18.4 C
Rome
martedì 24 Maggio 2022
18.4 C
Rome
martedì 24 Maggio 2022
HomecultureChi era Rino Della Negra, calciatore e partigiano

Chi era Rino Della Negra, calciatore e partigiano

Rino Della Negra, figlio di emigrati italiani, giustiziato a 20 anni dai nazisti, è un’icona del calcio popolare francese [Mickaël Correia]

Una delle tribune dello stadio della Red Star a Saint-Ouen (Seine-Saint-Denis) porta il nome di Rino Della Negra. E durante le partite di questo mitico club di calcio, che ha vissuto il suo periodo d’oro sportivo tra le due guerre mondiali, canzoni e striscioni dei tifosi onorano regolarmente “Rino”.
Il giovane calciatore era un’ala destra della Red Star nella stagione 1943-44. Quando fu reclutato dal club all’età di 20 anni, Rino Della Negra era stato coinvolto per diversi mesi nella lotta armata contro gli occupanti nazisti all’interno del leggendario FTP-MOI (Francs-tireurs partisans-Main-d’œuvre immigrée) di Missak Manouchian.
Fucilato il 21 febbraio 1944 a Mont Valérien, Rino Della Negra è sopravvissuto in seguito nella memoria collettiva degli attivisti di estrema sinistra e poi dei sostenitori della Stella Rossa.
Dimitri Manessis, dottore in storia, e Jean Vigreux, professore di storia contemporanea all’Università di Bourgogne-Franche-Comté, hanno appena pubblicato Rino Della Negra, calciatore e partigiano (Libertalia, febbraio 2022). Quest’opera storica inedita fa luce sulla vita di un giovane operaio, figlio di immigrati italiani ad Argenteuil, dove si intrecciano solidarietà operaia, passione per il calcio e lotta antifascista. Una biografia che mette in discussione il concetto sclerotico di “identità nazionale”, tanto che la vita di questo giovane combattente della resistenza si integra nella storia di una Francia che è allo stesso tempo multiculturale e terra di accoglienza per i rifugiati.

Quando si legge questa biografia di Rino Della Negra, si è colpiti fin dalle prime pagine dal fatto che il suo quartiere di Argenteuil è il crogiolo della sua politicizzazione…

Dimitri Manessis: Rino Della Negra è arrivato ad Argenteuil nel 1926, all’età di tre anni, dopo essere nato nel Pas-de-Calais. I suoi genitori italiani erano originari del Friuli e si spostavano quando suo padre, muratore, veniva assunto nei cantieri.
Della Negra viveva nel quartiere Mazagran, soprannominato “Mazzagrande”, perché vi abitavano molti immigrati italiani. Questa “piccola Italia” ha avuto un ruolo nella formazione politica del giovane Rino Della Negra, in particolare attraverso vari spazi di socializzazione popolare, come il caffè Chez Mario, con il suo campo da bocce o le sue partite a carte, attività tipiche della cultura operaia dell’epoca.
Della Negra è al crocevia di una sorta di sincretismo tra la cultura operaia e quella italiana, incentrato tanto sulla gastronomia quanto sull’antifascismo. Oltre a queste socializzazioni, c’era tutta una rete di amicizie con gli italiani che erano fuggiti dal regime di Mussolini ed erano immigrati per continuare la lotta in Francia.
Non si conoscono legami politici con la famiglia Della Negra, ma il giovane Rino era vicino alla famiglia Simonazzi, molto coinvolta nella lotta antifascista e nel Partito Comunista Italiano (PCI) in esilio.
Per fare un esempio, uno dei fratelli Simonazzi, Tonino, che giocava a calcio con Rino alla Jeunesse sportive argenteuillaise (JSA), andò a combattere nelle Brigate Internazionali in Spagna, con un altro giovane di Argenteuil, André Crouin. Questi due amici di Rino Della Negra tornarono da questo conflitto feriti e si può intuire l’impatto politico ed emotivo di questi due giovani combattenti spagnoli sull’adolescente di origine italiana.
Jean Vigreux: Argenteuil faceva parte di quella che all’epoca era conosciuta come “la periferia rossa”. Gabriel Péri era stato deputato comunista per il distretto dal 1932, e il partito vinse le elezioni del sindaco nel 1935.
All’età di 14 anni, Rino Della Negra scopre il mondo del lavoro quando viene assunto come operaio aggiustatore nella fabbrica metallurgica Chausson di Asnières, specializzata in radiatori per veicoli. La sua socializzazione attraverso il lavoro avvenne al culmine del Fronte Popolare, in un momento in cui la fabbrica era segnata da scioperi e dalla repressione dei leader sindacali.

Sport e politica erano inseparabili anche negli anni tra le due guerre…

Jean Vigreux: Siamo in piena epoca di educazione popolare attraverso lo sport promossa dalla FSGT (Fédération sportive et gymnique du travail), la federazione polisportiva rossa.
Rino Della Negra è uno sportivo affermato: pratica il calcio e l’atletica all’interno della FSGT, e lo vediamo in foto come pugile, ma anche con ragazze sportive della sua stessa età, nella logica della mescolanza di genere e della non specializzazione delle pratiche sportive stabilita dalla FSGT. È anche membro del club aziendale della fabbrica Chausson, seguendo così la lunga tradizione del calcio operaio.
Dimitri Manessis: Il suo primo club come calciatore fu il FC Argenteuillais nel 1937, ma giocò principalmente per il JSA, affiliato al FSGT, dove giocò con i Simonazzi e i membri della comunità armena. Era una squadra di calcio internazionalista, impegnata tra l’altro nella solidarietà con i repubblicani spagnoli.
Fu poi notato da uno dei principali e più prestigiosi club dell’epoca, la Red Star di Saint Ouen, dove firmò come ala destra per la stagione 1943-1944.
Ciò che è straordinario è che quando Rino Della Negra iniziò la sua carriera di calciatore di alto livello con la Red Star, era un refrattario al servizio obbligatorio del lavoro (STO) e un membro attivo della Resistenza armata sotto falsa identità!

Come è passato dall’essere un calciatore della classe operaia a un partigiano?

Jean Vigreux: È difficile da dire. Rino Della Negra fu probabilmente reclutato attraverso le reti sportive dai calciatori che erano diventati quadri dei Francs-tireurs et partisans (FTP, la resistenza armata comunista francese) o dai suoi amici armeni.
Fu dapprima reclutato nel FTP di Argenteuil, un gruppo molto attivo che era guidato da un italiano, Floravanti Terzi, detto “Avanti”, per poi passare rapidamente al FTP-MOI (Francs-tireurs et partisans-Main-d’œuvre immigrée) nel 3° distaccamento di italiani, con il nome in codice “Robin”.
Dimitri Manessis: La risposta rimane aperta: gli ambienti sportivi e culturali in cui Della Negra era immerso hanno inevitabilmente giocato un ruolo nel suo reclutamento nella lotta armata.
Bisogna anche sottolineare il ruolo importante delle donne nell’impegno di Rino Della Negra, come Ines Sacchetti-Tonsi, che fu la sua staffetta. Lei faceva parte di questa comunità di ” Mazzagrande ” e suo padre fu fucilato dalle camicie nere.
Jean Vigreux: Rino Della Negra aveva solo 20 anni all’epoca ed era il più giovane membro del suo distaccamento FTP-MOI. Il suo impegno fu molto rapido, poiché dopo essere stato refrattario all’STO nel febbraio 1943, partecipò alla sua prima azione di resistenza nel giugno 1943. Tra i partigiani, ha fatto da vedetta, ha sparato pallottole o ha aiutato nel ritiro dopo le azioni.

Le sue prodezze d’armi sono impressionanti. Fino al suo arresto nel novembre 1943, Rino Della Negra prese parte a una quindicina di azioni di resistenza in sei mesi, mentre allo stesso tempo giocava in una grande squadra di calcio…

Dimitri Manessis: I partigiani della regione di Parigi conducevano una vita intensa. Combattevano con le armi in mano, in modo molto “proattivo”.
Della Negra prese parte ad una serie di azioni e sabotaggi sia contro i tedeschi che contro i collaboratori. Nel giugno 1943, fu membro del gruppo che attaccò la sede del Partito Fascista Italiano a Parigi, poi del gruppo che sparò e ferì il generale nazista Von Apt nel 16° arrondissement. Era anche il caposquadra di un’azione contro i soldati tedeschi nella caserma Guynemer a Rueil-Malmaison.
Jean Vigreux: La Resistenza armata aveva una dimensione militare ma anche politica. I FTP-MOI erano parte della continuità della lotta dei loro padri in Italia, dei loro amici più anziani in Spagna, con un comune denominatore: l’antifascismo.
Durante questo periodo di clandestinità, Rino Della Negra ha giocato per la Stella Rossa sotto la sua vera identità, che faccia tosta! È così grande che non è stato nemmeno individuato e pedinato dalle Brigate Speciali – una forza di polizia collaborazionista specializzata nel rintracciare, tra gli altri, i comunisti e gli evasori di leva STO. Ha giocato otto partite tra il suo ingaggio da parte della Red Star all’inizio della stagione 1943-1944 e il suo arresto nel novembre 1943.
Dimitri Manessis: Della Negra partecipò il 12 novembre 1943 ad un’azione contro i corrieri di denaro tedeschi in rue Lafayette, nel 9° arrondissement di Parigi, che andò male. È stato colpito ai reni, arrestato e ricoverato all’ospedale Pitié-Salpêtrière. Fu interrogato dalla polizia francese, poi dalla Gestapo. La tortura era la norma all’epoca.
Fu poi processato davanti alla corte marziale tedesca con altri 22 membri del FTP-MOI nel febbraio 1944, nell’ambito del cosiddetto processo del “Gruppo Manouchian”, che diede origine al famoso manifesto rosso, 15.000 dei quali furono affissi sui muri della Francia.
Rino Della Negra non appare su questo poster. L’ipotesi contraddittoria è che sia stato picchiato troppo male dalla polizia o, al contrario, che avesse una “bella faccia”, che non corrispondeva alla propaganda nazista dell’epoca: quella degli apolidi e degli ebrei che, manipolati da Mosca, agivano come terroristi.

Durante il processo al gruppo Manouchian, la stampa francese ha riferito che Rino Della Negra era solo un giovane calciatore ignaro delle sue azioni… 

Jean Vigreux: I FTP-MOI sono stati istruiti a minimizzare, durante gli interrogatori della polizia, il numero di azioni in cui erano stati coinvolti, per proteggere il gruppo.
Questo si vede nei verbali delle Brigate Speciali: era solo un calciatore caduto nel terrorismo per caso. Ma nel verbale della sentenza, accanto al nome di Rino Della Negra, era scritta la parola “K”, per comunista.
Dimitri Manessis: La propaganda dell’epoca diceva che i combattenti della Resistenza erano “giudeo-bolscevichi” o giovani manipolati da loro. Rino avrebbe rifiutato la STO semplicemente per amore del calcio. I giudici e la stampa collaborazionisti gli negarono qualsiasi consapevolezza politica, cercando di depoliticizzare le sue azioni.
Ma le lettere d’addio che ha inviato alla sua famiglia prima di essere fucilato a Mont Valérien il 21 febbraio 1944, con gli altri membri del gruppo Manouchian, mostrano il contrario. Assume pienamente e politicamente il suo impegno, chiedendo ai suoi parenti di considerarlo come un soldato morto al fronte.
Jean Vigreux: nelle sue lettere riaffiora la gioia di vivere di un ventenne, la sua socializzazione familiare, politica e sportiva. Risaltano anche gli amici della Red Star e la festa – invita i suoi amici a un banchetto e a “ubriacarsi” pensando a lui.
Ma si prova anche una sensazione molto emotiva di abnegazione. I suoi genitori non erano a conoscenza del suo coinvolgimento nella lotta armata e lui disse loro: “Dovevo farlo”.

Come resiste il ricordo del suo impegno dopo la guerra?

Dimitri Manessis: Inizialmente, è la galassia comunista che perpetua la storia di Rino Della Negra. Associazioni sportive e umanitarie, ex combattenti della Resistenza e associazioni di immigrati legate alla rete culturale del Partito Comunista Francese hanno trasmesso la memoria della lotta di Della Negra.
All’inizio degli anni ’50, in un contesto di anticomunismo, guerra fredda e xenofobia, la storia del FTP-MOI fu portata alla ribalta, mentre gli ex resistenti immigrati, in particolare spagnoli e polacchi, furono espulsi dal territorio francese. La storia di Rino Della Negra fu rimotivata dal partito comunista per mostrare che gli immigrati avevano combattuto per la Francia.
Jean Vigreux: Ad Argenteuil, il consiglio comunale ha inaugurato una via Rino Della Negra nel 1966, e le sale del quartiere sono state intitolate a lui. Altre famiglie comuniste, come i trotzkisti, o i maoisti di Argenteuil che chiamarono la loro cellula “Rino Della Negra”, rivendicano anche l’eredità del calciatore partigiano.

Oggi, Rino Della Negra è un’icona del calcio popolare, soprattutto tra i sostenitori della Stella Rossa di Saint-Ouen. Quando è riapparso il nome sugli spalti dello stadio?

Dimitri Manessis: Già nel settembre 1944, la FSGT ha organizzato una Coppa Rino Della Negra. E l’anno seguente, questo trofeo è stato vinto dalla Red Star, che ha dato il trofeo ai genitori del combattente della Resistenza. Ma questo ricordo sportivo si è diluito nel corso degli anni, prima di riapparire grazie al lavoro di Claude Dewael, specialista della storia di Saint-Ouen, che ha scritto sul giocatore nel dicembre 2000.
I tifosi della Stella Rossa hanno poi riscoperto questa figura della Resistenza, e se questo libro esiste oggi, è grazie a questo ricordo che è stato fatto rivivere dai tifosi del club.
Jean Vigreux: Nel 2002, Jean-Marie Le Pen arrivò al secondo turno delle elezioni presidenziali, e agli occhi di molti fan, Rino Della Negra incarnava i valori in cui si identificavano: antirazzismo, antifascismo, difesa degli immigrati, programma sociale della Resistenza, internazionalismo…
Una targa commemorativa è stata posta nel 2004 all’ingresso dello stadio della Red Star a Saint-Ouen alla presenza dei tifosi, della famiglia Della Negra, delle autorità locali e delle autorità del club. Per l’occasione, è stata organizzata una partita tra la Stella Rossa e una squadra armena di Issy-les-Moulineaux.
Ogni 21 febbraio, i tifosi del club commemorano la sua esecuzione da parte dei nazisti a Mont Valérien. Canzoni, striscioni, sciarpe e animazioni visive sugli spalti, intitolate a ” Rino Della Negra “, ricordano regolarmente la lotta del giovane martire.

Alla fine del vostro libro, sottolineate la misura in cui il suo viaggio mette in discussione il vago concetto di “identità nazionale”…

Dimitri Manessis: Rino Della Negra rappresenta effettivamente una Francia plurale. È la storia dell’impegno antifascista di un giovane di origine immigrata, proveniente dalle classi popolari e che vive in periferia.
Riesaminiamo cos’era all’epoca la nozione di patriottismo, associata oggi a una visione rancida dell’identità nazionale, mentre per il FTP questo concetto era legato all’internazionalismo, alla Rivoluzione del 1789, alla Repubblica sociale, all’inclusione degli immigrati, uomini e donne.
Jean Vigreux: Abbiamo voluto produrre una storia sociale di questo impegno nella Resistenza che si inserisce in un’altra narrazione nazionale: quella di una Francia che è terra di accoglienza per gli antifascisti italiani così come per gli ebrei perseguitati dell’Europa centrale.
In un momento di nauseante discorso sui migranti, la vita di Rino Della Negra è pienamente in linea con gli eventi attuali e con la più ampia storia dei soggetti subalterni.

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Il fascismo discreto: Giorgia Meloni spiegata ai francesi

Come Giorgia Meloni cerca di far dimenticare le sue radici fasciste e spera di diventare la prima donna premier in Italia [Ludovic Lamant]

L’inflazione che cambia tutto

Perché l'esplosione dell'inflazione rivela una crisi profonda del capitalismo, La spirale prezzi-profitti, la recessione in arrivo [Romaric Godin]

Besancenot: la sinistra e la guerra in Ucraina

Di ritorno dall'Ucraina, Besancenot ritiene che la sinistra europea debba sostenere più apertamente le vittime dell'imperialismo russo [Geslin e Goanec]

La commedia delle risorse umane. Lavoretti a teatro

In scena al Teatro Nazionale di Genova, Il mercato della carne di Bruno Fornasari 

«Un metodo e un processo per uscire dal grande riflusso italiano»

Intervista a Dario Salvetti alla vigilia dell'assemblea nazionale convocata dal collettivo Gkn a Campi Bisenzio