21 C
Rome
martedì 4 Ottobre 2022
21 C
Rome
martedì 4 Ottobre 2022
FILLEA CGIL: una storia lunga 136 anni, vai alla landing page
Homeconsumare stancaL'autunno caldo all'inglese

L’autunno caldo all’inglese

I sondaggi mostrano che i britannici sono disposti a sfidare il governo sul costo della vita [Owen Jones]

Quando milioni di britannici ritengono giustificate le rivolte per l’impennata del costo della vita, non è un’iperbole descrivere la nazione come una polveriera. Secondo un sondaggio ComRes commissionato dall’Independent, il 29% degli elettori ritiene che il riot, il disordine violento, sia appropriato date le circostanze. Tra i giovani di età compresa tra i 18 e i 24 anni, quasi la metà pensa che i disordini siano giustificati; e anche tra i 35 e i 44 anni la percentuale supera il 40%. Se una fetta così ampia dell’elettorato ritiene che sia giustificabile spaccare tutto per protesta prima ancora che il previsto aumento dei prezzi dell’energia faccia sprofondare milioni di famiglie sotto la linea di galleggiamento, quale furia ci aspetta quest’inverno?
Prima di essere arrestato per istigazione ai sensi della legge sull’ordine pubblico, questo non è un appello alle rivolte. È per dire che una democrazia che non è in grado di soddisfare i bisogni primari dei suoi cittadini porta su di sé disordini di massa. Martin Luther King ha giustamente osservato che “una rivolta è il linguaggio degli inascoltati”; in quale altro modo la gente comune può costringere i potenti ad ascoltare? Aspettare le elezioni politiche, che potrebbero essere lontane due anni, non servirà ad affrontare l’imminente catastrofe umanitaria che abbiamo di fronte.
Questa rabbia – del tutto legittima – deve essere incanalata in modi che possano effettivamente costringere il governo a soddisfare le richieste popolari, senza distruggere le principali città britanniche. Ciò significa far rivivere con urgenza la tradizione della disobbedienza civile pacifica di massa e dell’azione diretta – le tattiche che hanno contribuito a garantire molti dei nostri diritti e delle nostre libertà: dal diritto di voto delle donne al movimento di massa che ha fatto cadere la poll tax di Margaret Thatcher. Se vi chiedete perché i governi di altri Paesi abbiano offerto di più per affrontare le calamità sociali incombenti, la risposta è semplice. Si aspettano ancora una protesta di massa in caso di fallimento.
Recentemente, un esperto commentatore politico ha commentato i risultati che mostravano che le famiglie più povere in Francia stavano affrontando uno dei più piccoli aumenti del costo della vita in Europa. “Un altro di quei grafici che ti fanno chiedere perché i francesi sono sempre così arrabbiati con il loro governo”, ha commentato. Ma questi due fatti sono sicuramente collegati: i governanti francesi temono razionalmente che i loro cittadini esprimano la loro rabbia con rivolte nelle strade e nelle piazze, e questo inibisce gli attacchi al loro tenore di vita.
La Francia è, ovviamente, una società consapevolmente rivoluzionaria che santifica la sovranità del popolo. Ciò fornisce legittimità alle esplosioni di agitazione popolare. I risultati nel corso dei decenni parlano da soli. Nel maggio del 1968, una brutale repressione da parte della polizia nei confronti degli studenti ribelli fece da detonatore per uno sciopero generale e una rivolta di massa. Temendo la rivoluzione, il presidente Charles de Gaulle fuggì dal Paese e solo lo scioglimento dell’Assemblea Nazionale impedì il rovesciamento del governo. Con il trionfo di De Gaulle alle nuove elezioni dello stesso anno, si è tentati di liquidare la ribellione come un fallimento, ma l’establishment terrorizzato della Francia fu costretto a fare drastiche concessioni nei cosiddetti accordi di Grenelle, soprattutto accettando un massiccio aumento dei salari dei lavoratori.
Un negoziatore chiave a Grenelle fu l’ambizioso astro nascente gollista Jacques Chirac. Quasi tre decenni dopo, da presidente, sarebbe diventato il bersaglio dell’ira popolare dopo che il suo governo aveva cercato di tagliare la sicurezza sociale, congelare i salari del settore pubblico e aumentare l’età pensionabile dei ferrovieri. Mentre il primo ministro di Chirac, Alain Juppé, era convinto che avrebbe mantenuto la sua posizione, settimane di scioperi di massa, occupazioni di posti di lavoro e proteste popolari costrinsero l’amministrazione a una brusca ritirata.
Anche Emmanuel Macron ha creduto che il suo trionfo alle elezioni presidenziali francesi del 2017 gli offrisse un mandato per imporre politiche economiche regressive. Il suo tentativo di introdurre una carbon tax – una politica che violava il principio fondamentale di una “giusta transizione”, secondo cui i tentativi di affrontare l’emergenza climatica non dovrebbero ricadere sulle spalle dei più poveri – ha portato a un’esplosione sociale sotto forma di gilets jaunes, o gilet gialli. Ancora una volta, la gente nelle strade ha vinto. “Nessuna tassa vale la pena di mettere a repentaglio l’unità della nazione”, ha ammesso alla fine il castigato primo ministro di Macron, Édouard Philippe. Allo stesso modo, le proteste di massa hanno giocato un ruolo chiave nel costringere Macron a ridimensionare i piani di innalzamento dell’età pensionabile.
Molta attenzione si è giustamente concentrata su come la proprietà pubblica dell’energia abbia permesso alla Francia di limitare gli aumenti delle bollette energetiche al 4% per la maggior parte delle famiglie. Ma qualsiasi governo francese senza un desiderio di morte politica preferirebbe sicuramente investire miliardi per proteggere gli standard di vita piuttosto che spingere le masse alle barricate. In parole povere, i governanti francesi temono il loro popolo. In Gran Bretagna, allo stato attuale delle cose, non è così.

Le ragioni non sono culturalmente radicate. Il nostro establishment preferisce che lo dimentichiamo, ma gli inglesi hanno avuto una rivoluzione quasi un secolo e mezzo prima dei francesi e, dai cartisti alle sufragette ai sindacalisti, la ribellione è una tradizione inglese come la coda o il tè del pomeriggio. La nostra complicità nel dimenticare la nostra storia – alimentando il mito che siamo innatamente placidi e che limitiamo le nostre agitazioni a urlare rabbiosamente contro gli schermi della TV o del cellulare – permette ai nostri governanti di credere legittimamente di poter farla franca con quasi tutto.
Il lancio di Enough is Enough (Quando è troppo è troppo) – una nuova campagna di massa per combattere l’emergenza del costo della vita – offre una speranza concreta che la resistenza popolare stia tornando su queste coste. Il fatto che sia stata lanciata dai sindacati – non ultimo il sindacato dei lavoratori del settore ferroviario, marittimo e dei trasporti (RMT) e il suo leader, Mick Lynch – è particolarmente importante. Si tratta di un movimento con una leadership apertamente operaia. Il suo compito è semplice: un corso accelerato di francese per il probabile governo di Liz Truss. Se i nostri governanti sono terrorizzati dal loro stesso popolo, le misure drastiche per proteggere gli standard di vita seguiranno più velocemente di quanto si possa dire “Maximilien Robespierre”. Le temperature possono crollare, le bollette possono aumentare, ma un inverno caldo potrebbe essere alle porte.

 

 

FILLEA CGIL: una storia lunga 136 anni, vai alla landing page

 

 

 

 

carovita, inflazione, riot

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Il secondo turno sociale

L'assemblea nazionale delle convergenze, primo confronto tra i movimenti dopo la vittoria delle destre

E’ così che il “no al fascismo” è diventato impercettibile

L'estrema destra fa parte del panorama da decenni. Le responsabilità del "centro-sinistra" in questa banalizzazione [Ellen Salvi]

“Noi non paghiamo” contro il trucco delle bollette mensili

Il movimento contro l'aumento delle tariffe smonta la decisione di Arera sulla mensilizzazione delle bollette

La danza è la prosecuzione della politica. Con altri fini

A Genova riprende con Steve Reich, Resistere e creare, la rassegna di danza contemporanea Ripartiamo dal corpo. Soggetto (politico): prima ...

Massa: l’alberghiero a indirizzo oscurantista

Regolamento choc per studenti e insegnanti in una scuola di Massa, tra errori educativi e diritti negati