26.4 C
Rome
venerdì 20 Maggio 2022
26.4 C
Rome
venerdì 20 Maggio 2022
HomemondiSanders: ogni sforzo per evitare la guerra in Ucraina

Sanders: ogni sforzo per evitare la guerra in Ucraina

Dobbiamo fare tutto il possibile per evitare una guerra enormemente distruttiva in Ucraina. Bernie Sanders tradotto dal Guardian

Sono preoccupato quando sento i tamburi familiari a Washington che ci chiedono di “mostrare i muscoli”, quando siamo di fronte a quella che potrebbe essere la peggiore guerra europea degli ultimi 75 anni.

Le guerre hanno conseguenze impreviste. Raramente si rivelano come gli esperti ci dicono. Basta chiedere ai funzionari che hanno fornito scenari rosei per le guerre in Vietnam, Afghanistan e Iraq, solo per essere dimostrati terribilmente sbagliati. Chiedete alle madri dei soldati che sono stati uccisi o feriti in azione durante quelle guerre. Chiedete ai milioni di civili che sono diventati “danni collaterali”.
Ecco perché dobbiamo fare tutto il possibile per cercare di trovare una soluzione diplomatica a quella che potrebbe essere una guerra enormemente distruttiva in Ucraina.
Nessuno sa esattamente quali sarebbero i costi umani di una tale guerra. Ma ci sono stime che potrebbero esserci più di 50.000 vittime civili in Ucraina, e milioni di rifugiati che inondano i paesi vicini fuggendo da quello che potrebbe essere il peggiore conflitto europeo dalla seconda guerra mondiale. In aggiunta, naturalmente, ci sarebbero molte migliaia di morti all’interno dell’esercito ucraino e russo. C’è anche la possibilità che questa guerra “regionale” possa intensificarsi in altre parti d’Europa. Quello che potrebbe succedere allora è ancora più orribile.
Ma non è tutto. Le sanzioni contro la Russia e la minacciata risposta della Russia a quelle sanzioni, potrebbero provocare un massiccio sconvolgimento economico – con impatti sull’energia, le banche, il cibo e i bisogni quotidiani della gente comune in tutto il mondo. È probabile che i russi non saranno gli unici a soffrire delle sanzioni. E, tra l’altro, qualsiasi speranza di cooperazione internazionale per affrontare la minaccia esistenziale della crisi climatica globale e delle future pandemie subirebbe una grave battuta d’arresto.
Dovremmo essere chiari su chi è il maggior responsabile di questa crisi incombente: Vladimir Putin. Avendo già conquistato parti dell’Ucraina nel 2014, il presidente russo minaccia ora di prendere il controllo dell’intero paese e di distruggere la democrazia ucraina. A mio parere, dobbiamo sostenere inequivocabilmente la sovranità dell’Ucraina e chiarire che la comunità internazionale imporrà gravi conseguenze a Putin e ai suoi associati se non cambia rotta.
Detto questo, sono estremamente preoccupato quando sento i tamburi abituali di Washington, la retorica bellicosa che viene amplificata prima di ogni guerra, chiedendo che dobbiamo “mostrare forza”, “diventare duri” e non impegnarci in “appeasement”. Un semplicistico rifiuto di riconoscere le complesse radici delle tensioni nella regione mina la capacità dei negoziatori di raggiungere una risoluzione pacifica.
Uno dei fattori precipitanti di questa crisi, almeno dal punto di vista della Russia, è la prospettiva di un rapporto di sicurezza rafforzato tra l’Ucraina e gli Stati Uniti e l’Europa occidentale, compresa quella che la Russia vede come la minaccia dell’adesione dell’Ucraina all’Alleanza del Trattato Nord Atlantico (Nato), un’alleanza militare originariamente creata nel 1949 per affrontare l’Unione Sovietica.
È bene conoscere un po’ di storia. Quando l’Ucraina divenne indipendente dopo il crollo dell’Unione Sovietica nel 1991, i leader russi hanno espresso chiaramente le loro preoccupazioni sulla prospettiva che gli stati ex sovietici diventassero parte della Nato e posizionassero forze militari ostili lungo il confine della Russia. I leader statunitensi hanno riconosciuto queste preoccupazioni come legittime all’epoca. Sono ancora preoccupazioni legittime. L’invasione della Russia non è una risposta; e nemmeno l’intransigenza della Nato. È anche importante riconoscere che la Finlandia, uno dei paesi più sviluppati e democratici del mondo, confina con la Russia e ha scelto di non essere membro della Nato.
Putin può essere un bugiardo e un demagogo, ma è ipocrita per gli Stati Uniti insistere sul fatto che non accettiamo il principio delle “sfere d’influenza”. Negli ultimi 200 anni il nostro paese ha operato sotto la Dottrina Monroe, abbracciando la premessa che come potenza dominante nell’emisfero occidentale, gli Stati Uniti hanno il diritto di intervenire contro qualsiasi paese che potrebbe minacciare i nostri presunti interessi. In base a questa dottrina abbiamo minato e rovesciato almeno una dozzina di governi. Nel 1962 siamo arrivati sull’orlo di una guerra nucleare con l’Unione Sovietica in risposta al posizionamento di missili sovietici a Cuba, a 90 miglia dalla nostra costa, che l’amministrazione Kennedy ha visto come una minaccia inaccettabile alla nostra sicurezza nazionale.
E la Dottrina Monroe non è storia antica. Appena nel 2018, il segretario di stato di Donald Trump, Rex Tillerson, ha definito la Dottrina Monroe “rilevante oggi come il giorno in cui è stata scritta”. Nel 2019, l’ex consigliere per la sicurezza nazionale di Trump, John Bolton, ha dichiarato che “la Dottrina Monroe è viva e vegeta”.
Per dirla semplicemente, anche se la Russia non fosse governata da un leader autoritario e corrotto come Vladimir Putin, la Russia, come gli Stati Uniti, avrebbe comunque avrebbe comunque un interesse nelle politiche di sicurezza dei suoi vicini. Qualcuno crede davvero che gli Stati Uniti non avrebbero qualcosa da dire se, per esempio, il Messico dovesse formare un’alleanza militare con un avversario statunitense?
I paesi dovrebbero essere liberi di fare le proprie scelte di politica estera, ma fare queste scelte in modo saggio richiede una seria considerazione dei costi e dei benefici. Il fatto è che gli Stati Uniti e l’Ucraina che entrano in una relazione di sicurezza più profonda probabilmente avrà dei costi molto seri – per entrambi i paesi.
Dobbiamo sostenere vigorosamente gli sforzi diplomatici per mitigare questa crisi e riaffermare l’indipendenza e la sovranità dell’Ucraina. E dobbiamo chiarire che Putin e la sua banda di oligarchi affronteranno grandi conseguenze se continuerà sulla strada attuale. Allo stesso tempo, non dobbiamo mai dimenticare gli orrori che una guerra nella regione causerebbe e dobbiamo lavorare duramente per raggiungere una risoluzione realistica e reciprocamente accettabile – una che sia accettabile per l’Ucraina, la Russia, gli Stati Uniti e i nostri alleati europei – e che impedisca quella che potrebbe essere la peggiore guerra europea in oltre 75 anni.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

L’inflazione che cambia tutto

Perché l'esplosione dell'inflazione rivela una crisi profonda del capitalismo, La spirale prezzi-profitti, la recessione in arrivo [Romaric Godin]

Besancenot: la sinistra e la guerra in Ucraina

Di ritorno dall'Ucraina, Besancenot ritiene che la sinistra europea debba sostenere più apertamente le vittime dell'imperialismo russo [Geslin e Goanec]

La commedia delle risorse umane. Lavoretti a teatro

In scena al Teatro Nazionale di Genova, Il mercato della carne di Bruno Fornasari 

«Un metodo e un processo per uscire dal grande riflusso italiano»

Intervista a Dario Salvetti alla vigilia dell'assemblea nazionale convocata dal collettivo Gkn a Campi Bisenzio

Fumetti, ritorna ARF! e si porta Paco Roca

Tra gli eventi di ARF!, il festival dei fumetti in programma dal 13 al 15 maggio, c'è una mostra sul disegnatore spagnolo Considerato all’u...