. Un documento dell'assemblea permanente

Big Pharma, profitti alle stelle e quasi niente tasse

Denuncia di Oxfam ed Emergency: il monopolio sui vaccini anti Covid è una manna per le multinazionali e un genocidio per i paesi poveri

Gkn, gli operai che non rispettano il copione

Gkn. Marco Bersani spiega perché quella lotta parla a tutti noi , un appello della società della cura e un articolo di Francesco Locantore