19.5 C
Rome
martedì 24 Maggio 2022
19.5 C
Rome
martedì 24 Maggio 2022
HomemondiLa società russa è zombificata dalla guerra in Ucraina

La società russa è zombificata dalla guerra in Ucraina

Le conseguenze sociali dell’intervento appaiono drammatiche in una Russia più lacerata che mai. Un reportage [Julian Colling]

Mosca, Vladimir (Russia) – “Gli orrori di Butcha? Non sono nemmeno sicura che cambierà la mente di mia madre e del mio patrigno”, dice Lisa Ali, 27 anni. So che mia madre ha visto le immagini, ma continua a dirmi ‘non sappiamo cosa sia successo veramente, niente è chiaro’.

Entrambi i genitori della giovane giornalista sono ex giornalisti. Il suocero di Lisa, con sede a Mosca ma originario di Nizhny Novgorod, 400 chilometri a est, ha persino fondato un giornale indipendente nella sua città. È stato chiuso sotto la pressione delle autorità. Eppure.

“Pensavo che sapessero come trovare fonti di informazione affidabili! Ma mia madre preferisce mandarmi messaggi non documentati da canali WhatsApp, il mio patrigno condivide con me youtuber sconosciuti a favore del governo”, spiega la giovane donna. Così ho limitato la mia comunicazione con loro. Ho sempre avuto idee molto diverse dal mio patrigno, normalmente non è un grosso problema, ma quando la gente muore… Quanto a mia madre, anche se è scioccata, cerca sempre spiegazioni per le scelte del potere”.

Il patrigno di Lisa e suo padre, il dihedushka (“nonno”), che vive con loro a Nizhny, sono entrambi ucraini di nascita. Sentono che l’Ucraina merita un po’ di quello che le sta succedendo. Guardano molto la televisione di stato russa e il suo universo parallelo – il vecchio passa le sue giornate a guardarla. Sentono che Butcha è un falso dei servizi segreti britannici, che gli ucraini hanno giustiziato quelli accusati di collaborare con i russi, o che il battaglione di estrema destra Azov ha raccolto cadaveri in tutta l’Ucraina per un grande spettacolo.

Sostegno all’intervento

La storia di Lisa Ali offre un precipitato delle attuali rotture in Russia. Per anni, sociologi e politologi hanno messo in guardia sull’atomizzazione della società russa e sui suoi conflitti generazionali. Appaiono più lacunosi che mai dall’inizio dell’intervento militare.

Oltre a un’approvazione dell’azione del presidente che è salita a più del 70% nelle ultime settimane, un recente sondaggio del credibile Istituto Levada sull'”operazione militare” ha mostrato che più della metà dei russi (51%) si dice ora “orgoglioso” del proprio paese. Ancora più importante, il 69% degli over 40 dice di essere orgoglioso, felice o contento dell’invasione (il 76% degli over 55). Questo rispetto a solo un terzo dei 18-24enni.

Uno stato di cose che è diventato ovvio per Lidya*, 32 anni, insegnante di lingua straniera francese e russa. Dopo il 24 febbraio, la giovane donna si sente molto a disagio. Si è confidata con i suoi seguaci su Instagram, chiedendo loro come stavano. Sua madre le ha risposto privatamente che “non devi preoccuparti, non è niente di speciale, solo una piccola ‘operazione’ che finirà presto”. Cita rapidamente un “Vicolo degli angeli” a Donetsk in omaggio ai bambini del Donbass uccisi dai lealisti ucraini. “Le dissi che presto ci sarebbe stato un ‘Vicolo degli angeli’ in ogni città ucraina se questo fosse continuato”, ricorda Lidya. Lei interrompe lo scambio. Ma la questione non è finita lì.

Una sera a casa, mia madre ha iniziato a gridare contro di me, dicendomi che stavo tradendo la mia famiglia, che non avevo valori umani, che non avevo detto nulla sull’Ucraina orientale per otto anni”, continua davanti a un tè nel suo appartamento appena acquistato alla periferia di Mosca. Aveva degli occhi pazzi, non l’avevo mai vista così. Pensavo che mi avrebbe colpito. Mi sembrava che la televisione parlasse per lei, mi ha davvero spaventato. Da allora ho rifiutato educatamente i suoi inviti, non voglio più parlarne con lei. Ho pensato che fosse una persona ragionevole e pensante… anche se avevo un po’ paura che la pensasse così.

Questo incidente violento ha sorpreso e scioccato Lidya, che aveva solo sua madre con cui mantenere un rapporto basato su valori più o meno comuni: suo fratello, 40 anni, ex sostenitore dell’oppositore Alexei Navalny nel 2012-2013, ora ha un ritratto di Vladimir Putin nel suo ufficio. Anche il resto della sua famiglia sostiene la decisione del presidente russo.

Divisioni generazionali e territoriali

Amante delle lingue moderne, non può più raccogliere i pagamenti dei suoi studenti all’estero, dopo il congelamento delle transazioni o PayPal in Russia, mentre ha un nuovo prestito da rimborsare. Bloccata, a disagio nell’atmosfera, Lidya sta pensando di lasciare il paese (in Francia o, a breve termine, in Armenia), come hanno già fatto molti giovani lavoratori contrari all’invasione dell’Ucraina.

In una Russia che si sta chiudendo su se stessa, regna un’atmosfera plumbea. Le differenze di opinione all’inizio hanno lasciato il posto a una guerra civile di menti, tra i favorevoli e i contrari. Il sostegno all’intervento russo si è consolidato intorno al Cremlino, sotto l’effetto delle sanzioni. Il segno di raduno pro-guerra è la famosa “Z”, di origini non chiare, che è apparsa sui carri armati russi in Ucraina.

Oggi, questa Z, che si trova sulle auto delle forze dell’ordine, significa Za, cioè “per” in russo: “Per l’operazione speciale”, “Per” il nostro popolo (“Za nachikh”). Un raduno molto più forte nelle regioni russe che a Mosca, giustamente descritta come se non fosse la vera Russia.

Il piccolo media indipendente Holod elenca le più edificanti manifestazioni di sostegno intorno alla Z – alcune delle quali molto inquietanti, con bambini o pensionati usati in flash-mob a sostegno del regime. Gli oppositori, da parte loro, lo usano ironicamente per denunciare la “zombificazione” di tutta una parte della popolazione.

A Vladimir, città storica russa e tradizionale bastione di sostegno al governo a 200 km da Mosca, una Z gigante è stata posta sull’edificio principale dell’università. Piotr, un ingegnere e insegnante dell’università che passa di lì, non ha problemi. “La televisione ci dice che la Russia sta conducendo un’operazione speciale per salvare i russofoni nel Donbass”, dice.

“A chi altro credere? Appoggio il mio presidente in questa decisione, lui ne sa più di voi o di me. Raoul, un contadino di 30 anni, continua: “In Ucraina, c’è un odio totale verso i russi, purtroppo c’è molto banditismo. Dovevamo fare qualcosa, non avevamo scelta.

L’aggettivo “banderista” è onnipresente quando si descrivono gli ucraini di oggi. Si riferisce ai sostenitori di Stepan Bandera, il leader nazionalista ucraino e collaboratore del regime nazista negli anni ’40. Questo discorso sulla necessità di “denazificare” l’Ucraina è sulla bocca di tutti a Vladimir, 300.000 abitanti. In strada, uno schermo gigante è stato allestito per trasmettere il linguaggio del leader russo sul conflitto.

“Sono gli ucraini ad essere zombificati”, dice Valentina, una donna ucraina di 43 anni che è emigrata in Russia dopo il 2014 con sua figlia adolescente. Non parla più con la sua famiglia (sua madre e sua sorella in particolare) che è rimasta nella regione di Kherson in Ucraina. La accusano di essere diventata una “ruscista”, una fascista russa.

Peccato, suppone Valeria. “Mia madre era pro-Putin prima, si rammaricava all’epoca che la Russia non avesse preso la sua regione con la Crimea! E ora che le è stato fatto il lavaggio del cervello, è totalmente antirussa. Laggiù, lo inculcano fin dalla più tenera età. Un’altra famiglia distrutta dal conflitto.

Il martirio dei russofoni nel Donbass, che è stato ignorato dai media internazionali, è costantemente menzionato. Per il sociologo Grigori Yudin – che ha visto la guerra – la questione delle fonti di informazione è vitale. Per otto anni, le menti sono state condizionate dai media statali. L’Ucraina è designata come un nemico, la popolazione è stata preparata per un’operazione di “purificazione”. Allo stesso tempo, la stampa indipendente è stata metodicamente annientata.

Non ci sono quasi più legami sociali o attività condivise nelle regioni russe, i vecchi e i meno vecchi non hanno altro da fare che guardare la televisione, questo è il loro legame con il mondo esterno”, dice Yudin. La società è più disintegrata e depoliticizzata che mai. I media governativi giocano su questo e dicono ‘non puoi credere a nessuno… compresi noi! Questo è devastante in tempi di guerra, il dialogo pacifico non è più possibile. Anche per riflesso difensivo, i russi scelgono di credere.

Piovono denunce

A Mosca, qualcosa si è rotto anche per Daria, 30 anni, che lavora nella tecnologia digitale. Non parla più con suo padre, che non è stato invitato al suo recente matrimonio con il suo compagno francese. Né è al corrente dell’imminente partenza della coppia per l’Europa. Sua figlia dice che è depressa e triste. È anche arrabbiata: “Sono estremamente delusa nel constatare che la mia famiglia, sebbene sia moscovita, colta e molto istruita, sostiene tutto questo. Hanno tradito i miei valori.

“Hanno argomenti infantili, sputati dalla televisione, come ‘dovevamo agire prima che la NATO ci invadesse’. Ci credono davvero, è impossibile discutere. Ed è la mia posizione che considerano ingenua e stupida! Per loro, sono tutti falsi. Ho deciso di interrompere ogni comunicazione. Daria pensa che queste reazioni contengano un elemento di paura, un rifiuto di accettare la dura realtà delle azioni del suo paese. “La negazione è diffusa, è vero”, dice Lisa Ali.

La situazione è la stessa per Sveta*, una specialista dell’apprendimento a distanza. Sua madre, originaria di Luhansk, ora vive nella ricca città petrolifera di Tyumen in Siberia. Sua nonna, che è malata, è ancora in territorio separatista. Poco dopo l’inizio dell’operazione, sua madre ha avuto un ictus. Le è stato consigliato di riposare e di non agitarsi, ma durante una videochiamata con sua figlia, si è lasciata trasportare.

Sveta dice: “L’ho vista salire di giri subito sull’Ucraina, e poi una parte del suo viso si è letteralmente congelata. Ho avuto molta paura per lei e ho chiuso la discussione. Prima, aveva osato dirmi che essendo contro questa invasione, non mi importava della sorte della “mia povera nonna” laggiù! Per lei, le morti civili nel Donbass giustificano anche questo intervento.

Insieme alla sua compagna Ouliana*, anche Sveta partirà. Sua madre non è ancora stata informata. “Penso che col tempo capirà la verità. Daria pensa di andare a trovare sua nonna e sua zia, nonostante le loro differenze, prima di lasciarsi la Russia alle spalle.

Altre rotture sono ancora più chiare: l’attore russo Vladimir Machkov, che ha fatto installare una Z gigante sul teatro Tabakov di cui è direttore artistico, ha recentemente ripudiato sua figlia che si era espressa contro l’intervento.

Sullo sfondo della fuga di cervelli, altre voci contrarie alla guerra sono sempre più intimidite. Nelle ultime settimane, diversi attivisti hanno avuto i loro ingressi etichettati con Z e messaggi che li denunciano come traditori del loro paese. Un giovane attivista ha fatto personalizzare un poster diffamatorio.

Lo stimato Alexei Venediktov, ex capo della stazione radio liberale Eco di Mosca, che è stata chiusa dalle autorità, ha trovato una testa di maiale fuori dalla sua porta. Nelle province sono emerse diverse storie terribili di denunce. Due insegnanti in particolare sono stati denunciati dagli alunni per aver criticato l’attacco russo in classe. Uno di loro rischia la prigione. Si tratta di uno sviluppo logico: Vladimir Putin non ha forse incitato i russi a denunciarsi a vicenda, invocando l’eliminazione della cosiddetta “quinta colonna”, durante il suo edificante discorso del 16 marzo scorso?

Lo scrittore nazionalista Zakhar Prilépine, un tempo celebrato in Francia, ha persino lanciato con il suo partito un sito web dove si può denunciare il suo vicino di casa o il suo vicino di metro, colpevole di aver parlato contro l’invasione o di aver guardato un video di Volodymyr Zelensky sul suo cellulare. Da allora, le denunce si sono moltiplicate. Il 1° aprile, Grigory Yudin ha rilasciato un’intervista a un giornale tedesco online. Il suo titolo? “Un regime fascista si sta avvicinando in Russia.

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Il fascismo discreto: Giorgia Meloni spiegata ai francesi

Come Giorgia Meloni cerca di far dimenticare le sue radici fasciste e spera di diventare la prima donna premier in Italia [Ludovic Lamant]

L’inflazione che cambia tutto

Perché l'esplosione dell'inflazione rivela una crisi profonda del capitalismo, La spirale prezzi-profitti, la recessione in arrivo [Romaric Godin]

Besancenot: la sinistra e la guerra in Ucraina

Di ritorno dall'Ucraina, Besancenot ritiene che la sinistra europea debba sostenere più apertamente le vittime dell'imperialismo russo [Geslin e Goanec]

La commedia delle risorse umane. Lavoretti a teatro

In scena al Teatro Nazionale di Genova, Il mercato della carne di Bruno Fornasari 

«Un metodo e un processo per uscire dal grande riflusso italiano»

Intervista a Dario Salvetti alla vigilia dell'assemblea nazionale convocata dal collettivo Gkn a Campi Bisenzio