21.2 C
Rome
giovedì 11 Agosto 2022
21.2 C
Rome
giovedì 11 Agosto 2022
FILLEA CGIL: una storia lunga 136 anni, vai alla landing page
Homepadrini & padroniLe perversioni semantiche dell'estrema destra

Le perversioni semantiche dell’estrema destra

“Antifascisti” che vengono etichettati come fascisti: così l’estrema destra francese prova a staccare le parole dalle cose [Lucie Delaporte]

“Collabos! Collabos!” Queste erano le grida dei militanti di Éric Zemmour domenica 5 novembre al suo incontro a Villepinte, ai giornalisti accusati di ostilità verso il loro candidato. L’infamia del termine, legato alla collaborazione con l’occupante tedesco, può sorprendere i sostenitori di un candidato che si è impegnato a riabilitare il maresciallo Pétain.
Questa strana inversione è, tuttavia, solo il nuovo avatar di un paziente lavoro di sovversione semantica, portato avanti dall’estrema destra per anni. Un lavoro che ha permesso in particolare agli attivisti antifascisti di essere qualificati come “fascisti”, e recentemente agli antirazzisti come “nuovi razzisti”. Peggio ancora, questo sforzo di dinamizzare il linguaggio ha contaminato parte del dibattito mediatico e pubblico.
Così, quando Éric Zemmour viene impedito dagli “antifas” di compiere serenamente la sua visita a Marsiglia, i suoi sostenitori gridano sui social network i “metodi fascisti” degli antifascisti. Un’inversione di tendenza che è stata martellata nella stampa di destra e di estrema destra per mesi.
Il sito di estrema destra Boulevard Voltaire racconta persino la storia di una suora che ha ” rincorso gli antifascisti” taggando un ristorante di Marsiglia dove Zemmour ha pranzato. Raccogliendo la testimonianza anonima di questa suora, il giornale racconta questo “miracolo”: “Ha chiesto loro cosa stavano facendo. Hanno cercato di giustificarsi: “È un fascista! “Siete voi i fascisti!”, ha risposto la suora senza concessioni”.
Qualche settimana prima, sullo stesso giornale, era stato l’editorialista canadese Mathieu Bock-Côté a spiegare che gli “antifas”, “queste milizie di estrema sinistra” che perseguitano il candidato patriota Éric Zemmour, “ci ricordano che anche il totalitarismo porta una bandiera rossa”.
Il giorno dopo la riunione di Villepinte, dove gli attivisti di SOS Racisme sono stati picchiati dai sostenitori di Zemmour, l’avvocato Gilles-William Goldnadel ha scritto un editoriale su Le Figaro criticando l’atteggiamento degli “antifas” che volevano mettere a tacere il polemista di estrema destra con la violenza.”Il fascismo intollerante vive da quale parte della strada politica? L’uomo ha appena pubblicato Manuel de résistance au fascisme d’extrême gauche (Éditions de Passy), che descrive come “vietato in vendita a tutti coloro che non hanno ancora capito che il fascismo si trova oggi all’estrema sinistra dello spettro politico e intellettuale”.
“La retorica dello specchio permette di rimandare all’avversario le accuse di fascismo o di violenza per tagliare il terreno e, soprattutto, annegare il significato di queste espressioni. L’idea, chiamando chiunque – soprattutto gli antifascisti – fascisti, è di screditare non solo gli avversari politici ma la nozione stessa di fascismo come sistema di pensiero e di organizzazione della politica totalitaria”, spiega la ricercatrice Cécile Alduy, che pubblicherà La langue d’Éric Zemmour (Seuil) a febbraio.
“Questo sminuisce l’accusa contro Zemmour e i gruppi neonazisti che lo sostengono e che erano presenti alla riunione. Se gli antifascisti sono ‘fascisti’, nessuno lo è, la parola non ha più senso”, ha continuato.
Per lei, chiamare i giornalisti “collabos” contribuisce a questo “impoverimento semantico”. “Collabo” diventa solo un insulto, staccato dal suo significato storico molto preciso”.
Dopo gli attentati islamisti del 2015, l’espressione “islamo-collabo” era fiorita nella stampa di estrema destra, in particolare in Valeurs actuelles, per colpire le personalità impegnate nella lotta contro l’islamofobia. Un modo furbo di togliere un’etichetta che si attacca a questa famiglia politica e affibbiarla ai suoi avversari. L’editorialista di Le Figaro Ivan Rioufol aveva anche firmato su questo giornale, nel novembre 2019, un editoriale in cui disprezzava coloro che chiedevano manifestazioni contro l’islamofobia dopo la sparatoria alla moschea di Bayonne, designandoli come “l’élite dei collaborazionisti islamisti”.
Lo stesso vale per tutta la retorica intonata dall’estrema destra, ma anche da una parte della sinistra, che consiste nel far passare i nuovi antirazzisti per “razzisti”.
Da alcuni anni stiamo assistendo a un’inversione semantica a fini politici”, spiega il ricercatore di Stanford e specialista in semiotica. Si tratta di staccare le parole dagli oggetti o dai gruppi che normalmente designano per rivolgerle contro le stesse persone la cui lotta politica è quella di lottare contro certe forme di discriminazione o di violenza, accusandole di fare ciò che condannano. Così, accusando gli attivisti antirazzisti di essere “razzisti”, si implica, in definitiva, che sono “razzisti”. Il sillogismo è spaventoso: gli antirazzisti parlano di razzismo, quindi usano la nozione di “razza”, quindi sono “razzisti”, il che sottintende “razzisti”. Un trucco puramente lessicale e retorico”.
Per lo storico di estrema destra Nicolas Lebourg, questa battaglia semantica ha una lunga storia all’interno dell’estrema destra francese.
Già negli anni ’60, il teorico di estrema destra Dominique Venner teorizzava che, all’indomani della seconda guerra mondiale, era necessario “reinventare il vocabolario politico, imporre le proprie parole e cambiare quelle dei propri avversari”. Era anche in linea con i gruppi europei di estrema destra che stavano pensando a come “de-satanizzare” il nazionalsocialismo.
In Francia, questa sarà la lotta principale della Nouvelle Droite di Alain de Benoist – un bell’eufemismo per questo gruppo radicale – a partire dagli anni 70. L’adozione della legge Pleven nel 1972, che penalizzava i discorsi razzisti, ha anche costretto l’estrema destra a riformulare il suo discorso. “Non diciamo più ‘razza’ ma ‘identità'”, secondo la nuova retorica adottata dagli identitari e portata oggi da Jean-Yves Le Gallou, presente in prima fila all’incontro di Zemmour a Villepinte.
“A partire dal 1982, Jean-Marie Le Pen ha cominciato a non rivendicare più l’etichetta di partito di estrema destra, riconoscendo che l’espressione puzza troppo di zolfo”, dice Nicolas Lebourg. Marine Le Pen, come Éric Zemmour, grida alla stigmatizzazione non appena la stampa la identifica con questa famiglia politica.
Nella squalifica degli oppositori – antirazzisti, antifascisti – da parte dell’estrema destra, il ruolo di un intellettuale come Pierre-André Taguieff è stato decisivo. “Taguieff doveva svolgere un ruolo di matrice”, sottolinea Nicolas Lebourg in Les nazis ont-il survécu? Enquête sur les internationales fascistes et les croisés de la race blanche (Seuil 2019).
In un articolo pubblicato nel 1986 in un’opera collettiva alla quale partecipava anche il pensatore della Nuova Destra Alain de Benoist, Taguieff tracciava un primo suggestivo parallelo tra gli “antirazzisti” e i razzisti. Denuncia la “politicizzazione dell’antirazzismo” che “gli conferisce una funzione strumentale in una guerra ideologica, uno dei cui obiettivi è paralizzare l’avversario”. Gli antirazzisti sono censori guidati da un’ideologia totalitaria. Questa è una linea di pensiero che continuerà ad esplorare di libro in libro e che sarà emulata.
Già nel 2007, Zemmour ha rivendicato questa eredità attaccando il presidente di SOS Racisme, Dominique Sopo, come sottolinea Sébastien Fontenelle. “Questo è il risultato di una lunga preparazione delle menti”, nota il giornalista che lavora con il collettivo Les mots sont importants. In Les Éditocrates (La Découverte, 2018), cita un articolo scritto da Zemmour su Le Monde nel 2007: “Sopo non sa che abbiamo letto Pierre-André Taguieff; abbiamo capito chiaramente che il progressismo antirazzista era solo il successore del comunismo, con gli stessi metodi totalitari sviluppati dal Komintern negli anni 30. “Ogni anticomunista è un cane”, diceva Sartre. Qualsiasi oppositore dell’antirazzismo è peggio di un cane.
Chi sono i veri fascisti per Éric Zemmour? È inutile cercarli all’estrema destra dello spettro politico, dato che ora sono, e sono stati fin dall’inizio, a sinistra. “I fascisti sono persone di sinistra”, ha martellato su CNews nel giugno 2021, come ha notato il ricercatore Jonathan Preda in un articolo su Temps présents. “Ciò che conta è che questo non è affatto una novità”, nota, e che il socialismo originario di Mussolini è un fatto non contestato da nessuno. L’importante è svuotare il fascismo del suo significato e riferirlo alla sinistra.
Anche qui, Éric Zemmour è stato ben istruito. “Socialismo e fascismo: una stessa famiglia?” era il tema di una riunione del Club de l’horloge, una propaggine della Nuova Destra, organizzata il 22 novembre 1983. “I suoi membri sono stati invitati a discutere il tema: discutere è una parola molto grossa, poiché l’equivalenza proposta è stata affermata e riaffermata durante tutti gli interventi. Le ricerche di Zeev Sternhell sulle origini del fascismo vengono riprese e caricaturizzate. Da una sintesi tra nazionalismo e socialismo, il fascismo diventa un socialismo nazionale. […] “Cambiare la vita”, secondo lo slogan della campagna del presidente socialista Mitterrand, diventerebbe l’equivalente di un desiderio totalitario di creare un uomo nuovo”, nota Jonathan Preda.
Éric Zemmour è l’erede di questa lunga tradizione di sovversione semantica condotta dai fautori della battaglia culturale. Lo ha fatto anche la stampa, che da qualche settimana indulge in queste pericolose analogie.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Il lavoro avvelenato dell’Agenda Draghi

Occupazione. La nota Istat sulle tendenze dell’occupazione tratteggia un quadro ben più fosco [Cristina Quintavalla]

Rosa oltre il mito

Rosa Luxemburg, il nostro tempo ha molto da imparare dagli scritti della grande rivoluzionaria assassinata nel 1919 [Romaric Godin]

Perché amare Garcia Marquez e Cent’anni di solitudine

In occasione del cinquantacinquesimo anniversario di Cent'anni di solitudine, il capolavoro di Gabriel Garcia Marquez [Ariel Castillo Mier]

Cina nella trappola della crisi immobiliare

La Cina è incapace di un nuovo modello economico per questo Pechino potrebbe sfruttare la questione Taiwan [Romaric Godin]

Ulivi millenari, un’azione popolare per difenderli

In provincia di Brindisi, i cittadini hanno incardinato una Azione Popolare a difesa degli Ulivi plurisecolari e millenari