14.8 C
Rome
sabato 4 Dicembre 2021
14.8 C
Rome
sabato 4 Dicembre 2021
Homeconsumare stancaInquinamento da plastica: Coca-Cola batte tutti

Inquinamento da plastica: Coca-Cola batte tutti

Seguono i “soliti noti”: Pepsi, Nestlé, Procter & Gamble, Mondelēz, Philip Morris, Danone, Mars e Colgate. Il Brand Audit 2021

Se l’intero ciclo di vita della plastica fosse un paese, sarebbe il quinto più grande emettitore di gas serra nel mondo. Le dimensioni dell’inquinamento da plastiche sono impressionanti, così come il senso di impunità delle multinazionali che la spacciano e che si fabbricano una narrazione su misura per mimetizzarsi con il greenwashing. E’ piuttosto interessante la lettura dell’inchiesta Brand Audit 2021 pubblicata da Break Free from Plastic, un’organizzazione nata nel 2016 che coinvolge circa 11.000 volontari nel mondo.

La Coca-Cola è l’azienda che inquina di più con la plastica. In cima alla classifica, oltre a Pepsi e Nestlé, anche la società olandese-britannica Unilever, tra i principali sponsor della Cop26, il vertice globale sul clima che inizierà il 31 ottobre a Glasgow, in Scozia. E poi Procter & Gamble, Mondelēz International, Philip Morris International, Danone, Mars, Inc. e Colgate-Palmolive.

Grazie a 11.184 volontari in 45 paesi, sono stati condotti 440 audit di marchi in sei continenti. Un audit dei marchi è un’iniziativa che comporta il conteggio e la documentazione dei marchi trovati sui rifiuti di plastica per aiutare a identificare le aziende responsabili dell’inquinamento da plastica. In totale, 330.493 pezzi di inquinamento plastico sono stati raccolti e analizzati per identificare le aziende che inquinano più luoghi con più più rifiuti di plastica.

I partecipanti hanno documentato i marchi di 7.762 aziende produttrici di quest’anno. «Nel 2021, la campagna per ritenere le aziende responsabili del loro inquinamento ha un significato particolare – si legge nel rapporto – dato che i leader mondiali si riuniscono alla conferenza delle Nazioni Unite sul cambiamento climatico (COP26) per negoziare come limitare il riscaldamento globale a 1,5°C.La plastica è fatta da combustibili fossili, e la dipendenza del mondo dalla plastica monouso è un serio contributore alla crisi climatica.

Le aziende di beni di consumo in rapido movimento (FMCG) come Coca-Cola, PepsiCo, Nestlé, Mondelēz, Danone, Unilever, Colgate-Palmolive, Procter & Gamble, e Mars comprano imballaggi da produttori forniti di resina plastica da aziende di combustibili fossili come ExxonMobil, Shell, Chevron Phillips, Ineos, e Dow.

Le corporazioni dietro la crisi dell’inquinamento da plastica stanno anche contribuendo alla crisi climatica. La Coca-Cola Company ha mantenuto la sua sporca corona di primo inquinatore del mondo per il quarto anno di fila, nonostante gli impegni volontari iniziati nel 2018 per raccogliere una bottiglia per ogni bottiglia venduta.

Infatti, i controlli del marchio hanno registrato più prodotti Coca-Cola rispetto a quelli dei più prossimi due inquinatori principali messi insieme – come è stato il caso ogni anno dal 2019 – suggerendo che l’impegno della Coca-Cola sta avendo poco impatto sull’inquinamento ambientale causato dai loro prodotti.

La classifica di PepsiCo rimane costante, dato che l’azienda è stata tra i primi tre inquinatori di plastica ogni anno dal 2018. PepsiCo ha recentemente annunciato nuovi impegni volontari per dimezzare il suo uso di plastica vergine entro il 2030. Ma senza un passaggio più ambizioso verso contenitori più riutilizzabili, è improbabile che il loro status di inquinatore di plastica cambi.

Per la prima volta da quando è iniziato l’audit globale dei marchi nel 2018, Unilever è salita al #3 della Top inquinatori. Questo è uno sviluppo particolarmente eclatante dato che l’azienda sta servendo come partner principale per la COP26 a Glasgow quest’anno.

«È più importante che mai che i governi nazionali ritengano le aziende responsabili del loro inquinamento, dato che gli impegni volontari delle aziende non riescono a ridurre l’inquinamento. Il mondo non può continuare a dipendere dai combustibili fossili, compresa la parte significativa di combustibili fossili che viene trasformata in plastica. I beni di largo consumo devono rivelare l’intera portata della loro impronta di plastica, RIDURLA significativamente fissando e implementando obiettivi ambiziosi, e REINVENTARE le loro confezioni per essere riutilizzabili e senza plastica», raccomanda il rapporto. Una ragione di più per scendere in piazza sabato 30 ottobre contro il G20, comitato d’affari dei grandi inquinatori.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Ma chi governa davvero il mondo?

Quanto potrebbe costare una Repubblica delle Banane? Un tentativo di determinare chi governa davvero il mondo [Olúfémi O. Táíwò]

Godard: «Dopo il contrario di tutto, vi dico il contrario di niente»

In un momento che sembra segnare la fine di un'epoca, Mediapart ha intervistato Jean-Luc Godard. Ma niente è andato come previsto [Ludovic Lamant e Jade Lindgaard]

Ecco la controfinanziaria di Sbilanciamoci

Finanziaria deludente e Pnrr non trasparente. La campagna Sbilanciamoci presenta le proposte alternative Un disegno di legge di bilancio «d...

«Ecco perché non si può fare a meno del partito»

Fabien Escalona intervista Piero Ignazi, autore di Partito e democrazia: "I partiti politici hanno costantemente combattuto per la loro legittimità" 

Pertini, tra resistenza e star system. Un podcast

On line dal 2 dicembre “Il più amato dagli italiani”, podcast scritto da Massimiliano Di Giorgio e Giorgio Cappozzo