14 C
Rome
venerdì 24 Settembre 2021
14 C
Rome
venerdì 24 Settembre 2021
Homein fondo a sinistraAfghanistan, le femministe bianche volevano invadere

Afghanistan, le femministe bianche volevano invadere

Le femministe bianche volevano invadere ma le donne afgane non hanno mai chiesto gli attacchi aerei degli Stati Uniti [Rafia Zakaria]

In una sera di marzo del 1999, una ricca signora di Hollywood di nome Mavis Leno, moglie della superstar del late-night Jay Leno, ha tenuto una raccolta di fondi a cui ha invitato i suoi amici ricchi e/o famosi. L’evento era a beneficio della campagna della Feminist Majority Foundation per “porre fine all’apartheid di genere in Afghanistan”, che evidenziava le barbare condizioni delle donne che vivono sotto il dominio talebano. (Da nessuna parte, naturalmente, qualcuno ha sottolineato che i Talebani devono la loro forza almeno in parte alla politica estera degli Stati Uniti). In breve tempo, attrici come Susan Sarandon e Meryl Streep hanno firmato e reso la questione una cause célèbre.
Poi venne l’11 settembre 2001 e la rivelazione che l’organizzazione dietro l’attacco, Al Qaeda, era rintanata in Afghanistan. L’amministrazione di George W. Bush, sempre alla ricerca di giustificazioni per la guerra, trovò la cosa giusta nella campagna della Feminist Majority. A novembre, la first lady Laura Bush sosteneva che la ragione della guerra era “liberare le donne afgane”. Il 20 novembre, i leader di Feminist Majority – compresa Ellie Smeal, l’ex capo della National Organization for Women – partecipavano a eventi al Dipartimento di Stato e incontravano funzionari dell’amministrazione. Il numero di primavera 2002 della rivista Ms. ha chiamato l’invasione una “coalizione di speranza”, aggiungendo delle bombe al toolkit femminista.
Il brand del femminismo che queste donne hanno sostenuto collettivamente è quello che io chiamo “femminismo bianco”, nel senso che si rifiuta di considerare il ruolo che il bianco e il privilegio razziale giocano nell’universalizzare le preoccupazioni femministe bianche, le agende e le credenze come quelle di tutto il femminismo e di tutte le femministe. Naturalmente, non tutte le femministe bianche sono femministe bianche. Non importa il colore della pelle e il genere della persona, sostenere un femminismo antirazzista e anticapitalista è una minaccia al femminismo bianco.
Eppure, sia all’interno che all’esterno del governo degli Stati Uniti, le femministe bianche hanno deciso che la guerra e l’occupazione erano essenziali per liberare le donne afgane. Esempi notevoli includono l’allora senatrice Hillary Clinton, che votò entusiasticamente per la guerra, definendola una “restaurazione della speranza”, e la rappresentante di New York Carolyn Maloney, che indossava un burqa blu alla Camera e faceva appassionate dichiarazioni su quanto fosse claustrofobico l’indumento. La logica costante era che se loro pensavano che l’intervento militare fosse una buona cosa, allora lo avrebbero fatto anche le donne afgane.
Ma gruppi come l’Associazione Rivoluzionaria delle Donne dell’Afghanistan, un’organizzazione politica che ha denunciato il fondamentalismo religioso fin dalla sua fondazione nel 1977, si sono opposti agli attacchi americani e al governo sostenuto dagli Stati Uniti. Le femministe afgane non hanno mai chiesto l’aiuto di Meryl Streep, figuriamoci gli attacchi aerei americani.
La convinzione che le donne bianche sapessero cosa fosse meglio per le donne afgane va più in profondità di Hollywood e della postura politica. Le centinaia di milioni in aiuti allo sviluppo che gli Stati Uniti hanno versato nel loro complesso industriale salvatore si basavano sul presupposto delle femministe della seconda ondata che la liberazione delle donne era la conseguenza automatica della partecipazione delle donne in un’economia capitalista. Uno dei programmi di sviluppo più costosi che gli americani hanno portato in Afghanistan è stato PROMOTE, che è costato 418 milioni di dollari e doveva fornire a 75.000 donne afgane formazione, stage e lavoro. Quando il programma è stato oggetto di un audit nel 2016, è stato quasi impossibile rintracciare dove fosse finito tutto il denaro. L’afflusso di denaro non è stato solo sprecato; ha contribuito a uccidere i femminismi indigeni che avrebbero potuto lavorare per raggiungere obiettivi culturalmente più rilevanti. L’economia degli aiuti ha fatto sì che le attiviste afgane abbandonassero i loro programmi e si precipitassero in quelli americani.
Il rifiuto del femminismo bianco di scindere la bianchezza – e le sue associazioni colonialiste e oppressive – dal femminismo ha significato che il progetto per l’empowerment stava agendo, per lo più, come le donne bianche. Il risultato è stato che coloro che si opponevano alla presenza statunitense vedevano come autentico il rifiuto di tutto ciò che proveniva dal femminismo bianco, il che ha contribuito a screditare tutte le idee femministe.
Il femminismo bianco è un femminismo alla rovescia, e le donne afgane non sono le uniche a cui viene applicato; le donne nere, le donne latine, le donne asiatiche e altre donne di colore hanno difficoltà ad entrare nei circoli politici perché le loro esperienze di essere femministe, sopravvivere come madri single, lavorare in fabbrica o sopportare anni di discriminazione razziale sono considerate irrilevanti. Quei ruoli vanno a donne bianche d’élite che hanno raggiunto la gerarchia, escludendo proprio le donne che presumibilmente vorrebbero aiutare.
Molti degli aspiranti salvatori bianchi delle donne afgane stanno ora insistendo, con la stessa ostinata e ostinata cecità che li ha portati a sostenere l’imperialismo statunitense in primo luogo, che gli Stati Uniti avrebbero dovuto mantenere i loro militari nel paese per proteggere le donne afgane. Ma un progetto mal concepito non può essere riparato continuando a prendere decisioni disastrose. Il risultato migliore sarebbe che le femministe bianche che hanno contribuito alla distruzione di un paese rinunciassero per sempre a tale letale ingerenza.

Rafia Zakaria è l’autore di The Upstairs Wife: An Intimate History of Pakistan (Beacon, 2015), Veil (Bloomsbury, 2017), e Against White Feminism (W.W. Norton, 2021)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

GKN, il tribunale cancella il licenziamento

Condotta antisindacale: i lavoratori Gkn riescono a inceppare la macchina della delocalizzazione. Ora dovrebbe agire il governo

«Non ci ammaleremo di paura». Gkn si prende Firenze

Firenze, è il giorno del corteo nazionale indetto dal Collettivo di Fabbrica Gkn contro i licenziamenti

Assemblea Gkn: ecco come bloccare le delocalizzazioni

Perché è illegittimo il comportamento dell'azienda nella delocalizzazione della Gkn. Un documento dell'assemblea permanente

Big Pharma, profitti alle stelle e quasi niente tasse

Denuncia di Oxfam ed Emergency: il monopolio sui vaccini anti Covid è una manna per le multinazionali e un genocidio per i paesi poveri

Gkn, gli operai che non rispettano il copione

Gkn. Marco Bersani spiega perché quella lotta parla a tutti noi , un appello della società della cura e un articolo di Francesco Locantore