15.6 C
Rome
lunedì 4 Marzo 2024
15.6 C
Rome
lunedì 4 Marzo 2024
HomecultureCocktail Partigiani, un libro per rimescolare e rimescolarci

Cocktail Partigiani, un libro per rimescolare e rimescolarci

Cocktail partigiani. Parole e immagini in fondo al bicchiere. I racconti di Gabriele Brundo, le ricette dell’Amaro Partigiano e molto altro

Popoff si fa di carta. Una volta l’anno, almeno. Con “Cocktail partigiani Parole e immagini in fondo al bicchiere”, Popoffquotidiano inaugura OLTREPOP, rivista-libro progettata dalla redazione assieme a compagne e compagni di strada.

Ecco gli ingredienti di Cocktail Partigiani: uno scrittore-barman, dodici fumettisti, un liquorificio sociale, una fabbrica recuperata, un museo della Resistenza, un sito giornalistico di inchiesta e una grande associazione culturale e di promozione sociale.

E’ prima di tutto una raccolta di racconti dedicati ai miscugli alcolici ciascuno dei quali commentato da un disegnatore.

L’autore è Gabriele Brundo, barman di un locale nei caruggi di Genova, animatore di un laboratorio di scrittura. Dal suo incontro con Checchino Antonini, giornalista di Popoff quotidiano, e con l’Amaro Partigiano – dunque con le esperienze di Rimaflow di Milano e degli Archivi della Resistenza di Fosdinovo (MS) – scaturisce il progetto di mescolare i suoi racconti di viaggio con i disegni, un ricettario di cocktail a base di liquori e vini autoprodotti e gli interventi di Stefano Carmassi e tre dirigenti Arci di Toscana, Liguria e Roma su produzione e consumo consapevoli e responsabili di bevande alcoliche, sia dal punto di vista della sicurezza, sia da quello della qualità dei prodotti e del lavoro, sui rituali del consumo dell’alcol e della letteratura, su quelli di una socialità da riconnettere, e sulla relazione con le reti “fuori mercato” e dell’economia solidale.

Un libro per rimescolare e rimescolarci. Rimescolare intrugli gradevoli, certo, e rimescolarci tra noi per discutere, leggere o, semplicemente, stare insieme. Un’idea regalo, uno strumento per stimolare discussioni, un mezzo per sostenere un’esperienza giornalistica on line che da dieci anni prova ad andare in profondità sulle vicende di malapolizia, sulle dinamiche nella sinistra, sulla costruzione dei movimenti sociali.

Una pagina facebook consentirà di entrare in contatto con l’autore e con la redazione per la distribuzione delle copie e l’organizzazione delle presentazioni.

Le illustrazioni sono di: Fogliazza, Marco Petrella, Alessio Spataro, 
Manuel De Carli, Matteo Fenoglio, Roberto Baldazzini, Vittorio Giacopini, 
Giulio Peranzoni, Lelio Bonaccorso, Alberto Pagliaro, Mattia Moscarelli, 
Daniela Pilastro. Disegno in copertina di Vittorio Giacopini; 
gli articoli sono di Vito Scalisi, Stefano Carmassi, Francesco Marchese, 
Gianluca Mengozzi, Checchino Antonini.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

«Il partito è l’unica via per l’emancipazione collettiva»

Intervista al filosofo Jean Quétier: nonostante la sua storia contrastante, il partito non ha "esaurito" il suo potenziale [Fabien Escalona]

Effetto Milei, Argentina mai così povera da vent’anni

Nel giro di due mesi, la controrivoluzione libertaria del presidente ha aggravato la recessione in cui il Paese era già impantanato [Romaric Godin]

Mattarella e i manganelli, un raggio di normalità

Il Quirinale non l’ha mandate a dire a Piantedosi, tanto più notevole se si pensa che l’inquilino del Colle non è proprio uso a dar voce al dissenso

Cronaca da una Pisa in rivolta

I comunicati, i presidi, gli striscioni, Mattarella. E la destra ancora parla. Martedì 27 assemblea cittadina [Giulia De Ieso*]

Gli appalti sono una montagna di merda

Mentre continuano le ricerche della quinta vittima nel cantiere Esselunga, Dario Salvetti spiega a cosa servono gli appalti: «a disumanizzare, renderci irriconoscibili tra di noi»