12.2 C
Rome
giovedì 2 Dicembre 2021
12.2 C
Rome
giovedì 2 Dicembre 2021
HomemalapoliziaDefund the police, a Minneapolis non passa il referendum

Defund the police, a Minneapolis non passa il referendum

Minneapolis, il defund the police si ferma al 43%. Finanziare gente come quella che ha ucciso George Floyd costerà 179 mln di dollari

62.813 Sì (43.83%), 80.506 No (56.17%). Gli elettori di Minneapolis hanno respinto l’idea di sostituire il loro dipartimento di polizia con un nuovo dipartimento di pubblica sicurezza, più di un anno dopo l’omicidio di George Floyd da parte di un poliziotto bianco ha lanciato un movimento nazionale per definanziare o abolire la polizia.

L’omicidio di Floyd nell’estate del 2020 ha scatenato indignazione e proteste internazionali di Black lives matter sulla brutalità della polizia e l’ingiustizia razziale. A Minneapolis e altrove, sono presto seguite richieste di grandi cambiamenti nell’applicazione della legge, incluso il definanziamento dei dipartimenti di polizia.

Se il “sì” avesse vinto, il dipartimento di polizia di Minneapolis sarebbe stato sostituito da un dipartimento gestito da un commissario nominato che sarebbe stato approvato dal consiglio comunale.

Il dipartimento progettato avrebbe usato un “approccio globale alla salute pubblica” delineato dal sindaco e dal consiglio comunale tramite ordinanze. Il personale minimo obbligatorio della polizia sarebbe stato anche cancellato dallo statuto della città.

I sostenitori hanno sostenuto che era un’occasione per ripensare ciò che la sicurezza pubblica potrebbe essere e come il denaro è stato speso. Tra gli altri cambiamenti, i sostenitori hanno detto, il finanziamento sarebbe andato verso programmi che non avrebbero spedito agenti armati per contattare persone in situazioni di crisi.

L’idea ha ottenuto un ampio sostegno tra molti gruppi progressisti che hanno sottolineato che avrebbe cambiato la natura della polizia in città – non si è sbarazzato delle forze dell’ordine. “È un voto per tutti noi per ripensare la sicurezza pubblica e per allontanarci dal tipo di sistemi che non hanno prodotto sicurezza per tutte le comunità”, ha detto Rashad Robinson, un portavoce di Color of Change Pac, che ha organizzato il sostegno al referendum.

Gli oppositori hanno detto che la proposta non conteneva alcun piano concreto su come andare avanti e hanno avvertito che avrebbe lasciato alcune comunità già colpite dalla violenza più vulnerabili mentre il crimine era in aumento.

“Stasera gli elettori di Minneapolis hanno chiarito che vogliamo un approccio pianificato per trasformare la polizia e la sicurezza pubblica nella nostra città, che deve includere una consultazione significativa con le comunità che sono più colpite sia dalla criminalità violenta che dall’eccesso di polizia”, ha detto Leili Fatehi, manager della campagna All of Mpls, che ha sostenuto un “no” alla misura.

L’emendamento sulla polizia ha guadagnato il sostegno di diversi importanti democratici progressisti, tra cui la deputata Ilhan Omar, che rappresenta l’area di Minneapolis, e il procuratore generale dello stato, Keith Ellison. Ma altre figure di spicco, tra cui il governatore del Minnesota, Tim Walz, e i senatori degli Stati Uniti Amy Klobuchar e Tina Smith, si sono opposti e temono che il contraccolpo potrebbe portare a perdite democratiche in tutto il paese nel 2022.

Rishi Khanna, 31 anni, un lavoratore del settore tecnologico, ha votato “sì” sulla sostituzione del dipartimento di polizia, dicendo che non credeva che gli agenti di polizia fossero qualificati per affrontare molte situazioni, come le crisi di salute mentale. Ha detto che pensava che avere dei professionisti attrezzati per affrontare una serie di problemi di sicurezza pubblica nello stesso dipartimento delle forze dell’ordine avrebbe beneficiato sia i residenti che gli agenti di polizia.

“Capisco che le forze dell’ordine debbano avere un posto al tavolo, ma penso che sia nella nostra comunità che nelle comunità di tutto il paese, troppo spesso le forze dell’ordine sono l’unico posto al tavolo”, ha detto. “Non credo che sia la soluzione giusta”.

Askari Lyons, 61 anni, ha votato contro l’iniziativa elettorale. Un residente del lato nord della città, in gran parte nero, ha detto di credere che gli agenti di polizia di Minneapolis “potrebbero aver imparato una lezione dopo la morte di George Floyd e quello che è successo al poliziotto che lo ha ucciso”.

Lyons ha definito “poco saggio” sostituire il dipartimento e ha detto di credere che il cambiamento all’interno del dipartimento sia imminente.

“La gente è così frustrata, arrabbiata e delusa dalla violenza che si verifica in tutta la città, così come dalle forze dell’ordine della città, ha detto.

Il ministro JaNaé Bates, una portavoce della campagna pro-emendamento, ha detto ai giornalisti lunedì che anche se la proposta è fallita, gli attivisti dietro di essa hanno cambiato la discussione sulla sicurezza pubblica.

“Qualunque cosa accada, la città di Minneapolis dovrà andare avanti e lottare con ciò che non possiamo ignorare: che il dipartimento di polizia di Minneapolis è stato in grado di operare impunemente e ha fatto un bel po’ di danni e la città deve prendere alcuni seri provvedimenti per correggerlo”, ha detto Bates al Guardian.

Nel febbraio scorso la giunta di Minneapolis ha deciso di assumere decine di agenti di polizia in più stanziando 6,4 milioni di dollari per ulteriori reclute. Una piccola parte del bilancio complessivo della polizia che è di 179 milioni di dollari. La locale polizia lamenta 200 agenti in meno disponibili a lavorare rispetto agli ultimi anni. Su 817 agenti a libro paga, 60 in meno rispetto all’anno precedente, solo 638 funzionari sarebbero disponibili a lavorare. Alcuni agenti si sono dimessi o ritirati all’inizio dell’anno, mentre altri 155 rimangono su qualche forma di congedo esteso. Un numero senza precedenti di agenti si è licenziato o è andato in congedo medico prolungato – molti per presunti disturni di stress posttraumatico di PTSD – dopo l’omicidio di Floyd da parte di loro colleghi e le rivolte che hanno portato all’incendio di un distretto di polizia, fino alle richieste di sciogliere il Dipartimento di Polizia della città. Minneapolis, Minnesota, conta 450mila abitanti, un po’ più piccola di Genova, un po’ più grande di Bologna.

Nei mesi successivi, alcuni residenti hanno implorato i leader della città di assumere altri agenti, dicendo che stanno aspettando più a lungo le risposte alle chiamate di emergenza in mezzo a un drammatico aumento dei crimini violenti. Altri hanno incoraggiato i funzionari eletti a smantellare il dipartimento, dicendo che la polizia non si è dimostrata efficace nel ridurre il crimine.

Inoltre, alla fine dell’anno scorso, il Consiglio Comunale, in una delle sue mosse più assertive, ha creato un nuovo fondo di riserva per il personale di pubblica sicurezza con dentro circa 11,4 milioni di dollari per la polizia. La polizia di Minneapolis nell’occasione ha giurato di aggiornare i criteri per il reclutamento per includere ulteriori domande se hanno mai vissuto a Minneapolis, se hanno lauree in criminologia, lavoro sociale, psicologia o consulenza, e se fanno volontariato o partecipano a programmi come la Police Activities League.

Oltre ad approvare il finanziamento della polizia, il Consiglio Comunale ha anche approvato un contratto di quasi 230.000 dollari con la società di gestione del rischio Hillard Heintze LLC. per analizzare la risposta della città ai disordini che hanno seguito la morte di Floyd.

“La revisione aiuterà ad affrontare le lacune nel servizio e a fornire una narrazione completa che dettagli la risposta della città ai disordini civili”, ha scritto l’ufficio del revisore dei conti della città nella richiesta di finanziamento, si legge sullo Star tribune.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Pertini, tra resistenza e star system. Un podcast

On line dal 2 dicembre “Il più amato dagli italiani”, podcast scritto da Massimiliano Di Giorgio e Giorgio Cappozzo

Scontri a Corvetto, il controprocesso di Genova Antifascista

Ragioni, contesto e sviluppi della mobilitazione antifascista del 23 maggio 2019. Il 2 dicembre al via processo contro più di 50 antifascisti

Predatori e predati nel caso Carige

Un libro spiega il sistema Carige a pochi giorni dalla sentenza in favore della banca e a danno dei piccoli azionisti [Mauro Baldassarri]

Mass shooting negli Usa, la guerra interna tra civili

La guerra dimenticata negli USA: i Mass Shootings. L'editoriale del nuovo numero di IRIAD Review [Maurizio Simoncelli]

Se l’esodo diventa una fuga

No-vax di sinistra, libertà e pensiero dialettico