14 C
Rome
venerdì 24 Settembre 2021
14 C
Rome
venerdì 24 Settembre 2021
HomemondiRifugiati afgani, l'ipocrisia europea

Rifugiati afgani, l’ipocrisia europea

L’Ue ha faticato a sospendere l’espulsione degli afgani in cerca di asilo. Ora dovrebbe accogliere con dignità gli esuli già arrivati [Carine Fouteau]

L’entrata fulminea dei talebani a Kabul, che ha colto di sorpresa le grandi capitali, è stata immediatamente accompagnata da uno slancio di compassione per gli afghani, e in particolare per le donne afghane, la cui vita quotidiana rischia di essere brutalmente sconvolta dall’applicazione dei rigorosi precetti dei nuovi padroni del paese. La responsabilità dei paesi occidentali, guidati dagli Stati Uniti, nel disastro attuale, dopo venti anni di intervento militare e un ritiro caotico, li costringe a reagire. Ma il precedente siriano, che ci ha ricordato che la solidarietà si misura con azioni concrete di ospitalità, può farci temere che la simpatia sbalorditiva si trasformi in lacrime di coccodrillo quando si tratta di accoglienza.
Nelle ore successive al ritorno dei talebani al potere, l’ONU ha ricordato che “tutti hanno il diritto di chiedere asilo politico contro le persecuzioni”. Questo è un diritto fondamentale che si applica indipendentemente dal modo di trasporto utilizzato nella ricerca della sicurezza: terra, mare o aria. Lunedì 16 agosto, il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ha esortato la comunità internazionale “a usare tutti gli strumenti a nostra disposizione per garantire il rispetto dei diritti umani fondamentali”.
Ma dove? Non c’è stata alcuna fretta da parte dei potenziali paesi ospitanti di renderlo noto. Pochi, come il Canada, sono stati specifici nelle loro proposte. Ottawa ha detto la settimana scorsa che era pronta a offrire ospitalità a 20.000 afghani vulnerabili, citando donne in posizioni vulnerabili, attivisti dei diritti umani, giornalisti, minoranze religiose perseguitate e persone LGBT.
Mentre ci sono state scene di panico all’aeroporto di Kabul, con famiglie che cercavano di fuggire con ogni mezzo, la maggior parte dei paesi della NATO si sono limitati ad evacuare i loro cittadini per il momento. Per paura di rappresaglie, alcuni hanno promesso di rimpatriare gli afghani che hanno lavorato al loro fianco fino al ritiro delle truppe internazionali, compresi gli interpreti e il personale delle ambasciate e le loro famiglie.
Con una riunione straordinaria dei ministri degli esteri dell’UE che si terrà martedì in videoconferenza, il capo diplomatico dell’UE Josep Borrell ha detto che l’Afghanistan è “a un bivio” e che “il benessere dei suoi cittadini, così come la sicurezza internazionale, [è] in gioco”. Secondo diversi diplomatici, i funzionari della Commissione europea hanno chiesto agli stati membri di concedere i visti alle 500-600 persone che hanno lavorato per la rappresentanza dell’UE.
In prima linea nell’accogliere i siriani dal 2015, la cancelliera tedesca Angela Merkel ha promesso un ponte aereo per consentire l’evacuazione dei 2.500 afghani che hanno lavorato con l’esercito tedesco e di 10.000 persone, soprattutto avvocati e attivisti dei diritti umani, insieme alle loro famiglie, che hanno espresso il desiderio di partire.
In un discorso televisivo alle 20, il presidente francese ha parlato di “una svolta storica in Afghanistan”, che richiede “iniziative immediate commisurate alla gravità della situazione”. “L’urgenza assoluta è di garantire la sicurezza dei nostri compatrioti, che devono tutti lasciare il paese”, ha detto, impegnandosi anche al rimpatrio degli “afgani che hanno lavorato per la Francia”, compreso “il personale civile afgano che ha lavorato per l’esercito francese e le loro famiglie”. “Molti afghani, difensori dei diritti, artisti, giornalisti, attivisti sono ora minacciati a causa dei loro impegni. È l’onore della Francia di accoglierli”, ha aggiunto senza specificare il loro numero o i criteri presi in considerazione per la loro selezione. Promettendo iniziative per combattere il terrorismo, Emmanuel Macron ha anche assicurato che la Francia prenderà la sua parte “in uno sforzo internazionale organizzato e giusto” per aiutare coloro “che sono più minacciati”. Affermando che l’Europa non può “assumere da sola le conseguenze della situazione attuale”, ha anche detto che la Francia deve “proteggersi da significativi flussi migratori irregolari”. Il rapporto invita anche i paesi dell’UE a cooperare con i paesi di transito e di accoglienza come il Pakistan, la Turchia e l’Iran. La scelta delle parole non è ovviamente insignificante, e il passaggio da “persone minacciate” (suscettibili di beneficiare di protezione) a “flussi migratori irregolari” (considerati illegittimi) è rivelatore della posizione dell’Eliseo.

Espulsioni fino all’ultimo momento

Questo risveglio minimo e frettoloso contrasta nettamente con il torpore dell’Unione Europea fino alle ultime settimane, quando la minaccia talebana stava guadagnando terreno da molti mesi, causando combattimenti incessanti con le forze filogovernative e migliaia di vittime civili.
Quando l’11 luglio 2021 Kabul ha esortato l’UE-27 a sospendere l’espulsione dei suoi cittadini, era già in ritardo. La Svezia e la Finlandia hanno comunque risposto. Ignorando l’appello delle autorità afgane, i Paesi Bassi e la Germania, insieme ad Austria, Grecia e Belgio, hanno firmato una lettera congiunta alla Commissione europea per convincerla a continuare i rimpatri forzati. Il loro argomento: sospenderli “creerebbe una caduta libera e incoraggerebbe i cittadini afgani a lasciare il loro paese e venire nell’UE”. “Fermare i ritorni manderebbe il segnale sbagliato”, hanno aggiunto con un cinismo mozzafiato. Questo accadeva il 5 agosto, quando i talebani avevano già ripreso gran parte del paese. Solo quando erano alle porte di Kabul, i Paesi Bassi e la Germania hanno finalmente fatto un dietrofront mercoledì scorso, seguiti dalla Francia il giorno dopo, che ha subito assicurato di aver congelato de facto i rimpatri dall’inizio di luglio – cosa che le associazioni per i diritti dei migranti contestano.
L’Austria è andata oltre nell’ignominia all’inizio di agosto, rispondendo alla richiesta della Corte europea dei diritti dell’uomo di rinviare l’espulsione di un cittadino afgano, inviando truppe supplementari ai suoi confini con la Slovenia e l’Ungheria, per impedire il passaggio degli esuli.
Questa procrastinazione la dice lunga su ciò che i leader europei hanno in mente: date le circostanze, mentre rimpatriano urgentemente i loro cittadini, si sentono obbligati a mettere in pausa la loro politica di rimpatri forzati, ma non hanno alcuna intenzione di accogliere a braccia aperte le vittime dei talebani. Nel contesto politico, temono l’afflusso di esuli che potrebbe essere causato dal dramma afgano e contano sui negoziati in corso con Ankara per rinnovare l’accordo raggiunto nel 2016 per affrontare l’arrivo massiccio di siriani in fuga dalla guerra. Interrogata qualche settimana fa sull’atteggiamento della Germania, Angela Merkel, che ha aperto le porte del suo paese nel 2015, ha risposto che “non possiamo risolvere tutti questi problemi accogliendo tutti”.
Nonostante i combattimenti che imperversavano nel paese, l’UE per molto tempo non ha voluto averci niente a che fare, mettendo a rischio molti cittadini che sono stati effettivamente deportati: non meno di 1.200 afghani sono stati deportati nel loro paese, anche se avevano chiesto asilo in Europa, dall’inizio dell’anno, secondo un funzionario europeo citato da AFP. Amnesty International e La Cimade, che da diversi anni chiedono una moratoria sulle deportazioni, sottolineano che questa pratica viola il diritto internazionale, che vieta qualsiasi deportazione di una persona che la esporrebbe a gravi violazioni dei suoi diritti. A sostegno della loro affermazione, le ONG dicono che diversi afgani rimpatriati sono stati uccisi o feriti al loro ritorno.
La richiesta di aiuto degli afghani è vecchia quanto gli scontri tra le forze filogovernative e i talebani. Si riflette in livelli record di richieste d’asilo nell’UE: nel 2020, hanno rappresentato il 10,6% delle richieste (44.000 su 416.000), rappresentando il secondo contingente più grande dietro i siriani (15,2%), secondo l’agenzia statistica dell’UE Eurostat. In Francia, nel 2020, l’Afghanistan è stato il primo paese d’origine dei richiedenti asilo, con 8.886 domande.
La maggior parte di loro sono venuti a piedi, in auto o in camion dal loro paese d’origine, e ognuno di loro, a modo suo, ha rischiato la vita nel viaggio di diverse migliaia di chilometri attraverso l’Iran e la Turchia. Prima di arrivare sul suolo europeo, questi esuli hanno dovuto affrontare i pericoli del viaggio, dalle notti gelide nelle montagne innevate, alla mortale traversata del Mar Egeo verso la Grecia, ai rischi di asfissia nei rimorchi dei camion attraverso i Balcani.

In Francia, esuli afgani inseguiti dalla polizia

La cecità della Francia di fronte al deterioramento della situazione in Afghanistan può essere vista in una recente inversione della giurisprudenza della Corte nazionale d’asilo (CNDA), che è responsabile dell’esame dei ricorsi degli esuli le cui domande non sono state accettate dall’Ufficio francese per la protezione dei rifugiati e degli apolidi (Ofpra). Mentre questo organismo era tradizionalmente favorevole ai richiedenti asilo afghani, una decisione del novembre 2020, in un momento in cui gli attacchi omicidi si moltiplicavano nel paese, ha messo in discussione questa tendenza: fino ad allora, si accettava che la violenza generata dal conflitto armato fosse tale che, salvo casi particolari, si dovesse concedere agli afghani la “protezione sussidiaria”, in assenza dello status di rifugiato, che era riservato ai casi di persecuzione individuale. Immediatamente denunciata dalle associazioni di stranieri, la nuova decisione ha dichiarato che “la violenza indiscriminata che prevale attualmente nella città di Kabul non è tale che ci siano motivi seri e provati per credere che ogni civile che ritorna in città corre un rischio reale di minaccia grave per la sua vita o la sua persona per il solo fatto della sua presenza lì.
Per quanto riguarda le espulsioni, la Francia aveva inasprito la sua legislazione qualche mese prima ratificando, nel settembre 2019, un accordo europeo che permette l’espulsione di più afgani in situazione irregolare. L’obiettivo era di costringere Kabul a facilitare la concessione dei lasciapassare consolari necessari per l’esecuzione delle riammissioni nel paese d’origine.
Negli ultimi giorni, l’associazione di aiuto ai migranti Utopia 56 ha denunciato le condizioni di vita vergognose e le molestie della polizia nei confronti degli esuli afgani nel cuore di Parigi o a Calais, simili al trattamento vergognoso che ricevono in Grecia o in Ungheria. Tende divelte, effetti personali portati via: ogni sera la polizia francese fa del suo meglio per sloggiarli e spingerli sempre più lontano. Se la solidarietà richiesta da tutte le parti ha un senso, inizia senza dubbio con un’accoglienza degna di questo nome, poiché lo Stato ha il dovere di proteggere e ospitare i richiedenti asilo, in Francia e altrove in Europa.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

GKN, il tribunale cancella il licenziamento

Condotta antisindacale: i lavoratori Gkn riescono a inceppare la macchina della delocalizzazione. Ora dovrebbe agire il governo

«Non ci ammaleremo di paura». Gkn si prende Firenze

Firenze, è il giorno del corteo nazionale indetto dal Collettivo di Fabbrica Gkn contro i licenziamenti

Assemblea Gkn: ecco come bloccare le delocalizzazioni

Perché è illegittimo il comportamento dell'azienda nella delocalizzazione della Gkn. Un documento dell'assemblea permanente

Big Pharma, profitti alle stelle e quasi niente tasse

Denuncia di Oxfam ed Emergency: il monopolio sui vaccini anti Covid è una manna per le multinazionali e un genocidio per i paesi poveri

Gkn, gli operai che non rispettano il copione

Gkn. Marco Bersani spiega perché quella lotta parla a tutti noi , un appello della società della cura e un articolo di Francesco Locantore