19.5 C
Rome
martedì 24 Maggio 2022
19.5 C
Rome
martedì 24 Maggio 2022
Homein fondo a sinistraLe scelte difficili della sinistra che resiste in Ucraina

Le scelte difficili della sinistra che resiste in Ucraina

La guerra costringe la sinistra ucraina a prendere decisioni difficili sull’atteggiamento da adottare per resistere all’invasione russa []

Suoni di sirene ed esplosioni hanno scosso la casa a cinque piani di Yurii Sheliazhenko a Kiev ogni giorno da quando la Russia ha invaso l’Ucraina il 24 febbraio. Sheliazhenko è la direttrice esecutiva del Movimento Pacifista Ucraino e una voce isolata ma determinata per la pace in un paese molto in guerra. Ha sperimentato “molto odio” per essersi rifiutata di portare armi e di unirsi ai vicini nel fare bombe Molotov per respingere l’avanzata delle forze russe, che affrontano una dura resistenza da parte dei civili diventati combattenti determinati a difendere l’Ucraina.
“In primo luogo, dire la verità, che non c’è una via violenta per la pace”, ha detto Sheliazhenko quando le è stato chiesto via e-mail su ciò che la gente negli Stati Uniti può fare per sostenere gli attivisti in Ucraina.
Da qualche altra parte vicino a Kiev, “Ilya” e i suoi compagni hanno preso le armi contro l’esercito russo e si stanno allenando per la battaglia. Ilya, che deve nascondere la sua identità a causa dell’escalation di violenza, è un anarchico che è fuggito dalla repressione politica in un paese vicino e ha deciso di resistere all’invasione russa. Insieme a compagni anarchici, socialisti democratici, antifascisti e altri uomini di sinistra dall’Ucraina e da tutto il mondo, Ilya si è unito a una delle unità di “difesa territoriale” che operano come milizie volontarie sotto l’esercito ucraino con un certo grado di autonomia. Con il sostegno di un’alleanza orizzontale di gruppi di mutuo soccorso e volontari con compiti civili, gli antiautoritari hanno il loro “distaccamento internazionale” all’interno della struttura di difesa territoriale e stanno raccogliendo fondi per le forniture, secondo un gruppo noto come il Comitato di Resistenza.
“Quando il nemico ti sta attaccando, è molto difficile assumere una posizione pacifista contro la guerra, e questo perché hai bisogno di difenderti”, ha detto Ilya in un’intervista a Truthout.
I percorsi divergenti di Sheliazhenko e Ilya illustrano le scelte difficili e spesso estremamente limitate che devono affrontare gli attivisti e i movimenti sociali progressisti in Ucraina. In particolare, i loro diversi punti di vista sull’autodifesa e sul ruolo della violenza in politica hanno portato entrambi a intraprendere lotte attive che sembrano complimentarsi piuttosto che antagonizzarsi a vicenda.
Ilya e i suoi compagni non si fanno illusioni sullo stato ucraino, che dice “ovviamente ha un sacco di difetti e un sacco di sistemi marci”. Tuttavia, l’Ucraina, la Russia e i separatisti filorussi in Ucraina orientale sono impegnati in una guerra di basso livello dal 2014, e come molti altri a sinistra, Ilya crede che “l’aggressione imperialista russa” che potrebbe imporre lo stile di brutale autoritarismo di Putin sia la più grande minaccia comune in questo momento. L’Ucraina può non essere una democrazia ben funzionante, ma gli attivisti antiautoritari dicono che i problemi del paese non saranno risolti dall’intervento russo e dalle condizioni politiche incredibilmente repressive che ne derivano. I dimostranti in Russia stanno attualmente sfidando una brutale repressione della polizia e rischiando lunghe pene detentive per protestare contro la guerra.
“In Russia sta nascendo un ampio movimento contro la guerra e lo saluto di sicuro, ma qui, per quanto posso stimare, la maggior parte dei progressisti, dei socialisti, dei movimenti di sinistra e libertari si sta schierando contro l’aggressione russa, il che non significa necessariamente solidarizzare con lo stato ucraino”, ha detto Ilya.
Sheliazhenko incolpa i nazionalisti di destra di entrambe le parti per la guerra mortale, che ha rivendicato centinaia e forse migliaia di vite civili finora. Sheliazhenko e un altro attivista per la pace sono stati “bollati” come traditori per essersi opposti alla guerra con i separatisti sostenuti dalla Russia da un sito web di estrema destra in Ucraina, prima di essere attaccati dai neonazisti nelle strade. Tuttavia, ha detto che l’aumento delle bande fasciste e degli ultranazionalisti di estrema destra dalla rivolta di Maidan del 2014 che ha deposto un presidente filorusso in Ucraina non è una scusa per la sanguinosa invasione russa come Putin ha sostenuto.
“La crisi attuale ha una lunga storia di comportamenti sbagliati da tutte le parti, e ulteriori atteggiamenti come ‘noi gli angeli possiamo fare quello che vogliamo,’ e ‘loro i demoni dovrebbero soffrire per la loro bruttezza’ porteranno a un’ulteriore escalation, non escludendo l’apocalisse nucleare, e la verità dovrebbe aiutare tutte le parti a calmarsi e negoziare la pace”, ha detto Sheliazhenko.
Mentre molti civili si sono offerti volontari per combattere con l’esercito ucraino, c’è molto da fare per gli attivisti oltre a combattere i russi mentre la guerra entra nella sua seconda settimana. Ilya ha detto che i “volontari civili” stanno aiutando le famiglie a fuggire dalla violenza, parlando ai media di tutto il mondo, sostenendo le famiglie dei combattenti della resistenza, raccogliendo donazioni e rifornimenti, e fornendo cure a coloro che tornano dalle prime linee. I sindacati stanno organizzando risorse e aiutando i rifugiati che fuggono dall’Ucraina orientale devastata dalla guerra verso l’Occidente e i paesi vicini come la Polonia. I volontari provengono da una varietà di background politici, ma per gli anarchici come Ilya, partecipare alla resistenza fornisce una via per aumentare la capacità dei radicali di influenzare la politica e lo sviluppo sociale ora e dopo la guerra. Anche le “auto-organizzazioni” di base che forniscono aiuto reciproco e resistenza autonoma stanno sorgendo ovunque come mezzo di sopravvivenza.
“Per specificare, non tutti nella nostra unità si identificano come anarchici. La cosa più importante è che un sacco di gente si è organizzata spontaneamente per aiutarsi a vicenda, per sorvegliare i loro quartieri e città e villaggi e per affrontare gli occupanti con le Molotov”, ha detto Ilya.
Nel frattempo, Sheliazhenko e altri attivisti per la pace continuano ad opporsi alla coscrizione forzata al servizio militare con tattiche che includono la disobbedienza civile non violenta. Sheliazhenko ha detto che agli uomini dai 18 ai 60 anni è “proibita la libertà di movimento” e non possono nemmeno affittare una stanza d’albergo senza l’autorizzazione di un ufficiale militare.
Sheliazhenko ha detto che la burocrazia e le alternative discriminatorie al servizio militare impediscono anche alle persone religiose di fare obiezione di coscienza al servizio militare. Gli attivisti negli Stati Uniti dovrebbero chiedere l’evacuazione di tutti i civili dalle zone di conflitto indipendentemente dalla razza, dal sesso e dall’età e donare alle organizzazioni umanitarie che non stanno portando più armi in Ucraina che potrebbero intensificare il conflitto, ha aggiunto. La coalizione NATO guidata dagli Stati Uniti ha già fornito all’esercito un sacco di armi, e la possibilità che l’Ucraina si unisca alla NATO è stato un importante pretesto per la guerra.
“Senza investimenti nello sviluppo della cultura della pace e dell’educazione alla pace per la cittadinanza, non raggiungeremo una pace genuina”, ha detto Sheliazhenko.

 

ucraina, nonviolenza, sinistra, resistenza, anarchismo

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Il fascismo discreto: Giorgia Meloni spiegata ai francesi

Come Giorgia Meloni cerca di far dimenticare le sue radici fasciste e spera di diventare la prima donna premier in Italia [Ludovic Lamant]

L’inflazione che cambia tutto

Perché l'esplosione dell'inflazione rivela una crisi profonda del capitalismo, La spirale prezzi-profitti, la recessione in arrivo [Romaric Godin]

Besancenot: la sinistra e la guerra in Ucraina

Di ritorno dall'Ucraina, Besancenot ritiene che la sinistra europea debba sostenere più apertamente le vittime dell'imperialismo russo [Geslin e Goanec]

La commedia delle risorse umane. Lavoretti a teatro

In scena al Teatro Nazionale di Genova, Il mercato della carne di Bruno Fornasari 

«Un metodo e un processo per uscire dal grande riflusso italiano»

Intervista a Dario Salvetti alla vigilia dell'assemblea nazionale convocata dal collettivo Gkn a Campi Bisenzio