19.5 C
Rome
martedì 24 Maggio 2022
19.5 C
Rome
martedì 24 Maggio 2022
Homepadrini & padroniOmicidio del rugbista Aramburu, si indaga su un fascista francese

Omicidio del rugbista Aramburu, si indaga su un fascista francese

Aramburu è stato colpito più volte sabato. Il principale sospettato è l’attivista di estrema destra Loïk Le Priol, 27 anni [Marine Turchi]

Nelle prime ore di sabato 19 marzo, il rugbista argentino Federico Martin Aramburu è stato colpito più volte dopo un alterco in un bar a Saint-Germain-des-Prés, nel sesto arrondissement di Parigi.
I sospetti, identificati grazie ai testimoni e ai filmati delle telecamere a circuito chiuso, sono due attivisti di estrema destra e una donna attivista, ha appreso Mediapart, confermando le informazioni di Le Point e Sud-Ouest.
Gli eventi hanno avuto luogo il venerdì sera. Il rugbista 42enne, che residente a Biarritz ma che era in visita a Parigi per vedere la partita Francia-Inghilterra, aveva passato la serata al bar Le Mabillon. Era accompagnato dal suo amico e socio neozelandese Shaun Hegarty, un ex giocatore del Biarritz Olympique come lui.
Secondo una fonte vicina al caso che ha detto a Mediapart, un giovane ha chiesto al gruppo di estrema destra una sigaretta ed è stato scortesemente respinto. I giocatori di rugby, che erano seduti accanto a lui, sono intervenuti. Si dice che i toni si siano alzati tra i due gruppi. Uno dei sospetti brandiva una fascia della polizia, secondo Le Point.
È iniziata una rissa e Federico Martin Aramburu ha presumibilmente buttato a terra uno degli attivisti di estrema destra, afferrandolo per il colletto. Il personale del bar ha cercato di separare i due gruppi. I due giocatori di rugby hanno lasciato la scena e sono tornati a piedi al loro hotel vicino.

Pochi minuti dopo, sarebbero stati superati dagli attivisti di estrema destra in una jeep militare su Boulevard Saint-Germain. Si dice che abbiano sparato più volte dal veicolo senza essere colpiti. Poi un colpo a distanza ravvicinata da uno degli individui, sul marciapiede, che è stato fatale. L’ex giocatore del Biarritz è morto sul posto alle 6.45 circa, colpito da quattro proiettili, secondo Le Parisien.
In una dichiarazione, la famiglia Aramburu, difesa dall’avvocato Yann Le Bras, ha denunciato un “crimine odioso”. “Per la sua famiglia e i suoi molti amici, questo 19 marzo si è trasformato in un incubo assoluto. [La sua morte ha lasciato ognuno di loro e tutto il mondo del rugby stordito da un dolore indicibile.
Shaun Hegarty ha presentato una denuncia per tentato omicidio premeditato. La procura di Parigi ha aperto un’inchiesta flagrante per “omicidio”, affidata alla brigata criminale.
Secondo Le Parisien, due uomini hanno sparato i colpi, mentre una donna di 24 anni guidava il veicolo. Sabato, la giovane donna è stata arrestata e presa in custodia. I due uomini sono ricercati.
Il principale sospettato è Loïk Le Priol, 27 anni, che era un attivista del GUD (Groupe Union Défense), un gruppo di studenti con metodi molto violenti. Contattato da Mediapart, il suo avvocato, Xavier Nogueras, ha detto che non voleva parlare “per il momento”.
Ex militare dei commandos della marina – si è formato alla scuola di Mousses, a Brest, nel 2010 – Loïk Le Priol si è convertito partecipando negli ultimi anni al lancio di una linea di abbigliamento “identitario”, Babtou Solide, che ha avuto successo nell’estrema destra. È apparso anche nelle pubblicità del nuovo marchio Face Mask, un negozio online di scaldacollo e protezioni per il viso per militari e sportivi.
Le Priol proviene da una famiglia di estrema destra. Una delle sue sorelle era a capo di Renouveau français. nell’Ile-de-France. Suo padre, Denis Le Priol, che ha servito in un reggimento di paracadutisti, è accusato di aver frequentato in passato militanti neonazisti della FANE (Federazione di Azione Nazionale ed Europea). Era un leader dell’Unione Nazionale dei Paracadutisti (UNP), il cui tesoriere era il padre di Axel Loustau, uno stretto collaboratore di Marine Le Pen (è tesoriere del micropartito di Marine Le Pen ed è stato consigliere regionale del Rassemblement National).

Aramburu

Denis Le Priol ha creato una società, Jeep Village, che detiene un quasi-monopolio nel rinnovamento delle vecchie Jeep americane (lo vediamo in questo rapporto M6).
Loïk Le Priol è solito prendere in prestito queste Jeep per andare in giro per Parigi con i suoi amici. Negli ultimi anni, è stato visto in questo tipo di veicolo con diversi attivisti vicini al Fronte Nazionale: Logan Djian (ex capo del GUD di Parigi apparso nella galassia del FN); Julien Rochedy, ex direttore del Fronte Nazionale della Gioventù (FNJ); Paul-Alexandre Martin (anche lui membro della direzione del FNJ e fornitore di servizi, con la sua agenzia di comunicazione e-Politic, della campagna di Marine Le Pen).

Conosciuto come un attaccabrighe, Loïk Le Priol aveva causato la chiusura di un bar nel 15° arrondissement di Parigi, a Motte-Picquet, alcuni anni fa, dopo un alterco. Ma è stato un altro caso, di tutt’altra portata, a spingerlo nella colonna delle ” cronache ” alla fine del 2015: il pestaggio di un ex leader del GUD, E.K., di cui Mediapart aveva rivelato le prove video. Nell’ottobre 2015, cinque attivisti del GUD sono andati a casa di E.K. Nei nove video che abbiamo ottenuto, Logan Djian è stato visto aggredire e violentare E.K., Loïk Le Priol ha filmato la scena e poi ha minacciato il giovane con un coltello. Questi video duravano in totale otto minuti e mostravano atti di grande violenza, di cui abbiamo scelto di trasmettere solo brevissimi estratti, eliminando tutte le immagini che erano degradanti per la vittima (leggi qui le nostre spiegazioni). Quella sera, Logan Djian diede al giovane il suo primo schiaffo. “Siamo in cinque”, lo avverte. “Hai parlato, lo devi ammettere”, accusa, poi gli propone di alzarsi per una lotta “uno contro uno”. E.K. si rifiuta, e viene colpito da un violento colpo che lo spinge a terra (vedi il video). La stessa accusa viene ripetuta più volte nei video: la vittima avrebbe “parlato troppo”. “Pagherai per tutto quello che hai detto”, gli dice Loïk Le Priol. “Non ti linceremo. Uno contro uno, io e te”, lo sfida Logan Djian in uno dei video. “Ma si vede che sei dieci volte più forte di me”, risponde il giovane, spaventato. “Sei un pezzo di merda…”, Loïk Le Priol lo insulta durante le riprese. […] Sei l’idolo del fascismo? Sei il capo del GUD? Ma tu non sei nessuno, guardati”, ha continuato Le Priol. Dai, alzati, prenditi le tue responsabilità per una volta! Indossare le palle! […] Sei un francese del cazzo, dai, assumi! […] Non hai nemmeno il coraggio di alzarti. […] Quel poco di francese che avevi in te, non portavi nemmeno le palle. “Ultima possibilità di alzarsi o ti spogliamo”, avverte Logan Djian. “Se vuoi comportarti come una papera davanti a noi, come gli Hammerskin [organizzazione neonazista skinhead – ndr]!” aggiunge Le Priol. Le immagini seguenti mostrano E.K. a terra e Djian che lo costringe a spogliarsi. “Ti prego”, implora E.K..
In un altro video, questa volta nel buio della stanza, si sente il rumore dei colpi. Ti spogli e ti sbrighi”, ordina Logan Djian. Si toglie la camicia, si toglie la sciarpa. “Sbrigati o ti impiccheremo con questo, figlio di puttana, ti impiccheremo con questo!” aggiunge Le Priol, sovraeccitato. Nel video seguente, la vittima appare nel soggiorno, inginocchiata, completamente nuda, con la faccia insanguinata. Logan Djian minaccia di far circolare il video se parla di questo caso: “Ascoltami, questa storia, rimane tra noi, non circolerà, non come le altre […]. Ora, se c’è un’informazione che non sia la nostra che circola, il video circolerà, e ovviamente sapete cosa succederà”. “Ora, se questo non ti ha insegnato una lezione, torneremo”, avverte l’ex leader del GUD, dandogli un calcio in faccia e chiamandolo “puttanella”. “Sai che ho ucciso più di uno dei ragazzi lì, lo sai?”, dice Le Priol, riferendosi alle sue ex attività di soldato. “Il taglio, va molto veloce, lo sai? […] Butta il mio coltello, o ti piego la mano”, ha gridato, colpendo il giovane e minacciandolo con un coltello posto sulla sua gola. “Basta”, supplica ancora la vittima, in preda al terrore. Nell’ultimo video, il giovane è completamente sdraiato sulla schiena, poi costretto ad alzarsi e a ballare nudo per diverse decine di secondi al ritmo della Macarena. “Le manine lì, spostale”, ordina Logan Djian. “Lasciate che ogni secondo di questo video sia messo su YouTube, solo per il gusto di farlo, il giorno in cui parlate”, dice Le Priol. “Altrimenti, rimane tra noi. Rimane solo per me. È Loïk Le Priol che ha questo video. “Anche tu ti muovi bene, come una puttanella, come sei in effetti. Il video finisce con queste parole. Dopo l’aggressione, E.K. andò in ospedale e presentò una denuncia il giorno dopo. La procura di Parigi ha aperto un’inchiesta giudiziaria per “violenza aggravata”, con premeditazione, uso di un’arma in gruppo e che ha portato a un’inabilità totale al lavoro di più di otto giorni.
I video rivelati da Mediapart erano stati requisiti dalla giustizia. Logan Djian e Loïk Le Priol sono stati messi in detenzione preventiva e poi accusati di “violenza aggravata”. Il processo, che doveva svolgersi nell’ottobre 2021, è stato rinviato al 1° giugno 2022 a causa del Covid contratto da uno di loro.
Contattati da Mediapart su questa aggressione e su questi video nel 2016 e nel 2020, Loïk Le Priol e Logan Djian non hanno mai voluto parlare.
Secondo Marianne, Loïk Le Priol aveva spiegato, durante la sua audizione, che aveva voluto vendicarsi del comportamento violento che E.K. avrebbe inflitto a due giovani donne del movimento. Tra questi, la figlia di Frédéric Chatillon – ex leader del GUD, vecchio amico di Marine Le Pen e uno dei principali fornitori di servizi alle campagne del Fronte.
Le vecchie e nuove generazioni del GUD rimangono unite. Frédéric Chatillon e Axel Loustau hanno così fatto lavorare Logan Djian nella loro società Riwals e nel gruppo Vendôme Sécurité, fornitori di servizi del Front National.
Poi Logan Djian è stato liberato dalla detenzione preventiva nel caso E.K. grazie al pagamento di una cauzione di 25.000 euro, attraverso i fondi di una società creata da Axel Loustau e una società di proprietà di persone vicine a Djian, che si occupava della propaganda elettorale dei candidati del Front National durante le elezioni regionali del 2015.
Il circuito finanziario aveva incuriosito la giustizia, che aveva aperto un’inchiesta preliminare per “abuso di beni sociali”, “riciclaggio di denaro” e “lavoro occulto”, come aveva rivelato Mediapart.
Axel Loustau ha assicurato all’epoca a Mediapart di non avere “nulla a che fare con questo” e di non aver “mai avuto alcun flusso finanziario con il signor Djian”. Tuttavia, Wallerand de Saint-Just, allora tesoriere del Front National, ha spiegato su RFI che aveva “parlato con Axel Loustau” e che quest’ultimo gli aveva “spiegato che aveva prestato per otto giorni, credo, la somma necessaria alla cauzione di questo signore, al compare di questo signore, un compare che lavora per lui. “Loustau l’ha prestata [la somma – ndr] e otto giorni dopo gli è stato rimborsata”, ha aggiunto.
Mentre Axel Loustau non è stato perseguito in questo caso, Logan Djian è stato condannato nel febbraio 2019 per “abuso di beni sociali”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Il fascismo discreto: Giorgia Meloni spiegata ai francesi

Come Giorgia Meloni cerca di far dimenticare le sue radici fasciste e spera di diventare la prima donna premier in Italia [Ludovic Lamant]

L’inflazione che cambia tutto

Perché l'esplosione dell'inflazione rivela una crisi profonda del capitalismo, La spirale prezzi-profitti, la recessione in arrivo [Romaric Godin]

Besancenot: la sinistra e la guerra in Ucraina

Di ritorno dall'Ucraina, Besancenot ritiene che la sinistra europea debba sostenere più apertamente le vittime dell'imperialismo russo [Geslin e Goanec]

La commedia delle risorse umane. Lavoretti a teatro

In scena al Teatro Nazionale di Genova, Il mercato della carne di Bruno Fornasari 

«Un metodo e un processo per uscire dal grande riflusso italiano»

Intervista a Dario Salvetti alla vigilia dell'assemblea nazionale convocata dal collettivo Gkn a Campi Bisenzio