30.2 C
Rome
giovedì 30 Giugno 2022
30.2 C
Rome
giovedì 30 Giugno 2022
HomemondiFrancia, Melanchon batte Macron. Ma è solo il primo turno

Francia, Melanchon batte Macron. Ma è solo il primo turno

Successo al primo turno per la Nupes ma astensione e estrema destra volano. Il primo turno delle elezioni legislative francesi

La soddisfazione di aver inflitto una sconfitta, senza rivendicare la vittoria. Dopo l’annuncio dei risultati del primo turno delle elezioni legislative del 12 giugno, Jean-Luc Mélenchon è apparso davanti alle telecamere intorno alle 20.30, con aria seria: “La Nupes [Nuova Unione Popolare, Ecologica e Sociale] è orgogliosa di aver reso possibile il suo programma. Guarda al popolo francese con la tranquillità di un lavoro ben fatto e di una prospettiva radiosa che gli si presenta”, ha detto, invitando il popolo a “votare” domenica prossima.

Il Nupes non ha nulla da rimproverarsi. Per la sua “prima prova”, è diventata, nonostante un’ostinata astensione, la prima forza politica del Paese con il 25,2% dei voti espressi a livello nazionale. Per la prima volta da quando il calendario elettorale è stato invertito nel 2002, il partito presidenziale non è in testa. “Il partito presidenziale è battuto e sconfitto”, ha commentato Jean-Luc Mélenchon.

Se la prospettiva di una maggioranza di sinistra sembra difficilmente ipotizzabile, come ha ricordato il socialista anti-Nupes Stéphane Le Foll – “Jean-Luc Mélenchon primo ministro, visti i primi risultati, non passerà”, ha brontolato l’ex ministro di François Hollande su France 2 -, la sinistra e gli ecologisti stanno comunque partecipando per impedire a Emmanuel Macron di ottenere un’ampia maggioranza, o addirittura la maggioranza assoluta. E hanno, come minimo, tutte le possibilità di imporsi come principale opposizione in termini di numero di seggi al Palais-Bourbon.

Il duello accuratamente impostato dai Nupes durante la campagna elettorale, tra Jean-Luc Mélenchon ed Emmanuel Macron, ha dato i suoi frutti nelle urne. La sinistra, che era arrivata terza al primo turno delle elezioni presidenziali dietro al leader de La France insoumise e all’Unione Popolare, ha vinto alla pari con la maggioranza uscente.

L’unione delle sinistre dal primo turno permette di “potenziare” in modo spettacolare le qualifiche per il secondo turno: il Nupes sarà così presente il 19 giugno (generalmente contro Ensemble, la coalizione della maggioranza presidenziale) in più di 400 circoscrizioni su 577, mentre la sinistra era presente in sole 180 circoscrizioni nel 2017.

Il Nupes potrebbe anche conquistare alcuni collegi elettorali emblematici ma va notato che l’unione della sinistra non ha generato, di per sé, un’eccessiva mobilitazione dell’elettorato, la cui partecipazione è globalmente diminuita rispetto alle elezioni presidenziali. Si osserva un mantenimento del suo punto più basso tra le elezioni presidenziali – dove i punteggi combinati di La France Insoumise (LFI), PS, ecologisti e PCF avevano raggiunto il 32% -, e il primo turno delle elezioni legislative dove il Nupes ha raggiunto il 25% dei voti – e poco più del 30% se si contano i dissidenti e le “varie sinistre”, che hanno totalizzato il 4,5% dei voti. Tuttavia, il totale lasciato è leggermente superiore a quello del 2017.

In alcuni territori, i Nupes affronteranno il Rassemblement National (RN). È il caso della Somme, dove François Ruffin ha ottenuto il 40% dei voti espressi, contro il 22,6% della candidata del RN Nathalie Ribeiro-Billet. In modo residuale, alcune circoscrizioni vedranno confrontarsi due sfumature di sinistra, come la 15ª circoscrizione di Parigi, dove l’insoumise Danielle Simonnet (47,9%) batte largamente la socialista Lamia El Aaraje (17,5%). Allo stesso modo, nel Béarn, il candidato del Nupes Jean-François Baby (20,63%) affronterà il socialista dissidente, cioè allergico all’unità della sinistra, David Habib (36,61%).

Uno zoom sulle circoscrizioni mostra punteggi spettacolari per i deputati uscenti, siano essi insoumis, socialisti o comunisti, a causa dell’assenza di concorrenza a sinistra. Alexis Corbière ha vinto al primo turno con il 63% dei voti espressi nel suo collegio elettorale di Montreuil-Bagnolet, molto di sinistra – il che lo ha reso, al momento della pubblicazione di questo articolo, il deputato meglio eletto in Francia – così come Danièle Obono, nel nord di Parigi.

Fabien Roussel, l’ex candidato comunista alle elezioni presidenziali, è nettamente in vantaggio sul RN nella sua circoscrizione, guadagnando 12,5 punti in più rispetto al 2017. Olivier Faure, primo segretario del PS, ha ottenuto quasi il 47% dei voti nella sua circoscrizione di Seine-et-Marne, 20 punti in più rispetto al 2017. Si prevede inoltre che i socialisti, largamente sovradimensionati nelle liste (fatto che ha causato il mancato accordo con NPA) riconfermino tutti i loro membri in carica malgrado il minimo storico delle presidenziali.

Sebbene l’estrema destra abbia ottenuto un risultato storico, la sua avanzata è stata comunque limitata dall’esistenza di Nupes. Il sociologo Ugo Palheta, autore di La possibilità del fascismo e deputato di Nupes, ritiene che “il fatto che questo blocco di sinistra esista e che abbia un programma di rottura ha reso possibile il confronto con la RN e il suo presunto discorso antisistema. La situazione politica è radicalmente diversa da quella che potevamo temere sei mesi fa”.

Se nella scorsa legislatura la sinistra era rappresentata da una sessantina di deputati, nella seconda il loro numero potrebbe triplicare, il che annuncia un arrivo massiccio di nuovi deputati a Palazzo Borbone con alcuni volti nuovi espressione dei movimenti sociali.

In generale c’è da dire che più della metà degli elettori non si è presentata al primo turno delle elezioni legislative confermando una tendenza che si è consolidata dal 1993: un’affluenza ogni volta più bassa per queste elezioni, che è stata portata al livello delle elezioni europee.

Con oltre il 52,6% di astensioni, ovvero un punto in più rispetto al 2017, il record è stato superato ancora una volta. È un fatto storico”, afferma Patrick Lehingue, professore di scienze politiche all’Università della Piccardia. È poco consolante che l’aumento rispetto al 2017 sia finalmente inferiore a quanto temuto. Quindi, non c’è stato un calo vertiginoso, ma 26 punti in meno di partecipazione rispetto al primo turno delle ultime elezioni presidenziali. Questi dati confermano la difficoltà del ceto politico a mobilitare l’elettorato per un’elezione poco amata e incompresa, vittima collaterale del presidenzialismo francese e dell’inversione del calendario elettorale.

Tuttavia, i risultati del primo turno mostrano che questa volta il sindacato ha evitato che la sinistra prendesse troppo frontalmente il muro dell’astensione. “Gli elettori di Macron si sono mobilitati, come sempre grazie alla loro sociologia favorevole, ma anche quelli di Mélenchon”, osserva Patrick Lehingue.

La mobilitazione per il secondo turno diventa vitale per entrambi gli schieramenti. La regola dello scrutinio legislativo, che richiede a un candidato di ottenere un minimo del 12,5% degli elettori registrati per qualificarsi, unita a un’affluenza così bassa, porta a qualche rara triangolazione – quando tre candidati si qualificano per il secondo turno – e a un gran numero di duelli tra la maggioranza presidenziale e la Nuova Unione Popolare Ecologica e Sociale (Nupes). Marine Le Pen ha capito la posta in gioco, lei che, appena conosciuti i risultati, ha messo in guardia i suoi elettori: “Vi invito a non scegliere tra i distruttori dall’alto e i distruttori dal basso”, ha dichiarato la leader dell’estrema destra. La Francia non è né una borsa di scambio né una ZAD.

Per quanto riguarda Jean-Luc Mélenchon, si trova ad affrontare il lato negativo dell’unione al primo turno, poiché priva i suoi candidati di riserve di voti per il secondo turno. Ha quindi scelto un tono molto sobrio rivolgendosi al “popolo” e tenta un gioco di equilibri: rimobilitare gli astensionisti, soprattutto tra i più giovani, e radunare le frange dell’elettorato RN più sensibili alle questioni economiche e sociali, spesso in un rifiuto viscerale del Presidente della Repubblica.

Diversi ricercatori invitano alla massima cautela sulle proiezioni del numero di seggi all’Assemblea Nazionale. Nel 2017, infatti, sei punti hanno separato il livello di astensione al primo e al secondo turno e l’analisi elettorale mostra anche che tra il 10 e il 15% degli elettori registrati passa generalmente dal voto all’astensione e viceversa. “Può andare in entrambi i modi”, avverte Patrick Lehingue. Nel contesto di un duello tra LREM e Nupes, cosa farà un elettore di RN? Nessuno può dirlo con precisione. Di fronte a un confronto RN-LREM, cosa sceglierà un elettore di Nupes? La politica del peggio, l’astensione o il voto per Macron?”.

Dal suo quartier generale di Montreuil, NPA osserva che i risultati del primo turno delle elezioni legislative sono innanzitutto una sconfessione per il governo. Per la prima volta, il neoeletto presidente potrebbe non avere la maggioranza assoluta dei deputati. L’eliminazione al primo turno di Blanquer (l’ex ministro della gioventù battuto da un candidato del Pcf) è una sanzione per un ministro emblematico della distruzione dei servizi pubblici.

L’altissimo livello di astensione mostra però la rabbia delle classi lavoratrici contro un sistema ingiusto, quello della V Repubblica, che permette a un presidente mal eletto di avere tutti i poteri, e a un presidente che ha tanto attaccato le classi lavoratrici di essere rieletto.

I punteggi dei candidati NUPES, generalmente sostenuti dal NPA, mostrano che c’è speranza per il mondo del lavoro, con punteggi molto importanti nei quartieri popolari. Tuttavia, il risultato dell’estrema destra rimane molto importante mostrando il pericolo che rappresenta nella situazione. D’altra parte, sebbene incoraggiante e rappresenti una possibilità di destabilizzare il potere di Macron, il punteggio complessivo della sinistra rimane molto basso rispetto al numero di elettori del Paese, con quasi tre quarti dei voti che vanno alla destra e all’estrema destra.

Dobbiamo accentuare la mobilitazione popolare, fare di tutto perché Macron non ottenga la maggioranza all’Assemblea Nazionale votando per i candidati del NUPES, e trasformare la rabbia elettorale in mobilitazione per costruire lotte contro il governo Macron, per rompere con le sue politiche, per difendere gli interessi delle classi lavoratrici e per costruire un’altra società.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

“Radicali” in Cgil, la sfida conflittuale a Landini

Centinaia di lavoratori alla presentazione del documento alternativo: “Le radici del sindacato”

Il conflitto russo-ucraino divide la sinistra anti-guerra

Il campo antimperialista alla prova dall'invasione dell'Ucraina. Chi rifiuta l'invio delle armi, chi lo ritiene inevitabile [Fabien Escalona]

Bioeconomia senza trucchi, scienziati in cerca di esperienze concrete

Non basta dirsi bio per sottrarsi alle logiche dell'economia fossile. Come partecipare alla conferenza multidisciplinare di Bioeconomia

Melilla, l’esternalizzazione delle frontiere uccide ancora

Sale il bilancio della strage di migranti a Melilla. Sanchez si complimenta con i gendarmi marocchini. Tweet choc di Salvini 

Nupes, Mélenchon vuole un gruppo unico, gli alleati no

La Nupes esita sulla sua modalità di organizzazione. Mélenchon propone un gruppo unico in Parlamento ma ... [Mathieu Dejean]