19.5 C
Rome
martedì 24 Maggio 2022
19.5 C
Rome
martedì 24 Maggio 2022
Homein fondo a sinistraDalla nebbia della guerra, lettera alla sinistra occidentale

Dalla nebbia della guerra, lettera alla sinistra occidentale

Senza di voi, lotteremo per sopravvivere. Senza di noi, sarete più vicino al precipizio [Volodymyr Artiukh]

Qui, nel mondo post-sovietico abbiamo imparato molto da voi. Con “noi” intendo comunisti, socialisti democratici, anarchici di sinistra, studiosi femministi e attivisti di Kiev, Leopoli, Minsk, Mosca, San Pietroburgo e altri luoghi, atomizzati o vagamente organizzati, che stanno precipitando negli orrori della guerra e della violenza di polizia. Dopo che la nostra tradizione marxista è stata sclerotizzata, degradata ed emarginata, abbiamo letto i commenti a “Das Kapital” in inglese. Dopo il crollo dell’Unione Sovietica, ci siamo basati sulla vostra analisi dell’egemonia americana, della svolta neoliberista nelle forme di accumulazione del capitale e del neoimperialismo occidentale. Siamo stati incoraggiati anche dai movimenti sociali occidentali dall’alter-globalismo alle proteste contro la guerra, da Occupy a BLM.

Apprezziamo anche il modo in cui avete cercato di analizzare il nostro angolo di mondo. Avete giustamente sottolineato che gli Stati Uniti hanno contribuito a minare le possibilità democratiche ed economicamente progressiste della trasformazione post-sovietica in Russia e altrove. Avete ragione sul fatto che gli Stati Uniti e l’Europa non sono riusciti a creare un ambiente di sicurezza che includesse la Russia e altri Paesi post-sovietici. I nostri Paesi hanno dovuto da tempo adattarsi, fare concessioni, accettare condizioni umilianti. L’avete fatto con una simpatia che tende al romanticismo e noi a volte l’abbiamo perdonato.

Nonostante i bombardamenti russi di Kharkiv, tuttavia, vediamo i limiti di quello che abbiamo imparato da voi. Quella conoscenza è stata prodotta nelle condizioni dell’egemonia americana, che ha raggiunto i suoi limiti al confine rosso sangue della Russia. Gli Stati Uniti hanno perso la capacità di rappresentare i propri interessi come interessi comuni per Russia e Cina, non possono imporre il rispetto con il potere militare e la loro influenza economica si sta riducendo. A dispetto di ciò che molti di voi affermano, la Russia non sta più reagendo, non si adatta o fa concessioni, ma ha riacquistato l’autorità di agire ed è in grado di plasmare il mondo intorno a sé. Il kit di strumenti della Russia è diverso da quello degli Stati Uniti, non è egemonico, poiché si basa sulla forza bruta piuttosto che sul soft power e sull’economia. Tuttavia, la forza bruta è uno strumento potente, come tutti sapete dal comportamento degli Stati Uniti in America Latina, Iraq, Afghanistan e in tutto il mondo. La Russia ha imitato l’infrastruttura coercitiva dell’imperialismo americano, senza conservare il suo nucleo egemonico.

Eppure, questo mimetismo non significa dipendenza. La Russia è diventata un agente autonomo, le sue azioni sono determinate dalle sue dinamiche politiche interne e le conseguenze delle sue azioni sono ora contrarie agli interessi occidentali. La Russia modella il mondo circostante, impone le proprie regole come hanno fatto gli Stati Uniti, anche se con altri mezzi. L’impressione di lontananza dalla realtà che molti commentatori provano – “questo non sarebbe potuto accadere a noi” – deriva dal fatto che le élites russe in guerra sono in grado di imporre le loro delusioni, trasformarle in fatti sul campo, farle accettare agli altri nonostante la loro volontà. Queste delusioni non sono più determinate dagli USA o dall’Europa, non sono una reazione, sono una creazione.

Avendo affrontato “l’impossibile da immaginare”, vedo come la sinistra occidentale stia facendo ciò che ha sempre fatto meglio: analizzare il neoimperialismo americano, l’espansione della NATO. Ma non basta più perché non spiega il mondo che sta emergendo dalle rovine del Donbas e dalla piazza principale di Kharkiv. Il mondo non è descritto in modo esaustivo solo come plasmato o come reazione alle azioni degli Stati Uniti. Ha acquisito dinamiche proprie e gli Stati Uniti e l’Europa sono in modalità reattiva in molte aree. Dovete spiegare le cause lontane invece di notare le tendenze emergenti.

Così, mi colpisce come, parlando dei processi drammatici nel nostro angolo di mondo, li riducete a una reazione all’attività del vostro stesso governo e delle élite imprenditoriali. Abbiamo imparato tutto sugli Stati Uniti e sulla NATO da voi, ma questa conoscenza non è più così utile. Forse gli Stati Uniti hanno disegnato il contorno di questo gioco da tavolo, ma ora altri giocatori spostano le fiches e aggiungono le proprie regole. Le spiegazioni incentrate sugli Stati Uniti sono obsolete. Ho letto tutto ciò che è stato scritto e detto a sinistra sull’escalation del conflitto tra Stati Uniti, Russia e Ucraina lo scorso anno. La maggior parte era terribilmente sbagliata, molto peggio di molte spiegazioni tradizionali. La loro capacità di fare previsioni era nulla.

Questo non è per accusare la sinistra occidentale di etnocentrismo, ma per indicare la sua prospettiva limitata. Sopraffatto dalla nebbia della guerra e dallo stress psicologico, non posso offrire una prospettiva migliore. Vorrei solo chiedere aiuto per cogliere la situazione in termini teorici, incorporando al contempo intuizioni dal nostro angolo di mondo. La denuncia degli Stati Uniti non è utile per noi nella misura in cui voi pensate che lo sia. Abbiamo anche bisogno di uno sforzo per uscire dalle rovine del marxismo orientale e dalla colonizzazione del marxismo occidentale. In questo modo commettiamo errori e voi potreste accusarci di nazionalismo, idealismo, provincialismo. Imparate da questi errori: ora anche voi siete molto più provinciali e tentati di ricorrere al manicheismo semplicistico.

Vi trovate ad affrontare la sfida di reagire a una guerra che non è condotta dai vostri Paesi. Date tutte le impasse teoriche a cui ho accennato sopra, non esiste un modo semplice per inquadrare un messaggio contro la guerra. Una cosa rimane dolorosamente chiara: potete aiutare ad affrontare le conseguenze della guerra fornendo assistenza ai rifugiati dall’Ucraina, indipendentemente dal colore della pelle o dal passaporto che hanno. Potete anche fare pressione sul vostro governo affinché cancelli il debito estero dell’Ucraina e fornisca aiuto umanitario.

Non permettete che delle posizioni politiche di scarso valore sostituiscano un’analisi della situazione. L’imperativo che il principale nemico è nel vostro paese non dovrebbe tradursi in un’analisi errata della lotta inter-imperialista. In questa fase gli appelli a smantellare la NATO o, al contrario, ad accettare chiunque sia presente, non aiuteranno coloro che soffrono sotto le bombe in Ucraina, nelle carceri in Russia o in Bielorussia. Gli slogan sono dannosi come sempre. Marchiare ucraini o russi come fascisti vi rende solo parte del problema, non parte della soluzione. Intorno alla Russia emerge una nuova realtà autonoma, una realtà di distruzione e dure repressioni, una realtà in cui un conflitto nucleare non è più impensabile. A molti di noi sono sfuggite le tendenze che portano a questa realtà. Nella nebbia della guerra, non vediamo chiaramente i contorni del nuovo. Nemmeno i governi americani o europei, a quanto pare.

In questa realtà noi, la sinistra post-sovietica, avremo incomparabilmente meno risorse organizzative, teoriche e semplicemente vitali. Senza di voi, lotteremo per sopravvivere. Senza di noi, sarete più vicino al precipizio.

Volodymyr Artiukh è dottorando di ricerca in sociologia 
e antropologia sociale specializzato in economia politica 
delle società post-sovietiche

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Il fascismo discreto: Giorgia Meloni spiegata ai francesi

Come Giorgia Meloni cerca di far dimenticare le sue radici fasciste e spera di diventare la prima donna premier in Italia [Ludovic Lamant]

L’inflazione che cambia tutto

Perché l'esplosione dell'inflazione rivela una crisi profonda del capitalismo, La spirale prezzi-profitti, la recessione in arrivo [Romaric Godin]

Besancenot: la sinistra e la guerra in Ucraina

Di ritorno dall'Ucraina, Besancenot ritiene che la sinistra europea debba sostenere più apertamente le vittime dell'imperialismo russo [Geslin e Goanec]

La commedia delle risorse umane. Lavoretti a teatro

In scena al Teatro Nazionale di Genova, Il mercato della carne di Bruno Fornasari 

«Un metodo e un processo per uscire dal grande riflusso italiano»

Intervista a Dario Salvetti alla vigilia dell'assemblea nazionale convocata dal collettivo Gkn a Campi Bisenzio