19.5 C
Rome
martedì 24 Maggio 2022
19.5 C
Rome
martedì 24 Maggio 2022
HomemondiUsa, quelli a cui non va di fare la guerra a Mosca

Usa, quelli a cui non va di fare la guerra a Mosca

Voci critiche nella politica Usa mentre la tensione è al massimo al confine tra Russia e Ucraina [François Bougon]

Nella crisi ucraina, gli Stati Uniti accusano Mosca di condurre una guerra di disinformazione. Allo stesso tempo, è in corso una guerra d’informazione per rivelare le manovre del Cremlino che, secondo Washington, dovrebbero creare le condizioni per giustificare un’invasione russa. Un modo, sottolinea il New York Times, di “battere il maestro [Vladimir Putin – ndr] al suo stesso gioco”.
In questo contesto, alcune persone ovviamente ricordano le manovre degli Stati Uniti che hanno portato alla guerra in Iraq nel 2003 – anche se la situazione è molto diversa a causa dell’impegno di Joe Biden di non inviare truppe in caso di invasione dell’Ucraina da parte di Mosca – e alcuni giornalisti hanno imparato la lezione rifiutando di prendere al valore nominale le affermazioni della Casa Bianca o del Pentagono. Come Matt Lee, il redattore diplomatico dell’Associated Press, che ha avuto uno scambio teso su questo argomento con il portavoce del Pentagono Ned Price all’inizio di febbraio.
Matt Lee ha incalzato Price sulle prove che Washington aveva di un video di propaganda montato da Mosca con morti finte e attori e attrici reali. Ha anche accusato le autorità statunitensi di impegnarsi “nel territorio di Alex Jones”, il conduttore radiofonico di estrema destra che aveva sostenuto che una sparatoria mortale in una scuola superiore del 2012 era una falsa informazione data dalle autorità per giustificare il controllo sulle armi.
Poi ha aggiunto: “Quali prove avete per sostenere l’idea che si stia facendo un film di propaganda?”. Non ha ottenuto risposte soddisfacenti, il portavoce si è ingarbugliato e il giornalista gli ha ricordato l’inizio del secolo: “Ricordo le armi di distruzione di massa in Iraq…”
In risposta, il portavoce del Pentagono ha pietosamente insinuato che Matt Lee appartenesse al campo filorusso, dicendo: “Se dubitate – se dubitate della credibilità del governo degli Stati Uniti, del governo britannico, di altri governi, e volete trarre conforto dalle informazioni che i russi stanno mettendo fuori…” Ned Price alla fine si è scusato su Twitter, spiegando che aveva telefonato al presidente.
Mentre Washington soffre di un problema di credibilità su queste questioni a causa del precedente iracheno, un dibattito sta cominciando ad emergere – nonostante il clamore mediatico sull’imminenza della guerra in Ucraina – sulle responsabilità degli Stati Uniti nella situazione attuale, compresa una messa in discussione del ruolo della NATO dalla fine della guerra fredda. Coinvolge sia personalità di destra, sostenitori dell’ex presidente Donald Trump che favoriscono un certo isolazionismo, sia di sinistra, come Bernie Sanders.
Nel campo dei primi, spicca un politico nato nel 1979, l’anno in cui l’esercito russo invase l’Afghanistan: Josh Hawley. Questo senatore repubblicano del Missouri, odiato da molti per il suo sostegno incondizionato all’ex presidente Donald Trump, ha inviato una lettera al segretario di Stato Antony Blinken all’inizio di febbraio, dichiarando la sua opposizione all’ingresso dell’Ucraina nell’Organizzazione del Trattato Nord Atlantico (NATO). “Non è chiaro che l’adesione dell’Ucraina servirebbe gli interessi americani. In effetti, il deterioramento delle condizioni dell’ambiente di sicurezza globale suggerisce il contrario”.
Anche se è favorevole a sostenere l’Ucraina per preservare la sua sovranità di fronte alle minacce russe, non crede che gli interessi degli Stati Uniti giustifichino l’entrata in guerra con Mosca. La cosa principale, sottolinea, è affrontare la principale minaccia degli Stati Uniti: la Cina.

Taiwan più importante dell’Ucraina

Un articolo pubblicato dal Wall Street Journal domenica 13 febbraio e firmato da due membri di think tank conservatori – tra cui un ex stratega del Dipartimento della Difesa sotto Donald Trump – fa lo stesso ragionamento. Elbridge Colby e Oriana Skylar Mastro credono che “gli Stati Uniti non possono più permettersi di espandere il loro esercito nel mondo”. “La ragione è semplice: una Cina sempre più aggressiva”, scrivono. Piuttosto che essere “distratti” dall’Ucraina, Washington dovrebbe invece concentrarsi su Taiwan, un altro focolaio di tensione geopolitica.
E i due analisti indicano gli europei come responsabili, perché, dicono, “questo è ben alla portata dell’Europa, dato che il potere economico combinato degli stati della NATO rimpicciolisce quello della Russia». “Gli Stati Uniti devono rimanere impegnati a difesa della NATO, ma risparmiare le loro risorse vitali per la lotta principale in Asia, e a Taiwan in particolare. Negare alla Cina la capacità di dominare l’Asia è più importante di qualsiasi cosa accada in Europa. Per essere franchi: Taiwan è più importante dell’Ucraina.
Se, come sottolinea il New Yorker, Josh Hawley è odiato dal campo democratico per il suo sostegno ai manifestanti che hanno invaso il Campidoglio il 6 gennaio 2020 nella capitale americana, la sua posizione sulla crisi ucraina è stata ascoltata attentamente dai suoi avversari.
Mentre la portavoce della Casa Bianca Jen Psaki ha accusato Hawley di “ripetere le argomentazioni russe”, ha ricevuto il sostegno del consigliere per gli affari esteri del senatore Bernie Sanders, Matt Duss, che ha twittato: “Hawley è terribile, ma queste sono lo stesso tipo di accuse che l’amministrazione Bush fece contro i critici della guerra in Iraq”.
Bernie Sanders, invece, ha parlato prima al Guardian, dichiarandosi un sostenitore della ” finlandizzazione ” dell’Ucraina – un’eventualità fermamente respinta dai leader ucraini – e poi al Senato.
Sottolineando la necessità di una soluzione diplomatica, ha ricordato nel suo discorso i precedenti storici di Vietnam, Afghanistan e Iraq: “L’intervento militare in Vietnam è iniziato lentamente, le guerre in Afghanistan e Iraq più rapidamente, ma ciò che avevano in comune era che l’establishment della politica estera insisteva che erano necessarie, che non c’era alternativa all’escalation e alla guerra. Beh, a quanto pare si sbagliavano. E milioni di persone innocenti ne hanno pagato il prezzo.
Per lui, Vladimir Putin, che si è impadronito di una parte dell’Ucraina nel 2014, è indiscutibilmente responsabile della crisi attuale e ora “minaccia di prendere il controllo di tutto il paese e di distruggere la democrazia ucraina”. Tuttavia, è preoccupato per l’atmosfera guerrafondaia a Washington e per il mancato “riconoscimento delle complesse radici della tensione nella regione [che] mina la capacità dei negoziatori di raggiungere una risoluzione pacifica”.
Egli ritiene quindi necessario tenere conto dei timori russi sull’espansione della NATO – “Ovviamente, l’invasione della Russia non è una risposta; né lo è l’intransigenza della NATO” -, ricordando che gli Stati Uniti, secondo la Dottrina Monroe, si sono dati il diritto di intervenire nella loro area di influenza: almeno una dozzina di governi sono stati rovesciati o indeboliti da Washington in questo contesto…
Per lui, la soluzione starebbe quindi nella “finlandizzazione” dell’Ucraina. “È importante riconoscere, per esempio, che la Finlandia, uno dei paesi più sviluppati e democratici del mondo, confina con la Russia e ha scelto di non essere membro della NATO. La Svezia e l’Austria sono altri esempi di paesi estremamente prosperi e democratici che hanno fatto la stessa scelta.

Un miscuglio anti-“blob

Tutte queste “colombe” formano, secondo il New Yorker, un variegato raggruppamento anti-“blob”, come ha detto il consigliere di Obama Ben Rhodes nel 2016, riferendosi alla comunità di “analisti di politica estera del dopo guerra fredda, appaltatori della difesa, giornalisti e leader politici che sembravano sempre d’accordo, nei momenti di massima tensione internazionale, che un popolo oppresso era in pericolo, la libertà era in gioco e bisognava inviare missili antiaerei.
Questi anti-“blob” ora includono figure conservatrici e progressiste, “falchi che si occupano di Cina, realisti dottrinari, anti-imperialisti e persone esauste dalle guerre eterne”.
Alcuni sottolineano anche che gli esperti di Russia che hanno servito nelle amministrazioni successive dalla caduta del muro di Berlino hanno messo in guardia sull’ arroganza americana e sulle conseguenze dell’espansione della NATO nei paesi dell’ex blocco sovietico.
Sul New York Times, un ex consigliere diplomatico di George W. Bush ha raccontato la rabbia di Putin nel 2008 per la decisione del vertice della NATO di aprire la strada all’adesione della Georgia e dell’Ucraina e che la sua squadra ha avvertito il presidente degli Stati Uniti “che il presidente Putin avrebbe visto le mosse per avvicinare l’Ucraina e la Georgia alla NATO come una provocazione che avrebbe probabilmente provocato un’azione militare russa preventiva. “Ma alla fine, i nostri avvertimenti non sono stati ascoltati”.
Come ha ricordato il commentatore politico Peter Beinart, l’attuale direttore della CIA William Joseph Burns, un esperto di Russia ed ex ambasciatore a Mosca che si è recato nella capitale russa a novembre per incontrare Vladimir Putin, ha citato nelle sue memorie pubblicate due anni fa un promemoria che ha scritto mentre serviva come consigliere politico all’ambasciata di Mosca nel 1995: “L’ostilità al primo allargamento della NATO è quasi universalmente sentito attraverso lo spettro politico interno qui”.
Poi, sulla questione dell’estensione dell’adesione alla NATO all’Ucraina, i suoi avvertimenti sono chiari in una nota del 2008 all’allora Segretario di Stato Condoleezza Rice: “L’ingresso dell’Ucraina nella NATO è la più luminosa di tutte le linee rosse per l’élite russa (non solo Putin)”. Quando il presidente George W. Bush ha dichiarato la sua disponibilità ad accogliere l’Ucraina nella NATO, Burns ha espresso la preoccupazione che “questo creerebbe un terreno fertile per l’interferenza russa in Crimea e nell’Ucraina orientale”. Ancora una volta, questo consiglio non è stato ascoltato da George W. Bush.
La storia ha dato ragione a Fiona Hill e William Burns, e ora gli europei stanno affrontando la più grave crisi sul loro suolo dalla fine della seconda guerra mondiale.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Il fascismo discreto: Giorgia Meloni spiegata ai francesi

Come Giorgia Meloni cerca di far dimenticare le sue radici fasciste e spera di diventare la prima donna premier in Italia [Ludovic Lamant]

L’inflazione che cambia tutto

Perché l'esplosione dell'inflazione rivela una crisi profonda del capitalismo, La spirale prezzi-profitti, la recessione in arrivo [Romaric Godin]

Besancenot: la sinistra e la guerra in Ucraina

Di ritorno dall'Ucraina, Besancenot ritiene che la sinistra europea debba sostenere più apertamente le vittime dell'imperialismo russo [Geslin e Goanec]

La commedia delle risorse umane. Lavoretti a teatro

In scena al Teatro Nazionale di Genova, Il mercato della carne di Bruno Fornasari 

«Un metodo e un processo per uscire dal grande riflusso italiano»

Intervista a Dario Salvetti alla vigilia dell'assemblea nazionale convocata dal collettivo Gkn a Campi Bisenzio